Venerdì, 11 Agosto 2017 09:07

Salute mentale: contro lo stigma flash mob e Sirtaky a Cesenatico

Vota questo articolo
(2 Voti)

Bella e partecipata iniziativa, mercoledì sera, a Cesenatico. Si è infatti svolto un flash mob "a base" di Sirtaky, la tradizionale e coinvolgente danza greca, per sensibilizzare rispetto all'attività del Centro di Salute Mentale e per contrastare lo stigma.

Commentano gli operatori del ramo: "Il rapido cambiamento degli stili, valori e comportamenti nel mondo reale comporta riflessioni costanti nei servizi di salute mentale orientati al inclusione sociale, alla prevenzione, al miglioramento della qualità della vita delle persone in cura ma anche dei contesti territoriali. Il ritmo attuale del vivere non sempre permette quella attenzione a se stessi generando nel lungo periodo insoddisfazioni, sofferenze, precarietà e solitudini con conseguente individualizzazione e separazione del proprio disagio dal contesto sociale. Un Centro di Salute Mentale orientato ai bisogni delle persone non può esimersi di considerare quali azioni possano introdurre momenti ed occasioni per le persone di riappropriarsi di un piccolo tempo come occasione di respiro.

Si aggiunge attenzione verso il mondo dei giovani per la creazione di una efficace confidenza dell’adolescente con servizi che potrebbero sostenere o aiutare in momenti di difficoltà". Per tali motivi il Centro di Salute Mentale ha iniziato una proficua collaborazione con il Comune di Cesenatico e con il Liceo di Scienze Umane "Ferrari" sempre di Cesenatico, per la creazione di un evento di sensibilizzazione, partecipazione e presentazione di sani contatti tra gli utenti del Centro e gli studenti del Liceo. E in questo senso "il flash mob è uno strumento di provocazione e coinvolgimento, attraverso uno spot temporale limitato, delle persone che in quel momento passano nella via. Un modo per sorridere e incuriosire favorendo un’attesa, una considerazione e una curiosità. E’ stato donato da parte del Comune di Cesenatico, ad ogni persona presente all’evento un piccolo cartoccio della tradizionale frittura mista di Cesenatico in modo da coniugare  il ricordo dell’ evento ludico/preventivo e rilassante ad una tradizione sottolineando ulteriormente le caratteristiche di accoglienza della Romagna.

Ovviamente la lunga preparazione dell’evento ha comportato la vicinanza fra utenti e studenti e nell’apprendere una danza, una elaborazione delle proprie capacità la acquisizione di un sapere di se stessi e dell'altro a noi accanto con abbattimento di barriere e preconcetti a favore dell’integrazione e del riconoscimento delle persone. Ognuno con le proprie caratteristiche, difficoltà e abilità, insieme fra la gente e per la gente senza il pregiudizio dello stigma portatore di esclusione.

Contiamo di proseguire esperienza del ballo di piazza attraverso la prosecuzione del progetto anche nel prossimo anno sia in considerazione della partecipazione e stupore della 'piazza' sia come possibilità di implementare costantemente la qualità della vita delle persone in cura e la confidenza degli adolescenti nel chiedere aiuto o consigli in una età che generalmente esclude chi non fa parte del gruppo dei pari".

Il Centro di Salute Mentale ringrazia, infine, il Sindaco di Cesenatico Matteo Gozzoli, il maestro di danza Thomas Bertuccioli e Ivano Pollini di Cesena Danze,  il preside del Liceo Scientifico "Enzo Ferrari" di Cesenatico Giovanni Maria Ghidetti con il professor Massimiliano Gallo assieme a tutti gli studenti, "ma un grazie speciale - concludono gli operatori e i professionisti - va alle persone utenti del Centro di Salute Mentale che hanno offerto tramite se stessi, un momento di gioco intelligente per il superamento dello stigma e del disagio psichico e psicologico, evidente o nascosto nelle drammatiche solitudini".

Letto 303 volte

Archivio