Donato da Bandini e Casamenti srl alla Pneumologia dell’ospedale di Forlì un innovativo aggiornamento tecnologico per il sistema di ventilazione per ossigenoterapia ad alti flussi

Vota questo articolo
(1 Vota)

 

Un altro importante gesto di solidarietà nei confronti della sanità romagnola in questo particolare momento storico per la Sanità pubblica e per l’intera comunità, da parte della Ditta Bandini e Casamenti SRL di Forlì, che ha donato tre software innovativi per ventilatori per Ossigeno-terapia ad alti flussi, all’unità operativa di Pneumologia del presidio forlivese, diretta dal Prof. Venerino Poletti. L’ossigeno-terapia ad alti flussi è utile in pazienti in respiro spontaneo che però mostrano evidenti segni di affaticamento respiratorio ed è applicabile su pazienti adulti, pediatrici e neonatali.La donazione dei software di ultima generazione costituisce un rilevante passo avanti dal punto di vista tecnologico, per la Semi-Intensiva Respiratoria, in particolar modo in un momento cruciale per l’assistenza ai pazienti affetti da Covid . L'aggiunta della funzione alto flusso permette infatti di far confluire nello stesso ventilatore le funzioni prima erogate da due strumentazioni differenti. “In questo modo – afferma il Prof. Poletti, direttore della Pneumologia - con lo stesso dispositivo, potremo supportare il paziente sia durante i cicli di ventilazione, che durante gli intervalli tra una seduta e l'altra, erogando ossigenoterapia ad alti flussi di aria umidificata e riscaldata. Inoltre, questa tecnologia innovativa contiene una nuova gamma di modalità di ventilazione. Potremo quindi impostare una ventilazione meccanica che si adatti il più possibile alle caratteristiche e al pattern respiratorio del paziente, favorendone l'adattamento e la tollerabilità per le lunghe ore di ventiloterapia, richieste durante la cura della polmonite da SARS-CoV-2.
"La generosità della Sig.ra Rita Bandini, titolare dell’omonima Azienda, ha consentito di aumentare di gran lunga le prestazioni dei nostri ventilatori, incrementando le risorse che possiamo mettere a disposizione dei pazienti affetti da COVID-19, ma anche di tutti coloro che necessiteranno delle nostre cure nei prossimi anni”. “Una importante donazione a beneficio dell’intera comunità – sottolinea la Dott. ssa Elena Vetri della Direzione medica di Presidio - quale attestazione di fiducia nei confronti della nostra sanità e dei professionisti che ogni giorno sono impegnati senza sosta nel contrasto alla pandemia”.Anche da parte della Direzione aziendale un ringraziamento sentito  per il generoso e lungimirante gesto a favore della sanità locale, per la quale in questo momento storico riveste importanza strategica avere il sostegno di tutta la comunità.

 

 

 

Ultima modifica il Mercoledì, 21 Aprile 2021 14:22
a cura della

Cerca notizia

Archivio