Ultime notizie

Nelle  giornate di Lunedì 24 dicembre e 31 dicembre 2018 la sede SERT di Riccione, in via Sardegna 9,  effettuerà il seguente orario :  7.30 - 11.30.

Pubblicato in Notizie dal sito

Grande successo per la serata di danza artistica, al teatro Alighieri di Ravenna, per finanziare la campagna "Un sorriso contro il dolore". Le giovani atlete hanno letteralmente incantato il foltissimo pubblico della serata, organizzata per raccogliere fondi per l'acquisto di un innovativo apparecchio per combattere il dolore cronico, a favore della Terapia Altalgica del dottor Massimo Innamorato (Ospedale "Santa Maria delle Croci").

Sotto una tre belle immagini della serata e qui le modalità per partecipare, anche con una piccola donazione, alla campagna di raccolta fondi attiva tra la cittadinanza.

 

Pubblicato in Notizie dal sito

Ha destato molto interesse il seminario sui "Controlli in cantiere del Coordinatore e dell'Organo di Vigilanza: modalità diverse ed obiettivi comuni", recentemente svoltosi a Ravenna, organizzato da Ausl Romagna e Ordini professionali.

In allegato tutte le realazioni, oltre alla locandina dell'evento.

Pubblicato in Notizie dal sito

Sono di Cesena ma, per ricordare un loro amico scomparso, hanno deciso di svolgere una serie di iniziative finalizzare ad effettuare una donazione all’Oncoematologia Pediatrica dell’Ospedale “Infermi” di Rimini.

Sono i ragazzi del "Circolo non solo rosso" di Bulgarnò Cesena e "Gli amici di Teo", che, nei mesi scorsi,  hanno organizzato una serata in memoria del caro amico Matteo Cucchi,  "Memorial Teo", il cui ricavato è stato devoluto, insieme all 'associazione "Qualcosa di grandi per i piccoli", all'acquisto di preziosi giocattoli che verranno donati ai bambini dell'Oncoematologia.

Ogni volta che un piccolo paziente sarà sottoposto a manovre dolorose in sala operatoria riceverà uno dei piccoli doni. Così che la sala operatoria sarà per loro un pensiero meno gravoso, perché associato all’apertura dell'”armadio dei giochi” dove troveranno un regalo “ in cambio” della puntura. Tutto ciò contribuisce significativamente a ridurre l'ansia della sala operatoria e a rendere meno traumatica l'esperienza di malattia nonché alla compliance del paziente, così importante soprattutto nelle terapie oncologiche.

La consegna è avvenuto il 15 novembre scorso, alla presenza di tutti i soggetti che hanno partecipato alla raccolta fondi, nonché al papà di Teo.

Pubblicato in Notizie dal sito

Due delle principali organizzazioni di lotta contro il cancro del territorio romagnolo fanno sistema a favore delle pazienti colpite da tumore al seno: nasce così “Le Amiche di Arianna”, gruppo di supporto aperto nato dalla collaborazione tra Istituto Oncologico Romagnolo e LILT Forlì-Cesena. Due realtà che da tempo lavorano singolarmente molto vicine all’Unità Operativa di Chiurgia Senologica di Forlì, guidata dai primi mesi del 2018 dalla dottoressa Annalisa Curcio.

 Lo scopo di “Le Amiche di Arianna”, che si muoverà nell’ambito della convenzione Ass. Amici e Volontari IOR – AUSL Romagna, è quello di fornire un sostegno alla donna operata o in attesa di un intervento chirurgico alla mammella; aiutarla ad affrontare il proprio percorso di guarigione; facilitarne il ritorno alla normalità e il reinserimento sociale e famigliare; infine, sensibilizzare gli operatori socio-sanitari, le autorità e l’opinione pubblica sul problema del tumore al seno. Parte fondamentale del gruppo di supporto sarà rappresentato da coloro che “ce l’hanno fatta”: ex pazienti che metteranno a disposizione il proprio vissuto e, attraverso la condivisione dell’esperienze e delle sofferenze, agevoleranno il cammino di chi, al contrario, sta ancora affrontando malattia e terapie.

“Riprendere il cammino interrotto con l’associazione delle donne operate al seno è qualcosa che mi rende particolarmente felice – afferma il dott. Fabio Falcini, Responsabile del Centro di Prevenzione Oncologica di Forlì e Presidente della LILT Forlì – poter lavorare assieme allo IOR porterà sicuramente a migliorare il percorso senologico per il futuro. Per noi professionisti il mondo del volontariato rappresenta uno stimolo ed un confronto continuo: la benzina che fa andare a mille il nostro motore”.

 Anche Annalisa Curcio, Direttrice della U.O. di Chirurgia Senologica dell’Ospedale Pierantoni-Morgagni di Forlì, sede delle attività del gruppo di supporto, ha espresso la sua soddisfazione relativa alla partenza del progetto. “Le Amiche di Arianna rappresenta, per la nostra città, un prezioso traguardo che coinvolge non solo le donne che hanno affrontato un percorso di cura per neoplasia mammaria e le persone a loro più vicine, ma anche i professionisti sanitari coinvolti in questo percorso. Il ruolo di realtà come IOR e LILT è diventato oggi di centrale importanza, rappresentando non più solo i semplici portavoce dei bisogni dei pazienti ma anche soggetti attivi e partecipanti. In quest’ottica il reparto di Chirurgia Senologica di Forlì si impegna a creare un clima di collaborazione con questo neonato gruppo, con l’obiettivo di condividere strategie e attività nell’ambito della prevenzione, della diagnosi e della cura del tumore alla mammella”.

 

Pubblicato in Notizie dal sito

Solitamente per il proprio compleanno si ricevono regali. Ma c’è anche chi, invece, li fa… E’ il caso della compagnia dialettale di Riccione “Quei dal Funtanele”, che in occasione dei propri trent’anni d’attività ha deciso di fare una importante e generosa donazione al Servizio di Oncoematologia Pediatrica dell’Ospedale “Infermi” di Rimini (Unità operativa di Pediatria). Sono cinque anni, infatti, che la compagnia sta mettendo da parte il ricavato dei vari spettacoli, e così è arrivata alla somma di diecimila euro, coi quali ha donato un innovativo ecografo al servizio.

Stamane, in reparto, una sobria cerimonia di inaugurazione dell’apparecchiatura, del valore di diecimila euro, alla presenza della Compagnia, dell’Associazione Arop (che ha fatto da tramite per i contatti), della Direzione Aziendale nella persona della dottoressa Marzia Giovagnoli, del primario della Pediatria dottor Gianluca Vergine e della dottoressa Roberta Pericoli, direttore del Servizio di Oncoematologia Pediatrica.

Le donazioni della compagnia riccionese non sono una novità, come ricordato dagli attori stessi. “Nel 2013, in occasione del nostro quarto di secolo di attività, donammo quattro monitor multiparametrici all’Ospedale di Riccione, e cinque anni ancora prima, 2008, organizzammo la donazione di tre letti di degenza sempre al ‘Ceccarini’ . La nostra compagnia nasce nel 1988, quando abbiamo fatto una prima rappresentazione dialettale per una festa di Carnevale. Di lì l’idea di farlo diventare un hobby, e quindi una modalità per aiutare il prossimo, attraverso commedie, rigorosamente dialettali, dei principali autori e registi del territorio. L’idea di aiutare l’Oncoematologia pediatrica è stata l’idea di uno di noi che è scoccata come una scintilla, e che abbiamo condiviso tutti con entusiasmo. E siccome non siamo stanchi, e facciamo donazioni ogni cinque anni – ha concluso la Compagnia – se tra cinque anni avrete bisogno, ci saremo ancora”.

Sempre vicina al Servizio, l’Arop ha svolto in questo caso un importante opera di facilitazione e contatto “grazie alla quale il Servizio si può giovare di apparecchi sempre all’avanguardia”.

Alla compagnia “Quei dal Funtanele”, un sentito ringraziamento da parte della dottoressa Giovagnoli e, ovviamente, dei dottori Vergine e Pericoli, i quali hanno anche illustrato le caratteristiche salienti dell'apparecchiatura donata: “Si tratta di un ecografo di grandi prestazioni sebbene di dimensioni contenute. E proprio queste dimensioni ne consentono un utilizzo anche al letto dei piccoli pazienti. Sarà utilizzato per l’Oncoematologia pediatrica ma, al bisogno, ne potranno usufruire anche altri pazienti pediatrici: abbiamo 23 posti letto – ha concluso il primario – e spessissimo sono tutti pieni”.

Pubblicato in Notizie dal sito

Venerdì 14 dicembre gli ambulatori di Distribuzione Diretta Farmaci presenti nei presidi ospedalieri di Rimini e Riccione effettueranno la chisura anticipata alle ore 14.30 per l'inventario di magazzino.

Pubblicato in Notizie dal sito

La Chirurgia di Faenza ha da oggi una nuova colonna laparoscopica “4K ultraHD Olympus” con modulo integrato per l’utilizzo intraoperatorio del verde indocianina e tecnologia innovativa grazie alla quale i chirurghi hanno un importante sostegno per eseguire procedure laparoscopiche con altissima definizione. E, cosa ancor più bella, questa apparecchiatura, altamente innovativa, è stata donata all’Azienda USL della Romagna da tanti donatori, ognuno per le sue possibilità. Stamane l’inaugurazione alla presenza del sindaco di Faenza Giovanni Malpezzi, del direttore dello IOR (che oltre a contribuire economicamente ha anche fatto da “collettore” tra tutti i donatori) Fabrizio Miserocchi, del direttore dell’Ausl Romagna Marcello Tonini e del direttore dell’unità operativa di Chirurgia dell’Ospedale “per gli Infermi” Giampaolo Ugolini (guarda il video ).

L’apparecchio. Nello specifico tale strumentazione permetterà – come illustrato dal dottor Ugolini - di avere una definizione di immagine impensabile fino a pochi anni fa. La tecnologia di questa apparecchiatura permetterà una valutazione più accurata della perfusione intestinale e una più chiara identificazione di alcune strutture anatomiche.

Si tratta indubbiamente di uno strumento tecnologico all’avanguardia, di ultima generazione attualmente in dotazione a pochissimi centri in Italia e in Europa. Ed ulteriore valore aggiunto risiede nel fatto che si tratta di una donazione. Un prezioso regalo che la Comunità Faentina e Romagnola ha fatto all’ospedale “per gli Infermi”: la cifra raccolta ammonta a 156.104,84 euro.

Il dottor Ugolini ha quindi rivolto “Un ringraziamento particolare al Comune di Faenza nella figura del sindaco Giovanni Malpezzi che insieme all’Istituto Oncologico Romagnolo, ha da subito colto l’importanza di tale iniziativa benefica promovendola nel nostro territorio.

 Ma altrettanta gratitudine va a tutti coloro che hanno permesso la realizzazione di questo progetto (singoli cittadini, cooperative, fondazioni e le realtà tutte che hanno contribuito), rispondendo con partecipazione inimmaginabile e perseguendo l’obiettivo in pochi mesi. Di fronte a tanta generosità sentiamo tutta la responsabilità di accrescere sempre di più la qualità del trattamento chirurgico che offriamo ai nostri concittadini e a quanti si rivolgono all’Ospedale di Faenza. La chirurgia di Faenza negli ultimi anni ha implementato notevolmente l’attività di chirurgia dell'apparato digerente con tecnica mini-invasiva all’avanguardia così come avviene nei maggiori centri di riferimento nazionali ed internazionali”.

Quest’anno sono stati eseguiti già oltre 250 interventi di chirurgia colo-rettale (principalmente per cancro del colon retto e malattie infiammatorie intestinali) con tecnica laparoscopica (456 gli interventi complessivi) e, indicatore di qualità, la maggior parte dei pazienti è stata dimessa a quattro giorni di distanza dall’intervento. “Un lavoro di squadra – ha altresì rimarcato Ugolini - che parte dalla Direzione della Azienda AUSL Romagna, col personale medico (in particolare anestesisti, gastroenterologi, oncologi e radiologi e) e infermieristico del nostro Ospedale, che contribuisce in maniera determinante ad offrire ai nostri cittadini un servizio chirurgico di qualità”.

La qualità percepita dal reparto è stata citata anche dal sindaco Malpezzi: “La lettera del dottor Ugolini che ci chiedeva di condividere questa avventura della raccolta fondi – ha raccontato – porta la data del 6 settembre 2017; in 15 mesi abbiamo centrato il risultato. Non solo, vi è stato un piccolo surplus rispetto al budget iniziale che ha consentito di acquisire anche ulteriori dotazioni optional per la colonna. Se questo è stato possibile è perché questo reparto e questo ospedale hanno una reputazione virtuosa tra la cittadinanza, oltre che per la generosità e lungimiranza di tutti i donatori, ai quali anche il Comune dedicherà un momento di ringraziamento ad hoc, con tutta probabilità il 23 gennaio prossimo in teatro”.

Il direttore IOR Miserocchi ha rimarcato come “Ior sia felice di affiancarsi ed aiutare le realtà sanitarie virtuose di tutti i territori della Romagna. Quando siamo stati coinvolti in questa donazione la cosa ci è subito piaciuta e oltre a dare un nostro contributo diretto di ventimila euro, abbiamo provveduto a coordinare le donazioni anche di tutti gli altri soggetti. Continueremo a stare al fianco della sanità faentina e di tutta l’intera Romagna con grande impegno”.

Ha chiuso i lavori il direttore generale Tonini, esortando “i professionisti a lavorare sempre più insieme ed in stretta sinergia. Il concetto della rete delle cure, cui stiamo lavorando, è, e sarà sempre più, il valore aggiunto di questa Ausl della Romagna. L’esempio che ci viene da questi donatori, che ringrazio va, a sua volta, in questa direzione dell’esaltazione dell’unità. Reti che valorizzano anche i singoli ospedali, come quello di Faenza, presso il quale, per fare un solo esempio, nei prossimi mesi provvederemo a svolgere le pratiche per l’individuazione e nomina dei primari di Ortopedia e Medicina”.

I donatori. Si riporta di seguito l’elenco dei principali donatori, ma va ben evidenziato che ha contribuito anche una vasta platea di privati cittadini con donazioni meno consistenti ma altrettanto importanti.

Tabella riepilogativa per “categoria” di donatori:

Descrizione

Importo

Numero

Persone fisiche

17.604,84 €

81

Società

38.000,00 €

8

Società Cooperative

35.500,00 €

14

Istituto Oncologico Romagnolo

20.000,00 €

1

Banca/Fondazioni

45.000,00 €

3

 

Totale complessivo

€ 156.104,84

107

Elenco dei principali donatori (donazioni dai 3.000 euro in su):

  • Istituto Oncologico Romagnolo
  • Fondazione Cassa Di Risparmio Di Ravenna
  • Bcc Ravennate Forlivese E Imolese
  • Caviro Distillerie
  • Tema Sinergie
  • Curti Costruzioni Meccaniche
  • Gemos
  • Fondazione Banca Del Monte E Cassa Risparmio Faenza
  • Atl Group
  • Consorzio Faentino Utenti Gas Tecnici
  • Cofra
  • Cantina Di Faenza
  • Cooperativa Facchini Faenza
  • Cooperativa Zerocento
Pubblicato in Notizie dal sito

L’Azienda Usl della Romagna, in collaborazione con l’Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti sezione Forlì-Cesena, la BCC ravennate, forlivese e imolese, e numerose realtà locali e singoli cittadini, si è fatta promotrice di un’ importante raccolta fondi per permettere l’acquisizione di un Laser Giallo Micropulsato, strumento innovativo per la cura delle maculopatie e di gravi patologie della retina, per i pazienti della Romagna.

Il progetto è stato presentato oggi alla stampa.

"A nome dell’AUSL – ha spiegato la dottoressa ELENA VETRI, della direzione sanitaria dell’ospedale 1Morgagni – Pierantoni di Forlì' - ringraziamo il dottor Costa per aver proposto l’iniziativa. L'Azienda Usl della Romagna, La Banca di Credito Cooperativo Ravennate Forlivese e Imolese, l’Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti sezione Forlì-Cesena si sono fatti promotori della campagna di raccolta fondi intitolata "Un canestro per la vista", con  la squadra Pallacanestro Forlì 2015 come testimonial, iniziata in occasione della serata degli auguri al teatro Fabbri di Forlì con la consegna dei primi 20.000 euro da parte della BCC.

L’interesse generale dimostrato da tutti coloro che stanno fattivamente partecipando a questo progetto ci fa ben sperare di arrivare presto a raggiungere l’obiettivo che ci siamo prefissati.

"La popolazione residente nel nostro territorio – ha chiarito il dottor GIACOMO COSTA, Direttore della UOC di Oculistica dell’ospedale di Forlì  - sta andando incontro ad un progressivo aumento della età media con conseguente incremento delle patologie legate all’età, in particolare modo Degenerazione Maculare Senile, Diabete e patologie vascolari retiniche occlusive, come  indicano i dati epidemiologici più recenti.  Ultimamente, lo sviluppo di nuove tecnologie , come appunto il laser giallo micropulsato, meno distruttive e più conservative per il tessuto nervoso retinico (consentono il trattamento della macula senza arrecare danni permanenti, come invece accade con i laser tradizionali) sta facendo mutare lo scenario terapeutico. Dai molti dati presenti nella letteratura scientifica internazionale, infatti,  l’azione combinata di terapie iniettive e laser sembra essere il miglior compromesso per il miglioramento della qualità della vita per i pazienti.”

"L’U.O. Oculistica di Forlì – prosegue Costa - ha da sempre una vocazione spiccata per la diagnosi e cura delle patologie della retina, sia mediche che chirurgiche. E’ nata quindi l’idea di portare  questo nuovo tipo di tecnologia, unica in Romagna, nel nosocomio forlivese, attraverso il coinvolgimento delle principali realtà e dei singoli cittadini che vorranno contribuire. Il laser ha un costo di circa centomila euro e può essere applicato a tutte le patologie della retina centrale, alcune anche, attualmente, incurabili. Non danneggia la retina e sostituisce terapie molto costose".

"La nostra banca è da sempre molto attenta alle esigenze del territorio, soprattutto se si tratta di salute – chiarisce  ANGELO CENCI, Capo Area Commerciale di Forlì della banca 'La BCC ravennate, forlivese e imolese Soc. Coop.'. In particolare, il nostro comitato locale, qui rappresentato dal presidente Cleonildo Bandini, ha aderito immediatamente a questo progetto, che porta a Forlì una strumentazione unica in Romagna. Tutti i clienti, e non clienti, della Banca potranno dare il loro contributo sul conto corrente intestato all’Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti sezione Forlì-Cesena”.

"La nostra associazione – ha ribadito FABIO STRADA, Presidente dell’Unione Italiana ciechi Sezione di Forlì – Cesena – ritiene la prevenzione delle patologie visive un tema fondamentale ed ha pertanto aderito con grande entusiasmo a questo progetto".

La campagna di raccolta fondi promossa dall'azienda con Partners la Bcc e l'Unione ciechi Forli-Cesena,  è stata  ideata e curata da Elisabetta Montesi, responsabile del fund raising per l’AUSL della Romagna.

Pubblicato in Notizie dal sito

“Nato troppo presto” è il titolo del cd benefico realizzato e presentato in anteprima  lo scorso 17 novembre in occasione della giornata del Nato prematuro, dall’Associazione “Crescere a Piccoli Passi genitori della TIN e della neonatologia di Cesena e Forlì”. Il CD, venduto come charity delle festività natalizie, andrà a sostenere le attività e i progetti dell’Associazione a favore dei reparti ospedalieri di Cesena e Forlì.

Il cd contiene un singolo cantato da Alice Gazzoni, presidente dell’Associazione e mamma di due bambini nati prematuri, con testo scritto dal dottor Augusto Biasini, già direttore dell’UO Pediatria e Terapia intensiva neonatale,  e musiche di Alex Grilli. “Il testo della canzone – spiega la Alice Gazzoni – parla della prematurità e vuole dar voce a chi ancora non può comunicare; abbiamo pensato che la voce di una mamma che ha vissuto la Tin fosse il modo migliore per veicolare il messaggio. Un grande grazie va a chi ha creduto nel progetto e alla sua realizzazione, grazie al dottor Augusto Biasini che ci ha regalato parole bellissime, grazie ad Alex Grilli e alla sua band per il sostegno e l'impegno che hanno dimostrato e un grazie a chi mi ha sostenuta e aiutata per raggiungere il risultato”.

Il cd è disponibile il 17, 18 e 19 dicembre presso il banchetto di Natale allestito nell’atrio dell’ospedale Bufalini oppure può essere richiesto direttamente all’Associazione tramite il sito www.crescereapiccolipassi.it.

Pubblicato in Notizie dal sito

Cerca notizia

Archivio