L'Istituto Alberghiero "P.Artusi" di Forlimpopoli parteciperà alla giornata finale del progetto Regionale "SCEGLI CON GUSTO, GUSTA IN SALUTE" a Reggio Emilia

Scritto da
Vota questo articolo
(1 Vota)

L'Istituto Alberghiero "Pellegrino Artusi" di Forlimpopoli parteciperà all'evento finale del progetto "Scegli con gusto, gusta in salute", che si svolgerà giovedì 10 maggio, presso "Luoghi di Prevenzione - Centro Regionale di Didattica Multimediale per la Promozione della Salute" , a Reggio Emilia. L'occasione sarà un momento di scambio e di confronto su ciò che questi progetti sono stati e su ciò che potranno essere in futuro.

Il progetto "Scegli con gusto, gusta in salute", inserito nei Piani di Prevenzione, è rivolto specificamente agli Istituti Alberghieri e prevede attività in cui si lavora sulle abitudini degli adolescenti in riferimento ad alimentazione, pratica dell'attività fisica e consumo di alcol e si pone l'attenzione sulla scelta e la preparazione di cibi e bevande in riferimento alla promozione del benessere psicofisico; inoltre si vuole favorire il cambiamento culturale degli operatori  del settore per influenzare le abitudini di una comunità. Gli Istituti Alberghieri diventano così anche un punto di riferimento per le Scuole aderenti al progetto Paesaggi di prevenzione in quanto si fanno carico della realizzazione di laboratori didattici esperienziali legati alla "peer education" per tutte le Scuole coinvolte. Il progetto, articolato in diversi step,  ha visto il coinvolgimento del Liceo Scientifico Fulcieri Paulucci De Calboli (indirizzo sportivo), Liceo Classico "G.B. Morgagni e l'Istituto Professionale" Ruffilli" di Forlì.  Nel corso dell'anno scolastico sono state organizzate due giornate di laboratori comuni. La prima, in data 12 dicembre 2017, organizzata in collaborazione con esperti della Medicina dello sport di Modena, in cui si sono affrontati temi riguardo alla biochimica dell'attività muscolare, l'alimentazione nello sport e integratori e uno specifico laboratorio di formazione per acquisire tecniche di realizzazione video. I ragazzi hanno sperimentato lo strumento per documentare e diffondere le attività realizzate attraverso i progetti. Nella seconda giornata, organizzata  il 26 aprile, gli studenti dell'Alberghiero hanno preparato alcune semplici ricette salutari con assaggio finale realizzate in collaborazione con esperti sanitari della Ausl e degli insegnanti. In tale occasione,  in collaborazione con la Medicina dello sport dell'Ausl Romagna (ambito Forli) si è attivato un dibattito con i ragazzi sulla sana alimentazione e la promozione dell'attività fisica. A conclusione della mattinata  i ragazzi delle scuole del forlivese  sono tornati a piedi, a ritmo di musica organizzata dai ragazzi. Al contempo, gli studenti "peer" già formati,  hanno effettuato attività di sensibilizzazione su questi temi con i ragazzi che frequentano le classi prime  del loro Istituto.

"La centralità degli stili di vita nel determinare lo stato di salute e il benessere dei giovani (e quindi anche la loro salute futura di persone adulte) - spiegano gli operatori Ausl che hannos eguito il progetto - è una delle importanti acquisizioni del moderno approccio alla promozione della salute.La presa di coscienza del rapporto di interdipendenza che si instaura tra ambiente e individuo ha fortemente influenzato sia le tematiche relative alla promozione della salute, sia gli studi che sono stati condotti al fine di comprendere le leggi che regolano l'adozione di stili di vita salutari e i processi di cambiamento dei comportamenti a rischio. Queste riflessioni sono state la base che ha indotto a modificare le sceltemetodologiche informative e formative che sono utilizzate nei progetti regionali proposti alle scuole e rendere l'alleanza con l'istituzione scolastica, una delle prioritarie azioni strategiche per gli obiettivi della Sanità Pubblica. Grazie alla disponibilità dei Dirigenti scolastici e dei docenti, da alcuni anni si sono avviati percorsi nel territorio dell'Ausl Romagna, per alcuni progetti in collaborazione con lo IOR, che vedono momenti formativi congiunti fra operatori sanitari e personale della scuola, l'avvio di processi che valorizzano gli elementi di contesto, l'inserimento nell'attività curriculare dell'educazione a sani stili di vita, il coinvolgimento degli studenti e in alcuni casi della comunità, seguendo la logica di "Scuole che promuovono salute". "

Letto 278 volte Ultima modifica il Martedì, 08 Maggio 2018 12:18
a cura della

Archivio

Mi piace