Donati all’Oncologia dell’Ospedale S. Maria delle Croci di Ravenna, 5 pannelli realizzati dagli studenti del liceo artistico “Nervi Severini” grazie al Rotary Club Ravenna Galla Placidia

I 5 pannelli ornamentali, destinati all'umanizzazione delle cure presso l'Oncologia dell’Ospedale di Ravenna, sono stati realizzati dagli studenti del liceo artistico “Nervi Severini"

Scritto da
Vota questo articolo
(1 Vota)

Il progetto, nato un paio di anni fa da un’idea della Dirigente Scolastica del Liceo Artistico “Nervi Severini”, Maria Teresa Buglione e dalla Dottoressa Chiara Bennati, Medico Oncologo presso l’Ospedale Santa Maria delle Croci di Ravenna, è stato realizzato anche grazie al Rotary Club Ravenna Galla Placidia, all’entusiasmo delle consorti e al Presidente dell’annata 2019/20 Camillo Rapparini ed al supporto dell’attuale presidente Riccado Papa, che hanno trovato i finanziamenti per poter comprare i materiali.

Le opere artistiche sono state realizzate nell’ambito di un progetto di alternanza scuola lavoro specifico, volto alla realizzazione dei pannelli ornamentali, che saranno destinati all’umanizzazione delle cure di ad alcuni ambienti ospedalieri ed in particolare quelli di passaggio o pertinenza del reparto di Oncologia.

L’abilità degli studenti dei corsi di pittura delle classi 3B, 4B, 4I e dei loro docenti, Stefano Cappelletti e Claudio Righi , ha permesso di realizzare cinque opere su pannelli rimovibili di grandi dimensioni, con tecnica mista raffiguranti scenari marini e paesaggistici.

“É stata una bella sfida coniugare arte e scienza – afferma la Prof.ssa di storia dell’arte Annalisa Vespignani, che ha coordianto il progetto - parlare di art Therapy, fare incontri preparatori con gli studenti, parlare del cancro attraverso seminari sulla prevenzione oncologica, sul fumo .

L’emergenza COVID e il conseguente dilatarsi dei tempi, non ha fatto desistere i ragazzi dal portare a termine con entusiasmo e perseveranza le loro opere, che da oggi troveranno finalmente adeguata collocazione. La pandemia ha sicuramente rallentato i tempi di consegna dei lavori , ma la didattica laboratoriale e il lavoro in presenza nei laboratori del liceo artistico ha permesso agli studenti e ai docenti di consegnare i magnifici lavori all’ospedale e migliorare la qualità della degenza ai pazienti.

“Ringraziamo l’ospedale – ha affermato la Dirigente scolastica - e in particolare la Dott.ssa Bennati per avere dato l’opportunità ai nostri studenti di realizzare un progetto comune che mirasse ad un connubio tra arte e scienza e che fosse di gradevole impatto emotivo ai degenti.

“Ho sposato con grande entusiasmo afferma dott.ssa Bennati questo progetto, come un contributo scientifico alla cura per migliorare la qualità della vita ai degenti, cosa dimostrata anche dalla letteratura scientifica”.

Infine un ringraziamento a tutti, insegnanti, studenti che hanno realizzato le opere e il Rotary club Ravenna Galla Placidia, anche da parte della Dott.ssa Francesca Bravi, direttore del presidio ospedaliero, che ha voluto sottolineare come questi gesti denotino quanto il tema della cura sia inserito all’interno della comunità, non solo come visione di un primario illuminato, ma come visione globale post pandemia, ovvero, per riprendere un tema classico, “il bello corrisponde al buono”

 

Ultima modifica il Martedì, 08 Giugno 2021 14:32
a cura della

Cerca notizia

Archivio