Ospedale di Rimini: sala riunioni intitolata a Francesca Fochessati grazie a RiminiAil

Scritto da
Vota questo articolo
(3 Voti)
Il momento dell'inaugurazione Il momento dell'inaugurazione

Una sala riunioni dedicata alla dottoressa Francesca Fochessati, grazie al contributo di RiminiAil. E’ stata inaugura ieri, alla presenza della dottoressa Catia Drudi (Direttore del Presidio Ospedaliero di Rimini, Santarcangelo e Novafeltria), del Presidente di RiminiAIL Eduardo Pinto, della dottoressa Patrizia Tosi (Direttore della Ematologia di Rimini), del dottor Davide Tassinari (Direttore della Oncologia di Rimini), e del dottor Pierleone Fochessati in rappresentanza della famiglia della dottoressa Francesca Fochessati. Nel pieno rispetto delle normative volte al contenimento della diffusione del Covid 19, è stata inaugurazione la sala riunioni delle due unità operative (Ematologia ed Oncologia) ed è stata intitolata a “Francesca Fochessati”, oncologa, scomparsa nel 2015 a seguito di malattia in ricordo della quale è stata scoperta una targa.

La sala, nominalmente attrezzata per contenere 25 posti a sedere, attualmente riconvertita a 9 posti in presenza a seguito delle attuali normative anti-covid, e realizzata grazie al contributo di RiminiAIL, è attrezzata per riunioni in presenza, così come per gestione riunioni in remoto con la modalità della videoconferenza, ed è già stata utilizzata nel mesi scorsi per consentire agli operatori di partecipare a congressi nazionali ed internazionali, così come di partecipare o gestire direttamente i meeting multidisciplinari di ambito ed aziendali, in una fase, quella del Covid, in cui non sarebbe stato altrimenti possibile partecipare a riunioni o gruppi di lavoro.

Le unità Operative di Ematologia ed Oncologia hanno voluto intitolare la sala alla dottoressa Fochessati, professionalmente nata e cresciuta all’interno dell’Ospedale “Infermi”, ove ha lavorato sia in Oncologia sia in Senologia fino a qualche mese prima della prematura scomparsa, e mai dimenticata per simpatia ed umanità da colleghi ed amici dell’ospedale. Assieme agli intervenuti con commozione sono stati ricordati alcuni momenti del percorso professionale della dottoressa all’interno del reparto e dell’Ospedale, sottolineando le doti di simpatia ed umanità, ancora vive nel ricordo di ognuno.

Cerca notizia

Archivio