images/headers/striscia_sfondo_A4.jpg
Stampa questa pagina

“Tutti a tavola!” Svezzamento, una guida per i genitori

Vota questo articolo
(6 Voti)
 
“Tutti a tavola!” Svezzamento, una guida per i genitori

 

 

PRESENTAZIONE

 

Antonella Brunelli, Direttore U.O. Pediatria e Consultorio Familiare Cesena

Questo lavoro nasce dalla necessità di accompagnare i genitori nel momento dell’introduzione di cibi solidi ai loro bambini, che costituisce una tappa particolare e molto importante dello sviluppo, inteso nel senso più globale del termine. Sedersi a tavola insieme e mangiare gli stessi alimenti rappresenta una fase evolutiva reciproca, nella quale i genitori riconoscono le capacità emergenti del bambino e ne rispettano la piena espressione.

Nasce dalla necessità di creare alleanze fra famiglie, pediatri e strutture educative e scolastiche, che rappresentano il luogo complementare più importante a quello domestico, contando sulla forza della collettività per l’attuazione di un modello di comportamento.

Nasce anche dall’esigenza di rivedere in chiave attuale un corretto stile alimentare, che tenga conto della qualità dei cibi, della giusta quantità e alternanza, nonché della sostenibilità ambientale.

Il nostro augurio è che questo libretto possa rappresentare un utile strumento per comprendere e imparare qualche “trucco del mestiere” da parte degli adulti di riferimento, e che possa ulteriormente diffondersi ed evolvere.

 

Enrico Valletta, Direttore Dipartimento Trasversale Salute Donna, Infanzia e Adolescenza Forlì-Cesena

L’alimentazione, la corretta alimentazione, i “giusti” modi e tempi dell’alimentazione nell’infanzia sono da sempre occupazione e preoccupazione dei pediatri e terreno di confronto costruttivo e dinamico con le famiglie.

Molto (quasi tutto) è cambiato in questo campo negli ultimi trent’anni, rimanendo l’allattamento materno una delle poche, immutabili, pietre angolari sulle quali ancora oggi costruiamo, giorno dopo giorno, il benessere dei bambini. Conclusosi questo periodo (breve o lungo che sia stato) di “certezze” nutrizionali, entriamo nel tempo di quello che una volta chiamavamo svezzamento e che oggi è più comunemente detto alimentazione complementare.

E’ un tempo nel quale l’incertezza delle famiglie (e ora cosa deve mangiare? Quanto? Come?) veniva circoscritta dal pediatra adottando un atteggiamento tendenzialmente rigido e prescrittivo. Oggi non è più così; la conoscenza e l’osservazione rispettosa delle tappe evolutive del bambino ci consentono di offrire ai genitori indicazioni di comportamento più personalizzate e, allo stesso tempo, più creative e libere. Sempre attenti al contesto familiare e al mondo di cultura e consuetudini nel quale il bambino sta crescendo, questo ci consente di avviare un progetto di educazione alimentare che ci auguriamo possa svilupparsi e continuare a dare buoni frutti negli anni a venire.

Condividere le buone pratiche e renderle patrimonio comune di pediatri, educatori e famiglie è compito fondante del livello dipartimentale dal quale questa utile guida prende le mosse. E’ un documento, frutto delle conoscenze e dell’esperienza di molti, che viene messo a disposizione di tutti. E al cui sviluppo, mi auguro, tutti vorranno dare il proprio contributo in futuro

In allegato, la guida scaricabile e stampabile

 

Ultima modifica il Giovedì, 18 Giugno 2020 11:40
a cura della