Articoli filtrati per data: Novembre 2018

Le donne che subiscono atti di violenza hanno un modo in più per parlarne e trovare aiuto: attraverso l’iniziativa “…Questo non è amore”. Il progetto, ideato e promosso dalla Direzione centrale anticrimine del Dipartimento della pubblica sicurezza, ha l'obiettivo di superare gli stereotipi e i pregiudizi per diffondere una nuova cultura di genere e aiutare le vittime di violenza a vincere la paura, rompendo la fitta rete di isolamento e vergona. Nei due anni della prima fase del progetto, a cui avevano aderito 22 questure, sono state quasi 80 mila le vittime di violenza che si sono rivolte alla Polizia.

Dal 19 novembre 2018 è partita una nuova fase dell'iniziativa alla quale hanno aderito 83 questure che, con modalità diverse, nelle piazze e nei centri di aggregazione saranno a disposizione con materiale illustrativo e personale specializzato per dare informazioni e per raccogliere le testimonianze di chi, spesso, ha ancora esitazione a denunciare o a varcare la soglia di un ufficio di Polizia.

Anche il Questore di Forlì - Cesena, Loretta Bignardi, ha fatto aderire al progetto la Polizia di Stato con i suoi organi, quali l'Ufficio Minori e la sezione reati contro la persona della Squadra Mobile. Tra le iniziative, uno stand allestito nell'atrio dell'ospedale di Forlì, nella giornata di oggi, per offrire un servizio di informazione e aiutare le donne a vincere la paura, rompendo l’isolamento e la vergogna, a superare pregiudizi e stereotipi.

Un’équipe di poliziotti di Forlì- Cesena era presente  nel nosocomio forlivese al fine di illustrare tutti gli strumenti normativi che l’ordinamento giuridico mette a disposizione delle vittime di violenza.

"La Polizia di Stato - spiegano gli operatori - assicura, con il Commissariato e i servizi dedicati, un quotidiano impegno per prendere atto e valutare le situazioni a rischio o gli indicatori di disagi sociali e famigliari. L'iniziativa dello stand si armonizza perfettamente anche con le finalità del servizio sanitario, che affronta casi che richiedono interventi di ampio respiro."

Il capo della Polizia Franco Gabrielli nella prefazione alla pubblicazione di “...questo non è amore 2018” che riporta l’analisi dei fenomeni criminali relativi alla violenza di genere e le iniziative messe in campo dalla Polizia di Stato per combatterli, ha scritto che la violenza di genere “Rimane una dolorosa attualità"

Pubblicato in Notizie dal sito

La semplicità di un gesto per togliere ogni dubbio. VIENI A FARE IL TEST. In occasione della giornata mondiale contro l’Aids, l’Ausl della Romagna promuove anche quest’anno l’HIV TEST DAYS, con l’apertura degli ambulatori di Malattie Infettive, Malattie Sessualmente Trasmesse e SerT SABATO 1 DICEMBRE, dalle 8 alle 12, per invitare le persone ad effettuare gratuitamente il test per l’HIV ed offrire tutte le informazioni utili alla prevenzione dell’Aids.

In campo come nelle precedenti edizioni anche la Croce Rossa Italiana, l’AVIS e l’Associazione NPS Emilia Romagna Onlus che saranno in molte sedi e piazze, con i loro volontari, in diverse giornate fra sabato 24 novembre e domenica 2 dicembre. 

Tutti i campioni prelevati saranno condotti ed esaminati dall’Unità Operativa Microbiologia del Laboratorio dell’AUSL Romagna di Pievesestina, che da anni ha centralizzato l’esecuzione degli esami con i più alti standard di qualità.

PERCHE’ FARE IL TEST

Perché la diagnosi precoce è importante.

Il virus HIV si trasmette per via sessuale, attraverso rapporti non protetti - attualmente la via di diffusione largamente prevalente - o tramite sangue infetto. Lo trasmissione per via endovenosa, che ha determinato gran parte della diffusione del virus in Italia negli  anni 80-90, causa ancora una piccola percentuale di nuove infezioni.

L’infezione ha una lunga fase asintomatica nel corso della quale può essere diagnosticata solo con il test per l’HIV. Si tratta di una infezione non guaribile, ma curabile.

Prima si scopre l’infezione e si agisce, meglio è: è importante per l’efficacia della terapia e per ridurre la trasmissione del virus.

Il test è gratuito e sicuro e può essere richiesto in anonimato. Tutti sono invitati ad effettuare il test per l’HIV, ricordando che la legge tutela le persone con HIV da ogni discriminazione. I Servizi di Igiene e Sanità Pubblica, i Consultori familiari, gli Spazi giovani dei Consultori, i Medici di famiglia possono fornire informazioni e consigli .

Con la collaborazione di tutti e la consapevolezza dei cittadini, l’AIDS si può fermare.

Il test HIV si esegue abitualmente presso Malattie infettive, Ambulatori per le malattie trasmesse sessualmente e SerT.

sabato 1 dicembre questi ambulatori saranno aperti tutta la mattina ,dalle 8 alle 12, per fare il test, senza ricetta medica:

 

Cesena: Ospedale Bufalini (Ambulatorio Malattie infettive, scala B piano 6°); Piastra Servizi (Dermatologia Ambulatorio Malattie Sessualmente Trasmesse – ambulatorio 18-20, primo piano); Ser.T (via U. Brunelli 540)

Forlì: Ospedale Morgagni Pierantoni (Ambulatorio Malattie infettive piano – 1, Piastra 1; Dermatologia Ambulatorio Malattie Sessualmente Trasmesse, piano terra); Ser.T (via Orto del Fuoco 10)

 

Faenza: Ospedale per gli Infermi (Ambulatorio Malattie infettive); Ser.T (via Zaccagnini 22, primo piano ingresso B)

 

Lugo: Ser.T (via F. Bosi 32)

Ravenna: Ospedale S. Maria delle Croci (Ambulatorio Malattie infettive scala Viola, piano rialzato); Ser.T (via Missiroli 16)

Riccione: Ser.T (via Sardegna 9)

Rimini: Ospedale Infermi (Ambulatorio Malattie infettive, Padiglione Flaminio, piano terra); Ser.T, (Ospedale - Padiglione Ser.T , via Ovidio)

 

La  preziosa collaborazione dell’AVIS, della Croce Rossa Italiana e dell’Associazione NPS Emilia Romagna Onlus consentirà di fare il test o ricevere materiale informativo, informazioni e consigli anche in diverse sedi e piazze in tutta la Romagna, da sabato 24 novembre a domenica 2 dicembre:

L’Avis Provinciale di Ravenna, in collaborazione con NPS Emilia Romagna Onlus sarà presente:

-  a Faenza giovedì 29 novembre, dalle ore 8 alle 12 in piazza Duomo

-  a Lugo mercoledì 28 novembre dalle ore 8 alle 12 in Piazza Baracca

- a Ravenna sabato 24 novembre dalle ore 16 alle 19.30 in Piazza Einaudi lato via Diaz e sabato 1 dicembre, dalle ore 16 alle 19.30, ingresso nuovo Centro Commerciale ESP

Sempre a Ravenna, venerdì 30 novrembre, dalle ore 14.45 alle 18.10, nella sala Dantesca Biblioteca Classense (via Alfredo Baccarini 3) giornata di studio "Hiv ieri oggi e domani" rivolta ai professionsiti ed operatori della sanità, dei servizi sociali e alla cittadinanza.

L’Unità di raccolta AVIS Comunale di Forlì sarà a disposizione da lunedì 26 novembre a sabato 1 dicembre dalle ore 7.30 alle 12.30 all’Ospedale Morgagni Pierantoni (piano terra)

L’Avis Cesena allestirà una postazione informativa mercoledì 28 novembre, dalle ore 9 alle 14, al nuovo Campus Universitario di Cesena, via Pavese 50, zona EX Zuccherificio

La Croce Rossa Italiana Sezione di Rimini sarà a RIMINI domenica 2 dicembre, dalle ore 15.30 alle 19, in piazza Cavour, nel ‘Villaggio della Salute CRI’.

La Croce Rossa Italiana Comitato di Forlì allestirà una postazione sabato 1 dicembre dalle ore 14 alle 19 presso il Centro Commerciale “Puntadiferro”.

La Croce Rossa Italiana di Forlimpopoli allestirà una postazione sabato 1 dicembre, a partire dalle ore 20 presso il Multiplex Cineflash.

Pubblicato in Notizie dal sito

L'Azienda USL della Romagna informa tutta la cittadinanza dello sciopero nazionale di 24 ore per il 23 novembre 2018 del personale appartenente alla Dirigenza medica, veterinaria, sanitaria, professionale, tecnica e amministrativa del Servizio Sanitario Nazionale, degli Istituti di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico (IRCCS), degli Istituti Zooprofilattici Sperimentali (IZS), delle Agenzie Regionali per la Protezione Ambientale (ARPA) e delle Aziende ed Enti del Servizio Sanitario Nazionale (compreso il personale delle Strutture di carattere privato e/o religioso che intrattengono un rapporto di convenzione e/o accreditamento con il Sistema Sanitario Nazionale), nonché i Medici in Formazione.

Lo sciopero è stato proclamato dall’Associazione Sindacale AAROI-EMAC, a cui aderiscono anche le Organizzazioni Sindacali ANAAO ASSOMED, CIMO, FP CGIL MEDICI E DIRIGENTI SSN, FVM Federazione Veterinari e Medici, FASSID (AIPAC – AUPI – SIMET – SINAFO – SNR), CISL Medici, FESMED, ANPO – ASCOTI – FIALS Medici, coordinamento nazionale delle aree contrattuali medica, veterinaria e sanitaria UIL FPL.

Nella giornata dello sciopero saranno assicurati i servizi pubblici essenziali, nel rispetto della vigente normativa, attraverso l’individuazione dei contingenti minimi di personale a garanzia delle prestazioni indispensabili e non dilazionabili, equivalenti ai servizi minimi assicurati normalmente nei giorni festivi.

 

Pubblicato in Notizie dal sito

Nuovi ambulatori e nuovo ingresso al Pronto Soccorso, ampliamento del blocco operatorio, realizzazione dei nuovi percorsi verticali ed orizzontali del padiglione Vallisneri. Già aperto il nuovo parcheggio dell'ospedale: 1534 i posti auto complessivi disponibili a tutti gli utenti della struttura. In partenza il grande progetto della Casa della Salute di Forlì. 

 

Presentato questa mattina dal sindaco di Forlì, Davide Drei e dal direttore generale dell'Ausl Romagna, Marcello Tonini, lo stato di avanzamento dei lavori al Pronto Soccorso e gli interventi strutturali all’ospedale di Forlì. Erano presenti anche Paolo Masperi, Direttore del Presidio Ospedaliero di Forlì,  Raoul Mosconi, Assessore alle Politiche di Promozione della Salute del Comune di Forlì, Enrico Sabatini, direttore dell’Unità Operativa "Progettazione e Sviluppo Edilizio" dell’Ausl Romagna ed Elena Vetri, della direzione sanitaria del Presidio ospedaliero di Forlì.

 

Tanti i lavori già eseguiti:

Padiglione Vallisneri

img75

Realizzazione dei nuovi percorsi verticali ed orizzontali del padiglione Vallisneri, posto in punto baricentrico, consistente in una torre dotata di due vani scala e 4 ascensori, che porta i visitatori ai piani ed ha la funzione di scala di sicurezza per evacuazione in casi di emergenza;

Esecuzione di rinforzi strutturali per l’ottenimento di un miglioramento sismico del fabbricato storico;

Ristrutturazione del piano rialzato con destinazione studi medici, consentendo il loro spostamento da altri locali in zone strategiche per il servizio sanitario;

Adeguamento ai requisiti di prevenzione incendi di uno dei due corpi scala esistenti, con sostituzione dell’ascensore avente caratteristiche antincendio e modifica delle porte d’ingresso di piano;

Intervento complessivo 5.400.000 euro

 

Padiglione Allende

pad. allende dallalto

Realizzazione del completo rifacimento del pacchetto termo-isolante ed impermeabile in copertura e sistema di raccolta e convogliamento per le acque meteoriche

 Intervento complessivo: 200.000 euro

 

PADIGLIONE VALSALVA

pad. valsalva dallalto

Creazione nuovi locali ed uffici per Home Care + placcaggio solaio locali Cucina

Intervento complessivo: 350.000 euro

 

PARCHEGGIO

img95

Ampliamento parcheggio PS 1° fase

Realizzazione di nuovo parcheggio per utenti del pronto soccorso, con capienza pari a 146 posti.

Realizzazione di 3 nuove isole per fermate autobus

adeguate alle utenze con disabilità motoria

Intervento complessivo : 420.000 euro

 

PADIGLIONE MORGAGNI - PRONTO SOCCORSO

img102

Ristrutturazione e miglioramento impiantistico e funzionale

Intervento di miglioramento distributivo, funzionale ed impiantistico del Pronto Soccorso. L’intervento, organizzato in step successivi per consentire la non interruzione delle attività assistenziali, ad oggi vede realizzati la stanza di osservazione breve intensiva per il paziente isolato. Attualmente in corso di lavori l’ampliamento di superficie con la realizzazione di 2 nuovi ambulatori per ortopedia di pronto soccorso, lo spostamento dell’ingresso al Pronto Soccorso con pensilina e bussola d’ingresso.

Intervento complessivo: 160 mila euro

 

PADIGLIONE MORGAGNI – PRONTO SOCCORSO

Pensilina e bussola di ingresso

Intervento complessivo: 100 mila euro

 

Ecco invece i LAVORI IN CORSO:

AREA MATERNO INFANTILE

 Trasferimento al Piano 5° del  Padiglione Morgagni

Intervento complessivo: 2.900.000

 

LAVORI PROGRAMMATI:

PADIGLIONE MORGAGNI - PRONTO SOCCORSO

  • Ristrutturazione e miglioramento impiantistico e funzionale
  • Intervento di miglioramento distributivo, funzionale ed impiantistico del Pronto Soccorso. L’intervento, organizzato in step successivi per consentire la non interruzione delle attività assistenziali.
 

Intervento complessivo : 900.000 euro

 

BLOCCO OPERATORIO

Ampliamento blocco operatorio centralizzato con n.2 sale operatorie nuove per un totale di 10 sale a disposizione . (Fine lavori: inizio 2020)

Intervento complessivo € 1.000.000

 

RADIOLOGIA

Nuova Risonanza Magnetica Nucleare e ristrutturazione di tutto il servizio entro l'estate 2019

 

FABBRICATO 118

Ristrutturazione fabbricato per nuova sede 118

 

CASA DELLA SALUTE

Realizzazione nuova sede distretto presso l’area Ex Orsi - Mangelli

Intervento programmato: 11 milioni di euro

 

In attesa del trasferimento nella Casa della Salute, il Sert di via Orto del Fuoco si trasferirà nella palazzina della Polizia Municipale, entro l'estate 2019 e il CUP di via Oberdan si trasferirà nei locali di via Colombo (inizio 2019)

Pubblicato in Notizie dal sito

E’ stata una vera e propria festa la manifestazione legata alla “Giornata Mondiale del Diabete” svoltasi nello scorso fine settimana a Ravenna. In piazza del Popolo è stato allestito uno stand in cui i medici della Diabetologia dell’Ospedale “Santa Maria delle Croci”, coordinati dal dottor Paolo Di Bartolo (referente rete clinica di Diabetologia dell’Ausl Romagna), insieme a volontari di Croce Rossa Italiana (sezione di Ravenna), Lions della Provincia di Ravenna e naturalmente dell’Associazione Diabetici Provincia di Ravenna, svolgevano attività di counceling, misurando la glicemia e altri parametri delle persone che si presentavano e dando consigli sui corretti stili di vita e la prevenzione del diabete, patologia del benessere purtroppo in forte diffusione.

E sono state oltre 700 i ravennati che ne hanno approfittato, tra i quali più d’uno ha scoperto, non senza un po’ di disappunto, di avere la glicemia più alta rispetto a quanto sarebbe consigliabile. Persone che sono state avviate ad ulteriori approfondimenti, dimostrando come il diabete sia particolarmente insidioso perché non accompagnato, almeno all’inizio, da nessuna sintomatologia. Anche per questo le iniziative di sensibilizzazione sono importanti.

La manifestazione ha previsto anche due importanti momenti specifici. Nella mattinata di sabato, alla presenza del sindaco di Ravenna Michele de Pascale, del direttore sanitario dell’Ausl Romagna Stefano Busetti, del dottor Di Bartolo, il presidente e il vice presidente del CLT (Cooperativa Lavoratori Trasporti) di Ravenna, Enrico Giacomoni e Guido Ravaldini, hanno consegnato all’Associazione Diabetici una donazione finalizzata alla realizzazione di progetti di prevenzione del piede diabetico (una delle complicanze comuni e purtroppo invalidanti della patologia), di supporto psicologico alle famiglie, di educazione terapeutica sui corretti stili di vita nei pazienti di recente diagnosi (si allega la relativa fotografia). Domenica, invece, in conclusione dell’evento, grande festa, sempre in piazza, coi bimbi affetti da diabete in carico ai servizi, presso l’Ospedale di Ravenna.

 

Pubblicato in Notizie dal sito

Grande successo per la giornata dedicata alla prevenzione del Tumore alla Proposta “FACCIAMO UN CONTROLLO?” promossa sabato 17 novembre a Rimini, per la prima volta, dall’Associazione “Europa Uomo” in collaborazione con l’unità operativa di Urologia dell’ospedale Infermi.

Nel corso della mattinata, i medici del reparto riminese diretto dal dottor Francesco Montanari hanno visitato 120 pazienti ultracinquantenni e, di questi, 6 sono stati avviati a ulteriori indagini urologiche di secondo livello. Un risultato che conferma l’importanza della prevenzione e della diagnosi precoce del tumore della prostata, uno dei tumori più diffusi nella popolazione maschile e che rappresenta circa il 15% di tutti i tumori diagnosticati nell’uomo. 

“Fare prevenzione - commenta il signor Roberto Tilio, delegato provinciale dell’Associazione “Europa Uomo” che opera sul territorio per la salute e il benessere maschile attraverso l’informazione e il supporto ai malati - è fondamentale e bisogna lavorare affinché gli uomini, specie di una certa età, dedichino la dovuta attenzione alla propria salute senza preconcetti o falsi pudori.  Il buon risultato dell’iniziativa – aggiunge -  ci spingerà a ripeterla il prossimo anno, dando così l’opportunità anche ad altri cittadini di effettuare un controllo preventivo gratuito”.

“Ringrazio per la preziosa collaborazione  – afferma il dottor Francesco Montanari – la Sezione Riminese Europa Uomo Italia Onlus, con cui abbiamo già in programma altre iniziative di informazione e prevenzione. La Diagnosi precoce è importante perché consente di intervenire sulla malattia nella sua fase precoce con trattamenti che possono portare alla guarigione nella maggior parte dei casi”.

L'iniziativa sarà ripetuta anche l'anno prossimo e con modalità che consenta di rispondere in maniera sempre maggiore alle esigenze dei pazienti, che quest'anno sono stati in numero superiore a qualsiasi e più rosea aspettativa.

Pubblicato in Notizie dal sito

L’Azienda Usl Romagna è stata invitata a partecipare alla Convention del Management della Sanità Italiana, promossa da FIASO e svoltosi a Roma nei giorni scorsi, con il progetto “L'organizzazione dinamica delle reti cliniche assistenziali. Il modello dell’Azienda unica della Romagna”. Tale esperienza ha permesso all'Ausl di avviare e sviluppare, finora, più di 48 Percorsi Diagnostico Terapeutici Aziendali (PDTA) e 8 Reti Clinico Assistenziali (Cardiologica; Chirurgica; Emergenza – Urgenza; Neuroscienze; Oncologica; Ospedale Territorio; Salute Donna Infanzia Adolescenza; Salute Mentale) con l’obiettivo di standardizzare i processi di cura e omogeneizzare le pratiche professionali; concentrare la casistica complessa, attraverso il modello hub and spoke; migliorare gli indicatori di esito e della sicurezza, in base al binomio volume/attività svolte – esito positivo/intervento; favorire la continuità degli interventi e l’integrazione tra unità organizzative; promuovere il modello di presa in carico multidisciplinare e integrata dei pazienti con attenzione agli aspetti assistenziali, relazionali e comunicativi.

La promozione da parte della Direzione Aziendale e, soprattutto, la piena partecipazione di tutti i professionisti, di diversa appartenenza territoriale e disciplina, sta renendo questa esperienza una good practice per la costruzione di un nuovo modello organizzativo partecipato, come peraltro evidenziato anche nel corso dell'evento "1978 - 2018 - i 40 anni del Sistema Sanitario Nazionale verso un futuro in rete", organizzato dall'Ausl e svoltosi il 31 ottobre scorso a Cesena.

La prossima sfida sarà quella di coinvolgere nella realizzazione dei percorsi anche i loro destinatari, i pazienti con un confronto sempre più aperto e ampio, come evidenziato dalla dottoressa Ilaria Panzini, in rappresentanza dell'Azienda.

A titolo esemplificativo, al Convegno FIASO, sono stati riportati i risultati del Progetto Stroke, le cui principali fasi si possono sintetizzare in:

- Avvio centralizzazione pazienti da Rimini e Forlì (novembre 2017) a Cesena.

- Riunioni quindicinali di condivisione della casistica e omogeneizzazione dei percorsi.

- Definizione del modello organizzativo per la gestione delle interfacce operative con gli ospedali invianti (gennaio-febbraio 2018).

- Attivazione guardia attiva Neuroradiologia Diagnostica a Cesena (da 8 gennaio 2018).

- Adozione procedura telerefertazione Rimini e Forlì presso Cesena.

- Attivazione guardia attiva Neurologia (da 1 giugno 2018) presso Cesena.

 

Pubblicato in Notizie dal sito

La donazione di 15 televisori aumenta il comfort delle stanze di degenza del reparto di Chirurgia di Forlì

Un gesto di  grande sensibilità, da parte di singoli pazienti e dell'UNIEURO  verso i pazienti di un reparto che assiste centinaia di degenti all’anno

 

Quindici televisori da 28 pollici per le stanze di degenza della UO di Chirurgia e Terapie Oncologiche Avanzate - Generale, Gastroenterologia e Mininvasiva di Forlì, diretta dal prof. Giorgio Ercolani.

È l'apprezzatissima donazione, frutto della generosità di alcuni pazienti e dei loro famigliari, Daniela Ronconi, Francesca Matteucci, Libero Gardini e i famigliari in memoria di Sergio Lontani, ma anche della rinomata azienda UNIEURO S.p.A.  

 “Tra i nostri obiettivi c’è quello di aumentare il comfort delle persone che affrontano una degenza più o meno lunga - spiega il prof. Ercolani - Molti di loro non possono fruire della sala comune di soggiorno, nella quale il televisore è a disposizione di tutti, in quanto trovano difficoltà ad allontanarsi dal proprio letto. Pertanto, apprezziamo particolarmente i gesti di sensibilità nei confronti dei pazienti e, con essi, l’attenzione e il valore che vengono dati al nostro impegno quotidiano. Per questo desideriamo rivolgere un doppio ringraziamento ai pazienti che hanno fatto le donazioni e alla ditta UNIEURO,sempre così sensibile al territorio e alle risorse che la struttura ospedaliera offre alla comunità”.

Pubblicato in Notizie dal sito
Prestigioso incarico per il dott. Claudio Milandri, veterinario,  direttore della UOC Ispezione degli Alimenti d’Origine Animale della AUSL Romagna ambito di Forlì e sindaco del comune di Civitella di Romagna, al XIX Congresso della Associazione Italiana di Medicina delle Catastrofi, svoltosi a Vibo Valentia in Calabria dal 15 al 17 novembre 2018. 
Il dottor Milandri è stato infattieletto alla vicepresidenza della Società Scientifica che raggruppa numerosi medici, infermieri e veterinari nell’ambito della medicina delle emergenze.
"Il riconoscimento ad un veterinario, in una associazione specialistica per la gestione delle emergenze - spiega il dottor Rodingo Usberti, direttore della Sanità Animale di Forli e Cesena - riconosce alla veterinaria il suo importante apporto culturale e di professionalità alla gestione e alla conduzione delle problematiche connesse alla assistenza alle popolazioni umane e animali nel corso delle situazioni di emergenza e di catastrofe".
Pubblicato in Notizie dal sito

Cerca notizia

Archivio