Pagnini Francesco

Articoli inseriti da Pagnini Francesco

Ancora una importante donazione al presidio ospedaliero di Faenza. Grazie all'opera di Michela Fabbri, già volontaria Ior e di Mespic Srl, e ad una sottoscrizione che ha coinvolto oltre cento persone, sono state consegnate ieri, all'Ospedale "Per gli Infermi" ventimila mascherine da utilizzarsi nelle prossime settimane anche in relazione alla graduale riapertura dei servizi.

E’ operativa da oggi la presenza, presso gli ospedali e le principali strutture dell’Ausl Romagna, di personale dedicato all’orientamento degli utenti in ingresso e alla verifica di alcune importanti condizioni di sicurezza mirate alla prevenzione della diffusione dell’infezione da Covid 19, anche in relazione alla graduale riapertura dei servizi e delle attività aziendali. Il personale, che ha ricevuto una apposita formazione, si occuperà di regolamentare gli accessi e di far sì che avvengano nella massima sicurezza possibile.

Nello specifico, nei 56 principali punti di accesso alle strutture, il personale si assicura che gli utenti eventualmente in fila (sebbene attraverso l’attribuzione degli appuntamenti si sta cercando di limitare al massimo le attese) sostino ad almeno un metro di distanza gli uni dagli altri. Verifica inoltre che tutti indossino correttamente la mascherina (cioè comprendo naso e bocca) fornendone una qualora ne siano sprovvisti.

Gli operatori richiedono dunque la motivazione dell’accesso alla struttura (che al momento non è consentito, ad esempio, per sole informazioni) e qualora l’adempimento possa essere svolto anche telefonicamente o in altro modo, invitano ad utilizzare questa diversa strada indicando i numeri di telefono o le relative modalità.

Il personale indirizza quindi gli utenti nel luogo preciso della prestazione/servizio, limitandone così la deambulazione all’interno della struttura e fornisce eventuale supporto al pagamento ove sono presenti riscuotitori e pos.

Altro aspetto quello degli eventuali accompagnatori: gli operatori sono tenuti a verificarne la presenza poiché sono previsti solo per minori e persone non autosufficienti.

Qualora un utente indossi i guanti l’operatore li fa rimuovere e fa sempre eseguire in modo corretto la sanificazione delle mani attraverso il gel idroalcolico presente presso tutti gli accessi. Anche all’interno delle strutture, gli operatori controllano che nelle sale d’aspetto sia mantenuta la prevista distanza di un metro, che gli utenti indossino la mascherina e che i dispenser di gel idroalcolico per le mani sia presenti e utilizzabili.

Sempre nell’ottica della massima sicurezza possibile, gli operatori stessi (un centinaio quelli dedicati a questi compiti) prima di entrare in servizio, devono tutti i giorni misurare la propria temperatura corporea, e qualora questa sia superiore ai 37,5 gradi, o si presentino sintomi delle vie respiratorie (tosse, raffreddore o altro), devono restare al loro domicilio, contattare il medico di famiglia e darne notizia al loro responsabile. Qualora tale sintomatologia insorga durante il servizio, l’operatore dovrà avvisare tempestivamente il proprio responsabile per l’immediato rientro al domicilio e relativa sorveglianza sanitaria.

Si informa la cittadinanza che, a seguito dell’incidente avvenuto tre settimane fa (crollo di una porzione di tetto) presso la sede del Distretto di Faenza, la Palazzina di Largo Portello 1 è stata evacuata per motivi di sicurezza e per consentire i lavori di ripristino. Di seguito si riportano le sedi in cui sono stati spostati i servizi che vi insistevano. Restano invariati, invece, i numeri telefonici. L’Azienda ringrazia i cittadini per la comprensione.

- Uffici Direzione del Distretto Faenza, Unità operative “Cure Primarie”, “Gestione Rapporti con i Servizi Socio-Sanitari” (Ufficio Servizio Assistenza Anziani -  Assegni di Cura - sede di Faenza)  si trovano ora presso la Casa della Salute Faenza Nord "La Filanda", via della Costituzione 32;

- Distribuzione ricettari ai medici di famiglia si trova ora presso la Palazzina 13, viale Stradone 9;

- Uffici dell’Unità operativa “Gestione Giuridico Economica Convenzionati” si trova ora presso Villa Agnesina, via Castelraniero, 29;

- Uffici dell’Unità operativa “Manutenzione e Gestione Immobili - sede di Faenza”  si trova ora presso la Palazzina 14, viale Stradone 9.

L’Azienda Usl della Romagna sta iniziando a recuperare le prestazioni di specialistica ambulatoriale a suo tempo prenotate dai cittadini ma la cui erogazione era stata bloccata dall’11 marzo scorso, a seguito del diffondersi dell’infezione da Coronavirus. Si tratta di 240mila prestazioni circa, tra visite specialistiche ed esami diagnostici, erogate direttamente dall’Ausl e dal privato accreditato, per le quali i cittadini NON dovranno nuovamente prenotare ma, al contrario, saranno gradualmente contattati dall’Azienda o dai soggetti della Sanità Privata presso i quali le prestazioni erano state prenotate, per proporre un nuovo appuntamento.

Procedendo con ordine: sempre secondo le Linee Guida regionali, anche durante il periodo di maggior incidenza dei contagi da Covid 19 non si è mai interrotta in nessun territorio (neppure in quello più colpito del Riminese) l’erogazione delle prestazioni ed in particolare degli interventi chirurgici urgenti e non differibili, ovviamente in situazione di massima sicurezza per pazienti e professionisti ed operatori, grazie anche alla collaborazione col privato accreditato.

Non appena è stato possibile sono ripresi gli interventi chirurgici e le prestazioni che, sebbene non rientranti nell’urgenza, era consigliabile non procrastinare ulteriormente per non correre alcun rischio rispetto all’evolversi della patologia e alla qualità della vita dei relativi pazienti. Questi pazienti vengono chiamati direttamente per riprogrammare la prestazione. Così come saranno richiamati dall'Azienda, di qui a breve, le persone che devono recuperare le prestazioni legate agli screening oncologici.

In questa ulteriore nuova fase sussistono le condizioni per iniziare a recuperare gradualmente le prestazioni di specialistica ambulatoriale (visite ed esami diagnostici) che erano stati sospesi (in quanto privi di ogni carattere di urgenza).

“Sono 240mila prestazioni, tantissime – spiega il dottor Pierdomenico Lonzi (guarda il suo video ), Direttore dell'Unità oprativa “Gestione Giuridico Economonica Convenzionati Esterni” per l’Ausl Romagna – le recupereremo gradualmente mettendo in campo un grande sforzo organizzativo, con i professionisti dei nostri ospedali, i colleghi della specialistica, il privato accreditato”.

Anche questi utenti verranno chiamati dall’Azienda per riprogrammare il loro appuntamento, non c’è dunque bisogno che prenotino la prestazione, ne’ recandosi presso i Cup o gli sportelli, ne’ in altro modo. Per quanto riguarda invece prestazioni da prenotarsi di qui in futuro, sempre salvaguardando le prestazioni urgenti e prioritarie, si raccomanda ai cittadini di pazientare e non prenotare ora controlli o comunque prestazioni che possono essere procrastinate: il riferimento rispetto al da farsi resta il medico di famiglia, figura fondamentale anche in questa fase. In particolare, per quanto riguarda le analisi di laboratorio, va precisato che resta sospeso l’accesso diretto ai punti prelievo: sempre quando ne sussista l’esigenza, i prelievi sono da prenotare.

Modalità di prenotazione ed accesso agli sportelli. Per le limitate situazioni che rimangono, in cui è necessario rapportarsi con gli sportelli (ad esempio prenotare, appunto, le analisi di laboratorio e le prestazioni urgenti, ma anche per le pratiche di scelta – revoca del medico di famiglia) l’Azienda torna a raccomandare di NON recarsi fisicamente ai Cup e agli sportelli aziendali, bensì di utilizzare tutti i possibili strumenti alternativi (principalmente Cuptel e Fascicolo Sanitario Elettronico), o comunque, se proprio indispensabile, recarsi agli sportelli prendendo un appuntamento.

A questo proposito si ripetono di seguito i numeri di telefono e i contatti mail dei principali sportelli aperti al pubblico.

Tutti i numeri sono contattabili dal lunedì al sabato dalle 08,00 alle 13,00.

Nuova importante donazione al 118 Romagnasoccorso, che si associa a quelle, davvero innumerevoli che, specialmente in questo particolare momento, stanno arrivando da parte della società civile ravennate.

Condivise le esigenze degli operatori dell'emergenza sul territorio, il “Corpo Volontario Forestale” (Cvf) di Bagnacavallo ha attivato un progetto di raccolta fondi e con il contributo di cittadini e volontari si è raggiunto l'obiettivo prefissato.

Il Cvf ha così potuto donare due ozonizzatori, vale a dire due apparecchiature molto importanti per la sanificazione degli ambienti e dei mezzi di soccorso, del valore complessivo di circa 2.400 euro, che la ditta Ozono Bologna ha però dimezzato, a 1.200, per venire a sua volta incontro ai donatori e all’Ausl.

Gli apparecchi possono essere collocati nell’ambiente da sanificare (ambulanze, ambulatori, ecc) e a seconda delle dimensioni vanno mantenuti attivi per un determinato tempo (da 10 a 90 minuti), tale attività è programmabile preventivamente anche per più cicli. Evidente dunque il vantaggio organizzativo dell’utilizzo di queste apparecchiature.

L’utilizzo dell’ozono come presidio naturale per sterilizzazione di ambienti da batteri, spore, virus, muffe ed acari è certificato dal Ministero della Salute. L’ozono è infatti un potente ossidante con incisiva attività antiparassitaria, non richiede risciacquo degli ambienti trattati in quanto non rilascia inquinanti.

Il “Corpo Volontario Forestale” è una associazione non profit nata e con sede a Bagnacavallo, presta opera gratuita coi suoi volontari in ambito di prevenzione, protezione civile, emergenze, soccorso, aiuti umanitari, tutela dell’ambiente, trasporto infermi, nell’ambito del “Dipartimento di Protezione Civile Nazionale”.

Da parte della direzione del Servizio 118 Romagnasoccorso, della Direzione medica di Ravenna e della Direzione Aziendale, un sentito ringraziamento ai donatori per l’importante donazione.

Il Cvf, desidera ringaziare tutti coloro che hanno permesso la realizzazione del progetto contribuendo con la loro donazione e in particolare l’Azienda Ozono Bologna, e rilascia la seguente dichiarazione: “Grazie alla sensibilità e alla collaborazione con il 118 si è potuta comprendere l’effettiva importanza e necessità dello strumento nell’utilizzo contro il Covid 19”.

Il nuovo coronavirus si è portato dietro molta sofferenza e vere e proprie tragedie. Unico aspetto positivo, ha fatto emergere tanta solidarietà nei confronti della sanità e dei suoi professionisti ed operatori, e nell’ambito di questa, gesti concreti veramente importanti ed encomiabili. Come quello, davvero straordinario, dell’artista  Muky, che ha donato una ambulanza e varie altre apparecchiature, ai servizi per l’emergenza di Romagnasoccorso per il territorio del Faentino.  Alla consegna hanno preso parte la benemerita donatrice, il sindaco di Faenza Giovanni Malpezzi, il direttore del 118 Romagnasoccorso Maurizio Menarini, il direttore medico del presidio Davide Tellarini, il direttore del Dipartimento di Emergenza urgenza dell’Ausl Romagna Raffaella Francesconi le responsabili infermiristiche dell’Ambito territoriale di Ravenna Cristina Fabbri e dell’ospedale di Faenza Anna Lusa.

Non si tratta certo della prima volta che l’artista Muky si contraddistingue per la grande generosità. La donazione a Faenza, che ha un valore complessivo di oltre 113mila euro, va inoltre a dare un importante contributo alla continua qualificazione dei servizi per l’emergenza, specialmente in questo particolare momento in cui è importante contrastare l’infezione da Covid 19 nella maniera più efficace possibile.

Entrando nello specifico, la donazione è infatti costituita da una Ambulanza da 2.300 cc, completamente allestita, del valore complessivo di circa 113mila euro, sulla cui fiancata è stata predisposta la scritta “2020 - Ambulanza accessoriata per il Pronto Soccorso di Faenza - Donata da Muky”. Tale ambulanza sarà di stanza presso l’Ospedale, e più precisamente il Pronto soccorso, dell’Ospedale di Faenza.

Ma l’artista Muky  non si è voluta fermare qui. Ha infatti aggiunto diverse apparecchiature e per la precisione: uno zaino e altri materiali per il soccorso diretto da parte dei centodiciottisti; un kit ad hoc per soccorrere nel modo più efficace ed accogliente possibile anche pazienti molto sovrappreso; infine un “monitor defibrillatore”.

Nella zona del distretto di Faenza sono presenti 5 mezzi di soccorso, e precisamente 3  ambulanze attive 24 ore su 24 (2 a Faenza e 1 a Russi) , una attiva 12 ore al giorno (a Faenza) e 1  auto medicalizzata attiva 24 ore su 24 situata sempre a Faenza .

La Direzione Aziendale, rappresentata dal dottor Davide Tellarini, direttore medico del Presidio, ha ringraziato sentitamente l’artista Muky per la sua generosa donazione.

Anche il sindaco di Faenza Giovanni Malpezzi ha voluto testimoniare con la propria presenza l’importanza del momento: “Nonostante ci abbia abituati a gesti di grandissima generosità, Muky non smette mai di stupire. Questo donazione è un'altra grande testimonianza del suo affetto per Faenza ma anche del suo amore totale per la vita in tutti i suoi aspetti, intellettuale e artistico ma anche quello fondamentale legato alla salute fisica messa a rischio dal Covid 19.  A nome di tutti i residenti della Romagna faentina desidero ringraziarla di cuore per un gesto che permetterà di qualificare ulteriormente la dotazione sanitaria del territorio”.

Molto toccanti le parole del’artista donatrice: “La sola cosa che volevo comunicare sta nel fatto che sono stata molto contenta di effettuare questa donazione perché la Nazione aveva bisogno, in questo periodo di pandemia Coronavirus, di particolare attenzione. Con questo mio gesto ho voluto ringraziare tutto il personale sanitario per l’impegno professionale tenuto in questi mesi, rischiando la loro vita per salvare la nostra”.

Nel riminese le USCA (Unità Speciali di Continuità Assistenziale), fanno anche ecografie polmonari a domicilio.  Già oltre 50 quelle eseguite nell'ambito di un percorso in via sperimentale nel territorio (Rimini appunto) maggiormente colpito dall'infezione da Covid 19, ma che si prevede di estendere a tutto l'ambito aziendale.

Grazie alla iniziativa e alla collaborazione tra il Direttore dell'Unità operativa di Senologia di Rimini dottor Lorenzo Menghini, medico con pluriennale esperienza ecografica, il direttore del
Dipartimento di Diagnostica per immagini dottor Ernico Cavagna, e l’Unità operativa "Cure Primarie" di Rimini, è stata attivato da qualche settimana un percorso condiviso che prevede l’esecuzione dell'ecografia polmonare domiciliare all’interno del servizio USCA dell’ambito di Rimini, seguita,nei pazienti che per le caratteristiche cliniche sono inviati al Pronto Soccorso, l'immediata conferma diagnostica con la tac polmonare. L’ecografia è infatti un ottimo esame strumentale per rilevare precocemente la situazione polmonare nel corso dell'infezione Covid19.

L’uso dell’ecografia polmonare domiciliare, oltre a migliorare la gestione deipazienti, presenta una serie innegabile di vantaggi sanitari generali e organizzativi, tra cui la possibilità di eseguire l’esame senza
spostare il paziente, riducendo così il rischio di diffondere il virus; la possibilità di raggiungere aree remote e disagiate; il basso costo; l’assenza di esposizione alle radiazioni ionizzanti e infine la riduzione dei tempi necessari per ottenere informazioni mediante la diagnostica per immagini, informazioni che pertanto entrano nel ragionamento clinico al letto del paziente e possono orientare le relative decisioni su come affrontare la malattia.

L’ecografia, secondo il protocollo, viene effettuata durante la visita domiciliare del medico USCA al paziente Covid accertato o sospetto, che presenti di norma sintomatologia respiratoria moderata e insorgenza dei sintomi negli ultimi 14 giorni.

In questi casi l’ecografia consente pertanto già al domicilio del paziente di intercettare i quadri di  polmonite interstiziale, e insieme alla vista, di distinguere i pazienti da inviare in Pronto Soccorso per una presa in carico ospedaliera o di intraprendere terapia specifica per i casi meno gravi che possono essere gestiti a domicilio. Nei casi inviati in ospedale, l’accordo con la Radiologia prevede l’esecuzione di tac polmonare che fino ad ora ha pressoché sempre confermato la diagnosi ecografica.

 

 

 

 

Una telefonata partita per sbaglio col proprio nonno ricoverato in Hospice, da cui emerge l'umanità delle cure che gli vengono prestate. E' quanto accaduto al congiunto di un paziente dell'Hospice di Lugo, che ha voluto esprimere un plauso al personale con la seguente lettera aperta.

Rivolgo queste parole più in generale al vostro personale. Sono il nipote di un vostro paziente, A.Z. Stamattina ho ricevuto una telefonata dal cellulare di mio nonno. La cosa mi ha sorpreso molto perché, per età e per carattere, mio nonno è sempre stato abbastanza allergico alla tecnologia. E infatti la telefonata è sicuramente partita per sbaglio: lo avevo chiamato ieri sera, quindi forse il telefono è stato spostato e il dito di qualcuno ha accidentalmente fatto partire una telefonata.

Sta di fatto che quando ho risposto ho capito che era una telefonata involontaria e che il telefono era probabilmente appoggiato da qualche parte vicino al suo letto, permettendomi di sentire che mio nonno stava parlando con quella che ho immaginato fosse un'infermiera. Così, mi sono messo ad "origliare". E' qualcosa che in genere detesto, ma sa com'è: viviamo tempi assurdi, e ho scoperto che il sentire la normalità di un dialogo, specialmente se ti porta la voce un tuo caro che non puoi vedere e che è in una brutta situazione, può regalarti una tentazione irresistibile.

E insomma, vi scrivo per ringraziare quella persona. Non ne ho sentito il nome, ma gli ha fatto alcune iniezioni e gli ha portato la colazione, e mi pare di aver capito che è di Imola. La gentilezza e l'umanità che ha avuto nei confronti di mio nonno mi ha emozionato. Vi dirò cose che certamente sapete già, con cui avete a che fare tutti i giorni: pensare a un proprio caro in una struttura sanitaria, da solo con le proprie paure, senza la possibilità di ricevere visite, è una cosa decisamente brutta. Ci si sente piccoli, impotenti, e ci si chiede come si trovi, come sia trattato e se abbia modo, oltre alle nostre telefonate, di distrarsi un po' dai cattivi pensieri. Sentire una voce gentile che gli chiede come ha dormito, che lo distrae con delle domande che non c'entrano per forza con il suo quadro clinico, sentire il sorriso in una voce, anche da un telefono attivo per sbaglio, è stato bellissimo. Ha in qualche modo ridotto la distanza che sento quando penso a mio nonno, ed è una cosa che mi ha fatto felice (che in tempi come questi non è banale).

Mia madre è infermiera, ascolto da anni racconti della vita in ospedale e ho sempre pensato che anche solo dietro la decisione di fare un mestiere così complesso devono esserci bontà d'animo, coraggio e generosità. Ma so anche che, come succede in tutte le categorie, questa non è comunque una verità assoluta, e non sono qualità da dare per scontate. Sono certo che riceviate molti ringraziamenti e gratificazioni dalle persone che avete in cura e dai loro parenti, ma immagino anche che siate per molti versi esposti alle critiche: la vostra è una posizione difficile, che spesso raccoglie per prima le frustrazioni di chi si trova ad affrontare il passaggio più spaventoso di questa vita. Bhè, quello che sto cercando di fare è dire grazie a quella persona, e a tutti coloro che fanno il vostro mestiere con l'empatia e l'anima che ho sentito nei suoi modi. Siete una delle parti più belle di questo paese, e spero che questa situazione consegni a tutti questa consapevolezza.

Marco

Comunicato stampa Ausl Romagna

Ravenna, 8 maggio 2020

Dovendo constatare un fortissimo afflusso di pubblico ai propri sportelli, in particolare ai Cup, l’Azienda torna precisare che, al momento, non vi è alcuna motivazione per la quale gli utenti debbano recarsi di persona agli sportelli, soprattutto senza appuntamento, creando pericolosi assembramenti di persone.

L’Azienda ribadisce dunque con decisione quanto segue:

  • Chi ha avuto una prestazione annullata a seguito dell’emergenza Covid non deve, in questo momento, riprenotarla. Sarà cura dell’Azienda comunicare quando tali prestazioni riprenderanno e le modalità con le quali poterne usufruire;
  • Le attività che si stanno ricominciando gradualmente ad erogare fanno riferimento a pazienti che hanno bisogno di prestazioni non ulteriormente procrastinabili, e questi pazienti vengono ricontattati direttamente dall’Azienda, e quindi non devono ritornare a prenotare;
  • Per le prestazioni attualmente erogate che richiedano una prenotazione, è sempre consigliato utilizzare il Cuptel o il Fascicolo Sanitario Elettronico, o ricontattare il relativo servizio sempre al telefono, senza recarvisi di persona;
  • Nei casi in cui sia indispensabile l’accesso di un utente allo sportello, è consigliabile prendere prima un appuntamento, in modo da scaglionare gli accessi ed evitare assembramenti.

A questo proposito si riportano di seguito i numeri di telefono o contatti dei Cup e di altri sportelli amministrativi.

Ambito forlivese  

Forlì

sede Via Colombo 11

solo per prenotazioni di laboratorio: 0543731717 – 0543731718 – 0543733147 - 0543733176 – 0543733212 da lunedì a sabato dalle ore 7,30 alle ore 12,30

per tutte le altre operazioni di sportello unico 0543733658 – 0543733678   da lunedì a sabato dalle ore 7,30 alle ore 12,30

indirizzi e.mail sportelloonline.fo@auslromagna.it / sportello.unico.fo@pec.auslromagna.it

Castrocaro Terme e Terra del Sole - 0543733920 - martedì  e giovedì dalle ore 7:30 alle ore 13:30 e dalle ore 14:30 alle ore 16:30

indirizzi e mail sportelloonline.fo@auslromagna.it / sportello.unico.fo@pec.auslromagna.it

Civitella di Romagna - 0543735491 - lunedì e giovedì dalle ore 10:30 alle ore 13:00

indirizzi e.mail sportelloonline.fo@auslromagna.it / sportello.unico.fo@pec.auslromagna.it

Cusercoli - 0543735582 - mercoledì dalle ore 15:00 alle ore 17:00 e venerdì dalle ore 10:30 alle ore 13:00

indirizzi e.mail  sportelloonline.fo@auslromagna.it / sportello.unico.fo@pec.auslromagna.it

Dovadola - 0543733910 - mercoledì dalle ore 12:30 alle ore 14:00 e venerdì dalle ore 7:30 alle ore 13:00

indirizzi e.mail sportelloonline.fo@auslromagna.it / sportello.unico.fo@pec.auslromagna.it

Forlimpopoli

solo per prenotazioni di laboratorio 0543733212 da lunedì a sabato dalle ore 7,30 alle ore 12,30

per tutte le altre operazioni di sportello unico 0543733321 da lunedì a sabato dalle ore 7,30 alle ore 12,30

indirizzi e.mail sportelloonline.fo@auslromagna.it / sportello.unico.fo@pec.auslromagna.it

Galeata - 0543 735475 - lunedì dalle ore 14:30 alle ore 17:30 e mercoledì dalle ore 10:00 alle ore 13:00

indirizzi e.mail sportelloonline.fo@auslromagna.it / sportello.unico.fo@pec.auslromagna.it

Meldola - 0543733983 -  dal lunedì al venerdì dalle ore 8:00 alle ore 13:00

indirizzi e.mail  sportelloonline.fo@auslromagna.it / sportello.unico.fo@pec.auslromagna.it

Modigliana - 0543735432 - 0543733433 - dal lunedì al venerdì dalle ore 7:30 alle ore 13:00; il sabato dalle ore 7:30 alle ore 10:30

indirizzi email .sportelloonline.fo@auslromagna.it / sportello.unico.fo@pec.auslromagna.it

Portico - 0543735588 - il lunedì dalle ore 11:00 alle ore 13:00

indirizzi e.mail sportelloonline.fo@auslromagna.it / sportello.unico.fo@pec.auslromagna.it

Predappio - 0543733071 - il martedì, giovedì, venerdì e sabato dalle ore 8:00 alle ore 12:15

indirizzi e.mail sportelloonline.fo@auslromagna.it / sportello.unico.fo@pec.auslromagna.it

Premilcuore - 0543733902 - il martedì dalle ore 10:00 alle ore 12:00 ed il venerdì dalle ore 15:00 alle ore 17:00

indirizzi e.mail sportelloonline.fo@auslromagna.it / sportello.unico.fo@pec.auslromagna.it

Rocca S. Casciano - 0543733950 - il lunedì dalle ore 8:00 alle ore 10:30 ed il mercoledì dalle ore 7:30 alle ore 12:00

indirizzi e.mail sportelloonline.fo@auslromagna.it / sportello.unico.fo@pec.auslromagna.it

Santa Sofia - 0543733875 - 0543733876 - dal lunedì al sabato dalle ore 7:30 alle ore 13:00

indirizzi e.mail sportelloonline.fo@auslromagna.it / sportello.unico.fo@pec.auslromagna.it

Tredozio - 0543735470 - il martedì ed il giovedì dalle ore 7:30 alle ore 13:00

indirizzi.email sportelloonline.fo@auslromagna.it / sportello.unico.fo@pec.auslromagna.it

Ambito cesenate

Cesena

Sede Corso Cavour 0547394172 – 0547394173 da lunedì a venerdì dalle 8.00 alle 12.30 il sabato dalle ore 8.00 alle ore 12.00

indirizzo e.mail unico.cavour.ce@auslromagna.it

Sede Montefiore  0547394170 da lunedì a venerdì dalle 8.00 alle 12.30 il sabato dalle ore  8.00 alle ore 12.00

indirizzo e.mail unico.montefiore.ce@auslromagna.it

Sede piazza Magnani  0547394200 – 0547394297

indirizzo e.mail cup.sanmauro.ce@auslromagna.it

Ospedale Bufalini 0547352930 – 0547352645 – 0547394171 - 0547352003 - 0547352004 - 0547352005 – 0547352006 (piastra) – 0547394612 (atrio)

indirizzo e.mail  cup.bufalini.ce@auslromagna.it

Savignano sul Rubicone  0541809904 0541809939 da lunedì a venerdì dalle 8.00 alle 12.30 il sabato dalle 8.00 alle 12.00

indirizzo e.mail unico.savignano.ce@auslromagna.it

Gambettola  0547394700 – 0547394701 da lunedì a venerdì dalle 8.00 alle 12.30 il sabato  dalle 8.00 alle 12.00

indirizzo e.mail unico.gambettola.ce@auslromagna.it

Cesenatico  0547674812 – 0547674813 - 0547674887 da lunedì a venerdì dalle 8.00 alle 12.30 il sabato dalle 8.00 alle 12.00

indirizzo e.mail unico.cesenatico.ce@auslromagna.it

 Mercato Saraceno 0547699928 - 0547699953 da lunedì a venerdì dalle 8.00 alle 12.30 il sabato dalle  8.00 alle 12.00

indirizzo e.mail unico.mercato.ce@auslromagna.it

San Piero in Bagno  0543904118 - 0453904150 da lunedì a venerdì dalle 8.00 alle 12.30 il sabato dalle  8.00 alle 12.00

indirizzo e.mail unico.sanpiero.ce@auslromagna.it

Sogliano al Rubicone (Sportello di Comunità) – 0541817354 da lunedì a venerdì dalle 8.00 alle 12.30

indirizzo e.mail cinzia.montanari@auslromagna.it

Ambito ravennate

Ravenna – 0544286616 – 17 – 18- 19; dal lun al ven 7:30 / 13:00  sab 7:30 / 12:00 sportellounico.ra@auslromagna.it

Marina di Ravenna – 0544485790; dal lun al ven 8:00 / 13:00 sab 8:30 / 12:30 sportellounico.ra@auslromagna.it

Mezzano – 0544485670; dal lun al ven 8:00 / 13:00 sab 8:30 / 12:30

sportellounico.ra@auslromagna.it

Piangipane – 0544485750; dal lun al ven 8:00 / 13:00 sab 8:30 / 12:30  sportellounico.ra@auslromagna.it

 

Sant’Alberto – 0544485690; dal lun al ven 8:00 / 13:00 sab 8:30 / 12:30 sportellounico.ra@auslromagna.it

Castiglione – 0544485732; dal lun al ven 8:00 / 13:00 sab 8:30 / 12:30

ce.sportellounico.ra@auslromagna.it

Roncalceci – 0544485710; dal lun al ven 8:00 / 13:00 sab 8:30 / 12:30  ce.sportellounico.ra@auslromagna.it

San Pietro in Vincoli – 0544485771; dal lun al ven 8:00 / 13:00 sab 8:30 / 12:30 ce.sportellounico.ra@auslromagna.it

Cervia – 0544917615; dal lun al ven 7:30 / 13:00 sab 7:30 / 12:00

ce.sportellounico.ra@auslromagna.it

Russi – 0544586420 – 22; dal lun al ven 8:00 / 13:00 sab 8:00 / 11:30 sportellounico.ra@auslromagna.it

Faenza Palazzina 13 – 0546601586 – 87; dal lun al ven 7:30 / 13:00 sab 7:30 / 12:00 sportellounico.fa@auslromagna.it

Faenza Centro Nord/Filanda – 0546602155; dal lun al ven 7:00 / 13:00 sab 7:00 / 10:00 sportellounico.fa@auslromagna.it

Casola Valsenio – 0546972955; mar – gio 8:00 / 13:00 sab 8:00 / 11:30 sportellounico.fa@auslromagna.it

Solarolo – 0546612315; mer – ven 8:00 / 13:00

sportellounico.fa@auslromagna.it

Riolo Terme – 0546972815; mar – gio – ven 8:00 / 13:00

sportellounico.fa@auslromagna.it

Brisighella – 0546992615; dal lun al ven 8:00 / 13:00

sportellounico.fa@auslromagna.it

Castel Bolognese – 0546652715; lun – mer – ven 8:00 / 13:00

sportellounico.fa@auslromagna.it

Lugo – 0545213415; dal lun al ven 7:30 / 13:00 sab 7:30 / 12:00

sportellounico.lu@auslromagna.it

Lugo - Segreteria Lab Analisi – 0545214387 – 93; dal lun al sab 7:00 / 13:00

segreterialab.lu@auslromagna.it

Alfonsine – 0544864715; lun – mar – gio 8:00 / 13:00

sportellounico.lu@auslromagna.it

Bagnacavallo – 0545283015; lun – mer – ven 8:00 / 13:00

sportellounico.lu@auslromagna.it

Conselice – 0545903215; lun – mar – mer 8:00 / 13:00

sportellounico.lu@auslromagna.it

Cotignola – 054543515; mer – ven 8:00 / 13:00

sportellounico.lu@auslromagna.it

Massa Lombarda – 0545983315; lun – mar – gio 8:00 / 13:00

sportellounico.lu@auslromagna.it

Fusignano – 054553615; mer – gio – ven 8:00 / 13:00

sportellounico.lu@auslromagna.it

Bagnara – 0545905502; lun – mer 8:00 / 12:30 mar – ven 8:30 / 13:15 sportellounico.lu@auslromagna.it

Voltana – 054572885; mar – gio – ven 8:15 / 13:00

sportellounico.lu@auslromagna.it

Ambito riminese

Rimini

Sede via Circonvallazione Occ., 57 – 0541707370 – 0541707309 (scelta revoca); sportellounico.rn@auslromagna.it (VALIDO PER TUTTI GLI SPORTELLI RIMINESI)

Ospedale – 0541705671; 0541705494 (radiologia)

Santarcangelo – 0541326543

Verucchio – 0541314108

Bellaria Igea Marina – 0541327153

Novafeltria – 0541919329

Riccione – 0541608520; 0541608547 (radiologia)

Cattolica – 0541966263

Coriano – 0541668205

Morciano - 0541854402

Tutti i numeri sono contattabili dal lunedì al sabato dalle 08,00 alle 13,00.

L’Ausl Romagna sta predisponendo, in coerenza con le relative indicazioni regionali, la pianificazione per il graduale riavvio delle attività non urgenti che erano state sospese a seguito dell’epidemia da Covid 19. Tale gradualità farà sì che, secondo le indicazioni regionali, alcune attività - in particolare quelle chirurgiche e alcune ambulatoriali per pazienti il cui quadro clinico, sebbene non urgente, sia prioritario – riprendano in tempi più rapidi: i pazienti di queste attività verranno ricontattati direttamente dall’Azienda.

Per le altre attività i tempi di ripresa saranno maggiormente graduati al fine di contemperare, nella maniera più equilibrata possibile, la necessità di assoluta sicurezza negli accessi alle strutture sanitarie (per non favorire un nuovo innalzamento di contagi) con le esigenze sanitarie della cittadinanza, sebbene procrastinabili. Sarà cura dell’Azienda, così come ha fatto in occasione delle sospensioni, comunicare puntualmente la ripresa di ogni singolo servizio con le relative modalità ed orari.

Sul fronte della ripresa dell’attività ambulatoriale e territoriale sarà posto particolare riguardo ai pazienti con patologie croniche o rare. Al momento tale attività resta inoltre riservata ai cittadini emiliano - romagnoli mentre restano sospese le visite di idoneità sportiva per l'attività agonistica. Sul fronte delle vaccinazioni si ripartirà col calendario vaccinale regionale per l’infanzia e vi sarà una graduale ripresa anche delle vaccinazioni per adulti, a partire dai portatori di malattie croniche. Riprenderà con gradualità anche l’attività legata agli screening oncologici.  Gli utenti di queste prestazioni saranno comunque ricontattati direttamente dall'Azienda.

Fino ad allora resta valido l’attuale assetto, per cui si invita la cittadinanza a non recarsi agli sportelli Cup o ad altri sportelli aziendali visto che l’accesso è previsto su prenotazione; per prenotare o chiedere informazioni utilizzare il Cuptel (numero verde 800002255) e se proprio si reputa indispensabile recarsi ad uno sportello, anche per pratiche amministrative come ad esempio "Scelta revoca del medico di famiglia o altro", si suggerisce di contattare preventivamente il servizio (i numeri si trovano sul sito aziendale www.auslromagna.it e in particolare quelli dei cup sono a questo link.

Si ricorda infine che lo strumento più efficace per il rapporto con il proprio medico di base, per avere le ricette per i farmaci, per prenotare le visite, per pagare e per avere gli esiti è il Fascicolo Sanitario elettronico come app o accesso al proprio sito le cui credenziali possono essere richieste anche da casa (tutti i dettagli a questo link).