images/headers/striscia_sfondo_A4.jpg
Stampa questa pagina

Palazzo OIR - Ospedale e Istituzioni Riuniti (Architetto: Agostino Azzolini 1776-1795)

La cura attraverso l’arte

Ospitali e Ospedali - un percorso attraverso la Romagna

Pubblicato da:
Vota questo articolo
(9 Voti)
Palazzo OIR Palazzo OIR

Nel 1452 Malatesta Novello, signore di Cesena, fu l’artefice del grande cambiamento nella storia ospedaliera cesenate unificando i vari ospedali della città e del contado in un unico ospedale denominato “maggiore”.

Tra il 1776 e il 1795, nell’area ormai fatiscente dell’ospedale quattrocentesco del Ss Crocefisso, l’edificio fu “rifabbricato” su progetto dell’architetto milanese Agostino Azzolini.

Il palazzo settecentesco OIR (Ospedale-Istituti Riuniti),che fu sede amministrativa dell’ex Ausl di Cesena fino al 2007, oggi è uno dei Palazzi più attraenti della città in quanto racchiude in sé due “documenti” fondamentali per la storia sociale e sanitaria del territorio cesenate.

Il primo “documento” deriva dallo studio del portone seicentesco eseguito da Gregorio Razzani, originale nel suo genere poiché riporta nelle bugne a intarsio i nomi e gli stemmi costituenti il più antico elenco dei benefattori delle istituzioni assistenziali e caritative della città di Cesena. Tra questi spicca Malatesta Novello, artefice del grande cambiamento della storia ospedaliera cesenate e Pietro Gennari, ultimo benefattore riportato nel portone.

Il secondo “documento” proviene dallo studio della quadreria, che allestiva il “corridoio d’onore, detto dell’Ospedale” del Palazzo OIR. Qui ritroviamo i ritratti dei protagonisti della storia passata che si distinsero per il loro impegno civile e la loro solidarietà sociale.

Tra questi vanno ricordati il conte Pietro Roverella e la moglie Maria, la quale, rimasta vedova, confermò i voleri testamentari del marito nel lasciare i beni ai poveri della città.

Curiosità:

i candelabri liberty (1889), facevano parte del complesso architettonico della tomba Roverella commissionata all’artista, Tullo Golfarelli, dalla contessa Maria Bertaccini “a perenne memoria del marito Pietro Roverella”.

Bibliografia:

Sonia Muzzarelli, la cura attraverso l’arte: piccole guide di storia e opere del patrimonio artistico della Romagna, Ausl della Romagna, centro stampa di Cesena, dicembre 2020- patrimoniostoricoeartistico@auslromagna.it

Le pagine di questa rubrica daranno vita ad un nuovo “quaderno”, che andrà ad arricchire la collana “la cura attraverso l’arte"

 

Ultima modifica il Lunedì, 16 Maggio 2022 09:17 Modificato da:
a cura della