Psichiatria senza contenzione: un convegno a Ravenna il 25 e 26 ottobre

Scritto da
Vota questo articolo
(1 Vota)
L'immagine della locandina dell'evento L'immagine della locandina dell'evento

Nel quarantennale della legge 180 sulla salute mentale, il 25 e 26 ottobre prossimi il Servizio Psichiatrico di Diagnosi e Cura (Spdc) di Ravenna, diretta dal dottor  ha organizzato l’undicesimo convegno nazionale degli “Spsc no restraint”. L’evento avrà luogo presso Mariani Lifestyle, a Ravenna (tutti i dettagli nell’allegato pieghevole). I reparti in cui si è riusciti a minimizzare la contenzione meccanica durante le situazioni di crisi in corso di degenza. Infatti, anche se ovviamente tutti gli Spdc cercano di andare in questa direzinoe, alcuni sono riusciti, nel corso del tempo, ad utilizzarla pochissimo o a non utilizzarla. Questi Spdc fanno parte, appunto, del Club degli “Spdc no restraint” tra cui quello di Ravenna nel quale l’ultima contenzione è avvenuta nell’agosto del 2016: circa 26 mesi fa.

Il numero annuo di pazienti ricoverati presso il reparto ravennate si attesta sui 450 circa. Il numero delle contenzioni è stato gradualmente ridotto nel corso degli anni, passando dalle 150 del 2000 alle 3 del 2016 di cui l’ultima, ad oggi, eseguita nell’agosto di quell’anno.

Non sono presenti leggi o norme che regolamentino la contenzione meccanica essendo stato il  Regio Decreto 615/1909 abolito con la legge 180. Anche il Regio Decreto comunque stimagtizzava il ricorso alla contenzione meccania prevedendo che (Capo IV art. 60) che “nel manicomio debbono essere aboliti o ridotti ai casi assolutamente eccezionali i mezzi di coercizione degli infermi e non possono essere usati se non con l’autorizzazione scritta del direttore o di un medico dell’istituto. L’autorizzazione indebita dell’uso di detti mezzi rende passibili coloro che ne sono responsabili di una pena pecuniaria … L’uso dei mezzi di coercizione è vietato nella cura in Case Private”.

Nel 2006 il Comitato Europeo per la prevenzione della tortura ha segnalato che in Italia “Il potenziale di abuso e di maltrattamento che l’uso di mezzi di contenzione ìresta fonte di particolare preoccupazione … Purtroppo sembra che in molti degli istituti visitati vi sia un eccessivo ricorso ai mezzi di contenzione”. Per questo motivo la Conferenza delle regioni e delle provincie autonome ha, nel 2010, stilato delle raccomandazioni per prevenire le contenzioni fisiche in psichiatria. In seguito a ciò diverse regioni, ta cui l’Emilia Romagna, hanno emanato delle direttive per il suo controllo. Oltretutto il ricorso alla contenzione è stigmatizzato dagli Ordini Professionali e nel 2015 il Comitato nazionale di bioetica ha ribadito la necessità di un suo superamento.

La prima giornata del convegno è dedicata agli aspetti giurici e normativi relativamente alla contenzione meccanica non solo in ambito psichiatrico. E’infatti previsto anche l’intervento di giuristi, magistrati, amministratori e responsabili di servizi sociali.

La seconda giornata, più tecnica, prevede il confronto tra diversi SPDC nazionali rispetto agli aspetti strutturali, organizzativi e tecnici che sono alla base del superamento della contenzione come mostrato sia da esperienze nazionali che internazionali.

Alle due giornate parteciperanno anche associazioni dei familiari e degli utenti per illustrare il loro punto di vista.

 

Letto 388 volte Ultima modifica il Lunedì, 22 Ottobre 2018 15:19
a cura della

Archivio

Mi piace