Sciopero farmacie: la posizione dell'Ausl Romagna

Scritto da
Vota questo articolo
(1 Vota)

Rispetto alle motivazioni manifestate da Federfarma a supporto della scelta di indire uno sciopero per la giornata di domani delle farmacie private, la Direzione Aziendale di Ausl Romagna non si può esimere dall’evidenziare quanto segue.

Ci sembra incomprensibile imputare alla Regione e anche ad Ausl Romagna la responsabilità di questa scelta, dimenticando che a livello regionale è tuttora aperto un tavolo di confronto sulle politiche del farmaco.

Come è altrettanto incomprensibile tentare di far passare il messaggio che la modalità della distribuzione diretta dei farmaci da parte dell’Azienda, crei disagi ai cittadini e sprechi, senza portare alcun vantaggio alla collettività.

Vale la pena ricordare, come peraltro già fatto più volte in passato, che la consegna diretta dei farmaci è la legittima possibilità che hanno le aziende sanitarie di erogare direttamente alcuni tipi di medicinali, solo per definite specifiche patologie e categorie di pazienti. Per talune situazione tale modalità è addirittura obbligatoria.

L’Azienda Usl della Romagna si è pertanto attivata, in conformità della legge e degli accordi conseguenti, per istituire sul proprio territorio punti di erogazione, presidiati dai farmacisti, che alle dimissioni da un ricovero o a seguito di prescrizioni dopo visita specialistica, possano erogare direttamente ai pazienti i farmaci necessari, garantendo la continuità del piano terapeutico previsto. Ricordiamo che l’Ausl Romagna non ha utili da accumulare, ma solo buoni servizi da erogare alla popolazione. Abbiamo pertanto l’obbligo di attivare tutte le possibilità per non spendere inutilmente risorse economiche, e di individuare tutte le strade, che a norma di legge, ci consentano di recuperare risorse, da investire in servizi verso i nostri cittadini.

Il nostro operato è pertanto andato in questa direzione e ha consentito anche alla nostra azienda di liberare risorse da reinvestire sul territorio in particolare attraverso l’assunzione di personale per l’assistenza

Altro mito da sfatare l’obbligo per il cittadino: l’utente può scegliere liberamente se accettare il piano Ausl o recarsi in altre farmacie.

Nessun intento vessatorio nei confronti delle farmacie. Tanto è vero che abbiamo dedicato particolare attenzione alle farmacie rurali, riducendo da subito la modalità della distribuzione diretta sia in quelle aree che in quelle montane.

E ancora: è falso che la pratica della distribuzione diretta provochi sprechi di farmaci e il fatto che per i pazienti vengano predisposti piani terapeutici annuali non ha a nulla a che vedere con le cadenze dell’erogazione dei medicinali, che è, solitamente, bimestrale. Al momento dell’erogazione, inoltre, viene verificato direttamente col paziente stesso se abbia a casa giacenze di farmaci e a quanto ammontino, e viene più in generale posta la massima attenzione al corretto utilizzo dei farmaci stessi al fine di garantire la necessaria sicurezza dell’assistito.

A conclusione, non comprendiamo davvero la vera ragione di questo sciopero, ma di una cosa siamo sicuri: arrecherà sicuramente molto più disagio ai cittadini di quanto possa fare la distribuzione diretta.

Letto 1265 volte Ultima modifica il Giovedì, 26 Gennaio 2017 14:40
a cura della

Cerca notizia

Archivio

Mi piace