Andare per funghi in tutta sicurezza, sedi e orari dell’Ispettorato Micologico di Cesena

Scritto da
Vota questo articolo
(1 Vota)

Primi temporali autunnali hanno creato le condizioni ideali per la crescita dei funghi: lo sanno bene gli appassionati raccoglitori, che in questi giorni si stanno riversando sull’Appennino per riempire le proprie ceste. Ma sia per chi va in cerca di questi prelibati prodotti della natura nei boschi, nei prati e nei pascoli montani, sia per i semplici consumatori, ci sono alcune importanti raccomandazioni da seguire per evitare brutte sorprese. La raccolta di funghi, infatti, è disciplinata da leggi e regolamenti a tutela dell’ambiente e della salute dell’uomo.

“E’ bene raccogliere solo funghi freschi e di sicura commestibilità – avverte Giorgio Bisulli coordinatore dell’Ispettorato Micologico di Cesena Ausl Romagna – non impregnati d’acqua, ammuffiti, invasi da parassiti fungivori, semicongelati, troppo vecchi, eccessivamente piccoli o comunque al di sotto delle dimensioni previste dai regolamenti. Attenzione a non farsi ingannare dal gradevole odore: anche i funghi tossici possono esalare profumi piacevoli. E’ opportuno, poi, rimuovere le parti molto molli o fibrose, cuocerli a lungo per renderli più digeribili ed non congelarli da crudi”.

Un’attenta conoscenza micologica è propria di un professionista e non di amatori improvvisati: al minimo dubbio, è meglio rivolgersi all’Ispettorato Micologico dell’Ausl piuttosto che fidarsi dell’amico “esperto” o di alcune credenze popolari a volte prive di fondamento. Qualche esempio? I funghi del legno non sono tutti commestibili, le forme cespitose, a famigliola, sono comuni anche nelle specie tossiche; i funghi rosicchiati da animali e la presenza di lumache non può essere considerata la garanzia per la commestibilità dei funghi, in quanto questi consumano abitualmente anche specie mortali per l’uomo.

“Al minimo dubbio il miglior consiglio è fare controllare tutta la partita e non solamente un campione rappresentativo – spiega Bisulli – Quest’anno l’Ispettorato Micologico del Dipartimento di Sanità Pubblica di Cesena è già intervenuto per cinque episodi di intossicazione con 7 persone coinvolte che hanno ingerito “prataioli tossici”, “balute”, “colombine”, “false morette” “falso ordinario”  e altre specie pericolose, fortunatamente senza conseguenze fisiche permanenti. Non bisogna dimenticare che anche l’ingestione di funghi commestibili, ma in cattivo stato di conservazione può determinare la comparsa di sintomi gastro-enterici”.

Attenzione al corretto riconoscimento del fungo, buona conservazione dello stesso e adeguata osservanza delle prescrizioni relative alla cottura sono quindi le tre regole d’oro per un consumo sicuro. E’ comunque buona norma non far consumare funghi spontanei a bambini, persone anziane, donne in stato di gravidanza e a tutti coloro che soffrono di patologie allergiche, del fegato, stomaco ed intestino.

L’Ispettorato Micologico dell’Azienda Usl della Romagna ambito di Cesena effettua gratuitamente il controllo della commestibilità dei funghi raccolti per l’autoconsumo. A Cesena la sede si trova presso il Dipartimento di Sanità Pubblica (in via M. Moretti 99, tel. 0547 -352079) ed è aperta da aprile a novembre il lunedì e i giorni successivi alle festività infrasettimanale dalle 11.00 alle 12.30.

A San Piero in Bagno la sede dell’ispettorato Micologico si trova presso l’Ospedale “Angioloni” (via Marconi 36, tel. 0543 – 904113) ed è aperta il sabato dalle 11.00 alle 12.30.

 

Letto 312 volte Ultima modifica il Mercoledì, 10 Ottobre 2018 12:39
a cura della

Archivio

Mi piace