Skip to main content

Articoli filtrati per data: Giugno 2021

l consumo di tabacco (tabagismo) rappresenta uno dei più grandi problemi di sanità pubblica a livello mondiale ed è uno dei maggiori fattori di rischio nello sviluppo di patologie neoplastiche, cardiovascolari e respiratorie. Secondo i dati dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) il fumo di tabacco rappresenta la seconda causa di morte nel mondo e la principale causa di morte evitabile.

La scuola, la sanità, il mondo del lavoro, l’Istituto Oncologico Romagnolo (IOR) e la Lega Italiana per la lotta contro i tumori (Lilt) sono impegnati da tempo in interventi condivisi volti all’obiettivo comune di prevenire l’abitudine al fumo, in particolare nelle giovani generazioni, e favorire il trattamento della dipendenza da nicotina (tabagismo).

Nel territorio cesenate nell’anno scolastico 2020-2021 Iniziative specifiche, svolte anche in modalità on-line, rivolte ai bambini e alle loro famiglie, e ai giovani: dalle scuole dell’infanzia, alle scuole secondarie di secondo grado, con progetti dedicati al fumo: Infanzia a colori rivolto alle scuole dell’infanzia e primarie usa la fiaba e il concetto di fumo come inquinante ambientale per contrastare l’abitudine al fumo in famiglia; Liberi di scegliere nelle scuole secondarie di primo grado insegna ai giovanissimi ad opporsi alle pressioni di coetanei e media ad avvicinarsi al fumo; Scuole libere dal fumo-Paesaggi di prevenzione nelle scuole secondarie di secondo grado si sviluppa il tema del fumo come dipendenza. Coinvolgere i giovani significa investire nella cultura della prevenzione e del benessere psicofisico. Hanno aderito ai progetti di prevenzione delle dipendenze e di promozione di stili di vita salutari complessivamente circa 1418 studenti, 63 classi delle scuole dell’infanzia, primaria, secondaria di primo e secondo grado. In occasione della giornata mondiale sono stati selezionati i lavori prodotti dalle scuole nell’ambito del concorso Liberi di Scegliere, progetto di prevenzione dell’abitudine al fumo nella scuola secondaria di primo grado: la classe 3M della Scuola secondaria di primo grado “Via Anna Frank” plesso “Tito Maccio Plauto” di Cesena è tra le vincitrici del concorso. I lavori selezionati possono essere consultati al seguente link della pagina facebook dell’Istituto Oncologico Romagnolo:

https://fb.watch/5JTc3rEJTU/

Pubblicato in Notizie dal sito

Così come comunicato dalla Regione e, in attesa di procedere, secondo il piano ad una rapida apertura di tutte le fasce d’età alla somministrazione vaccinale, Ausl Romagna ha deciso di utilizzare da subito, attraverso aperture straordinarie serali, il vaccino a disposizione, non ancora utilizzato per la campagna vaccinale.

Per questo sabato 5 e domenica 6 giugno, sono state organizzate 2 serate vaccinali straordinarie con il vaccino Janssen (Johnson & Johnson) nei 4 punti vaccinali provinciali (Rimini- Fiera; Forli-Fiera; Ravenna-Pala De Andrè e Cesena-Fiera) a partire dalle 19,30. Il vaccino, in unica dose e somministrabile alle persone di età non inferiore ai 18 anni, per le due serate programmate è a disposizione con un numero contingentato di dosi. Complessivamente 1800 dosi per le due serate (250 per serata a Rimini e Ravenna; 200 per serata a Cesena e Forlì). I cittadini interessati potranno prenotarsi da giovedì 3 giugno fino ad esaurimento dei posti attraverso i consueti canali Cup-Farmacup e Cuptel.

In questi giorni gli oltre 50.000 cittadini over 40 (le classi dal 1972 al 1981) che si erano candidati sul portale regionale , hanno avuto la possibilità di prenotarsi ricevendo un sms personale prima del 4 giugno,  data in cui gli over 40, come da indicazioni regionali, potranno liberamente prenotarsi attraverso i consueti canali Cup, Farmacup, Cuptel e Cupweb.

Pubblicato in Notizie dal sito

Al fine di fornire un aggiornamento rispetto all'evoluzione del quadro epidemiologico dell'infezione da Covid 19 nel territorio romagnolo, su un arco temporale più significativo rispetto alla situazione di una singola giornata, si riportano, in allegato, alcuni dati relativi alla settimana dal 24 al 30 maggio (precisando che si tratta dei casi di residenti diagnosticati sul territorio romagnolo). Nella settimana di riferimento, si sono verificate 514 positività su un totale di 24.849 tamponi eseguiti; si osserva quindi un tasso di positività del 2,1 per cento, evidenziando, anche in questa settimana, una diminuzione del trend dei nuovi casi positivi, nel territorio romagnolo.

La performance dei tempi di refertazione dei tamponi, entro le 48 ore, si mantiene molto alta, registrando il 99,5 per cento. Per quanto riguarda l'indicatore relativo alle persone ricoverate, su tutta la Romagna, a lunedì 31 maggio, si registra la quota di 57 ricoveri, con una diminuzione di 27 ricoverati rispetto alla settimana precedente, mantenendo l'azienda all'interno del livello verde del Piano ospedaliero Covid; anche i riempimenti nelle terapie intensive sono in calo, sia in termini assoluti che percentuali. “Anche per questa settimana, si consolida il dato di una frenata, sempre più marcata della circolazione del virus, commenta Mattia Altini, direttore sanitario di Ausl Romagna. Se questi dati continuano a consolidarsi, l’uscita dal tunnel è veramente vicina. L’accelerata del piano vaccinale impressa dal Governo e dalla Regione in queste ore, offre a tutta la popolazione l’opportunità di vaccinarsi in tempi più certi e ravvicinati. Se le dosi arriveranno, come promesso e se i cittadini aderiranno in modo massiccio, arriveremo all’autunno coperti dal vaccino. Per questo adesso l’imperativo categorico diventa per tutti quello di aderire alla vaccinazione, a partire dalla fascia di ragazzi più giovani in età scolare, che la nostra Regione ha volutamente indicato fra le prime, 7 e 8 giugno, a potersi prenotare”.

Pubblicato in Notizie dal sito

Cerca notizia

Archivio