Articoli filtrati per data: Giugno 2019

Il Centro Diurno La Meridiana si prepara a festeggiare i 30 di attività con una serie di iniziative pubbliche che a partire dall’11 giugno animeranno il parco della struttura di Via Cerchia Sant’Egidio 2621.

Gli eventi, tutti ad ingresso gratuito, sono organizzati nell’ambito di ‘Oltre il Giardino’ progetto del Servizio per le Dipendenze Patologiche (Ser.DP) di Cesena, in collaborazione il Comune di Cesena, il Quartiere Cervese Sud e Il Mandorlo Coop. Soc. Onlus, per promuovere l’inclusione sociale e il reinserimento professionale degli utenti del Centro diurno La Meridiana e, al contempo, offrire uno spazio verde fruibile dai residenti del quartiere Cervese Sud ed aperto a tutta la cittadinanza. 

Tutti i dettagli sono stati presentati questa mattina, nel corso di una conferenza stampa che si è svolta nel giardino del Centro Diurno, alla presenza di Michele Sanza direttore Servizio per le Dipendenze Patologiche Ser.DP di Cesena, Claudio Ravani (direttore Dipartimento Salute Mentale e Dipendenze Patologiche dell’Ausl Romagna), Danilo Paglierani (presidente Quartiere Cervese Sud), Gianluca Farfaneti (Psicologo-Psicoterapeuta
Responsabile Centro Diurno La Meridiana ) Elisabetta Montesi (responsabile Fundraising Ausl Romagna) e Monica Teodorani (coordinatrice infermieristica).

 

ALL TOGHER NOW “Ora tutti insieme”.

Venerdì 14 giugno nel giardino della struttura si svolgerà l’iniziativa “ALL TOGHER NOW. Ora tutti insieme”, una serata con le Associazione di Volontariato contro le dipendenze per festeggiare i 30 anni del Centro diurno La Meridiana. L’evento si aprirà alle ore 18,30 con la presentazione delle attività e dei progetti di intervento contro le dipendenze e le testimonianze delle Associazioni Anglad, ACAT, Giocatori Anonimi, Narcotici Anonimi e Cooperativa il Mandorlo, da sempre in prima linea nella lotta alle dipendenze.A seguire, si terrà il concerto de I MUSICANTROPI, gruppo musicale composto da alcuni utenti del Centro di Salute Mentale di Cesena e guidato dal dottor Giovanbattista Polichetti.Durante la festa ci saranno stand con i prodotti dei laboratori del Centro Diurno, uno stand gastronomico con piadina e affettati e raccolta fondi a sostegno del progetto “Oltre il Giardino”. (In allegato, la locandina dell'evento)

 

Rassegna “Incontro con l’autore”.

Cinque  appuntamenti gratuiti, in programma ogni martedì, alle ore 18.30 dall’11 giugno fino al 9 luglio.Si parte martedì 11 giugno con “L’innocenza della zanzara” (In Edit Editore), incontro con Claudio Venturelli e Raniero Bastianelli autori del libro, e letture di alcuni brani a cura di Vincenzo Morrone e Sabrina Guidi. L’incontro successivo, fissato per martedì 18 giugno vedrà protagonista l’autore del libro “Countdown” (Castelvecchi Editore) Tommaso Balbi che dialogherà con Marusca Stella psicologa dell’Adolescenza. Martedì 28 giugno si parlerà del volume “Dove giocano i pesci volanti” (Vittorai Igazu Editore)” con Vittorio Veroli autore del libro, che dialogherà con Riccardo Greco editore e Luigi Bray poeta. Martedì 2 luglio si terrà l’incontro con Angela Basile autrice del libro “Perlascura e altre storie” (Edizione Pontevecchio), che dialogherà con Maria Elena Baredi pedagogista. Ultimo appuntamento, martedì 9 luglio, “Mamma voglio fare l’influencer” (Youcanprint edizioni) incontro con Andrea Bilotto coautore del libro. (In allegato la locandina dell'evento)

 

Il Centro Diurno La Meridiana

Centro diurno semiresidenziale del servizio per le Dipendenze Patologiche  Ser.DP, La Meridiana ospita persone che presentano contestuali problemi di dipendenza e psichici, in particolare disturbi di personalità. Gli utenti del Centro seguono un percorso terapeutico riabilitativo che comprende la diagnosi funzionale con strumenti standardizzati, il progetto terapeutico riabilitativo personalizzato, e la valutazione dei risultati con un monitoraggio periodico dello stato di salute e del funzionamento sociale. Le terapie (individuali e di gruppo)  sono affiancate dalle attività organizzate all’interno del centro, a sostegno e supporto del programma terapeutico. Si inseriscono in questo aspetto le attività educative-terapeutiche, i laboratori, le attività formative, fisiche e del tempo libero. Gli obiettivi generale de La Meridiana  sono:  contrastare l’isolamento sociale degli utenti, migliorare l’atmosfera familiare, favorire il senso di autonomia e appartenenza e fornire nuove abilità per le relazioni interpersonali. In quest’ottica si collocano il laboratorio “L’Officina del legno” e il progetto ‘Oltre il Giardino. In particolare quest’ultimo ha ampliato gli obiettivi del centro aprendosi al sociale realizzando un progetto grazie al quale la riabilitazione è divenuto un servizio per i cittadini del quartiere Cervese sud.

 

Il progetto “Oltre il Giardino

E’ un progetto di educazione ambientale e utilità sociale promosso dal Sert di Cesena, in collaborazione con il Comune di Cesena, il Quartiere Cervese Sud e Il Mandorlo Coop. Soc. Onlus, con l’obiettivo di offrire uno spazio di verde pubblico fruibile dai residenti del quartiere e aperto a tutta la città per attività ricreative, culturali e didattiche, per far conoscere e proteggere le piante e gli animali che abitano i nostri giardini e promuovere l’inclusione sociale e il reinserimento professionale  degli utenti del Centro diurno La Meridiana. E’ un Giardino speciale, nato nel 2013 dall’idea di creare uno spazio dove natura e città possano dialogare e ascoltarsi, dove è possibile accogliere sia la diversità umana sia la biodiversità di un prato.La realizzazione del progetto punta sul coinvolgimento e sul sostegno economico delle aziende del territorio e dei privati cittadini che credendo nel valore sociale dell’iniziativa vorranno devolvere una donazione. La donazione può essere fatta tramite bonifico bancario intestato a Progetto Oltre il Giardino – Centro Diurno La Meridiana Cesena AZIENDA USL DELLA ROMAGNA CASSA DEI RISPARMI DI FORLI E DELLA ROMAGNA IBAN: IT26F0601013200100000300087

Pubblicato in Notizie dal sito

 

Il dottor Giovanni Cammaroto della Unità Operativa di Otorinolaringoiatria di Forlì, diretta dal prof. CLAUDIO VICINI, vince il GOS AWARD 2019 per la migliore pubblicazione scientifica  come primo autore del 2018.

Il titolo della ricerca, che ha fatto guadagnare il prestigioso riconoscimento da parte del GOS  ed è stata pubblicata sul "Journal of clinical sleep medicine",   è  "Trans-Oral Robotic Tongue Reduction for OSA: Does Lingual Anatomy Influence the Surgical Outcome?".  Gli altri autori dello studio sono   Meccariello G2, Costantini M3, Stomeo F4, Hoff P5, Montevecchi F2, Vicini C2,4

 Il Journal of Clinical Sleep Medicine è la rivista ufficiale dell'American Academy of Sleep Medicine ed il  GOS e' il  Gruppo dei Giovani Otorinolaringoiatri della Società Italiana di Otorinolaringoiatria e Chirurgia Cervico-Facciale .

"La pubblicazione riguarda il trattamento dei pazienti affetti da apnee del sonno con chirurgia robotica - spiega il dottor Cammaroto -   In questa ricerca abbiamo studiato l'influenza dell'anatomia linguale sull'efficacia della procedura chirurgica scoprendo che la componente antomica influisce solo in maniera parziale sull'efficacia della procedura e che quindi va valutata dal punto di vista funzionale."

" Mi preme infine segnalare come il lavoro scientifico premiato - conclude il medico - nasca da una collaborazione con l'Anatomia Patologica di Forlì, in particolare con il dottor Matteo Costantini, che ci ha permesso di utilizzare dei dati fino ad ora mai pubblicati in letteratura" .

Pubblicato in Notizie dal sito

Ancora un gesto di stima e vicinanza, da parte della società civile, nei confronti dell’Ospedale “Santa Maria delle Croci” di Ravenna. Questa volta è il Centro di Prevenzione Oncologica Senologica a ricevere una importante donazione, grazie alla quale il livello di qualità e innovazione delle apparecchiature diagnostiche aumenterà ulteriormente.

I due ecografi che sono stati inaugurati questa mattina, donati dall’Istituto Oncologico Romagnolo e dalla “Fondazione Lucè Onlus” di Ravenna, rappresentano infatti il top di gamma rispetto a queste specifiche apparecchiature per la senologia. Si tratta di due ecografi in forma digitale di ultima generazione dotati di sonde lineari multifrequenze, dedicate in maniera specifica alla ecografia senologica. Alla cerimonia hanno partecipato il sindaco di Ravenna Michele De Pascale, il presidente dell'associazione “Volontari e Amici dell'Istituto Oncologico Romagnolo" Mario Pretolani, la presidente del cda della “Fondazione Lucè Onlus” Laura Ruocco, il direttore medico del presidio ospedaliero di Ravenna Paolo Tarlazzi, la responsabile della Prevenzione Oncologica Senologica di Ravenna Patrizia Bravetti, il dottor Alessandro Berselli della ditta fornitrice General Electric.

I due nuovi ecografi vanno a sostituirne altri due già presenti presso il Servizio, ma che non erano a questo livello di innovazione e tecnologia, e si integrano perfettamente con il terzo ecografo presente, anch’esso più recente ed avanzato. In questo modo tutti e tre gli ecografi dedicati alla diagnostica senologica, presenti presso l’ospedale di Ravenna, offrono un livello altissimo di performance.  Con, di conseguenza, una altissima qualità nella diagnostica per le pazienti.

“In particolare – ha spiegato la dottoressa Bravetti – per le donne extrascreening, cioè quelle con meno di 45 anni che hanno oltretutto un seno molto denso. Queste sonde sono in grado di evidenziare lesioni più piccole e con maggiori dettagli. Le sonde potranno essere utilizzate anche per i progetti legati alla famigliarità della malattia”. Dal punto di vista tecnologico, il dottor Berselli ha ulteriormente evidenziato la maggior precisione che si potrà perseguire, nell’effettuazione delle biopsie, con questi ecografi, del valore complessivo di circa centomila euro.

Lara Ruocco ha evidenziato il percorso di sensibilizzazione e raccolta fondi, che ha coinvolto anche molti esponenti della cittadinanza, e che ha portato a questa importante donazione, ricordando anche quanto già fatto da “Fondazione Lucè Onlus” ad esempio per l’assistenza domiciliare ed evidenziando che “vi sia una buona divulgazione del ruolo del volontariato”.

Pretolani (Istituto Oncologico Romagnolo) ha a sua volta rimarcato come questo sia un ulteriore tassello nelle molte donazioni che lo IOR sta effettuando nei confronti dell’Ausl dell’intera Romagna, “opera di vicinanza che continuerà anche in futuro”. Altro fronte importante per lo IOR, “la sensibilizzazione: andiamo già nelle scuole ma abbiamo un progetto specifico, che partirà nei prossimi mesi, per accrescere la consapevolezza dell’importanza del volontariato nella lotta contro il cancro”.

Il sindaco Michele De Pascale, nel ringraziare le due associazioni e tutti i donatori per il bel risultato raggiunto, ha evidenziato come “in una situazione in cui il Sistema Sanitario Nazionale sta vivendo un momento non dei più facili, iniziative come questa sono importantissime per dare servizi sempre più innovativi e qualificati. La società civile si fida delle istituzioni e della sanità pubblica, e dovremo continuare ad impegnarci per conservare questa fiducia, e per facilitare il miglior accesso possibile dei cittadini ai servizi, anche alle persone con meno mezzi e strumenti culturali, in un’ottica di efficacia delle cure ed equità sostanziale d’accesso”.

La Direzione Aziendale, nella persona del dottor Tarlazzi, ringrazia i donatori auspicando che tali collaborazioni vengano sempre più valorizzate, ed assicurando il massimo impegno per l’utilizzo più proficuo possibile di queste, come di tutte, le apparecchiature diagnostiche.

Presso il servizio di Senologia dell’Ospedale di Ravenna vengono effettuate, annualmente, circa 16mila ecografie e, conseguentemente, circa 1.500 interventi di ago-aspirato e circa 400 microbiopsie. Sono circa 250 l’anno le nuove neoplasie che vengono diagnosticate.

Ravenna, 3 giugno 2019

Pubblicato in Notizie dal sito
Strepitoso successo di partecipanti per il 106° Congresso Nazionale della Società Italiana di Otorinolaringoiatria, presieduto dal prof. Claudio Vicini, che si è concluso Sabato 1 Giugno, a Rimini, dopo quattro giorni di intensi lavori, con la presentazione di risultati scientifici di livello internazionale. 
 I medici, arrivati da tutta Italia, hanno raggiunto il record storico di 1500 presenze ed hanno seguito i lavori in 15 diverse aule. A questi si sono aggiunti 150 tra infermieri, audiometristi e logopedisti, che hanno avuto una giornata intera a disposizione per tavole rotonde dedicate. Anche la presenza straniera è stata rilevante con più di 50 medici, provenienti da 18 diverse nazioni di quattro continenti, che hanno contribuito ad elevare il livello scientifico del convegno.
 Le novità più rilevanti sono state l'allestimento di due aule, dove per quattro giorni sono stati  presentati contributi in lingua inglese e di un laboratorio di dissezione su preparati anatomici dove, per tutta la durata del congresso, si sono alternati chirurghi che utilizzavano le ultimissime novità tecnologiche per illustrare l’anatomia del distretto testa-collo (uno dei temi del congresso è stato proprio il tributo al forlivese Giovan Battista Morgagni, padre dell'anatomia patologica). 
Tra gli eventi non scientifici più sentiti  e significativi va citata sicuramente la cena a San Patrignano del 31 maggio, che ha ospitato tutta la numerosa delegazione scientifica. I ragazzi della comunità hanno contribuito a rendere questa esperienza indimenticabile per tutti i convenuti. A conclusione dei lavori, il Presidente del congresso, Prof. Claudio Vicini ed il Segretario del Presidente, Dr. Filippo Montevecchi, "ringraziano tutti quelli che hanno contribuito a rendere questo avvenimento indimenticabile grazie anche all’efficienza ed organizzazione del personale del Palacongressi di Rimini, che, ad opinione di tutti i delegati, presenta standard elevatissimi non solo in Italia ma anche a livello internazionale."
 
Pubblicato in Notizie dal sito

Si informa che da lunedì prossimo, 3 giugno, anche a Riccione sarà possibile effettuare le vaccinazioni pediatriche con accesso diretto un giorno a settimana. Presso la nuova sede dedicata a tale pratica, vale a dire la palazzina dell’ex direzione sanitaria dell’Ospedale “Ceccarini”, con ingresso che si affaccia su via Formia, nelle giornate del lunedì ci si potrà recare con il libretto vaccinale, e si potrà procedere alla vaccinazione senza bisogno di previa prenotazione.

L’accesso diretto avrà luogo tutti i lunedì nei seguenti orari:

  • dal 3 giugno al 24 agosto dalle 8.30 alle 12.30;
  • dal 26 agosto in poi dalle 8.30 alle 17.30 orario continuato.
Pubblicato in Notizie dal sito

I reparti di Dermatologia e Centro Grandi Ustionati dell’ospedale Bufalini di Cesena, diretti dal dottori Davide Melandri, hanno ricevuto ieri la visita della Prof.ssa Annalisa Patrizi, direttore della Clinica Dermatologica e della Scuola di Specializzazione in Dermatologia e Venerologia dell’Alma Mater Studiorum – Università di Bologna e della Prof.ssa Bianca Maria Piraccini, Segretaria della Scuola, unitamente ad un gruppo di medici specializzandi.  L’incontro ha avuto lo scopo di mostrare ai medici la struttura ospedaliera di Cesena e le sue attrezzature, e presentare il personale medico e paramedico, in vista della frequenza di due mesi degli Specializzandi durante la loro attività di formazione specialistica.

La collaborazione, instaurata nel 2017, fra l’Azienda USL della Romagna e l’Ateneo Bolognese ha infatti comportato l’inserimento, fra le altre, delle Unità Operative di Dermatologia e Centro Grandi Ustionati di Cesena nella rete formativa della Scuola di Specializzazione in Dermatologia e Venerologia dell’Alma Mater Studiorum – Università di Bologna.

Durante la frequenza presso i reparti cesenati, gli Specializzandi in Dermatologia e Venereologia acquisiranno competenza riguardo alla gestione delle ustioni gravi, alla gestione Ambulatoriale medica e chirurgica delle ustione lievi/moderate e faranno pratica di tutte le attività ambulatoriali e di reparto delle struttura ospedaliera di Dermatologia.

Le attività assistenziali degli specializzandi, funzionali alla progressiva acquisizione delle competenze previste dall’ordinamento didattico della Scuola, saranno svolte anche presso la  Banca della Cute della Regione Emilia Romagna (RER), che afferisce al Centro Grandi Ustionati ed è una delle 5 banche del tessuto cutaneo italiane accreditate dal Centro Nazionale Trapianti (CNT) e dall’Istituto Superiore di Sanità (ISS).

Pubblicato in Notizie dal sito

Cerca notizia

Archivio