Coronavirus, modifiche temporanee di alcuni servizi del San Giorgio di Cervia

Scritto da
Vota questo articolo
(1 Vota)

Nell'ambito del rapido evolversi del quadro relativo all'infezione da coronavirus, l'Azienda informa che anche l'Osco di Cervia è stato riconvertito ad "area Covid", cioè strutturato ed organizzato in modo da poter ospitare pazienti covid positivi, con particolare riferimento a quelli non autosufficienti, in spazi isolati e con l'assistenza prevista dai relativi protocolli.

Si tratta, va ben precisato, di una misura temporanea legata alla situazione di urgenza verificatasi all'interno di una struttura per anziani del territorio distrettuale, con necessità di garantire una risposta immediata a pazienti covid positivi.

In virtù del percorso formativo effettuato sugli operatori e delle misure organizzative predisposte, l'Osco di Cervia si presenta come una struttura sanitaria in possesso delle  caratteristiche necessarie  per essere utilizzata in massima sicurezza, e potrà garantire un adeguato percorso anche per i pazienti non autosufficienti  positivi al covid  che necessitano di un setting assitenziale di tipo riabilitativo in attesa di giungere alla guarigione o alla negatività del referto clinico per infezione covid 19.

L'Azienda ringrazia i pazienti  e i loro familiari che erano presenti presso   Osco  che hanno acconsentito ad accellerare la dimissione, prevedendo la realizzazione di   progetti personalizzati di dimissione protetta o trasferimento presso altre strutture, in modo che i 16 posti letto possano essere utilizzati - come detto in via temporanea - per pazienti covid postivi, in forte integrazione e in continuità  con gli specialisti ospedalieri e i Medici di Medicina Generale dei pazienti accolti.

Un ringraziamento e plauso per la collaborazione anche al Comune di Cervia, che ha compreso la rapida evoluzione della situazione e la delicatezza della condizione  di questi pazienti, dimostrandosi particolarmente attento all'evoluzione delle necessità sanitarie dei cittadini del Distretto Ravenna oltre che del territorio di Cervia.

Si ricorda, inoltre, che le attività del punto di primo intervento di Cervia è stata riconvertita in ambulatorio di Continuità assistenziale (cosiddetta guardia medica) con un medico presente tutti i giorni in orario diurno (dalle 8 alle 20), sempre in via assolutamente temporanea, nell'ottica di concentrazione delle risorse e dei servizi per il contrasto e contenimento dell'infezione da covid 19.

Cerca notizia

Archivio