Skip to main content
Enrico Zamprogno

Articoli inseriti da Enrico Zamprogno

E’ stato presentato al 108° Congresso della Società Italiana di Otorinolaringoiatria e Chirurgia Cervico-Facciale tenutosi a Roma dal 25 al 28 maggio 2022, il lavoro dal titolo "LEGAME TRA OTOSCLEROSI E ORMONI FEMMINILI:UN’OPPORTUNITA’ PER LA DIAGNOSI PRECOCE DI INFERTILITA’ FEMMINILE E LA SCOPERTA DI NUOVE TERAPIE".

Tale proposta di studio che verrà svolto presso l'AUSL ROMAGNA mira ad indentificare la correlazione che esiste tra OTOSCLEROSI e E ORMONI FEMMINILI, con il fine di aumentare la prevenzione verso l' Infertilità femminile.

La proposta di studio presentata, dalla Dott.ssa Raffaella Superga Prencipe , dal Dott. Andrea De Vito, dalla Dott.ssa Chiara Marchi e dal Dott. Guido Valentino, vedrà coinvolte diverse figure professionali implicate nel percorso diagnostico terapeutico. La proposta di studio è stata accolta con interesse dalla comunità scientifica presente al congresso e presenta una nuova opportunità per la prevenzione in ambito femminile.

Slide introduttiva

pdf Profilo di Salute AUSL Romagna dicembre 2021 (24.27 MB)

Descrivere la salute di una popolazione è un compito difficile in quanto può essere definita e osservata in modo diverso in base alle differenti culture, valori, età, stato di salute. Noi abbiamo impostato questo Profilo basandoci su una definizione che la consideri come lo stato di benessere fisico, psicologico e sociale prodotto dall’azione di diversi fattori: individuali, socioeconomici e ambientali: i cosiddetti determinanti di salute. Su questi fattori, solo in parte sotto il controllo del Servizio Sanitario, hanno un’influenza diretta tutti i settori della società, dalle istituzioni, all’associazionismo fino alle comunità stesse, con l’obiettivo comune di migliorare il benessere e la qualità della vita. Questo è ancora più vero dopo due anni di pandemia.

La presente pubblicazione, senza avere la pretesa di essere esaustiva nella descrizione di uno stato così complesso e multidimensionale come quello della salute, raccoglie e analizza alcuni dati e informazioni per fornire indicazioni sulle condizioni presenti nel contesto sociale e ambientale (determinanti di salute distali), sui comportamenti e stili di vita (determinanti prossimali) e sui principali indicatori di salute e malattia che sono presenti nella popolazione. La disponibilità di queste informazioni è il prerequisito per permettere agli individui e alle organizzazioni di prendere consapevolezza della situazione e attivarsi per promuovere la salute individuale e della comunità.

I dati sono principalmente riferiti all’intero territorio dei Comuni della Romagna, quando possibile con un dettaglio di ambito territoriale e distrettuale.

In alcuni capitoli (stili di vita, malattie croniche, salute materno infantile e delle persone con 65 anni e più, sicurezza domestica e stradale) sono presenti dei box di approfondimento tematici aggiornati all’anno 2020 per mettere in luce alcune tendenze relative all’impatto della pandemia che stiamo affrontando. Tali box non rappresentano una elaborazione esaustiva dei dati più recenti, per scelta non utilizzati in questo report poiché richiedono analisi più approfondite e valutazioni complesse, eventualmente oggetto di ulteriori pubblicazioni future.

Raffaella Angelini
Direttore Dipartimento Sanità Pubblica

 

pdf Profilo di Salute AUSL Romagna dicembre 2021 (24.27 MB)

 

A cura di:

Raffaella Angelini, Nicoletta Bertozzi, Elizabeth Bakken, Ardian Cania, Michela Morri, Niccolò Principi, Cristina Raineri, Francesca Righi, Viviana Santoro, Giulia Silvestrini, Valeria Frassineti, Patrizia Vitali.
Dipartimento di Sanità Pubblica AUSL Romagna
Elaborazioni statistiche a cura di Patrizia Vitali e Valeria Frassineti
Si ringraziano il Dott. Giuliano Carrozzi e Letizia Sanpaolo per le elaborazioni relative alla sorveglianza PASSI.
Un ringraziamento particolare al Dott. Mauro Palazzi per la revisione finale del documento.

In occasione della Giornata nazionale della Salute della Donna, che si celebra il 22 aprile, Fondazione Onda, Osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere, organizza dal 20 al 26 aprile la settima edizione dell’(H)Open Week: una settimana sulla Salute della Donna, con l’obiettivo di promuovere l’informazione, la prevenzione e la cura al femminile.

Le strutture del network dei Bollini Rosa che hanno aderito all’iniziativa offriranno gratuitamente servizi clinici, diagnostici e informativi, in presenza e a distanza, in diversearee specialistiche: cardiologia, dermatologia, diabetologia, dietologia e nutrizione, endocrinologia e malattie del metabolismo, ginecologia e ostetricia, medicina della riproduzione, neurologia, oncologia ginecologica, oncologia medica, pneumologia, psichiatria, reumatologia, senologia, urologia, violenza sulla donna.

 

  1. Locandine delle iniziative
  2. Le iniziative on-line
  3. Mercoledì 20 aprile
    1. WEBINAR: “Le patologie dermatologiche al femminile”
      Mercoledì 20 aprile 2022 – dalle ore 14:30 alle ore 18:30
    2. INCONTRO VIRTUALE: “Le malattie reumatiche prevalenti nella donna”
      Mercoledì 20 aprile 2022 – dalle ore 15.00 alle ore 16.00
    3. INCONTRO VIRTUALE: “La lombalgia infiammatoria: caratteristiche cliniche e percorso diagnostico terapeutico”
      Mercoledì 20 aprile 2022 – dalle ore 15.30 alle ore 17.00
    4. INCONTRO VIRTUALE: “La salute della donna nelle diverse fasi della vita: Adolescenza, dolore pelvico e contraccezione.”
      Mercoledì 20 aprile 2022 – dalle ore 17.00 alle ore 18.00
    5. INCONTRO VIRTUALE, Diretta Facebook “Gestione della Malattia Psoriasica nella donna”
      Mercoledì 20 aprile 2022 – dalle ore 17:30 alle ore 18:30
  4. Giovedì 21 aprile
    1. INCONTRO VIRTUALE: “Salute mentale nella donna in gravidanza e peripartum.”
      Giovedì 21 aprile 2022 – dalle ore 09:00 alle ore 12:00
    2. INCONTRO VIRTUALE: “La cistite e l'incontinenza urinaria: cosa sono e come si trattano.”
      Giovedì 21 aprile 2022 – dalle ore 09:00 alle ore 12:00
    3. INCONTRO VIRTUALE: “Il sanguinamento uterino anomalo in peri e post-menopausa.”
      Giovedì 21 aprile 2022 – dalle ore 14:00 alle ore 16:00
    4. INCONTRO VIRTUALE: “Differenze di genere nelle patologie neurologiche.”
      Giovedì 21 aprile 2022 – dalle ore 16:00 alle ore 18:00
    5. INCONTRO VIRTUALE: “La salute della donna nelle diverse fasi della vita: Salute preconcezionale.”
      Giovedì 21 aprile 2022 – dalle ore 17.00 alle ore 18.00
  5. Venerdì 22 aprile
    1. WEBINAR: Le differenze di genere nelle malattie reumatiche
      Venerdì 22 aprile 2022 – dalle ore 09:00 alle ore 18:00
    2. WEBINAR: Protocollo aziendale dell’ausl della romagna: il percorso di accoglienza e presa in carico in pronto soccorso delle donne che subiscono violenza di genere
      Venerdì 22 aprile 2022 – dalle ore 15:00 alle ore 15:30
    3. INCONTRO VIRTUALE: “Endometriosi.”
      Venerdì 22 aprile 2022 – dalle ore 14:30 alle ore 16:30
    4. INCONTRO VIRTUALE: “La salute della donna nelle diverse fasi della vita: Salute donna in gravidanza e dopo il parto.”
      Venerdì 22 aprile 2022 – dalle ore 17.00 alle ore 18.00
  6. Sabato 23 aprile
    1. INCONTRO VIRTUALE: “HPV Test e Percorso Oncoginecologico di Forlì: attività e aggiornamenti”
      Sabato 23 aprile 2022 – dalle ore 09:00 alle ore 13:00
    2. INCONTRO APERTO ALLA POPOLAZIONE, VIRTUALE E IN PRESENZA “La neurologia è donna. Le donne incontrano la neurologia: sclerosi multipla, cefalea, epilessia.”
      Sabato 23 aprile 2022 – dalle ore 09:00 alle ore 12:30
    3. INCONTRO VIRTUALE APERTO ALLA POPOLAZIONE: “La salute della donna nelle diverse fasi della vita”
      Sabato 23 aprile 2022 – dalle ore 10.00 alle ore 11.00
  7. Martedì 26 aprile
    1. INCONTRO VIRTUALE: “Diabete e Medicina di Genere: quale relazione”
      Martedì 26 aprile 2022 – dalle ore 14:30 alle ore 15:30
    2. INCONTRO VIRTUALE: “Diagnostica prenatale non invasiva.”
      Martedì 26 aprile 2022 – dalle ore 14:30 alle ore 16:30
    3. WEBINAR: “Chirurgia ricostruttiva: trattamento post intervento carcinoma della mammella”
      Martedì 26 aprile 2022 – dalle 15:00 alle 17:00
    4. WEBINAR: “Riprendiamoci: fasi della vita quotidiana della donna durante e dopo la pandemia covid-19”
      Martedì 26 aprile 2022 – dalle 16:00 alle 17:00
    5. INCONTRO VIRTUALE: “La salute della donna nelle diverse fasi della vita: Salute della donna in menopausa.”
      Mercoledì 26 aprile 2022 – dalle ore 17.00 alle ore 18.00

Locandine delle iniziative

Tra le strutture partecipanti, anche l’Azienda USL della Romagna partecipa alla 7° Edizione dell’(H) Open Week, offrendo servizi gratuiti dedicati al genere femminile presso gli Ospedali di Ravenna, Lugo, Faenza, Forlì, Cesena e Rimini, premiati con 2 Bollini Rosa.

 

Le iniziative on-line

Mercoledì 20 aprile

WEBINAR: “Le patologie dermatologiche al femminile”
Mercoledì 20 aprile 2022 – dalle ore 14:30 alle ore 18:30

In occasione dell’(H)Open week sulla salute della donna, l’U.O.C di Dermatologia di Ravenna, Lugo e Faenza aderisce al progetto della Fondazione Onda sulle problematiche di salute nella popolazione femminile. Nella comunità scientifica le differenze di presentazione delle malattie e le differenze di risposta ai trattamenti nei due sessi sono argomento di studio e ciò è vero anche per la dermatologia. Le malattie dermatologiche possono essere più o meno specifiche del sesso femminile e possono presentarsi in tutte le età della donna, nell’infanzia e pre-adolescenza, nel periodo della fertilità e quindi nella menopausa. Il nostro contributo consiste nel divulgare attraverso la modalità digitale informazioni sulle principali patologie dermatologiche relative ad ogni fase della vita della donna.

open week 6 small


INCONTRO VIRTUALE:“Malattie sessualmente trasmissibili”
Mercoledì 20 aprile 2022 – dalle ore 14:30 alle ore 16:30

Le malattie sessualmente trasmissibili (MTS) sono estremamente diffuse e interessano, nel mondo, più di 500 milioni di persone ogni anno. La loro decorrenza spesso asintomatica favorisce un’aumentata probabilità di contagio tra individui sani e aumenta il rischio di cronicizzazione e complicanze.

Vista l'elevata diffusione delle MTS nella popolazione e le possibili ripercussioni, sia sulla salute dei singoli individui che sulla collettività, per una gestione efficace delle stesse sono fondamentali la diagnosi precoci. I medici ginecologi incontrano la popolazione femminile sulla piattaforma Google Meet per trattare il tema delle malattie sessualmente trasmissibili, dalla prevenzione, diagnosi e cura, nella giornata di mercoledì 20 aprile dalle ore 14:30 alle ore 16:30.

 

INCONTRO VIRTUALE: “Le malattie reumatiche prevalenti nella donna”
Mercoledì 20 aprile 2022 – dalle ore 15.00 alle ore 16.00

Le malattie reumatiche hanno un forte impatto sulla popolazione determinando problemi al singolo paziente con ricadute sulla collettività. Alcune malattie reumatiche sono nettamente prevalenti nella donna, una diagnosi precoce e la collaborazione con gli specialisti riduce il disagio e l’impatto sulla popolazione. Mercoledì 20 aprile, dalle ore 15 alle ore 16, sulla piattaforma Zoom, i medici reumatologi incontrano la popolazione femminile per trattare assieme il tema delle malattie reumatiche al femminile. A seguire un breve spazio per rispondere ai quesiti delle pazienti.

 

INCONTRO VIRTUALE: “La lombalgia infiammatoria: caratteristiche cliniche e percorso diagnostico terapeutico”
Mercoledì 20 aprile 2022 – dalle ore 15.30 alle ore 17.00

l dolore del rachide lombare accompagnato alla rigidità mattutina ed alla spiccata sensibilità ai Fans rappresenta il sintomo di esordio di un gruppo ben definito di patologie reumatiche chiamate Spondiloartriti che colpiscono pazienti di età inferiore ai 45 anni  e che sono caratterizzate da un processo infiammatorio che interessa tendini, legamenti e le strutture accessorie delle vertebre.

Meno del 5 % delle lombalgie sono infiammatorie e la identificazione di queste forme rispetto alle più comuni discopatie  e protrusioni erniarie richiede sensibilità clinica e indagini diagnostiche mirate. Con l’impiego delle terapie con farmaci biologici Immunomodulanti queste patologie posso essere curate, si può ottenere il controllo del dolore e impedire la evoluzione verso una completa ossificazione e rigidità dell’asse. 

La più nota tra queste patologie è la Spondilite Anchilosante che interessa principalmente il giovane maschio e fino a pochi anni fa la sola appartenenza al sesso femminile faceva escludere la diagnosi di spondiloartrite. I dati epidemiologici più recenti hanno fatto emergere una prevalenza significativa di spondiloartriti anche nel sesso femminile e oggi i dati di incidenza dimostrano che il rapporto maschio e femmina di queste patologie è 1 vs 1, ma il ritardo diagnostico della spondilite femminile resta invariato e spesso di 6-7 anni. 

i medici reumatologi della UOC Medicina Interna e Reumatologia di Rimini incontrano la popolazione femminile su questo argomento con una breve presentazione. A seguire un breve spazio per rispondere ai quesiti dei pazienti

 

INCONTRO VIRTUALE: “La salute della donna nelle diverse fasi della vita: Adolescenza, dolore pelvico e contraccezione.”
Mercoledì 20 aprile 2022 – dalle ore 17.00 alle ore 18.00

L’U.O.C. di Ginecologia e Ostetricia incontra la popolazione femminile sulla piattaforma Zoom sensibilizzando le partecipanti al tema “La salute della donna nelle diverse fasi della vita”. Ogni momento della vita della donna ha peculiarità che richiedono un’attenzione specifica e particolare e in ognuno di questi momenti è necessario porre la giusta attenzione e consapevolezza in quanto strettamente correlati l’uno con l’altro, e nel caso della gravidanza, con la salute del nascituro stesso. Quattro sono gli appuntamenti dove sarà affrontata la tematica declinata nelle 4 fasi principali della donna: adolescenza, fase preconcezionale, gravidanza e puerperio, e menopausa.

INCONTRO VIRTUALE, Diretta Facebook “Gestione della Malattia Psoriasica nella donna”
Mercoledì 20 aprile 2022 – dalle ore 17:30 alle ore 18:30

L'attuale propensione dell'attività clinica si oriente sempre maggiormente all'approccio personalizzato al paziente, laddove le linee guida disponibili costituiscono spesso un'indicazione non sempre esaustiva per il raggiungimento dell'obiettivo terapeutico. In tale ambito, la salute della donna assume una particolare connotazione non solo nell'ambito della diagnostica ma anche delle terapie. Per quanto riguarda le malattie dermatologiche di particolare rilievo, abbiamo ritenuto opportuno considerare una malattia cronica diffusa come la psoriasi. Pur essendo più diffusa nei maschi, la psoriasi presenta nell'approccio clinico numerose criticità soprattutto nella donna in età fertile, dove molte delle terapie più efficaci sono potenzialmente dannose per una eventuale gravidanza e pertanto necessitano di una attenta valutazione che coinvolge i famigliari. L'adesione all'iniziativa da parte della Dermatologia dell'Ospedale di Rimini è finalizzata ad consolidare nella donna una maggiore consapevolezza di malattia attraverso le informazioni relative a questa patologia e la condivisione del percorso terapeutico tra medico e paziente. I professionisti discutono di questa tematica nella diretta Facebook che si terrà mercoledì 20 aprile, dalle ore 17.30 alle ore 18.30.

Giovedì 21 aprile

INCONTRO VIRTUALE: “Salute mentale nella donna in gravidanza e peripartum.”
Giovedì 21 aprile 2022 – dalle ore 09:00 alle ore 12:00

La scelta di affrontare il tema della “SALUTE MENTALE DELLA DONNA IN GRAVIDANZA E NEL PERI PARTUM” nasce all’interno di un più ampio percorso che vede coinvolta l’area psichiatrica ed altri servizi afferenti in Azienda sia di ambito ospedaliero che territoriale, percorso che discende dalla consapevolezza delle crescenti problematiche inerenti la donna in una fase affascinante e delicata quale quella della gravidanza e del peri partum. Nel corso degli ultimi anni gli accessi di donne ai servizi psichiatrici (soprattutto territoriali, occasionalmente ospedalieri se non in regime consulenziale in Pronto Soccorso o presso altri reparti) è notevolmente cresciuto per cui, anche se non direttamente evidenziabile attraverso il flusso dei ricoveri in UO Psichiatria (reparto evidentemente non idoneo, salvo casi di strema gravità alla tipologia del paziente), si è ritenuto importante dedicare una giornata di approfondimento alle numerose tematiche (ambientali, culturali, relazionali, lavorative, familiari..) che spesso sottendono allo sviluppo di un quadro psicopatologico di maggiore o minore gravità, dalla semplice e comune Melancholy Blues alla Depressione se non addirittura alla Psicosi Post Partum oppure la necessità di accompagnare donne fragili o già note ai servizi psichiatrici e socio assistenziali nel corso della gravidanza e nei mesi successivi al parto. La progressiva modificazione della popolazione italiana con l’incremento di cittadini provenienti da altri Paesi ed altre culture rappresenta ulteriore motivo di interesse specialmente in un’area clinica quale quella psichiatrica fortemente interdipendente dai dati culturali di appartenenza nelle sue manifestazioni sintomatologiche. I clinici incontrano la popolazione femminile sulla piattaforma Google Meet https://meet.google.com/zkr-uegs-fmq per trattare il tema della salute mentale nella donna in gravidanza e peripartum, nella giornata di giovedì 21 aprile dalle ore 9 alle ore 13.


INCONTRO VIRTUALE: “La cistite e l'incontinenza urinaria: cosa sono e come si trattano.”
Giovedì 21 aprile 2022 – dalle ore 09:00 alle ore 12:00

L’incontinenza urinaria ha un impatto negativo significativo, e per certi versi persino disastroso, su tutti gli aspetti della vita di chi ne è afflitto, creando problemi psicologici, occupazionali, relazionali, fisici e sessuali.

L’incontinenza urinaria condiziona così negativamente tutti i presidi della qualità della vita della popolazione generale da creare una richiesta di sanità pubblica superiore a quella di altre numerose riconosciute malattie croniche. Nella valutazione della rilevanza sociale della IU, al costo psico-sociale del sintomo, prevalentemente individuale, va aggiunto il rilevante costo socio-economico e assistenziale (COI: Cost of Illness), che in alcuni Paesi risulta superiore, ad esempio, ai costi della dialisi renale. Lo scopo è quello di rendere note le problematiche dell’incontinenza urinaria e permettere alla popolazione femminile di mettere da parte il tabù che vi è dietro e poter comprendere che è possibile trattare e/o guarire dal problema.

Le cistiti sono un argomento di notevole interesse nella pratica clinica in quanto si riscontrano molto frequentemente e si collocano tra le più importanti cause di malattia e di visite ambulatoriali. Nell’età adulta si verificano più frequentemente nel genere femminile, con maggiore incidenza dopo l’inizio dei rapporti sessuali e in associazione ad interventi chirurgici ginecologici, alla gravidanza e alla menopausa. Si stima che nel corso della propria vita almeno il 30-40% delle donne abbia sofferto almeno una volta di un episodio di infezione urinaria e tra di esse il 20% presenta cistiti ricorrenti.

Nel caso della cistite la prevenzione è fondamentale, soprattutto se si è presentata almeno una volta. Ci sono diversi rimedi per prevenirla al meglio e per ridurre il più possibile l’uso e l’abuso degli antibiotici. Questo progetto ha l’obbiettivo di affrontare la gestione della cistite partendo dalla prevenzione e intercettando tutti gli attori coinvolti nella cura di questa patologia. La patologia disfunzionale del pavimento pelvico interessa l’apparato urinario, genitale ed intestinale e necessita di risposte appropriate che vedono coinvolte interdisciplinariamente, varie figure professionali.

L’Unità Operativa di Urologia, nella giornata di giovedì 21 aprile, dalle 9.00 alle 12.00, incontra la popolazione femminile sulla piattaforma Zoom affrontando il tema “La cistite e l'incontinenza urinaria: cosa sono e come si trattano”. Al termine della discussione sarà disponibile uno spazio dedicato a Domande&Risposte, dove le partecipanti potranno porre i propri dubbi e curiosità direttamente allo specialista.

 

INCONTRO VIRTUALE: “Il sanguinamento uterino anomalo in peri e post-menopausa.”
Giovedì 21 aprile 2022 – dalle ore 14:00 alle ore 16:00

Nella maggior parte delle donne, le perdite ematiche in peri e post-menopausa sono da considerarsi un segnale anomalo, meritevole di approfondimenti medici. L'adeguata valutazione da parte di uno specialista è importante per escludere la presenza di un tumore ginecologico quale causa scatenante. Il sanguinamento genitale in peri e post-menopausa, infatti, rientra tra i sintomi del tumore dell’endometrio e del collo uterino.

Oltre a quelle di natura oncologica, sono molte le condizioni benigne che causano episodi di sanguinamento genitale dopo la menopausa. Le cause più comuni sono la vaginite atrofica, l'atrofia endometriale, i polipi e l'iperplasia dell'endometrio. In alcuni casi, un sanguinamento post-menopausale è conseguenza della sospensione dell'assunzione di ormoni esogeni (terapia ormonale sostitutiva). Giovedì 21 aprile, dalle ore 14 alle ore 16, i medici ginecologi incontrano le donne sulla piattaforma Google Meet per affrontare il tema del sanguinamento uterino anomalo in peri e post-menopausa, e a seguire un breve spazio di confronto con lo specialista. Si consiglia di utilizzare il programma Google Chrome o scaricare l'app Google Meet sul proprio smartphone.


INCONTRO VIRTUALE: “Differenze di genere nelle patologie neurologiche.”
Giovedì 21 aprile 2022 – dalle ore 16:00 alle ore 18:00

In occasione dell’(H)Open Week sulla Salute della Donna, le U.O. di Neurologia di Cesena-Forlì e Rimini hanno scelto di “incontrare” virtualmente la popolazione femminile mediante un webinar incentrato sulle differenze di genere nelle patologie neurologiche. Saranno trattate da specialisti del settore lo stroke, la sclerosi multipla e l’epilessia andando a definire le caratteristiche cliniche ed epidemiologiche di queste patologie nonché i percorsi di cura presenti all’interno dell’AUSL Romagna.

Dopo una prima parte divulgativa, verrà dato ampio spazio alla discussione in modo da permettere all’audience di rivolgere domande in merito ai temi trattati oltre che condividere eventuali curiosità e dubbi. In merito agli argomenti che saranno trattati è importante precisare che:

  • Lo stroke rappresenta la terza causa di morte, la seconda di decadimento cognitivo e la prima di disabilità nel mondo occidentale. L’incidenza di stroke aumenta con l’età diventando prevalente nel sesso femminile dopo gli 80 anni mentre al di sotto di tale range di età incide maggiormente nel sesso maschile. Esistono peraltro sottotipi di stroke quali quello da trombosi venosa cerebrale che colpiscono principalmente la popolazione femminile. Infine lo stroke in gravidanza rappresenta un’area grigia in cui mancano evidenze di letteratura in merito alla miglior gestione terapeutica.
  • La sclerosi multipla di contro è una patologia neurologica infiammatoria che colpisce le donne con un rapporto F/M 3 a 1 nella fascia di età tra i 20 e 40 anni. In ragione della natura cronica, del decorso imprevedibile caratterizzato da riacutizzazioni del quadro clinico che può essere progressivamente invalidante e della sua insorgenza in giovane età, la sclerosi multipla è stata identificata dall’OMS tra le malattie socialmente più costose.
  • L’epilessia è una malattia che colpisce 500.000 persone con 30.000 nuovi casi all’anno di cui la metà di sesso femminile. Il tema dell’epilessia in gravidanza così come quello dell’interazione tra i farmaci anti-epilettici e la terapia estro-progestinica orale nonché il ruolo del ciclo ormonale nella patogenesi degli attacchi sono tutti argomenti che verranno affrontati durante l’incontro e saranno motivo di discussione.

INCONTRO VIRTUALE: “La salute della donna nelle diverse fasi della vita: Salute preconcezionale.”
Giovedì 21 aprile 2022 – dalle ore 17.00 alle ore 18.00

L’Unità Operativa di Ginecologia e Ostetricia incontra la popolazione femminile sulla piattaforma Zoom sensibilizzando le partecipanti al tema “La salute della donna nelle diverse fasi della vita”. Ogni momento della vita della donna ha peculiarità che richiedono un’attenzione specifica e particolare e in ognuno di questi momenti è necessario porre la giusta attenzione e consapevolezza in quanto strettamente correlati l’uno con l’altro, e nel caso della gravidanza, con la salute del nascituro stesso. Quattro sono gli appuntamenti dove sarà affrontata la tematica declinata nelle 4 fasi principali della donna: adolescenza, fase preconcezionale, gravidanza e puerperio, e menopausa.


Venerdì 22 aprile

WEBINAR: Le differenze di genere nelle malattie reumatiche
Venerdì 22 aprile 2022 – dalle ore 09:00 alle ore 18:00

La medicina di genere e la medicina di precisione attualmente rappresentano due branche che si integrano alla medicina “convenzionale” volti alla personalizzazione delle varie fasi di un percorso condiviso con il paziente che vanno dalla diagnosi alla terapia, quindi al follow-up di ogni singolo paziente. L’impatto fisico e psicologico di una malattia, la risposta ai farmaci, il coping sono profondamente diversi nel genere femminile e maschile e le strategie terapeutiche devono considerare tutti quei fattori che potranno incidere sul successo della terapia, sull’aderenza terapeutica e sulla qualità di vita. La medicina di genere rappresenta un approccio innovativo ad ogni patologia, ma nelle malattie reumatiche, che come sappiamo, specialmente nelle forme autoimmuni, si declinano al femminile, in alcuni casi con un rapporto di 9 a 1. È importante che ci sia una attenzione ai bisogni delle pazienti e dei pazienti con sperimentazioni mirate, con terapie dedicate, con strategie che possano migliorare la qualità di vita di persone che convivono con patologie croniche in alcuni casi fortemente invalidanti e che devono quindi poter beneficiare di un approccio integrato e personalizzato.

Le differenze di genere nelle malattie reumatiche


WEBINAR: Protocollo aziendale dell’ausl della romagna: il percorso di accoglienza e presa in carico in pronto soccorso delle donne che subiscono violenza di genere
Venerdì 22 aprile 2022 – dalle ore 15:00 alle ore 15:30

La violenza contro le donne rimane tutt’oggi un fenomeno sottostimato, scarsamente riconosciuto, spesso oggetto di intolleranza ed insofferenza. I dati della WHO confermati da quelli dell'ISTAT indicano come 1 donna su 3 faccia esperienza nel corso della propria vita di una qualche forma di violenza (fisica, sessuale, psicologica, economica) e come l'autore sia legato molto spesso alla donna da un legame affettivo. La violenza vissuta dalle donne non appartiene alla sfera delle marginalità ma si manifesta in modo trasversale senza distinzioni in relazione a classe sociale, livello culturale, etnia, religione.  L'OMS ormai da tempo ha decretato come la violenza rappresenti un problema di salute pubblica.  Nell'ambito di tutti i Pronto Soccorso dell'AUSL Romagna (Ravenna, Lugo, Faenza, Forlì, Cesena, Rimini, Riccione), in modo uniforme, è da tempo operativa una procedura che guida il percorso di accoglienza e presa in carico in emergenza delle donne con vissuto di violenza. Nella giornata di venerdì 22 aprile, in occasione del (H)Open Week Settimana sulla Salute della Donna, sarà dedicato una breve contributo per presentare alla popolazione i passi fondamentali di questo percorso dedicato in particolare alle donne ma anche ai minori e alle persone fragili.

accoglienza e presa in carico in pronto soccorso delle donne che subiscono violenza di genere


INCONTRO VIRTUALE: “Endometriosi.”
Venerdì 22 aprile 2022 – dalle ore 14:30 alle ore 16:30

L’endometriosi può essere definita come un’infiammazione cronica benigna degli organi genitali femminili e del peritoneo pelvico, causata dalla presenza anomala, in questi organi, di cellule endometriali che, in condizioni normali, si trovano solo all’interno dell’utero. Nell’endometriosi, quindi, il tessuto endometriale va a posizionarsi in sedi diverse da quella fisiologica. È una patologia molto frequente nella popolazione generale e si calcola che possa interessare il 10-20% delle donne in età fertile. Colpisce infatti prevalentemente donne tra i 25 e i 35 anni ed è praticamente assente nell’età pre-puberale e post-menopausale. Benché nel nostro paese siano affette da endometriosi tre milioni di donne circa, la diagnosi è nel 30-40% dei casi accidentale e avviene durante controlli ginecologici di routine o controlli specialistici eseguiti per altre patologie. In occasione della Giornata nazionale sulla salute della donna, venerdì 22 aprile dalle ore 14:30 alle ore 16:30, i ginecologi incontrano le donne sulla piattaforma Google Meet per affrontare il tema dell’endometriosi rispondendo ai quesiti che maggiormente affliggono le donne.

Per partecipare utilizzare il link

Endometriosi

Si consiglia di utilizzare il programma Google Chrome o scaricare l'app Google Meet sul proprio smartphone.


INCONTRO VIRTUALE: “La salute della donna nelle diverse fasi della vita: Salute donna in gravidanza e dopo il parto.”
Venerdì 22 aprile 2022 – dalle ore 17.00 alle ore 18.00

L’Unità Operativa di Ginecologia e Ostetricia incontra la popolazione femminile sulla piattaforma Zoom sensibilizzando le partecipanti al tema “La salute della donna nelle diverse fasi della vita”. Ogni momento della vita della donna ha peculiarità che richiedono un’attenzione specifica e particolare e in ognuno di questi momenti è necessario porre la giusta attenzione e consapevolezza in quanto strettamente correlati l’uno con l’altro, e nel caso della gravidanza, con la salute del nascituro stesso. Quattro sono gli appuntamenti dove sarà affrontata la tematica declinata nelle 4 fasi principali della donna: adolescenza, fase preconcezionale, gravidanza e puerperio, e menopausa.

Per partecipare su Zoom, è possibile iscriversi al segente link:

Salute donna in gravidanza e dopo il parto


Sabato 23 aprile

INCONTRO VIRTUALE: “HPV Test e Percorso Oncoginecologico di Forlì: attività e aggiornamenti”
Sabato 23 aprile 2022 – dalle ore 09:00 alle ore 13:00

Numerose evidenze scientifiche dimostrano quanto sia importante per la paziente Onco ginecologica affidarsi alle cure di équipe competenti in grado di interfacciarsi con le discipline sanitarie coinvolte nel trattamento delle patologie neoplastiche.  Negli ultimi 15 anni il percorso onco ginecologico dell’ospedale di Forlì si è costantemente dedicato alla cura di queste patologie con l’intento di garantire appropriatezza e competenza. L’incontro ha lo scopo di fornire informazioni sulle attività svolte in tale ambito, sui fattori di rischio in grado di favorire lo sviluppo dei tumori ginecologici, sulla corretta prevenzione delle neoplasie femminili e sul riconoscimento di centro di riferimento per la cura delle neoplasie ovariche in Romagna. Sarà inoltre possibile chiarire il ruolo dell’HPV nello sviluppo del carcinoma cervicale, l’importanza del vaccino HPV e dello screening per la prevenzione di questo tumore.


INCONTRO APERTO ALLA POPOLAZIONE, VIRTUALE E IN PRESENZA “La neurologia è donna. Le donne incontrano la neurologia: sclerosi multipla, cefalea, epilessia.”
Sabato 23 aprile 2022 – dalle ore 09:00 alle ore 12:30

In occasione dell’(H)Open Week sulla Salute della Donna, l’U.O. di Neurologia di Ravenna ha scelto di incontrare la popolazione femminile, sabato 23 aprile, in presenza presso l’Aula Magna Omero Triossi - Ingresso Viale Randi dell'Ospedale di Ravenna (vicino al reparto di Oncologia), in modalità online, per informare e confrontarsi su le tre principali patologie neurologiche che colpiscono maggiormente il genere femminile: Sclerosi multipla, Emicrania, Epilessia.

Queste patologie neurologiche hanno un impatto epidemiologico importante sulla popolazione e soprattutto sulla salute della donna, non solo per gli aspetti patologici, ma anche per le interferenze sulla qualità di vita e la loro realizzazione nei vari ambiti sociali e famigliari.

La sclerosi multipla è una patologia neurologica infiammatoria, a genesi autoimmune, cronica che colpisce le donne con un rapporto F/M 3 a 1, predilige la fascia d’età fra i 20 e 40 anni, quindi nell’età fertile ovverosia la fase più florida e produttiva della loro esistenza, inficiando la qualità di vita delle pazienti con pesanti ripercussioni che investono la sfera personale, familiare, socio-relazionale e lavorativa. Proprio in ragione della natura cronica, del decorso imprevedibile caratterizzato da riacutizzazioni del quadro clinico che può essere progressivamente invalidante e della sua insorgenza in giovane età, la sclerosi multipla è stata identificata dall’OMS tra le malattie socialmente più costose.

L’emicrania, è una malattia ad andamento cronico, spesso molto invalidante. Secondo i dati dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, la terza patologia più frequente del genere umano e la più disabilitante in assoluto se si considerano le donne di età fino ai 50 anni. In Italia sono 15 milioni le persone che hanno manifestato almeno un episodio di emicrania nella loro vita, di questi 11 sono donne. Può essere, quindi, a pieno titolo, definita una patologia di genere. Nonostante i nuovi approcci terapeutici sono sempre le donne a lamentare maggiormente l’impatto sociale e lavorativo che questa patologia determina con difficoltà che si manifestano sul lavoro (40 per cento vs 27 per cento), nello svolgimento delle attività domestiche e familiari (36 per cento vs 18 per cento) e nella gestione dei figli (19 per cento vs 8 per cento). In generale, il 70 per cento dei pazienti dichiara di non riuscire a fare nulla durante l’attacco e il 58 per cento vive nell’angoscia dell’arrivo di una nuova crisi.

L’epilessia è una malattia che presenta ancora molti problemi dal punto di vista diagnostico e sociale, quando si tratta di donne, le difficoltà possono aumentare. Tra le più diffuse al mondo, la malattia neurologica colpisce 500.000 persone con 30.000 casi nuovi l’anno e in egual misura uomini e donne. Tra gli elementi tipicamente “femminili” da considerare, ci sono i rapporti tra ormoni e insorgenza delle crisi, la scelta dei farmaci antiepilettici e la loro interazione con la terapia contraccettiva, gli effetti dei farmaci antiepilettici sui metabolismi e sugli ormoni sessuali, l’influenza dell’epilessia sulla fecondità, la gravidanza, la menopausa e il metabolismo osseo.

Per partecipare in presenza si richiede di esibire il green pass e di essere dotato di tutte le misure anti-covid.

Chi desiderasse seguire il seminario da remoto , troverà presto su questa stessa pagina il link al seminario,

La neurologia è donna. Le donne incontrano la neurologia: sclerosi multipla, cefalea, epilessia. 


INCONTRO VIRTUALE APERTO ALLA POPOLAZIONE: “La salute della donna nelle diverse fasi della vita”
Sabato 23 aprile 2022 – dalle ore 10.00 alle ore 11.00

In occasione dell’(H)Open Week sulla Salute della Donna, l’U.O. di Ginecologia e Ostetricia ha scelto di incontrare la popolazione femminile, sabato 23 aprile, presso la piattaforma Zoom per informare e confrontare la popolazione femminile al tema di prevenzione oncologica delle patologie ginecologiche.

Martedì 26 aprile

INCONTRO VIRTUALE: “Diabete e Medicina di Genere: quale relazione”
Martedì 26 aprile 2022 – dalle ore 14:30 alle ore 15:30

La medicina di genere focalizza le numerose differenze tra uomini e donne ed in particolare negli ultimi anni si è posta attenzione alle malattie cardiovascolari e ai fattori di rischio quali per esempio il diabete.

Nell’ambito della ricerca sul diabete di tipo 2, la medicina di genere ha messo a fuoco numerose differenze tra uomini e donne. Per esempio, il rischio cardiovascolare e cerebrovascolare è maggiore nelle donne. Le donne con diabete di tipo 2 tendono ad avere, rispetto agli uomini, un maggior indice di massa corporea, pressione alta, peggiori profili lipidici e maggiore difficoltà a raggiungere i valori di controllo della glicata. Ne consegue un maggiore rischio di complicazioni. 

Anche l’effetto dei farmaci presenta significative differenze tra uomini e donne, sia per quanto riguarda l’efficacia sia gli effetti collaterali. Le ragioni della differenza di genere, in termini di malattie, risiedono nella carenza di strategie di prevenzione nella donna, minore accesso alle cure, minore attenzione alla gestione delle malattie soprattutto metaboliche. È necessario pertanto sviluppare strategie di prevenzione adeguate e creare una coscienza di self-care.

Gli Standard di cura del diabete AMD-SID e la recente Consensus ADA-EASD pongono la prevenzione delle complicanze croniche e la preservazione della qualità della vita come obiettivi centrali della cura della malattia diabetica, obiettivi da ottenere personalizzando la terapia in modo sartoriale sul paziente. Identificare ed affrontare dal punto di vista epidemiologico e clinico-terapeutico le differenze di genere è la prima basilare forma di personalizzazione della cura del diabete.

In questi ultimi anni l’attenzione al genere in medicina sta crescendo e sia le società scientifiche, sia le Istituzioni che la letteratura internazionale, incluse le grandi riviste quali Science e Nature, ripetutamente ci sollecitano a porre l’attenzione al “genere”, segno che è ormai necessario recuperare il tempo perduto per migliorare l’assistenza degli uomini e delle donne ad elevato rischio CVD, come i nostri pazienti con diabete.

Le nostre società scientifiche diabetologiche SID e AMD si occupano di tali problematiche da anni e il gruppo di Studio AMD Medicina di Genere ha prodotto due monografie specifiche Annali Differenze di Genere nel diabete tipo 2 e tipo 1 analizzando l’assistenza diabetologica attraverso i dati delle cartelle cliniche utilizzate in molti centri di diabetologia in Italia.


INCONTRO VIRTUALE: “Diagnostica prenatale non invasiva.”
Martedì 26 aprile 2022 – dalle ore 14:30 alle ore 16:30

I test di screening in Italia sono offerti con l’obiettivo di stimare precocemente il rischio che il feto sia affetto da anomalie cromosomiche, in primo luogo la sindrome di Down, (trisomia 21), che è la più frequente. Un test di screening è un test che consente di selezionare, nella popolazione generale, un ristretto gruppo di donne ad alto rischio a cui riservare l'offerta dei test diagnostici invasivi (amniocentesi, villocentesi). Le strategie di screening prenatale per le anomalie cromosomiche, prevalentemente per la trisomia 21, attualmente disponibili e offerte in molte Regioni italiane dal Servizio Sanitario Regionale, sono il test combinato (o bitest) e il NIPT, test prenatale del DNA fetale nel circolo materno.

Per quanto riguarda l’informazione pre-screening, come raccomanda la Linea guida Gravidanza Fisiologica, deve essere offerta a tutte le donne al primo colloquio con l'operatore sanitario - medico e/o ostetrica - e può essere fatta singolarmente (colloquio tra un operatore, medico o ostetrica e una donna/coppia) oppure a piccoli gruppi di donne/coppie che effettuano insieme un colloquio con un sanitario. Martedì 26 aprile dalle ore 14:30 alle ore 16:30, i ginecologi incontrano le donne sulla piattaforma Google Meet affrontando il tema della diagnostica prenatale non invasiva.


WEBINAR: “Chirurgia ricostruttiva: trattamento post intervento carcinoma della mammella”
Martedì 26 aprile 2022 – dalle 15:00 alle 17:00

L’U.O.C di Chirurgia Senologica Forlì (Ravenna-Faenza), aderisce al progetto della Fondazione Onda attraverso il contributo in modalità digitale sulle informazioni della chirurgia ricostruttiva per le donne post trattamento chirurgico al tumore della mammella.

Sinergie nella terapia chirurgica del tumore della mammella - dott.ssa Annalisa Curcio

Nuove opzioni ricostruttive - dott. Francesco Marongiu


WEBINAR: “Riprendiamoci: fasi della vita quotidiana della donna durante e dopo la pandemia covid-19”
Martedì 26 aprile 2022 – dalle 16:00 alle 17:00

l’Unità Operativa del Servizio Psichiatrico Diagnosi e Cura di Ravenna, vuole mettere in evidenza come l’esperienza della pandemia Covid-19 abbia riacutizzato fenomeni relativi alla sfera psicologica o addirittura generato nuovi disagi.

Attraverso la presentazione del libro “Distanti non vale” di Marina Morellato e Maika Perugini, si coglie l’occasione di descrivere quali siano state le situazioni di disagio e quali le possibilità di risoluzione.

Distanti non vale

Attraverso il contributo della Dr.ssa Giuseppina Correddu, nella giornata di martedì 26 aprile, dalle ore 16 alla ore 17, sarà reso disponibile il video narrativo al tema “Riprendiamo : fasi della vita quotidiana della donna durante e dopo la pandemia covid-19”.

Riprendiamoci


INCONTRO VIRTUALE: “La salute della donna nelle diverse fasi della vita: Salute della donna in menopausa.”
Mercoledì 26 aprile 2022 – dalle ore 17.00 alle ore 18.00

L’Unità Operativa di Ginecologia e Ostetricia incontra la popolazione femminile sulla piattaforma Zoom sensibilizzando le partecipanti al tema “La salute della donna nelle diverse fasi della vita”. Ogni momento della vita della donna ha peculiarità che richiedono un’attenzione specifica e particolare e in ognuno di questi momenti è necessario porre la giusta attenzione e consapevolezza in quanto strettamente correlati l’uno con l’altro, e nel caso della gravidanza, con la salute del nascituro stesso. Quattro sono gli appuntamenti dove sarà affrontata la tematica declinata nelle 4 fasi principali della donna: adolescenza, fase preconcezionale, gravidanza e puerperio, e menopausa.

Il 30 marzo è stata inaugurata presso l’U.O.M.R. dell’Ospedale Infermi di Rimini “la Palestra didattica”, un innovativo modello tutoriale per facilitare l’apprendimento degli studenti iscritti al corso di laurea in fisioterapia dell’Università di Bologna.

Una fisioterapista, coordinatore didattico della sede formativa, prenderà in carico alcuni pazienti ambulatoriali dell’Unità Operativa per un percorso di valutazione e trattamento. Gli studenti del primo, secondo e terzo anno potranno osservare e interagire con la fisioterapista previa registrazione in un applicativo. Ogni studente, in relazione all’anno di corso, avrà a disposizione una griglia specifica di osservazione. Al termine dei trattamenti la fisioterapista ragionerà con gli studenti del caso clinico suggerendo approfondimenti secondo l’ottica Evidence Based Practice.

La palestra didattica è intesa come spazio aperto pertanto luogo di condivisione di idee, discussioni di casi clinici fra l’equipe riabilitativa dell’U.O., il personale del corso di laurea e gli studenti. In una ottica di integrazione, la palestra didattica inoltre, non sarà prerogativa unica dei professionisti del corso di laurea, ma di ciascun fisioterapista dell’U.O. che voglia dare il proprio contributo mettendo a disposizione la propria competenza per gli studenti. Un “ponte” fra didattica, ricerca e clinica: se ne gioveranno gli Studenti, i Professionisti, gli Utenti.

Hanno partecipato all’inaugurazione La Dott.ssa Cristina Fabbri, Direttrice Direzione Infermieristica e Tecnica Ambito Rimini, il Dott. Riccardo Galassi Direttore dell’U.O.M.R, il Dott. Domenico D’Erasmo, RID - Responsabile Assistenziale Dipartimento Cure Primarie e Medicina di Comunità di Rimini e Dirigente Aziendale di Area Riabilitativa, la Dott.ssa Lucia Bertozzi Responsabile delle sedi formative di Cesena e Rimini del Corso di Laurea in Fisioterapia, la Dott.ssa Elisa Gatti, Coordinatore dell’U.O.M.R e la Dott.ssa Silvia Faenza, Coordinatore Didattico del Corso di Laurea in Fisioterapia.

Il Corso di Laurea in tecniche di Radiologia di Rimini – Ausl della Romagna ha accolto, per 3 mesi, 11 studenti in programma Erasmus: 3 studenti dall’Università di Applied Sciences di Haarlem – Olanda, 2 Studentesse dell’Università di Porto in Portogallo, 4 studenti della University College of Dublin in Irlanda e 2 studentesse dall’University of applied Sciences di Turku in Finlandia.

Tutti gli studenti hanno frequentato 24 ore di lezione in lingua Inglese su “Psychological and communication strategies in patient care for Radiographers (MRI, NM, RT and radiography in emergency)”, 24 ore di alfabetizzazione di Lingua e cultura Italiana e 280 ore di tirocinio presso l’ospedale Infermi di Rimini e presso la Medicina Nucleare di Cesena.

Tutte le Unità Operative si sono messe a disposizione e hanno collaborato al meglio per il raggiungimento degli obietti formativi. La lingua Inglese non è risultata una barriera ma un collante per la condivisione di programmi e protocolli scientifici di indagine.

Il Responsabile delle attività didattiche professionalizzanti e di tirocinio, Dott. Gioele Santucci, ha accompagnato gli studenti nei tre mesi di stage e ha favorito il loro inserimento nei vari contesti ospedalieri.

Il Corso di Laurea di Tecniche di Radiologia dell’Università di Bologna è l’unico corso italiano inserito nel programma ERG (erasmus radiography group- https://www.erasmus-rad-group.org/web/) dell’Unione Europea e collabora con 22 Università Europee. Ha ricevuto negli ultimi anni 7 visiting Professor e promuove lezioni e seminari sulle nuove tecnologie e Intelligenza Artificiale, anche in lingua Inglese. Per il 2023, da Gennaio ad Aprile, 12 studenti italiani saranno in outgoing verso le maggiori Università partner Europee.

In occasione della Festa del Papà, la Fondazione Onda, organizza un weekend di sensibilizzazione della popolazione sul tumore alla prostata che prevede servizi gratuiti clinico-diagnostici e informativi all’interno degli Ospedali del Network Bollini Rosa. Ogni unità operativa di Urologia della AUSL della Romagna ha attivato iniziative di divulgazione e consulenza nei confronti della popolazione maschile coinvolta.

L'Azienda USL della Romagna informa tutta la cittadinanza dello sciopero generale nazionale riguardante tutti i settori pubblici, privati e cooperativi indetto dalle Associazioni Sindacali COBAS, SLAI COBAS per il Sindacato di Classe, USB, USB Pubblico Impiego, USB Lavoro Privato, CUB, USI, COBAS Sanità Università e Ricerca, SGB, SI-COBAS e CUB Sanità per l’intera giornata dell’8 marzo 2022.

Nelle giornate dello sciopero saranno assicurati i servizi pubblici essenziali attraverso l’erogazione delle prestazioni indispensabili non dilazionabili nel rispetto della vigente normativa.

L’Emilia-Romagna è pronta a garantire l’accoglienza di profughi dall’Ucraina.

Da un lato attraverso la rete nazionale dei Cas (Centri di accoglienza straordinaria) e del Sai (Sistema di accoglienza e integrazione) che il Governo sta attivando nei territori, gestita dalle Prefetture (5mila posti Cas e 3mila Sai a livello nazionale) d’intesa con gli Enti Locali; dall’altro garantendo tutti i posti che dovessero rendersi necessari attraverso un proprio piano, definito dall’Agenzia regionale di Protezione civile. Inoltre, l’Emilia-Romagna ha già inviato al Dipartimento nazionale di Protezione civile l’elenco dei presidi sanitari richiesti, disponibili qualora richiesti.

Intanto, la Giunta regionale ha deciso di avviare una raccolta fondi rivolta ai cittadini dell’Emilia-Romagna.

Chiunque potrà versare – indicando con chiarezza la causale “EMERGENZA UCRAINA” - al seguente Iban: IT69G0200802435000104428964. Dall’estero, codice Bic Swift: UNCRITM1BA2

Il conto corrente è intestato all’Agenzia per la sicurezza territoriale e la protezione civile dell’Emilia-Romagna.

Appreso che a Faenza era in corso la raccolta di presidi sanitari in favore della popolazione ucraina, i dipendenti della U.O. Programmazione e Acquisti si sono subito rimboccati le maniche. In un giorno hanno selezionato, inscatolato e trasportato a Faenza la campionatura gratuita presentata in gare d’appalto concluse.

Cittadini ucraini residenti a Faenza, infatti, in contatto con associazioni di volontariato presenti in Ucraina e la C.R.I., si sono riuniti spontaneamente per raccogliere materiale sanitario e di prima necessità per l’invio in patria.

Con il riuso della campionatura, altrimenti destinata allo smaltimento, al comportamento ecologista, si unisce l’impulso solidaristico dei dipendenti che hanno offerto la loro opera per rendere possibile la raccolta.

I beni raccolti già sabato partiranno per l’Ucraina, hanno assicurato i volontari che, commossi, ringraziano l’A.U.S.L. della Romagna e i suoi dipendenti.

La peste suina africana (PSA), presente da qualche mese in un’area delimitata del territorio della Liguria e del Piemonte, è una malattia virale che colpisce suini e cinghiali e NON è trasmissibile, in alcun modo, all’uomo.

Il contagio avviene prevalentemente tra il suino allevato e i cinghiali selvatici, ma anche le carni ed i prodotti derivati possono essere fonte di trasmissione.

Per contrastare il diffondersi della malattia – che ha carattere di alta contagiosità – i Servizi Veterinari svolgono controlli presso gli allevamenti di suini per verificare il rispetto e l’applicazione delle norme di biosicurezza atte ad impedire l’ingresso del virus.

E’ importante rilevare precocemente la presenza del virus nel territorio; per questo chiediamo la collaborazione di tutti al fine di segnalare tempestivamente ed analizzare ogni cinghiale rinvenuto morto.

Leggi attentamente le indicazioni delle locandine allegate e contribuisci, anche tu, al contenimento della malattia: il suo diffondersi potrebbe causare seri danni economici a tutta la filiera suinicola, nonché alle pregiate produzioni della salumeria nazionale.

Per ulteriori informazioni e aggiornamenti: http://www.alimenti-salute.it/salute-animali/psa-peste-suina-africana

Allegati

Cerca notizia

Archivio