Skip to main content

Articoli filtrati per data: Ottobre 2019

Si è svolta questa mattina presso la sede del “118 Romagnasoccorso” una conferenza stampa per presentare un’iniziativa che si svolgerà sabato prossimo, 19 ottobre, in piazza San Francesco a Ravenna, per la sensibilizzazione rispetto al tema della Rianimazione cardiopolmonare e dell’intervento di soccorritori “laici” quando questo evento si verifica, aumentando la probabilità di sopravvivenza per le persone colpite. Erano presenti l’assessore Gianandrea Baroncini del Comune di Ravenna, il direttore medico dell’ospedale di Ravenna Paolo Tarlazzi, il direttore di “118 Romagnasoccorso” Mauro Menarini, Marco Petroncini in rappresentanza del comando dei Vigili del Fuoco, Angela Gulminelli (Pubblica Assistenza di Ravenna) ma l’iniziativa è supportata anche da Croce Rossa e Cooperativa Bagnini.

In Europa gli arresti cardiaci sono 400mila di cui il 70 per cento in presenza di qualcuno che potrebbe cominciare il massaggio cardiaco. Nell’area di Ravenna in media ogni due giorni una persona necessita dell’intervento di rianimazione cardiopolmonare del “118 Romagnasoccorso”, per un totale di 150-200 interventi in un anno.

L’arresto cardiaco è causa di morte improvvisa in otto casi su dieci dei decessi di origine cardiovascolare; in Italia si stima un’incidenza di 50-60 mila persone all’anno e l’esito dell’intervento dei soccorsi è positivo nell’11-16 per cento dei casi. Fondamentale, nell’attesa del personale sanitario, è praticare le prime manovre di rianimazione e l’utilizzo del defibrillatore. Il tempo per agire è poco circa 5 minuti prima che si instauri un danno al cervello per mancanza di ossigeno, e dopo 10 minuti, in assenza di manovre di rianimazione, i danni sono IRREVERSIBILI.

Per questo già da anni si svolgono corsi in cui si formano persone che non svolgono professioni mediche o sanitarie, i cosiddetti soccorritori laici, alla rianimazione cardiopolmonare e all’utilizzo del defibrillatore semiautomatico Dae. Anche a Ravenna è dunque presente un piccolo esercito di persone che sono addestrate ed autorizzate a svolgere queste operazioni, che ora hanno uno strumento in più. Attraverso una App regionale, infatti, questi soccorritori possono essere geolocalizzati dalla Centrale operativa del 118 qualora si trovino nei pressi di un evento di arresto cardiorespiratorio, per aiutare, se serve, in attesa dell’arrivo del 118. “La prospettiva – ha comunque spiegato il dottor Menarini – è comunque che chiunque possa intervenire, anche senza aver fatto il corso, poiché a fronte di un paziente con un arresto un massaggio cardiaco, guidato per telefono dalla centrale 118, anche se effettuato da un non esperto, può avere un effetto positivo. E perché l’uso del Dae è oramai di una semplicità estrema. Al momento per poter intervenire bisogna aver fatto un corso ma è al vaglio un disegno di legge che aprirebbe la possibilità d’intervento a tutti. E’ importante anche perché il numero di casi aumenta e spesso in persone sempre più giovani”.

L’assessore Baroncini ha a sua volta sottolineato l’importanza “di una cultura diffusa del soccorso, grazie alla quale i cittadini hanno gli strumenti e la possibilità per aiutare persone che stanno male. Spesso mi capita di inaugurare nuovi defibrillatori sul territorio, che sono indispensabili, ma non bastano. E’ importante che ci siano, sul territorio, sempre più persone in grado di utilizzarli”.

Per questo il “118 Romagnasoccorso” insieme all'AUSL Romagna e al Comune di Ravenna hanno accettato di promuovere la campagna sostenuta dalla Regione Emilia Romagna e promossa dal Parlamento Europeo, denominata "Settimana ViVa per la Rianimazione Cardiopolmonare”, attraverso la sensibilizzazione della cittadinanza con prove pratiche su manichino.

All'importanza di queste azioni di primo soccorso, che possono eseguite anche da persone estranee al settore d' dedicata la giornata di Sabato 19 ottobre 2019 dalle ore 10 in Piazza San Francesco a Ravenna.

L'iniziativa è supportata da Croce Rossa Italiana di Ravenna, Pubblica Assistenza di Ravenna e Cooperativa bagnini di Ravenna, la giornata ha l’obiettivo di sensibilizzare sulla problematica delle morti improvvise, cioè quelle inattese per cause cardiache di persone apparentemente sane, e sulle manovre da mettere in atto per evitare o limitare i rischi per la salute connessi all’arresto cardiaco.

Il programma prevede incontri e dimostrazioni pratiche e formazione per la rianimazione cardiopolmonare: esperti del 118 e volontari delle associazioni coinvolte aiuteranno le persone all’addestramento delle manovre di Rianimazione CardioPolmonare e all’uso del defibrillatore oltre alla presentazione dell’App DAERespondER.

In Piazza San Francesco saranno allestiti spazi dedicati dove sarà possibile ottenere informazioni e una tensostruttura che ospiterà le iniziative.

In allegato le cartoline relative alla app.

Pubblicato in Notizie dal sito

Domenica 13 ottobre 2019, in occasione del primo anniversario della morte di Cristina Malandri (ciclista forlivese che ha dedicato la propria vita alla passione per lo sport e prematuramente scomparsa durante un allenamento in bicicletta su strada), la famiglia di Cristina e Augusto Baldoni, di Baldoni Bike Shop, hanno effettuato un gesto di vicinanza all’AUSL della Romagna ed in particolare al Servizio di Emergenza Territoriale 118 di Forlì attraverso un’importante donazione. La cerimonia di consegna di due “estricatori” al 118 di Forlì è avvenuta ieri presso la Villa Reggiani a Vecchiazzano, in presenza della dottoressa Silvia Mambelli, direttore della Direzione Infermieristica e Tecnica dell’AUSL della Romagna.

 

“I due estricatori – spiega la dottoressa Mambelli – sono un presidio fondamentale, utilizzato dagli operatori del 118, realizzato per l’estricazione rapida e sicura e l’immobilizzazione spinale in ambienti ristretti come ad esempio per l’estrazione di un ferito dall’abitacolo del veicoli. Tale accorgimento permette di ridurre i rischi di danni secondari a tali regioni durante l’estrazione dal veicolo. L’estricatore avvolge la testa, il collo ed il tronco in una posizione semirigida, consentendo appunto l’immobilizzazione della spina dorsale. L’acquisto dei dispositivi è avvenuto grazie ai fondi raccolti, il 9 giugno scorso, con il raduno ciclistico “Strada di tutti - Usiamola in sicurezza”, organizzato dalla famiglia Malandri e da Baldoni Bike in ricordo di Cristina Malandri”.

 

“A questa donazione al 118 forlivese – prosegue la dottoressa Mambelli – si è aggiunta una ulteriore raccolta fondi effettuata durante l’evento, nella giornata di ieri, a conferma di una particolare sensibilità e vicinanza di tutto il gruppo ciclistico Baldoni Bike - Vitamina verso la famiglia Malandri e verso gli operatori del 118 che ogni giorno, attraverso la propria umanità e professionalità, soccorrono i cittadini che hanno bisogno di aiuto”.

 

La Direzione del Presidio Ospedaliero di Forlì e la direzione Infermieristica e Tecnica di Forlì ringraziano infine, a nome dell’AUSL Romagna, la famiglia di Cristina, la Baldoni Bike e tutti i cittadini e i “ciclisti” che hanno contribuito a questa importante donazione, dimostrando grande sensibilità e generosità.

Pubblicato in Notizie dal sito

Domenica 20 ottobre 2019

ore 16:30

Abbazia di San Mercuriale

Piazza Saffi

Forlì

 

Domenica 20 ottobre in occasione della festa di San Mercuriale, alle ore 16:30, all’Abbazia di San Mercuriale si terrà la presentazione dei risultati del primo anno di studi sulle reliquie di San Mercuriale.

Il progetto, che ha preso avvio con la ricognizione scientifica del 19 settembre 2018, nasce grazie ad una proficua collaborazione tra ricercatori ed istituzioni. Protagonisti dell’iniziativa sono Mirko Traversari, antropologo fisico e responsabile del progetto, il gruppo AUSL Romagna Cultura e la Diocesi di Forlì-Bertinoro, con il contributo del Lions Club Forlì-Cesena Terre di Romagna, particolarmente attivo su iniziative di valorizzazione e tutela della città di Forlì, che si è dimostrato immediatamente sensibile all’importante iniziativa.

Ad un anno dall’avvio degli studi, l’incontro presenterà i risultati delle indagini laboratoristiche effettuate, che verteranno sulla paleodieta, la mobilità ed alcuni quadri patologici potenzialmente sofferti dal Santo. Verranno inoltre forniti aggiornamenti sullo studio genetico effettuato sulle reliquie.

 

Saluti istituzionali

Don Pietro Fabbri, Vicario Generale della Diocesi di Forlì-Bertinoro

Don Enrico Casadio, Abate di San Mercuriale

Valerio Melandri, Promozione settore culturale e museale; Università; Politiche internazionali; Progetti europei; Innovazione Tecnologica, Comune di Forlì

Massimo Fiori, Presidente del Lions Club Terre di Romagna

Tiziana Rambelli, in rappresentanza del gruppo AUSL Romagna Cultura

 

Presentazione dei risultati

I risultati delle indagini laboratoristiche ad un anno dalla ricognizione scientifica

Mirko Traversari, Antropologo Fisico e Paleopatologo

Pubblicato in Notizie dal sito

Ancora un segno di vicinanza, da parte della Società Civile, all’Ospedale “Santa Maria delle Croci” e in particolare al reparto di Pediatria e Tin. E’ infatti partita una vera e propria gara di solidarietà per raccogliere i fondi necessari ad arricchire il reparto con lettini pediatrici per i pazienti più piccini.

Il reparto, diretto dal professor Federico Marchetti rappresenta uno dei punti strategici più importanti della struttura e ormai da tempo uno dei fiori all’occhiello dell’offerta sanitaria rivolta alla popolazione del territorio del Ravennate. E la professionalità, la passione e l’amore dei professionisti (medici, infermieri, oss…), nei confronti dei piccoli pazienti, trova riscontro, da parte della cittadinanza, anche attraverso la partecipazione al miglioramento dell’offerta, che non può mai dirsi essere raggiunta. Ogni nuova donazione infatti, migliora e completa ulteriormente la già più che valida dotazione tecnologica ed aiuta ad incrementare il confort delle famiglie che devono trascorrere un po’ del loro tempo all’interno della nostra struttura.

La campagna di raccolta fondi ”Insieme si puo” va proprio in questa direzione. E’ stata ideata dalla signora Fortunata Franchi, sostenuta dal patrocinio del Comune di Ravenna e naturalmente dall’Ausl Romagna, con il contributo della “Banca di Credito Cooperativo Ravenna Forlivese ed Imolese”, di Cna Ravenna e della Tipografia Scaletta (grazie alla cui sensibilità e impegno sono stati creati 56 punti di raccolta fissi in diversi negozi e punti della città e forese, oltre al coinvolgimento di vari altri soggetti). Soggetti che sono intervenuti alla conferenza stampa di stamane, di presentazione delle iniziative.

La raccolta fondi è stata già sostenuta da diversi cittadini, tra cui la dottoressa Angela Gulminelli e il “Gruppo mamme” del nido “Crescere Insieme”, e da diverse associazioni. In particolare “Le Magline di Porto Fuori” ha aderito con una donazione importante.

L’iniziativa proseguirà con vari eventi come quello che effettuerà la Pizzeria Ristorante “Il Molinetto” di Ravenna che nella serata di sabato 12 (DOPODOMANI) donerà tutto il ricavato dalla vendita dei dolci. E ancora: “Il Sogno del Bambino” di Stefania Facchini dedicherà l’evento ed il ricavato di “Spazio Caffè Mamme” di tutto il mese di ottobre alla raccolta fondi ed il forno “Nonna Iride” offre il rinfresco per l’iniziativa di “Spazio Caffè Mamme”; il Ristorante Pizzeria “L’Ustaria” di Savarna di Ravenna effettuerà il “Bimbo day” nella giornata del primo dicembre ed il ricavato che deriverà dai pasti dei bimbi sarà devoluto. Prossimamente aderirà anche il Circolo PD di Fosso Ghiaia che dedicherà il ricavato del pranzo in memoria di Sergio Nicosanti, il 15 dicembre, all’iniziativa. Altri doverosi ringraziamenti vanno a “Pirilampo Ravenna ForKIDS” per l’iniziativa che sta preparando per il 3 novembre, nonchè “La Ruota Magica”, “Studio Delta”, Ravennanotizie e RavennawebTV per il sostegno.

Al di là di quanto già fattola sottoscrizione prosegue, perché per raggiungere l’obiettivo, pari a 8.500 euro, serve  il supporto di quanti vorranno aggiungersi alla già lunga schiera di benefattori. E a questo proposito si ricorda che è stato attivato un apposito conto corrente bancario con le seguenti coordinate: IT22W0854213110044000310996 .

Perché… “Insieme si può”.

Pubblicato in Notizie dal sito

Ancora un gesto di vicinanza all’Azienda USL della Romagna, e in particolare all’Ospedale “Franchini” di Santarcangelo, da parte dell’Associazione Santarcangiolese “Paolo Onofri”. Non certo nuova a simili gesti di liberalità, l’associazione si è indirizzata, questa volta, all’ambulatorio di Otorinolaringoiatria, al Punto Primo Intervento e alleUnità Operative di Medicina Interna e Chirurgia, con apparecchiature e arredi del valore complessivo di oltre dodicimila euro, coordinando le donazioni di vari soggetti ed associazioni.

Le apparecchiature sono state inaugurate venerdì scorso alla presenza del dottor Giorgio Ioli, presidente della “Paolo Onofri”, del sindaco Alice Parma, del direttore generale dell’Ausl Romagna Marcello Tonini, del direttore del Presidio ospedaliero Gianfranco Cicchetti e dei quattro responsabili dei servizi “riceventi”: il dottor Marco Trebbi dell’Otorino, il dottor Gianluigi Cerchione del Punto di primo intervento, il dottor Luca Morolli della Medicina e del dottor Domenico Samorani, primario di Chirurgia.

Per quanto attiene all’ambulatorio otorino è stato donato un Rinofaringoscopio XL Optim. Questo apparecchio offre al medico un dispositivo completamente portatile per eseguire endoscopia nasale e laringoscopia praticamente ovunque. Inoltre ha un diametro di inserimento sottile (2,7 millimetri) che lo rende la scelta preferita per la valutazione diagnostica dei passaggi stretti delle vie aeree superiori, sia negli adulti sia nei bambini. Si possono così eseguire esami diagnostici del naso e della gola, per la visualizzazione dei passaggi nasali e della laringe, in maniera estremamente semplice, come ad esempio se si usasse lo stetoscopio. Con la tecnologia di illuminazione integrata direttamente nell'impugnatura, viene eliminata la necessità di sorgenti luminose esterne separate ed ingombranti. L’apparecchio ha un design compatto e all-in-one che offrendo la totale libertà di movimento al professionista migliora la cura del paziente.

Il Punto di Primo Intervento riceve, invece, una sonda elettronica lineare per l’ecografo già in dotazione al servizio. La sonda è importante per la diagnostica di tessuti superficiali quali cute, muscoli e per la diagnostica vascolare e molto utile soprattutto per escludere in Pronto Intervento la presenza di trombosi venose profonde a carico degli arti.

L’associazione santarcangiolese “Paolo Onofri” ha quindi donato un registratore per il monitoraggio dinamico non invasivo nelle 24 e 48 ore per i centri per la diagnosi e la cura dell’ipertensione arteriosa alla Medicina. Si tratta di uno strumento portatile per il monitoraggio dinamico della pressione arteriosa per un minimo di 24 ore. Indicato per valutare la severità dello stato ipertensivo, l'efficacia del trattamento farmacologico, analizzare il ritmo circadiano e la variabilità della pressione arteriosa, grazie alle dimensioni e peso estremamente ridotti e alla sua silenziosità, è ben tollerato dai pazienti specialmente durante la fase del sonno notturno. E’ dotato di rilevazione dei valori mediante il metodo oscillometrico, per garantire una migliore praticità e completezza dei dati in tutte le tipologie di pazienti esaminati. Indicazioni cliniche: aritmia cardiaca e screening Fibrillazione Atriale: attraverso uno speciale algoritmo di indicazione dell’aritmia cardiaca consente di effettuare lo screening della fibrillazione atriale  con esterna precisione.

Sono stati infine donati tre lettini elettrici del valore totale agli ambulatori di Chirurgia e Medicina, che servono soprattutto per persone con problemi di motilità per posizionarli sui lettini con minore difficoltà.

Il dottor Ioli ha ricordato le origini dell’associazione santarcangiolese “Paolo Onofri”, “mirata a diffondere conoscenze e comunicazione sulla medicina, e che ora, grazie ad una strettissima collaborazione con la società civile, effettua anche queste importanti donazioni. Saremo sempre vicini all’ospedale in tutti i modi, e apprezziamo tanto la vicinanza che l’intera società civile santarcangiolese e il mondo del volontariato ha, nei nostri confronti. A questo proposito vorrei ricordare la figura di Walter Nicoletti, recentemente scomparso, che anche quando era già malato, non ha mai fatto mancare il suo sostegno al nostro lavoro”.

Il sindaco Parma ha a sua volta evidenziato l’importanza del nosocomio “e di tutte le associazioni che, travalicando l’individualismo, collaborano fattivamente per un bene comune più importante, sempre nel rispetto delle competenze di tutti. L’importanza del ‘Franchini’ è evidenziata anche dal piano degli investimenti, significativo, che l’Ausl Romagna ha previsto per il nostro ospedale, in modo da non fare mai passi indietro rispetto agli importanti risultati raggiunti”.

E un invito in questo senso, cioè sulla necessità di non fare passi indietro, “nonostante la situazione e il momento non facili che stanno vivendo il Sistema Sanitario Nazionale pubblico – è arrivato anche dal direttore generale -: Santarcangelo è una realtà importante dove sono state fatte cose in armonia e per rispondere in modo il più possibile armonico ai bisogni di tutti. E’ importante mantenere questa armonia”.

Pubblicato in Notizie dal sito

Si è svolta venerdì scorso, all’interno della Sala Giunta di Palazzo Mancini, la conferenza stampa di presentazione dell’evento benefico “Noi ci saremo sempre!”, organizzato dall’Associazione Nazionale Carabinieri Sezione di Morciano - San Clemente, e della sfilata della Fanfara dei Carabinieri che prenderanno vita a Cattolica il prossimo sabato 19 Ottobre.

Alla conferenza hanno preso parte il Generale Claudio Rosignoli, Associazione Nazionale Carabinieri (Bologna), Carlo Arcaroli, Presidente Associazione Nazionale Carabinieri sezione di Morciano – San Clemente, il Dottoressa Gabriella Pelusi, Dirigente medico dell’Unità Operativa Chirurgia Pediatrica Ospedale di Rimini, la Dottoressa Elisabetta Montesi, Dirigente Responsabile Fundrising Azienda USL Romagna, e per l’Amministrazione di Cattolica il Sindaco Mariano Gennari, Assessore e Simonetta Salvetti Direttrice Teatri di Cattolica. Tra i presenti anche i rappresentanti locali delle Forze dell’Ordine, con i Comandanti Antonino Miserendino e Luca Colombari, e Simon Soprani in rappresentanza dell’Accademia Musicale della Città di Cattolica.

Nel dettaglio la Fanfara dei Carabinieri (Scuola Marescialli e Brigadieri di Firenze) sarà presente nella Regina già dal pomeriggio quando, a partire dalle 17.00, sfilerà per le vie cittadine partendo da Piazza I° Maggio ed, attraversando Viale Bovio e Via Mancini, si fermerà in Piazza Roosevelt per ricevere il saluto da parte dell'Amministrazione Comunale e di tutta la cittadinanza. Alle ore 21,00 si esibirà al Teatro della Regina di Cattolica in occasione dell'evento di beneficenza “Noi ci saremo sempre!”. L’appuntamento, patrocinato dall’Amministrazione Comunale, ha lo scopo di finanziare l’acquisto di un macchinario ospedaliero per il reparto di Oncoematologia Pediatrica dell’Ospedale Infermi di Rimini.

APPUNTAMENTO BENEFICO. L’evento “Noi ci saremo sempre!” è alla sua seconda edizione. La serata al Teatro della Regina verrà presentata dalla conduttrice e giornalista Cristina Tassinari. Oltre all’esibizione della Fanfara, che eseguirà dei brani anche insieme al tenore Gianluca Pasolini, si alterneranno sul palco numerosi artisti (alcuni di loro presenti in sala durante la conferenza). Parteciperanno, infatti, l’Accademia Musicale Città di Cattolica, Cara Baby Rock & Roll, Antonio Mezzancella, Tatiana, Linda D, Paki, Samuel, ed l’ospite speciale Ambra Orfei. Particolare attenzione sarà data agli effetti dell’illuminazione .

LE DICHIARAZIONI. “Da parte mia, dell’Amministrazione e in rappresentanza di tutta la cittadinanza – ha detto in apertura di conferenza il Sindaco Mariano Gennari - un sentito ringraziamento alla Fanfara dei Carabinieri per la sfilata delle alte uniformi che sfoggeranno il loro lustro nelle vie cittadine e la partecipazione all’evento benefico che si terrà la sera alle 21 al Teatro della Regina in favore dell’Oncoematologia Pediatrica dell’Infermi di Rimini. Speriamo di trovare un teatro gremito”.

“Fa estremamente piacere - ha aggiunto il Generale Claudio Rosignoli - essere qui oggi ad ascoltare la meraviglia di questo nuovo macchinario che renderà più agevolo la cura dei giovani, giovanissimi paziente. Lo spirito degli abitanti di questo comprensorio si unisce allo spirito dell’Arma dei Carabinieri. Dalle note della Fanfara verranno fuori i sentimenti di solidarietà che ci contraddistinguono”. “Il nostro è un prestare servizio nell’accezione più nobile del termine” ha aggiunto il Colonello Nevio Monaco dell’ANC di Rimini.

“Una sfilata ed un concerto speciale, momenti organizzati con onore e piacere – ha sottolineato Arcaroli - per permettere al territorio di vivere momenti diversi, in musica, attraverso la legalità rappresentata dalla Fanfara di Firenze dell'Arma dei Carabinieri. Un ringraziamento speciale a tutte le persone e tutte le aziende che hanno supportato la creazione dell’evento. Vi aspettiamo tutti a Teatro a Cattolica per aiutare chi ha bisogno”.

“Grazie a questo appuntamento – ha sottolineato la dottoressa Pelusi - riusciremo ad portare all’Ospedale di Rimini, nell’Unità Operativa di Chirurgia Pediatrica, una ottica endoscopica. Va considerato che siamo il centro di riferimento per tutta la Romagna, ma c’è anche l’arrivo di pazienti da varie parti d’Italia o da paesi come Albania e Croazia. Avremo quindi uno strumento di chirurgia mini-invasiva che ha il vantaggio di consentire una ripresa più rapida nel post-operatorio per i nostri pazienti dell’oncologia pediatrica. In alcuni casi sarà possibile evitare di ricorrere a Pet-Tac”.

“Una grande risposta che arriva dai territori – ha commentato la dottoressa Montesi – per il reperimento di risorse in ambito sanitario. Aspettative di vita che si allungano sempre più insieme alle aspettative di salute, siamo contenti di avere queste reti di supporto che promuovono iniziative legate alla solidarietà e che riescono a rispondere alle necessità di aggiornare tecnologie sempre più spesso. Quello Romagnolo è un territorio che mi stupisce per le forze che riesce a mettere in campo. Grazie all’aiuto di associazioni, ad esempio, sono state inaugurate case di accoglienza per i familiari dei pazienti. Siamo quindi noi che dobbiamo ringraziare voi, siamo grati all’Associazione Nazionale dei Carabinieri per questo evento che ci è stato proposto”.

In conclusione un piccolo aneddoto dell’Assessore Olivieri che ha ricordato come il nonno fosse stato il primo Maresciallo a Cattolica e “quindi vivo con emozione questa iniziativa e credo che dovremmo sentirci un po’ tutti Carabinieri nel nostro DNA per mettere in atto proprio quello spirito di servizio alla comunità che li contraddistingue. Insieme alla Fanfara, vi aspettiamo a Cattolica sabato prossimo”.

La Fanfara dei Carabinieri di Firenze. Nasce nel 1920 presso la Scuola Sottufficiali dei Carabinieri. I musicisti erano tutti allievi sottufficiali, oggi invece sono carabinieri-musicisti in servizio permanente nella Fanfara che spesso sono impiegati nel normale servizio istituzionale. Indossano l'uniforme storica dell'Arma, conosciuta come Grande Uniforme Speciale, con il tipico cappellone chiamato Lucerna, per la caratteristica forma che richiama alle antiche lampade.

La Banda Musicale dell'Arma dei Carabinieri è nota in ogni parte del mondo per la varietà del suo repertorio, per la perfezione formale delle sue esecuzioni e per il fascino che suscitano i suoi orchestrali, con le loro splendide uniformi, la magnifica compostezza, la profonda vocazione musicale. E la partecipazione del pubblico ai concerti della Banda dell'Arma rimane uno dei tanti aspetti di quella naturale simpatia che spinge il cittadino verso i Carabinieri.

INFORMAZIONI: PRESIDENTE ASSOCIAZIONE NAZIONALE CARABINIERI MORCIANO – SAN CLEMENTE - CARLO ARCAROLI TEL. 389.2341310

Pubblicato in Notizie dal sito

Si informa che lunedì prossimo, 14 ottobre, in occasione della Festività del Patrono Cittadino, gli uffici amministrativi Ausl situati nel territorio del Comune di Rimini resteranno chiusi. E più in generale i servizi avranno l’assetto delle giornate festive.

Pubblicato in Notizie dal sito

Si informa la cittadinanza che a partire dalunedì 14 ottobre fino a giovedì 31 ottobre all’ospedale di Riccione verranno eseguiti lavori di manutenzione per la sostituzione della pavimentazione nella zona di attesa del Pronto Soccorso. Lavori che si svolgeranno in tre momenti interessando via via tre diverse aree in modo da garantire comunque idonei percorsi di accesso dei pazienti al triage.

L’Azienda si scusa per gli eventuali disagi, sebbene dovuti ad aumentare l’accoglienza dei pazienti.

Pubblicato in Notizie dal sito
Venerdì, 11 Ottobre 2019 15:15

Screening tumore del colon retto

Semplice, gratuito e funziona. Hai ricevuto la lettera ?

Parte la nuova campagna regionale per la prevenzione di questa grave patologia.

Pubblicato in Notizie dal sito

Il 25 ottobre, alle ore 20.30, a Savignano sul Rubicone (sala Allende corso Vendemini 18) si svolgerà l'incontro rivolto ai genitori di adolescenti "Internet tra nuove normalità e nuove dipendenze", con lo psicologo e psicoterapeuta Tommaso Zanella. E' promosso nell'ambito del ciclo di incontri organizzati su tutto il territorio dalla Regione Emilia Romagna. Si tratta di occasioni per capire meglio come comportarsi con i propri figli ed aiutarli a crescere. in allegato anche la locandina con gli incontri previsti nella provincia di Forlì-Cesena.

Pubblicato in Notizie dal sito