Ultime notizie

Primo CONVEGNO ORDINE DELLE PROFESSIONI INFERMIERISTICHE FORLI’ - CESENA

5 OTTOBRE 2018

h 14

Sala Zambelli, Camera di Commercio, Forlì

IL PASSAGGIO DA COLLEGIO A ORDINE DELLE PROFESSIONI”

 

 

Il 5 ottobre sarà una giornata importante per gli Infermieri della provincia di Forli - Cesena.

La sala Zambelli, della Camera di Commercio di Forlì, alle ore 14.00 aprirà le sue porte a oltre 200 infermieri per conoscere quali cambiamenti sta affrontando la professione infermieristica a seguito dell’approvazione del DDL Lorenzin dello scorso gennaio.

Il convegno, afferma la Presidente OPI FC Linda Prati, “nasce dall’intento di riunire il maggior numero di infermieri e di offrire la possibilità a tutti i colleghi di conoscere e approfondire gli aspetti della norma e del cambiamento”.

Trattasi di un passaggio atteso da oltre 10 anni, fortemente voluto da molti ma non compreso e percepito da diversi infermieri come afferma questa iscritta: “Sulla carta leggiamo di una innovazione normativa che regola la nuova professione infermieristica ma nella realtà, sia personale che di tanti colleghi, tutto ciò viene quotidianamente disatteso. A quando allora il tanto atteso passaggio SOSTANZIALE?”

Diverse sono le domande che sono giunte all’Ordine delle Professioni Infermieristiche di Forlì Cesena come ad esempio: “Quale vantaggi e quali benefici per la categoria professionale? Se, tutto ha un prezzo quanto costa questo cambiamento? Ci possono essere degli aspetti per avere un aumento di stipendio visto che siamo all’interno dell’ordinistica? Quale cambiamento in merito alle responsabilità e prospettive future della professione? Si realizzerà la famosa prescrizione infermieristica? La FNOPI fornirà indicazioni su quali criteri adottare per valorizzare le competenze professionali? “

Domande che fungono da apripista al Primo Convegno Opi di Forlì Cesena.

Da qui nasce l’esigenza di far ben comprendere a tutta la categoria professionale in che cosa consiste il passaggio da collegio a ordine, poiché è nell’interesse del singolo professionista e della collettività conoscerne il valore.

Un’ infermiere: “ora abbiamo un riconoscimento normativo ma quanto ci vorrà ancora affinchè la categoria venga riconosciuta come dalla società, dai mezzi di comunicazione e dalla politica? Il profilo attuale dell’infermiere è quello di un professionista della salute e deve esigere rispetto.”

La presidente FNOPI (Federazione nazionale ordine delle professioni infermieristiche) Barbara Mangicavalli, tenterà di chiarire le aree grigie di questo passaggio; mentre la Dott.ssa Silvia Mambelli (direttore infermieristico Ausl della Romagna) insieme ad altri esperti, metterà in luce la ricaduta organizzativa e applicativa che questo cambiamento ha portato all’interno dell’Ausl della Romagna.

Pubblicato in Notizie dal sito

Nel luglio 2017 l’Azienda USL aveva definito e sviluppato un progetto per incrementare la prevenzione ed i controlli sulla sicurezza e salubrità negli ambienti di lavoro nell’area portuale di Ravenna. Ora la collaborazione tra Ausl e Autorità Sistema Portuale di Ravenna, mirata alla sicurezza dei lavoratori, si è ulteriormente rafforzata. Il Servizio “Prevenzione e Sicurezza negli ambienti di lavoro - PSAL” diretto dal dottor Giampiero Mancini (struttura che fa parte del Dipartimento di Sanità Pubblica diretto dalla dottoressa Raffaella Angelini), avrà infatti una propria sede all’interno dell’area portuale, in un edificio concesso in comodato gratuito dall’Autorità. Questa mattina ha avuto luogo la firma del relativo protocollo mentre domani si terrà un seminario sempre su progetti di miglioramento della sicurezza.

Procedendo con ordine. Nel 2017 è stato attuato, dall’Ausl Romagna, un apposito progetto di rilancio dell’attività di prevenzione dei rischi sul lavoro nel settore portuale: sono stati intensificati i controlli di oltre il 60 per cento, grazie anche all’assunzione di tre operatori ad hoc, ed è stato attivato un tavolo di confronto per fare il punto sulle misure di prevenzione nelle attività di carico-scarico autoveicoli da traghetti, coi vari soggetti in campo, tra cui in particolare Autorità Portuale, Capitaneria di Porto, rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza, imprese.

 

Al fine di rafforzare ulteriormente la sinergia tra PSAL e Autorità di Sistema Portuale, e valutando che collocare una sede per gli operatori Ausl in prossimità delle attività lavorative portuali (come richiesto dalla stessa Ausl) sarebbe andato in quella direzione, l’Autorità ha deciso di mettere a disposizione dello Psal alcuni locali di proprietà demaniale situati al piano terra di una palazzina in piazzale Adriatico 11. I locali, presso i quali opereranno operatori che potranno svolgere così più celermente ed efficacemente attività di prevenzione, monitoraggio delle attività portuali ed anche controlli, vengono concessi in comodato gratuito salvo il pagamento delle utenze e dell’ordinaria manutenzione, come da apposito protocollo firmato oggi, alla presenza del presidente dell’Autorità Daniele Rossi, del direttore generale Ausl Marcello Tonini, del direttore del settore “Progettazione e Sviluppo Edilizio” dell’Ausl Enrico Sabatini e del dottor Mancini.

I positivi risultati già raggiunti attraverso la collaborazione tra le Istituzioni e le prospettive di ulteriori azioni e miglioramenti, saranno quindi illustrati nel seminario che si terrà nella mattinata di domani (martedì 2 ottobre) a partire dalle ore 8:30 nella Sala Conferenze dell’Autorità Sistema Portuale, via Antico Squero, 31, dal titolo “Miglioramento della sicurezza nella movimentazione di prodotti siderurgici di grandi dimensioni nel porto di Ravenna”.

Pubblicato in Notizie dal sito

Nel luglio 2017 l’Azienda USL aveva definito e sviluppato un progetto per incrementare la prevenzione ed i controlli sulla sicurezza e salubrità negli ambienti di lavoro nell’area portuale di Ravenna. Ora la collaborazione tra Ausl e Autorità Sistema Portuale di Ravenna, mirata alla sicurezza dei lavoratori, si è ulteriormente rafforzata. Il Servizio “Prevenzione e Sicurezza negli ambienti di lavoro - PSAL” diretto dal dottor Giampiero Mancini (struttura che fa parte del Dipartimento di Sanità Pubblica diretto dalla dottoressa Raffaella Angelini), avrà infatti una propria sede all’interno dell’area portuale, in un edificio concesso in comodato gratuito dall’Autorità. Questa mattina ha avuto luogo la firma del relativo protocollo mentre domani si terrà un seminario sempre su progetti di miglioramento della sicurezza.

Procedendo con ordine. Nel 2017 è stato attuato, dall’Ausl Romagna, un apposito progetto di rilancio dell’attività di prevenzione dei rischi sul lavoro nel settore portuale: sono stati intensificati i controlli di oltre il 60 per cento, grazie anche all’assunzione di tre operatori ad hoc, ed è stato attivato un tavolo di confronto per fare il punto sulle misure di prevenzione nelle attività di carico-scarico autoveicoli da traghetti, coi vari soggetti in campo, tra cui in particolare Autorità Portuale, Capitaneria di Porto, rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza, imprese.

 

Al fine di rafforzare ulteriormente la sinergia tra PSAL e Autorità di Sistema Portuale, e valutando che collocare una sede per gli operatori Ausl in prossimità delle attività lavorative portuali (come richiesto dalla stessa Ausl) sarebbe andato in quella direzione, l’Autorità ha deciso di mettere a disposizione dello Psal alcuni locali di proprietà demaniale situati al piano terra di una palazzina in piazzale Adriatico 11. I locali, presso i quali opereranno operatori che potranno svolgere così più celermente ed efficacemente attività di prevenzione, monitoraggio delle attività portuali ed anche controlli, vengono concessi in comodato gratuito salvo il pagamento delle utenze e dell’ordinaria manutenzione, come da apposito protocollo firmato oggi, alla presenza del presidente dell’Autorità Daniele Rossi, del direttore generale Ausl Marcello Tonini, del direttore del settore “Progettazione e Sviluppo Edilizio” dell’Ausl Enrico Sabatini e del dottor Mancini.

I positivi risultati già raggiunti attraverso la collaborazione tra le Istituzioni e le prospettive di ulteriori azioni e miglioramenti, saranno quindi illustrati nel seminario che si terrà nella mattinata di domani (martedì 2 ottobre) a partire dalle ore 8:30 nella Sala Conferenze dell’Autorità Sistema Portuale, via Antico Squero, 31, dal titolo “Miglioramento della sicurezza nella movimentazione di prodotti siderurgici di grandi dimensioni nel porto di Ravenna”.

 

Pubblicato in Notizie dal sito

Cerca notizia

Archivio