Mercoledì, 11 Ottobre 2017 11:39

Musicoterapia, nel reparto di Pediatria dell'ospedale di Ravenna prosegue con successo il progetto avviato a maggio

Vota questo articolo
(3 Voti)

Prosegue con successo nel reparto di Pediatria dell’ospedale di Ravenna il progetto di Musicoterapia partito nel mese di maggio. A sei mesi dall’avvio, lunedì 9 ottobre si è tenuto un incontro tra le curatrici del progetto e le aziende e gli sponsor che hanno contribuito alla sua realizzazione, per fare il punto sui risultati conseguiti, anche alla luce del buon gradimento espresso dai piccoli degenti e dai loro genitori: da maggio ad oggi, le Mucicoterapeute sono state presenti in reparto 18 pomeriggi ed hanno incontrato 92 bambini ed adolescenti ricoverati. Ai piccoli degenti è stata offerta la possibilità di essere coinvolti in attività musicali sia attive che recettive, di ascoltare canzoni e musiche preferite, di cantare e suonare con semplici strumenti messi a disposizione per coinvolgerli attivamente in esperienze espressive e piacevoli.

La Musicoterapia è un metodo di cura non farmacologica e complementare alle terapie mediche sempre più presente e utilizzata all'interno delle equipe multidisciplinari integrate; ogni martedì pomeriggio due musicoterapeute sono presenti in reparto per incontrare i bambini ricoverati nelle loro stanze e poter trascorrere un po’ di tempo insieme a loro coinvolgendoli in esperienze musicali interattive. Ormai sono numerosi gli studi e le ricerche in ambito pediatrico su scala internazionale che confermano gli effetti positivi della musicoterapia a livello corporeo, cognitivo ed emotivo – affettivo. Rispetto alla condizione di ospedalizzazione in età pediatrica le ragioni per cui un bambino può essere indirizzato alla musicoterapia includono problematiche connesse all’ansia e alla depressione, al dolore e alla forzata immobilità fisica, alla gestione della rabbia e al progressivo isolamento e ritiro dalle relazioni.  Con la musicoterapia si mira in questo contesto a ridurre l'ansia e la paura percepite, migliorare la gestione del dolore, favorire il rilassamento e il coinvolgimento attivo con conseguenze positive sulle relazioni, sul coping e sulla resilienza del paziente. In musicoterapia la musica e gli elementi del linguaggio sonoro vengono utilizzati all’interno di una relazione di cura per alleviare i sintomi, favorire l’allentamento dello stato di tensione e sostenere l’espressione e la condivisione di complesse e difficili emozioni connesse alla malattia e all’ospedalizzazione al fine di migliorare la qualità di vita dei pazienti.  

Erano presenti all’incontro il Dott. Paolo Missiroli della Direzione Sanitaria del Presidio Ospedaliero di Ravenna, il Dott. Federico Marchetti, Primario del Reparto di Pediatria, le musicoterapeute dell’associazione MusicSpace Italy Dott.ssa Barbara Zanchi e Dott.ssa Jenny Burnazzi, il Dott. Luca Vitiello, Amministratore Delegato Docks Cereali, la Dott.ssa Anna Mantice Presidente C.d.A Gesmar, la Dott.ssa Ivana Cimatti Coordinatrice Infermieristica della Pediatria, il Dott. Piero Roncuzzi e il Dott. Paolo Ghetti della Banca di Credito Cooperativa, Il Dott. Angelo Carella della SIMAP S.r.l.- Società Italiana Mare Pulito - , il Dott. Alfredo Branzanti Presidente dell’Orchestra Sinfonica La Corelli, il Dott. Ottavio Righini di 50&PIU’ Confcommercio e Signora, la Sig.ra Cristina Luciani Presidente di AGEBO, la Sig.a Roberta Ravaioli Vice Presidente di AGEBO, la Sig.ra Sophie Berard Coordinatrice AGEBO.

Letto 105 volte

Archivio