Un "seme" magnetico per individuare meglio il tumore della mammella, grazie ad una donazione della Fondazione Taccia alla Breast Unit di Rimini

Scritto da
Vota questo articolo
(3 Voti)
La donazione e una targa in ricordo La donazione e una targa in ricordo

La Breast Unit di Rimini ringrazia la Fondazione Taccia per la fornitura del sistema MagSeed per la localizzazione magnetica delle lesioni non palpabili. Un importante ausilio per qualificare ulteriormente l’offerta clinica del servizio, già di prim’ordine, come testimoniato, tra le altre cose, dal conferimento, per il terzo triennio consecutivo, della Certificazione Europea Eusoma.

La donazione della Fondazione Taccia è un presidio costituito da un piccolo “seme” magnetico che il radiologo senologo può posizionare, in guida ecografica o radiologica, all’interno della lesione tumorale, anche quando tale lesione è di dimensioni millimetriche, in modo che rappresenti un “bersaglio sicuro” per il chirurgo che poi andrà ad effettuare l’intervento chirurgico di asportazione del tumore. Il chirurgo è in grado di reperire il marcatore direttamente in sala operatoria tramite un “rilevatore magnetico” che localizza il “seme” con estrema precisione. Questa metodica consente al percorso diagnostico-terapeutico senologico di ridurre i tempi tra diagnosi ed intervento chirurgico, di ridurre l’invasività degli interventi e di ottimizzare la gestione delle liste operatorie. La donazione ha un valore di circa trentamila euro.

La Breast Unit di Rimini, diretta dal dottor Lorenzo Menghini, si compone di tutte le specialità specifiche per la presa in carico della paziente dalla fase diagnostica a quella chirurgica, terapeutica e di follow up: il radiologo senologo, il chirurgo senologo, l'oncologo, il radioterapista, l'anatomopatologo, il medico per la riabilitazione, l'infermiere case manager, lo psicologo, il data manager, il tecnico di radiologia, il fisioterapista, l'infermiere. Ogni anno la Breast Unit di Rimini prende in cura circa 450 nuovi casi di pazienti con una prima diagnosi di tumore della mammella. Il MagSeed è utilizzato in tutti i casi in cui la prevenzione è stata così efficace da individuare lesioni millimetriche non ancora palpabili.

La cerimonia ufficiale di consegna si è tenuta questa mattina, in presenza del presidente della Fondazione Taccia Andrea Paolo Rossi, accompagnato da alcuni consiglieri, del dottor Lorenzo Menghini, Direttore della Breast Unit e dalla dottoressa Sonia Santicchia, della dottoressa Catia Drudi direttore medico del presidio ospedaliero e della dottoressa Elisabetta Montesi, responsabile Fundraising Ausl Romagna. Un ringraziamento particolare anche da parte della Direzione Aziendale alla Fondazione Taccia e al suo presidente, che con questa ulteriore donazioni, confermano la fattiva collaborazione e il supporto che da diversi anni assicurano alle strutture sanitarie aziendali, con l’obiettivo di mantenere livelli elevati di assistenza in ambito oncologico.

“Abbiamo già applicato un centinaio di ‘semi’ – hanno detto il dottor Menghini e la dottoressa Santicchia – e questa metodica, insieme a quella del ‘verde indo cianina nel linfonodo sentinella’ pensata e applicata dal dottor Domenico Samorani, responsabile della Chirurgia generale e senologica di Santarcangelo, con la quale strettamente collaboriamo, consentono un approccio molto meno invasivo per le pazienti e anche minori disagi, per loro, legati a spostamento e all’utilizzo del marcatore tradizionale”.

Il presidente della Fondazione Taccia (in allegato un profilo), ha evidenziato come “le nostre donazioni si basano sempre un progetto condiviso con l’ente beneficiario. Devo dire che con l’Ausl Romagna ci siamo sempre trovati molto bene, sia a livello di condivisione del progetto, sia anche per quanto riguarda la parte burocratica legata all’accettazione della donazione. Noi lavoriamo anche in altre parti d’Italia e devo dire che non sempre vi è questa sensibilità. Siamo fiduciosi che questa collaborazione possa continuare anche su altri progetti”.

Cerca notizia

Archivio