Verso la graduale riapertura di alcuni servizi sospesi per Covid, secondo le Linee Guida regionali

Scritto da
Vota questo articolo
(4 Voti)

La Regione Emilia Romagna ha annunciato ieri, con suo comunicato stampa (clicca qui per leggerlo) che le Aziende sanitarie dell’Emilia Romagna potranno far ripartire, con gradualità, l’erogazione di prestazioni che erano state sospese, in quanto non urgenti, a seguito dell’evolversi del quadro epidemiologico legato all’infezione da Covid 19.

L’Ausl Romagna, così come le altre del Servizio Sanitario Regionale,  e in coerenza con le Linee Guida di prossima pubblicazione e con l’Ordinanza approvata dalla Regione,  sta attualmente predisponendo i necessari piani tecnici per consentire tale graduale ripresa, in completa sicurezza, delle attività programmate sia chirurgiche che ambulatoriali, contemperando, nella maniera più equilibrata possibile, la necessità di sicurezza negli accessi alle strutture sanitarie (al fine di non favorire un nuovo innalzamento di contagi) con le esigenze sanitarie della cittadinanza, sebbene non urgenti. Va infatti ben sottolineato, con l’occasione, che le prestazioni urgenti e non procrastinabili si sono sempre continuate ad erogare attivando tutte le modalità per farlo il più possibile in sicurezza.

Le attività che sono state progressivamente limitate riguardano, al contrario, prestazioni procrastinabili senza sostanziale pregiudizio per lo stato di salute dei pazienti, o di carattere meramente preventivo – consultivo.

Seguendo i dettami della Regione, sul fronte degli interventi chirurgici si partirà richiamando i pazienti in attesa con priorità maggiore, con particolare riferimento ai pazienti oncologici, e comunque valutando gli specifici casi clinici. L’indicazione è invece ancora quella di posticipare gli interventi ambulatoriali il cui esito non abbia sostanziale impatto sulla qualità di vita della persona.

Sul fronte della ripresa dell’attività ambulatoriale e territoriale sarà posto particolare riguardo ai pazienti con patologie croniche o rare. Sul fronte delle vaccinazioni si ripartirà col calendario vaccinale regionale per l’infanzia e vi sarà una graduale ripresa anche delle vaccinazioni per adulti, a partire dai portatori di malattie croniche. Riprenderà con gradualità anche l’attività legata agli screening oncologici.

Per queste attività i pazienti verranno richiamati direttamente dall’Azienda, non è dunque necessario effettuare prenotazioni tramite Cup o con altre modalità. Va inoltre chiarito che, in questa prima fase, l’attività ambulatoriale sarà riservata a cittadini dell’Emilia Romagna.

L’Azienda provvederà, in ogni caso, a dare puntuale ed adeguata informazione – così come è stato fatto quando si sono rese necessarie le sospensioni – mano a mano che i vari servizi e le varie attività riprenderanno, e fino ad allora resta valido l’assetto attuale.

Ultima modifica il Martedì, 28 Aprile 2020 16:35
a cura della

Cerca notizia

Archivio