Ultime notizie

Il dottor Daniele Donigaglia , medico dell’Unità Operativa  Pronto Soccorso e Medicina d’ Urgenza di Faenza , ha vinto il “Premio Medico dell’ Anno 2017” conferito dall’Ordine dei Medici di Ravenna il 19 giugno, in occasione della Festa di Sant’ Ursicino, Patrono dell’Ordine.

Il dottor Donigaglia  è stato premiato per l’attività collegata ai corsi gratuiti di primo soccorso denominati “Viva Sofia” eseguiti a titolo volontario dal 2012 per conto del Lions Club Faenza Valli Faentine.

Il progetto “Viva Sofia” è infatti nato da una felice intuizione del dottor Donigaglia a seguito di un fatto realmente accaduto nel 2011 a una bambina di Faenza alla quale la mamma riuscì a salvare la vita rimuovendo un corpo estraneo alimentare dalle sue prime vie respiratorie proprio grazie alle semplici manovre oggetto del corso. Dal gennaio 2012 ad oggi sono stati eseguiti 185 corsi e formate 6564 persone dall’ età scolastica fino agli anziani, consentendo che 16 persone, anche bambini in tenera età, venissero disostruite, mentre stavano soffocando, da parte di persone che avevano appreso le manovre salvavita ( massaggio cardiaco e manovre di disostruzione da corpo estraneo nelle prime vie respiratorie) in occasione di un corso Viva Sofia.

I corsi, giunti oggi a rilevanza nazionale, sono completamente gratuiti e vengono svolti grazie ai Service dei Lions Club in tutti i luoghi di aggregazione: scuole, centri culturali, oratori, ipermercati, palestre, stabilimenti balneari, campi sportivi.

Pubblicato in Notizie dal sito

All’ospedale Bufalini di Cesena è stato eseguito nei giorni scorsi un prelievo multiorgano a cuore fermo da paziente deceduto per arresto cardiaco irreversibile.
Per il nosocomio cesenate è la seconda donazione a cuore fermo a scopo di trapianto portata termine con successo negli ultimi 10 mesi. La prima era stata effettuata a settembre dello scorso anno ed in entrambe le circostanze su pazienti ricoverati nell’Unità Operativa di Anestesia e Rianimazione, diretta dal Dr Vanni Agnoletti.  

Si tratta di un intervento innovativo - in Italia viene effettuato in pochissimi centri d’eccellenza - che per l’Azienda USL della Romagna, da sempre impegnata attivamente a sostenere e promuovere la donazione di organi e tessuti a scopo di trapianto, rappresenta un risultato importante, di assoluta rilevanza nazionale.“Normalmente – spiega il dottor Vanni Agnoletti – si procede al prelievo di organi quando  c’è la morte cerebrale ma il cuore batte ancora”. Il prelievo di organi da donatore a cuore fermo è una procedura diversa e più complessa che, come previsto dalla normativa, contempla l’attivazione della circolazione extracorporea e richiede l’intervento contemporaneo e coordinato di molte figure specialistiche.

Le complesse procedure sono state attuate sotto la guida del Coordinatore locale Comitato Organi e Tessuti Dr Andrea Nanni, dell’infermiera di coordinamento Manila Prugnoli, del rianimatore esperto in circolazione extracorporea Dr Alessandro Circelli  e coadiuvati costantemente dal Centro di Riferimento Trapianti Regionale di Bologna diretto dalla Dr.ssa Gabriela Sangiorgi. Complessivamente le operazioni hanno coinvolto per circa 10 ore consecutive circa trenta professionisti medici afferenti alle Unità operative di Anestesia e Rianimazione, Radiologia, Chirurgia Vascolare e diversi infermieri coordinati da Paola Ceccarelli dirigente della Direzione Infermieristica e Tecnica di Cesena, ed, in entrambi i casi, hanno consentito all’equipe di chirurghi diretta dal Prof. Antonio Pinna di effettuare il prelievo e i successivi trapianti di fegato e reni avvenuti alla Clinica Chirurgica Universitaria dell’Ospedale Sant’Orsola di Bologna.

Per l’anno in corso, grazie alla sensibilità dei cittadini che dimostrano di avere compreso l'importanza dell'atto donativo, l’Azienda Usl della Romagna registra numeri da record nell’attività di prelievo: il solo ospedale Bufalini in meno di sei mesi ha effettuato 12 donazioni multiorgano che hanno consentito il prelievo e il successivo trapianto di 37 organi, collocandosi  al momento al primo posto in Emilia Romagna per numero di prelievi

Pubblicato in Notizie dal sito

La rivista di formazione pediatrica “Medico e Bambino”, di cui è direttore il dott. Federico Marchetti, direttore dell’Unità Operativa Pediatria di Ravenna, si è aggiudicata il premio “Le Eccellenze dell’Informazione Scientifica e per la Centralità del Paziente”, ideato da FareRete onlus, con il Patrocinio di FNOMCeO e del Ministero della Salute.

Il premio, conferito nella categoria “Eccellenze Informazione Scientifica Frontale”, è stato ritirato dal dottor Marchetti il 28 Giugno 2017 presso l’Auditorium del Ministero della Salute: “L’obiettivo della rivista, nata nel 1982 - ha affermato Federico Marchetti - è da sempre quello di aggiornare, informare e offrire supporto a medici e infermieri per garantire ai bambini e adolescenti la migliore assistenza. Una assistenza basata sulle prove, il confronto attivo, l’esperienza condivisa, lontani da influenze di mercato. Questo premio ci rende orgogliosi perché riconosce tutto il lavoro fatto in questi 35 anni, sempre a servizio di una Pediatria che si aggiorna al passo con i tempi e con i nuovi bisogni formativi. Continueremo con il nostro impegno fatto di passione, entusiasmo, confronto ed amore per il lavoro quotidiano che svolgiamo”.

Pubblicato in Notizie dal sito

A grande richiesta, torna la terza edizione di MirabilAvis. Domenica 16 luglio Mirabilandia, il parco divertimenti alle porte di Ravenna ( SS 16 Adriatica km. 162 -  Savio - Loc. Mirabilandia  RA), in collaborazione con Avis Associazione Volontari Italiani Sangue, ospita una giornata di sensibilizzazione sul tema della donazione di sangue e plasma.

Tutti gli iscritti a un'Associazione italiana donatori che si presenteranno allo stand Avis, allestito all'ingresso di Mirabilandia, esibendo il proprio tesserino, avranno accesso al parco al prezzo scontato di 14,90 Euro. La speciale tariffa si applicherà anche ai loro accompagnatori fino a un massimo di 3 amici o familiari, anche non donatori.

Per diffondere la cultura e l’importanza della donazione, la stessa agevolazione sarà riservata - per la prima volta - anche a chi desidera diventare donatore. Basterà accedere a www.avisemiliaromagna.it o a www.mirabilandia.it/avis, compilare il modulo di iscrizione e, nella giornata dell'evento, recarsi all'info point Avis per validare il modulo e acquistare poi alle casse il biglietto a tariffa promozionale.

Tutti i futuri donatori avranno così accesso dalle ore 10:00 fino alle 23:00 alle 47 attrazioni del parco ravennate e ai nuovi spettacoli, come il night show “Mirabilandia Forever” e all’inedito “The kings of pop”, a una tariffa davvero imperdibile.

MirabilAvis sarà un’occasione 3d: per divertirsi, donare e diffondere la cultura e la promozione del dono, attraverso informazioni e distribuzione gadget.

La terza edizione di #MirabilAvis vi aspetta!

Per informazioni: www.mirabilandia.it - www.avisemiliaromagna.it

Pubblicato in Notizie dal sito

La professoressa Bharati Murundi, docente all'JSS Medical College di Mysuru, India e il prof. Hiroto Moriwaki della Toho University, Ohashi Medical Center di Tokyo, Giappone, saranno ospiti per due settimane della Uo di Otorinolaringoiatria di Forlì, diretta dal prof. Claudio Vicini.

Obiettivo della  visita l'apprendimento della chirurgia robotica in otorinolaringoiatria, metodica già piuttosto sviluppata in India e ancora in via di sviluppo nei nosocomi giapponesi.

"Siamo arrivati a Forlì perchè, cercando informazioni sulla chirurgia robotica e frequentando diversi convegni del settore in ogni parte del mondo - spiegano - ci siamo accorti che la produzione scientifica del team forlivese su questo argomento era molto vasta e che, quindi, si trattava di un'esperienza da studiare ed esportare nelle nostre realtà."

"Le collaborazioni con professionisti stranieri - ha commentato la dottoressa Elena Vetri,  Direzione sanitaria del presidio ospedaliero di Forlì - sono di grande utilità per il confronto con le strutture di vari Paesi e, al contempo, per il  prestigio che recano agli ospedali romagnoli, che diventano punto di riferimento ed apprendimento a livello internazionale "

Pubblicato in Notizie dal sito

Cerca notizia

Archivio

Mi piace