Vaccinazione anti-Covid “estremamente vulnerabili”: oltre 11.000 i già prenotati in Romagna appartenenti alla categoria

Scritto da
Vota questo articolo
(6 Voti)

Sono partite oggi anche in Ausl Romagna le prenotazioni per la categoria di persone “estremamente vulnerabili”, che come descritto dal piano vaccinale del Ministero della Salute,

“ in quanto affette da condizioni che per danno d’organo preesistente, o che in ragione di una compromissione della risposta immunitaria a Sars Cov 2, hanno un rischio particolarmente elevato di sviluppare forme gravi o letali di Covid 19”.

Sulla base degli elenchi forniti dalla Regione, in Ausl Romagna sono stati recapitati 46.157 SMS e già da questa mattina sono partite le prenotazioni che sono arrivate a circa 11.481 (Cesena 2.136; Forlì 2.265; Ravenna 3.848 e Rimini 3.240), esaurendo dalla tarda mattinata la disponibilità delle agende di prenotazione.

Si fa presente che la categoria delle persone estremamente vulnerabili , come consultabile dal sito di Ausl Romagna al link

https://www.auslromagna.it/vaccinazione-anti-covid-19#persone-estremamente-vulnerabili ,

contempla specifiche casistiche con particolari caratteristiche e non tutti i cittadini che presentano patologie pur appartenenti alle aree indicate, sono ricompresi nelle specificità identificate. Un esempio, a questo proposito, si è verificato ad alcuni cittadini che questa mattina hanno prenotato attraverso il Fascicolo Sanitario, pur non avendo ricevuto l’Sms dall’Azienda e che a distanza di poco tempo si sono visti recapitare l’annullamento della prenotazione perché non rientranti nella categoria.

E’ in corso la programmazione delle agende vaccinali e entro domani sarà possibile prenotare per tutto il mese di aprile. Proseguono inoltre le prenotazioni per la fascia di popolazione over 75 e le vaccinazioni per il personale scolastico (12.513 le dosi somministrate dai Medici di famiglia al 20 marzo) e delle Forze dell’Ordine (3519 le dosi somministrate ad oggi)

Ultima modifica il Martedì, 23 Marzo 2021 09:17
a cura della

Cerca notizia

Archivio