Skip to main content

Il calendario 2020 realizzato con i disegni dei pazienti della Zignola

Pubblicato da:
Vota questo articolo
(5 Voti)
Il calendario 2020 realizzato con i disegni dei pazienti della Zignola Il calendario 2020 realizzato con i disegni dei pazienti della Zignola

Il calendario è stato realizzato con i Mandala scelti e colorati dagli ospiti della Residenza Zignola e dagli operatori presenti in turno, durante l’estate 2019, dopo alcuni esercizi di Meditazione nel corso di un progetto mirato all’acquisizione di Benessere.La Residenza Zignola di Forlì è una Struttura Aziendale, a Trattamento Riabilitativo, che ospita pazienti psichiatrici. La permanenza in Residenza si limita ad un periodo di tempo adeguato per la progettazione di percorsi individualizzati al fine del mantenimento delle abilità possedute dal paziente o per la loro riacquisizione dopo una condizione psicopatologica che ha determinato l’invio in Struttura.

I progetti sono elaborati, in accordo col paziente, la famiglia e l’equipe territoriale inviante al fine di giungere alla ripresa del ruolo sociale dei pazienti dopo la permanenza in Residenza e anche allo sviluppo di nuove abilità per una maggiore autonomia di funzionamento dopo la dimissione.

Il Mandala è un simbolo che rappresenta l'universo.I Mandala sono usati per focalizzare l'attenzione, per aiutare la meditazione, per ritrovare calma, equilibrio, pace e, in ultimo, aumentare la consapevolezza di sé.

Queste esperienze sono state progettate e condotte dalla Psicologa della RTR Zignola, d.ssa AnnaMaria Bellagamba, esperienze fatte insieme che hanno permesso lo stabilirsi di un ulteriorecontatto fra operatori e pazienti condividendo alla pari le emozioni e i vissuti provati.

Un sincero ringraziamento va agli ospiti della Residenza Zignola e anche agli operatori presenti, Infermieri e Operatori S.S. Tutti sono stati parte attiva, hanno voluto esprimersi dimostrando piacere e soddisfazione in questo tipo di esperienza che ha permesso lo stabilirsi di un ulteriore contatto fra operatori e pazienti condividendo, al loro pari, le emozioni provate.