Ultime notizie

Le cose belle sono più facili da ricordare. Con questa filosofia gli operatori del Rischio Infettivo dell'Ausl, in tutti gli ambiti territoriali, hanno organizzato e svolto oggi, in occasione della Giornata Mondiale per l'Igiene delle Mani , una serie di eventi di sensibilizzazione ma anche all'insegna del divertimento e dell'allegria. Così sono stati organizzati, nelle principali strutture aziendali aperte al pubblico, una serie di banchetti nei quali gli operatori, ma in collaborazione anche con le scuole infermieri e la società civile (in particolare le associazioni di rappresentanza dell'utenza), hanno spiegato ai visitatori l'importanza di una corretta igienificazione delle mani, con 5 semplici gesti. Anche attraverso alcuni video illustrativi e tutorial. La campagna ha testimonial tra i livelli aziendali più alti, fino al Direttore Sanitario aziendale, dottor Giorgio Guerra, anch'egli ritratto nella fotogallery sotto.

Pubblicato in Notizie dal sito

Tumori epato-biliari: Update 2017

Ospedale “Morgagni - Pierantoni” di Forlì - Sala M. Pieratelli

Mercoledì 31 maggio 2017 - ore 15.00

Il Meeting sui tumori epato-biliari affronterà, mercoledì 31 maggio alle ore 15.00, un tema d’attualità. L’approccio a queste neoplasie, al fine di garantire i migliori risultati al paziente malato, deve essere multidisciplinare.

«I percorsi diagnostico-terapeutico-assistenziali - afferma il Prof. Enrico Ricci, Direttore dell’UO di Gastroenterologia - necessiteranno sempre più della partecipazione di varie figure professionali quali gastroenterologi, epatologi, internisti, endoscopisti, radiologi, anatomo-patologi, anestesisti-rianimatori, nutrizionisti, oncologi e chirurghi».

«Tutte le decisioni che interessano il percorso di cura del singolo paziente, dall'approccio diagnostico alla strategia terapeutica – concorda il Prof. Giorgio Ercolani, Direttore dell’UO di Chirurgia - dovranno essere prese attraverso una discussione multidisciplinare».

«Questo Meeting – conclude il Dr. Salvatore Ricca Rosellini, Coordinatore dell’iniziativa - si propone di sviluppare ulteriormente le collaborazioni già in atto nell’Azienda AUSL della Romagna con il Gruppo HCC e con il neonato Gruppo Multidisciplinare, dedicato specificatamente alla patologia epato-bilio-pancreatica. Annunciando, inoltre, con questo specifico aggiornamento, le potenzialità di nuovi approcci clinici, endoscopici, radiologici e chirurgici».

Il Meeting, che ha ottenuto il Patrocino dell’Azienda USL della Romagna e dell’Ordine dei Medici della Provincia di Forlì-Cesena è aperto a tutti. La partecipazione è gratuita. E’ possibile iscriversi dalle ore 14,00 all’ingresso della Sala. Sono previsti i Crediti ECM per medici, infermieri, biologi, farmacisti. ​Pre-iscrizione, consigliata, tramite scheda allegata da inviare a: annamaria.pagliarani@auslromagna.it

Programma

14,00 Registrazione dei partecipanti

14,50-15.00 Saluto delle Autorità

15.00-15,10 Presentazione del Meeting

  1. Ricci

Moderatori: M. Bertocco, E. Ricci

  Epatocarcinoma

15,10-15,30 Linee guida

  1. Ricca Rosellini, I. Manzi

15,30-15,50 Termoablazione, Chemio- e Radio-embolizzazione

  1. Calzolari

15,50-16,10 Discussione

  COLANGIOCARCINOMA

16,10-16,30 Drenaggio biliare con guida eco-endoscopica

  1. Cavargini, V. Lunedei

16,30-16,50 Colangioscopia: SpyGlass DS

  1. Casadei

16,50-17,10 Il ruolo dell’Oncologo

  1. Frassineti

17,10- 17,30 La chirurgia dei tumori epato-biliari

  1. Ercolani

17,30-17,50 Discussione

 17.50-18,00 Conclusioni

  1. Ricci, S. Ricca Rosellini

 18,00-18,20 Compilazione questionario ECM

Pubblicato in Notizie dal sito

Il 3 maggio presso la Scuola Primaria Paritaria Santa Maria del Fiore Via Ravegnana 96 di Forlì, diretta da Suor Paola Banzola, gli istruttori volontari del progetto VIVA, hanno insegnato le basi delle manovre salvavita agli scolari della classe V, accompagnati dalla loro storica maestra Deanna Miserocchi.

Attraverso una lezione frontale, proiezioni di video, simulazioni ed esercitazioni, in sole due ore gli allievi hanno appreso, divertendosi, le basi delle manovre di rianimazione cardiopolmonare e di disostruzione delle vie aeree.

Per buona parte dell’incontro formativo, i 25 alunni si sono potuti esercitare attivamente, ognuno sul proprio mini manichino e sotto la supervisione degli istruttori, provando ad eseguire in prima persona le procedure.

Poche e semplici sequenze, imparate fin da piccoli, non si dimenticano più e possono salvare la vita

Pubblicato in Notizie dal sito

Il 5 maggio ricorre la Giornata Mondiale sull’Igiene delle Mani, dedicata a celebrare l’importanza di tale pratica nell’ambito sanitario sia per gli operatori sia per i cittadini. L’igienizzazione delle mani rientra fra i sistemi di monitoraggio delle buone pratiche assistenziali utili a garantire la sicurezza dei pazienti e a 12 anni dalla prima campagna di sensibilizzazione - intitolata "Save lives: Clean your Hands" promossa dall'Organizzazione Mondiale della Sanità, cui sono seguite importanti campagne della Regione Emilia Romagna - molti passi avanti sono stati fatti, in tutti i presidi romagnoli. Tant’è vero che le infezioni intraospedaliere sono, nel corso degli anni, diminuite in modo significativo.

Ma non per questo la guardia può essere abbassata. La consapevolezza degli operatori sanitari sui benefici che derivano dall’igiene delle mani è anzi l’obiettivo principale da perseguire attraverso adeguate azioni di educazione, informazione e comunicazione. Un impegno da ampliare anche ai cittadini, e il tema di quest’anno della giornata è proprio la promozione delle pratiche di igienizzazione anche al di fuori degli ambienti sanitari, attraverso, in particolare, il coinvolgimento delle associazioni dei cittadini e degli utenti, fin dalla “tenera età”.

Per questi motivi sono stati attivati, in occasione della Giornata, importanti momenti di sensibilizzazione in tutti gli ambiti dell’A.USL Romagna, grazie in particolare agli infermieri esperti nel rischio infettivo. L’obiettivo è quello di evidenziare la semplicità dell’igienizzazione delle mani attraverso l’uso di soluzioni idroalcoliche, presenti in maniera importante nelle principali strutture ospedaliere. Basta mettere in atto 5 semplici azioni (di qui il fatto che la Giornata ricorra il 5 maggio, cioè il 5/5) che richiedono non più di 30 secondi, ma che sono fondamentali. Per l’occasione sono stati realizzati anche alcuni video che verranno trasmessi, a partire dal 5 maggio, sui monitor aziendali delle sale d’aspetto, sia sul sito aziendale (sarà nostra cura farveli avere nei prossimi giorni).

E’ stato infine attivato un corso on line, per gli operatori, nell’ambito della formazione continua, dal titolo “La prevenzione della trasmissione degli agenti infettivi nelle organizzazioni sanitarie".

Di seguito l’elenco delle manifestazioni in tutta la Romagna.

Qui Cesena.

Sarà predisposto uno stand presso la portineria dell'Ospedale “Bufalini” dove saranno presenti i referenti del Rischio infettivo e il "Team mani pulite" (gli osservatori della buona pratica igiene mani); saranno offerte, ad utenti e operatori, cartoline informative e saranno effettuate dimostrazioni dell’uso del gel idroalcolico. Dalle ore 13.30  saranno presenti allo stand gli alunni della scuola primaria di secondo grado "Dante Alighieri” di Cesena, la cui classe quinta A ha ideato il progetto di educazione alla salute "DanzaMANIa". Gli alunni, che indosseranno maglie da loro realizzate ed esporranno cartelloni e slogan sul tema, si esibiranno in una divertente coreografia "Danza MANIa" realizzata in collaborazione con Elisa Amadori di Cesena Danze, e basata sui movimenti delle mani, da cui è stato anche ricavato un video che sarà proiettato nelle sale d’aspetto dell’Azienda.

Il progetto ha previsto anche azioni di approfondimento didattico sulle infezioni e di “educazione tra pari”, da parte degli alunni con loro coetanei scolari, e tra gli obiettivi ha anche quello avvicinare i ragazzi in maniera divertente ad una disciplina di danza/fitness, aiutando a prevenire isolamento sociale e vita sedentaria. Sempre venerdì 5, infine, i bambini, accompagnati dal “Team Mani pulite”, gireranno alcune unità operative per “interrogare” medici e infermieri, chiedendo loro se si sono adeguatamente lavati le mani.

Qui Forlì.

Presso l’Ospedale “Morgagni Pierantoni” sarà allestito uno stand informativo, nell'atrio centrale, in cui i referenti del Rischio infettivo distribuiranno brochure ad utenti e operatori. Saranno inoltre effettuate dimostrazioni dell'utilizzo del gel idroalcolico, simulazione di approccio al paziente ricoverato e corretta igiene delle mani con un letto di degenza appositamente predisposto. Gli operatori indosseranno le magliette create ad hoc per la giornata e un fiore di carta sulla divisa con indicati i 5 momenti. Saranno presenti anche operatori della Lilt (Lega italiana per la lotta contro i tumori) e avrà luogo la diffusione dei video preparati per l’occasione. Gli operatori, infine, andranno anche presso le sale di attesa principali a coinvolgere l'utenza e a consegnare poster, spillette (autoprodotte) e il fiore di carta simbolo dei 5 momenti

Un’iniziativa anche presso la Casa della Salute di Forlimpopoli, dove saranno distribuite brochure informative agli utenti nelle sale di attesa e presso gli ambulatori.

Qui Ravenna.

Nei presidi ospedalieri di Ravenna, Faenza e Lugo, dalle ore 9.00 alle ore 12.00, i referenti del Rischio infettivo saranno presenti agli ingressi, presso i banchetti informativi per la distribuzione di materiale illustrativo e di gel idroalcolico; a Ravenna si aggiungerà un box didattico grazie all’adesione dei medici e degli infermieri che hanno seguito il corso di “Yoga della Risata”, insieme all’insegnante, sensibilizzando sulle buone pratiche in maniera molto accattivante.

A Ravenna e Faenza inoltre, il personale, affiancato dai clown delle associazioni Perepepè, Tazume e Aquilone Iqbal, si recherà a fare sensibilizzazione anche in reparto. Il messaggio sarà quello di mostrare le cose meravigliose che si possono fare con le mani e quanti danni invece si possono fare se sono sporche. Anche qui poster e magliette con vivide immagini relative all’importanza dell’igiene delle mani.

Qui Rimini.

A partire dalle ore 8.00, all’Ospedale “Infermi” (scala A - piano rialzato) sarà allestito uno stand/stazione “mani point”, dove i referenti del Rischio infettivo distribuiranno materiali illustrativi, che resterà attivo tutta la giornata. A partire dalle 8:15 una delegazione dei referenti aziendali e dell’Ipasvi, gireranno i reparti dove si collocheranno i rappresentanti delle associazioni dei cittadini-utenti, che quest’anno, visto anche il tema specifico della Giornata, parteciperanno molto attivamente agli eventi. Saranno dunque visitati i reparti di Nefrologia-Dialisi dove l’associazione Aned (emodializzati, trapianto renale e insufficienza renale cronica) sarà presente con uno stand informativo; il Pronto Soccorso – Medicina d’Urgenza allestirà due stand (uno presso il Dea l’altro all’ingresso dell’Ospedale) con l’associazione Aip (Parkinson); due stand anche a cura dell’area Materno Infantile, nell’atrio della Ostetricia, con l’associazione “Prima Coccola” e le ostetriche del Consultorio di Rimini, affiancati dall’associane “Dr. Clown” che focalizzeranno l’attenzione su come sia importante il lavaggio delle mani in gravidanza e durante l’allattamento al seno. Palloncini a forma di mano saranno appesi nell’atrio della Psichiatria vicino ai quadri fatti dai pazienti sul tema mani e uno stand sarà attivo anche presso le Malattie Infettive.

Uno stand sarà allestito anche all’Ospedale “Franchini” di Santarcangelo, insieme alle associazioni “Punto Rosa” e Avis e agli operatori: nell’atrio dell’ingresso saranno distribuiti opuscoli e fatta sensibilizzazione agli utenti, ma anche ai pazienti nei reparti.

Tutti gli operatori (medici consulenti, fisioterapisti, tecnici di radiologia, infermieri, OSS) avranno indosso la maglietta della giornata e lo slogan e la grafica saranno riportati anche sulle tovagliette per vassoi delle mense dipendenti. Poster e altre rappresentazioni sul tema “tappezzeranno” le strutture ospedaliere e sui monitor delle sale d’aspetto saranno trasmessi i video di sensibilizzazione e tutorial.

Pubblicato in Notizie dal sito
 

L'Associazione Italiana di telemedicina e Informatica Medica e l'Istituto internazionale di telemedicina hanno scelto l'ospedale di Forlì per il convegno "Smart Hospital 2.0" che si terrà venerdì 12 maggio, a partire dalle 8,30. Oggetto del Terzo Workshop nazionale "le tecnologie dell'informazione e della comunicazione (ICT) nei sistemi informativi ospedalieri, visti non solo dalla parte di operatori e tecnici, ma anche dalla parte dei pazienti". Negli ultimi anni, il mondo della Sanità è stato caratterizzato da un trend che ha visto un costante aumento della pervasività dell'Ict in tutti i processi chiave: dalle pratiche cliniche, all'assistenza ai cittadini-utenti, fino all'amministrazione e controllo. Oggi l'Ict rappresenta una delle poche risposte possibili per superare il potenziale contrasto tra le esigenze di contenimento di costi e la crescente richiesta di servizi sanitari universalmente accessibili e di qualita'

"Da molti anni medici e tecnici dell'ospedale di Forlì - spiega la dottoressa Diana Morgagni, chirurga forlivese e responsabile del Convegno - vengono chiamati a partecipare in convegni scientifici e sanitari per raccontare l'esperienza forlivese in tale settore. Il progetto aveva compreso tre livelli di sviluppo, contemporaneamente alla costruzione del nuovo complesso ospedaliero di Forlì: la realizzazione di un applicativo standard per la cartella clinica on line, l'automazione di servizi quali la preparazione e fornitura della terapia dose unitaria giornaliera, l'implementazione di una rete - e la sua estensione Wi-Fi - in grado di garantire connettività e copertura al complesso ospedaliero in totale sicurezza". Durante il Convegno si parlerà di questa, e di altre esperienze nel campo Ict, con esperti come il dottor Massimo Casciello, direttore generale della direzione generale della digitalizzazione, del sistema informativo sanitario e della statistica del Ministero della Salute e la partecipazione dell'assessore regionale dottor Sergio Venturi e del sindaco di Forlì, Davide Drei.

 
Pubblicato in Notizie dal sito

Giovedì 4 maggio, alle ore 17, a Cesenatico si svolgerà la presentazione pubblica del "Decalogo del Bere Resonsabile", iniziativa realizzata nell'ambito di "Notti Sicure", progetto di prevenzione dell’abuso di sostanze e dei comportamenti a rischio correlati e teso a rinforzare i fattori protettivi individuali, di gruppo e di comunità.

Pubblicato in Notizie dal sito

MERCOLEDI 31 MAGGIO 2017

ore 15

c/o la Pediatria dell'Ospedale di Forlì

(Padiglione Vallisneri)

I VIOLINISTI DELLA SCUOLA MEDIA P.V MARONE DI PREDAPPIO

in collaborazione con Ausl Romagna Cultura

PRESENTANO IL PRIMO APPUNTAMENTO MUSICALE

 

 

IL PROGETTO: MUSICA E RAPPORTI VIRTUOSI COL TERRITORIO

L'iniziativa della scuola PV. Marone di Predappio, in collaborazione con Ausl Romagna Cultura, prevede due appuntamenti musicali nell'arco dell'anno scolastico, realizzati dagli allievi di violino della prof.ssa Marta Donati, presso il Reparto di Pediatria dell'ospedale Morgagni - Pierantoni di Forlì e fa parte di un progetto più ampio "con obiettivi di inclusione e cittadinanza volti alla promozione dell'altruismo e della solidarietà con ricadute sul territorio".

Nell'arco di questo anno scolastico è previsto un unico incontro di apertura del progetto che prenderà avvio con il primo appuntamento previsto appunto per il 31 maggio.

"La musica e la musicoterapia vengono ormai ampiamente utilizzate come modalità non farmacologiche di intervento in differenti ambiti clinici e in setting terapeutici di varia natura - ricorda la prof.ssa Marta Donati -La distinzione fondamentale negli approcci con la musica è data da interventi basati sull’ascolto musicale piuttosto che su tecniche attive in cui è prevista l’interazione attraverso l’utilizzo di strumenti musicali tra il terapeuta e il paziente. La sinergia suono-relazione costituisce il punto centrale dell’intervento che è volto a sviluppare le potenzialità comunicative e a facilitare l’espressione-regolazione della componente emotiva.L’utilizzo della musica in ambito oncologico ha evidenziato effetti soprattutto su alcuni aspetti psicologici correlati alla condizione clinica, in particolare su ansia, stress, umore e qualità di vita. Altri effetti sono stati riscontrati sulla componente comunicativo-relazionale (riduzione dell’isolamento, supporto sociale, etc.) e su sintomi fisici quali fatica, dolore e nausea. Gli studi riguardano adulti ma anche pazienti pediatrici."
" Le caratteristiche dell'ascolto musicale e della musicoterapia attiva e i risultati conseguiti - prosegue la prof.ssa - rendono l’intervento particolarmente indicato in ambito pediatrico.Un recente studio (Bradt et al., 2014) mostra inoltre che i pazienti esprimono una significativo apprezzamento sia nei confronti di un approccio attivo che rispetto a quello basato sull’ascolto musicale."

Parteciperanno al primo appuntamento in ospedale anche la  Dirigente Scolastica Dott.ssa Roberta Ravaioli e il Vicesindaco di Predappio Chiara Venturi 

 

I piccoli "violinisti " che si esibiranno il 31 maggio :

CLASSE I

ALESYA QUYLAFI

DAMIANO MOLINARO

PIETRO SARAGONI

TOMMASO FLAMIGNI

CLASSE II

MATTEO BRAVACCINI

FEDERICO CONTI

LIVIU RISNIC

OMAR AYADA

TOMMASO SERRI

EMI CAMPORESI

ALESSANDRO CAMPANA

ALEXANDRU PETER

CLASSE III

SEBASTIANO PAMPIGLIONE

LEONARDO GHETTI

CHIARA TRONCHI

MATILDE AGRIMI

ANITA NANNINI

RAMON MENGHI

DOCENTE PREPARATORE E RESPONSABILE DEL PROGETTO MUSICA E RAPPORTI VIRTUOSI COL TERRITORIO :PROF.SSA MARTA DONATI

Pubblicato in Notizie dal sito
Martedì, 02 Maggio 2017 09:36

Una piega per l'hospice (Forlì, 7 maggio )

Una piega per l'hospice

Domenica 7 maggio 2017: 8,30-18.

Sala Borsa - Camera di Commercio di Forli

La manifestazione "Una piega per l'Hospice", nata grazie alla disponibilità di tante parrucchiere che donano gratuitamente due giornate di lavoro, offre una messa in piega alle signore, a fronte di un contributo di che sarà totalmente destinato alle attività dell'associazione Amici dell'Hospice, che da 15 anni promuove attività di assistenza e socializzazione rivolte agli ospiti degli Hospice del territorio e ai loro famigliari.

TAC

L'iniziativa è nata per iniziativa di Giovanna Conficoni, parrucchiera forlimpopolese, che, per ricordare un'amica e collega scomparsa prematuramente proprio all'Hospice, ha promosso questa manifestazione, coinvolgendo tante altre professioniste del settore e mettendo a frutto la propria professionalità nel sostenere l' Hospice

Pubblicato in Notizie dal sito

Cerca notizia

Archivio

Mi piace