Tiro al piattello e solidarietà. Anche quest’anno grazie al torneo sportivo tenutasi nei giorni scorsi a Uboldo (Varese) sono stati devoluti 2.300 euro al reparto di Terapia Intensiva Neonatale dell’ospedale Bufalini di Cesena.

E’ un evento benefico che si rinnova dal 2011, su iniziativa di papà Gianni, atleta di tiro al piattello e la mamma Ingrid, come ringraziamento per l’assistenza prestata nei primi mesi vita dall’equipe della Terapia Intensiva Neonatale al loro figlio nato prematuro.

Il torneo di tiro al piattello è stato organizzato dall’A.S.D. Tiro a Volo Belvedere e reso possibile grazie alla collaborazione di: Ottica-Oreficeria Tempi d'Oro di Tarlazzi Ingrid & Diego di Cotignola (RA),  RC Eximport S.r.l. di Forlì e società sportiva umbra ASD Geppetto Lab Shooting Team.

L’Azienda Usl della Romagna, insieme all’équipe della Terapia Intensiva Neonatale, desidera ringraziare la famiglia e tutte le Aziende che hanno collaborato alla generosa donazione.

Pubblicato in Notizie dal sito

Un altro importante riconoscimento ad un professionista di Ausl Romagna. Il dottor Federico Cappuzzo ha ottenuto l’abilitazione scientifica nazionale a professore ordinario in oncologia.

Il dottor Federico Cappuzzo, direttore dell’Unità Operativa di Oncologia di Ravenna e del Dipartimento di Oncoematologia di Ausl Romagna, dal marzo scorso anche responsabile del programma interaziendale “Comprehensive Cancer Network” fra Ausl Romagna e Irst di Meldola per lo sviluppo della rete oncologica romagnola è uno dei massimi esperti internazionali per il trattamento del tumore al polmone. Membro della società italiana delle società italiana ed europea di Oncologia Medica, della società americana di Oncologia Clinica, da giugno 2004 è membro della International Association for the Study of Lung Cancer e dal maggio 2006 membro dell’Editorial Board della rivista Lung Cancer. Autore di oltre 190 pubblicazioni, è stato relatore ad oltre 300 presentazioni congressuali nazionali ed internazionali. Nel corso degli anni il professionista si è aggiudicato numerosi grant e finanziamenti per ricerche innovative sull’oncologia. In Romagna il dottor Cappuzzo sta fortemente promuovendo l’attività di ricerca oncologica con l’attivazione di numerosi programmi sperimentali che includono anche farmaci altamente innovativi come dimostrato dalla recente certificazione ad effettuare studi di fase 1 presso l’Ospedale di Ravenna.

Questa in sintesi la valutazione della Commissione che ha attribuito l’abilitazione a professore ordinario in oncologia al dottor Cappuzzo: “dopo approfondito esame del profilo scientifico del candidato, la Commissione all’unanimità ritiene che il candidato presenti complessivamente titoli e pubblicazioni tali da dimostrare una posizione riconosciuta nel panorama della ricerca come emerge dai risultati della ricerca per il settore concorsuale rispetto alle tematiche scientifiche affrontate”.

Pubblicato in Notizie dal sito

Uova di cioccolata per tutti i bambini ricoverati nel reparto di Pediatria dell’ospedale Bufalini di Cesena. Dopo quelle recentemente donate dalle Associazione di Volontariato “Evita Peròn” e  “Solidarietà Nazionale”, questa mattina sono state consegnate tante altre uova di cioccolata grazie alla generosità della Croce Rossa Italiana e di Egidio Reali, titolare del Tacchificio 2001 di Savignano sul Rubicone.

L’Azienda USL ringrazia tutte queste realtà del territorio per le donazioni che aiutano a rendere più confortevole la permanenza dei piccoli degenti in ospedale durante le festività pasquali.

Pubblicato in Notizie dal sito

LA ROBOTICA NEGLI INTERVENTI: NE PARLA SU ROMAGNA WEB TV GIORGIO ERCOLANI, PRIMARIO E PROFESSORE ORDINARIO IN CHIRURGIA GENERALE. LA RICERCA MIGLIORA L'ASSISTENZA

Clicca qui  per vedere il servizio su Romagna web tv

Pubblicato in Notizie dal sito

 

Associazione Salute e Solidarietà

Garantire e Promuovere il Diritto alla Salute , OGGI:

Vulnerabilità e Minori

Sala Pieratelli

Ospedale Morgagni Pierantoni

Forlì

Venerdì 5 maggio (14.30-18.30) e Sabato 6 maggio (9-12)

I soggetti vulnerabili riportano un bisogno sanitario, cui si affianca immediatamente un bisogno di salute più ampio: senza lavoro, con abitazioni insicure, poco alfabetizzati, con famiglie frammentate e affetti lontani si muovono in cerca di cura, sapendo che non possono “stare bene” altrimenti.La Camera dei Deputati, il 29 marzo scorso, ha approvato il Disegno di Legge n. 1658-B recante “Disposizioni in materia di misure di protezione dei minori stranieri non accompagnati”. La legge si applica al "minore straniero non accompagnato": E' stabilito il divieto di respingimento alla frontiera di minori stranieri non accompagnati……Per riflettere su migrazione, immigrazione, salute, l'Associazione ha voluto riunire attorno ad un tavolo tutti i soggetti che ogni giorno studiano e si occupano di queste persone e delle loro problematiche, che non possono più essere trattate come un'emergenza.

L'Associazione Salute e Solidarietà si è costituita nel 2017, partendo dall' esperienza dell'attività "volontaria", svolta dal 2009 sia  presso l'ambulatorio del Centro di Ascolto Buon Pastore di Forlì (Caritas) che in ospedale dai medici (MMG e ospedalieri) e infermieri. L'associzione con l'Ausl della Romagna, ed è in rete con gli organismi istituzionali e le molteplici realtà associative presenti sul territorio . Le sue attività sono rivolte e dedicate a tutti coloro, italiani e stranieri, che si trovino , temporaneamente o permanentemente, non in grado di essere assistiti  dal SSN . Per informazioni: cunivanni@libero.it;daniela.valpiani@auslromagna.it

 

Saluti Istituzionali

Presentazione del Seminario: dottoressa Daniela Valpiani

Moderatori: dottor Lucio Boattini (direttore del distretto socio-sanitariod i Forlì) e dottor Enrico valletta (direttore Uo Pediatria di Forlì)

Migrazioni. Che cosa è cambiato negli ultimi dieci anni

Marianna Parisotto

Centro di Salute Internazionale- APS (Associazione di Promozione Sociale) Università degli Studi di Bologna

Dinamiche migratorie e nuove generazioni: traiettorie, interazioni e progettualità".

Alessandro Bozzetti ( Dipartimento di Sociologia- Scienze Politiche - Università di Bologna)

Immigrazione e accesso ai servizi sanitari: Governance possibile o

Disuguaglianze inevitabili?

Salvatore Geraci (Società Italiana Medicina delle Migrazioni- Area Sanitaria Caritas Roma)

Salute mentale e immigrazione: la situazione oggi.

Marco Mazzetti (Psichiatria e Pediatria, Area Sanitaria Caritas Roma.)

Salute mentale e percorsi di inclusione: gestione integrata o integrazione del paziente?

Claudio Ravani ( Direttore Psichiatria Az. della Romagna)

Round table

Sabato 6 maggio (dalle 9 alle 12)

Sala Pieratelli - ospedale di Forlì

Coordina dott. Pierluigi Rosetti (Responsabile Unità Operativa Politiche Abitative e Disagio dell’adulto)

Partecipano:

Laura Gaspari (“Ambulatorio bambini immigrati,” Forlì)

Stefano Rambelli (presidente Coop GENERAZIONI Sadurano)

Angela Fabbri (Centro Aiuto alla Vita)

Coop Paolo Babini

.

 

 

Pubblicato in Notizie dal sito

Venerdì 5 maggio : GIORNATA INTERNAZIONALE DELL’OSTETRICA.

Le ostetriche dell'Ospedale di Forlì organizzeranno diverse iniziative in ospedale: una mostra, un banchetto infromativo, un video, gadget artigianali per i bambini  e visite guidate alle partorienti

La “Giornata Internazionale dell’Ostetrica” , che si celebrerà il venerdì 5 maggio,  è stata ideata dalle varie associazioni di Ostetriche e lanciata poi formalmentedall’International Corporation of Midwifes (ICM) nel 1992.L’iniziativa vuole promuovere quell’assistenza che pone al centro la donna, il nascituro e chi è accanto alla donna nel momento del parto ed è un’opportunità per sensibilizzare la popolazione sull’importanza della collaborazione tra ostetriche, madri e famiglie.Il tema di quest'anno sarà “Ostetriche, madri e famiglie: partners per la vita!” .

 E proprio per celebrare  questa bellissima Giornata,  le ostetriche dell’U.O. di Ostetricia-Ginecologia dell’Ospedale di Forlì , diretta dal dottor Claudio Bertellini,  organizzeranno alcune  bellissime iniziative nell'ospedale forlivese.

 Innanzitutto una mostra ,  per spiegare a tutti il ruolo dell'ostetrica, che verrà inaugurata  nell'atrio del Padiglione Morgagni dell'ospedale di Forlì  alle ore 8  del 5 maggio   e  terminerà, nella stessa giornata, alle ore 18. Poi delle visite guidate alle sale parto,  che si  svolgeranno alle ore 10 e  al le ore 16 circa (sala parto permettendo). 

"Sempre nell'atrio del Padiglione Morgagni - spiegano le ostetriche  organizzatrici -   allestiremo un angolo  -  consulenza, dove delle ostetriche  saranno  a disposizione  delle mamme e delle future mamme , per consigliarle ed informarle. 

 Tutti i partecipanti   potranno ricevere degli omaggi (segnalibri, baby pass)  e  degli opuscoli informativi  sull’allattamento . Manderemo in onda anche  alcuni video sulle attività svolte dalle ostetriche.  Inoltre  metteremo in esposizione  dei piccoli berrettini   realizzati  da alcune ostetriche del reparto per coprire il capo di neonati prematuri e  metteremo  a disposizione un  registro  dove ,  chi vorrà, potrà lasciare la propria dedica. "

  "Con tutte queste iniziative - concludono le ostetriche  forlivesi - vogliamo far comprendere che, lavorando in collaborazione con le donne e le loro famiglie, noi ostetriche possiamo essere messe nelle migliori condizioni per sostenerle, supportarle ed incoraggiarle nel prendere le decisioni migliori per un parto sicuro e appagante."

Pubblicato in Notizie dal sito

 

Nominato, appena un anno fa ,direttore dell'Unita" Operativa di terapie e chirurgia e terapie oncologiche avanzate all' Ospedale Morgagni Pierantoni di Forli, il forlivese professor Giorgio Ercolani ha ottenuto proprio in questi giorni,  l' abilitazione scientifica nazionale a professore ordinario in Chirurgia Generale. 

 Gia' professore associato presso il Dipartimento di Scienze Mediche e Chirurgiche dell' Universita' degli Studi di Bologna, e' autore e co-autore di più di 540 pubblicazioni suddivise in 221 Capitoli di Libro, 240 Lavori a stampa pubblicati su riviste nazionali ed internazionali di cui 210 indicizzate su "PubMed" (H-Index: 36), e più di 190 pubblicazioni di relazioni ed abstract selezionati a Congressi Nazionali e Internazionali, per la maggior parte dedicati alla Chirurgia Epato-Bilio-Pancreatica ed al Trapianto di Fegato. 

"I risultati delle ricerche sono ottimi in termini di qualità e originalità - riporta il.giudizio della commissione per l'abilitazione scientifica nazionale -Si ritiene pertanto che il candidato presenti complessivamente titoli e pubblicazioni tali da dimostrare una posizione meritatamente riconosciuta nel panorama della ricerca come emerge dai significativi risultati ottenuti... La qualità della produzione scientifica, atteso il carattere innovativo e l’originalità della stessa, tale da contribuire in modo significativo al progresso dei temi di ricerca affrontati, viene giudicata complessivamente elevata in relazione al settore concorsuale, con picchi di eccellenza."

Il professor Ercolani ottenuto il diploma di specialista in chirurgia generale, con il voto di 70/70 e lode, il 9 novembre 1999, presso l'Università degli Studi di Bologna, discutendo una tesi su "Possibilità,limiti e prospettive della chirurgia delle metastasi epatiche colo-rettali". Ha ottenuto quindi il Dottorato di Ricerca in Patologia Epatobiliopancreatica nel 2004, presso l'Università degli Studi di Siena, discutendo una tesi su "Evaluation of clinical-biological markers and clinical-pathological features of cholangiocarcinomas".  Ha svolto ed ottenuto nel 2014 il Master Universitario di II livello in "Chirurgia robotica avanzata epato-pancreatica e trapiantologia". Fino al 2016 era in organico alla prestigiosa équipe dell’Unità operativa di Chirurgia generale e dei trapianti del Policlinico Sant’Orsola di Bologna, diretta da Antonio Daniele Pinna e ora e' direttore della Unita' Operativa di Chirurgia e Terapie Oncologiche Avanzate e di Chirurgia Generale, Gastroenterologia e mininvasiva presso l' ospedale di Forli'.

Esperienze professionali all'estero

1997-1998 :Visiting Faculty presso il Dipartimento di Chirurgia Generale dell'Università di Nagoya (Giappone), diretto dal prof. Yuji Nimura. Aprile 2002: visiting faculty presso il Dipartimento di Chirurgia Epato-Bilio-Pancreatica e dei Trapianti, Università di Tokyo (Giappone), diretto da Masatoshi Makuuchi.  Marzo 2003: partecipazione al corso: "Living Donor and Split Liver Transplantation" presso il Centro Trapianti diretto da Christopher Broelsch, Università di Essen Agosto - Ottobre 2003: Visiting Faculty presso il Dipartimento di Trapianti di Fegato e Multiviscerale, Università di Miami (U.S.A.), diretto da Andreas Tzakis. Settembre 2005: partecipazione al corso: "Intensive Course in Laparoscopic Surgery" presso l'I.R.C.A.D.-E.I.T.S. (Istituto di Ricerca sul Cancro dell'Apparato Digerente-European Institute of Tele-Surgery) diretto dal Prof. Jacques Marescaux. Ha ottenuto il Diploma Universitario in Chirurgia Laparoscopica presso l'Università "Louis Paster" di Strasburgo (Francia).  Novembre 2012: visiting faculty presso Dipartimento di "HPB Surgery" a Southampton (Inghilterra). Membro della Società Italiana di Chirurgia, International Hepato-Biliary-Pancreatic Association and International Society of Liver Transplantation, svolge attività di reviewer per le riviste scientifiche: Annals of Surgical Oncology, BMC Surgery, Eurpean Journal of Surgical Oncology, World Journal of Surgery, World Journal of Surgical Oncology, Plos One. E' Consultant Editor di Updates in Surgery.

 

Il commento del consigliere regionale Paolo Zoffoli, Presidente della Commissione assembleare IV Politiche per la Salute e Politiche sociali. :

 
"Ottima notizia! Chi, come me, conosce il Professor Giorgio Ercolani, non aveva certo bisogno di questa ulteriore buona notizia per convincersi della qualità eccezionale del suo profilo professionale.L'Abilitazione Scientifica Nazionale a Professore Ordinario in Chirurgia Generale, è una ulteriore grande opportunità per la Sanità Romagnola. La storia, la qualità, le dimensioni e la nuova organizzazione, in una parola il "Progetto" della ASL unica della Romagna, può e deve diventare una grande opportunità non solo per i Cittadini, ma anche per fare sì che Professionisti giovani e di sicuro valore come il Professor Ercolani, vogliano scegliere la nostra ASL come opportunità professionale e scientifica di grande potenzialità.
Non dimentico, inoltre, che questa nomina può aprire le porte all'Università nella nostra Sanità.Complimenti, Professore, le rinnovo di cuore il "Buon Lavoro" che le ho augurato al suo arrivo un anno fa."
Pubblicato in Notizie dal sito

Presentato oggi,  presso la sala d’attesa delle endoscopie, nel piano terra del Padiglione Morgagni dell’Ospedale di Forlì, il video sulla Unità Operativa di Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva di Forlì. Sono intervenuti il presidente dell'ARMIC, dottor Gianfranco Francia, il primario della Uo, prof.Enrico Ricci, medici e gli infermieri della Unità Operativa .

Un tempo si pensava che la cura del corpo fosse l' unico e dominante interesse del medico di fronte alla malattia. Oggi si è compreso che anche la comunicazione al paziente fa parte del processo di cura.

“Una ‘carta dei servizi per immagini’ – spiega il prof. Enrico Ricci, direttore della UO di Gastroenterologia di Forlì – che racconta, attraverso i volti di noi operatori, medici ed infermieri che ogni giorno i pazienti incontrano in questi corridoi, tutti i percorsi e le tecnologie messe in campo in questo ospedale per curare nel modo più efficiente chi si rivolge alle nostre strutture”

" Il ruolo di ARMIC è stato sempre  fondamentale nel supporto ai pazienti  - ha  spiegato la dottoressa Daniela Valpiani  - sia tramite il  contributo economico per il finanziamento di borse di studio, attrezzature e materiale, che per il supporto ad iniziative di sensibilizzazione e prevenzione. La donazione del video rappresenta un'altra tappa della collaborazione con noi operatori nel percorso di cura"

La dottoressa Elena Vetri, in rappresentanza della direzione sanitaria del presidio, ha ribadito poi "pieno sostegno a queste importanti iniziative di comunicazione ai cittadini, realizzate tramite la condivisone di percorsi comuni".

E a concludere i saluti, prima della visione del video, le parole del dottor Gianfranco Francia,  presidente di ARMIC, Associazione Romagnola Malattie Intestinali Croniche, che aveva già provveduto all’acquisto di due monitor e di un televisore, installato nel reparto, e che ora ha voluto regalare, a tutti i pazienti questo strumento di informazione – comunicazione:

"Anche il sostegno alla realizzazione del video  nasce dal fatto che la nostra associazione ha voluto  concretamente supportare questi bravissimi operatori nelle attivita di prevenzione e sensibilizzazione nei confronti dei pazienti come noi. Questo perchè, da pazienti che hanno girato tante strutture, e che provengono da tanti luoghi,  possiamo affermare che la Unità Operativa di  Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva di Forli rappresenti davvero un'eccellenza nazionale, per la competenza degli operatori, ma anche per i percorsi multidisciplinari attivati negli anni in questa realtà ospedaliera."

L'associazione ARMIC, sorta nel 2004, è stata costituita proprio con l'obiettivo di fornire supporto ai pazienti in difficoltà, sia fisica che psicologica, promuovendo iniziative di informazione e sensibilizzazione volte ad una maggiore conoscenza pubblica delle problematiche specifiche. 

Da oggi  il video verrà proiettato in continuum nella sala d’attesa delle endoscopie, al piano terra del Padiglione Morgagni dell'ospedale. 

“Spiegare correttamente il percorso di cura a chi si dovrà sottoporre a trattamenti ed indagini diagnostiche – conclude il professor Ricci - riduce lo stress emotivo della non conoscenza dei percorsi e della paura dei responsi. Contribuisce quindi, a migliorare il rapporto tra medico e paziente, finalizzato al raggiungimento di obiettivi terapeutici condivisi e gestiti.”

Per vedere il video collegatevi a questo indirizzo: https://youtu.be/pVUht-tqCOE

Pubblicato in Notizie dal sito
"La depressione.. parliamone"
 
 Lunedì 10 aprile 2017
ore 20,30
Casa della Salute di Predappio
 
 
La depressione è una malattia che può colpire chiunque, ma che può essere prevenuta e trattata. Nel mondo ne soffrono circa 350 milioni di persone.
 A questo tema l'Organizzazione mondiale della sanità (Oms) ha deciso di dedicare la Giornata mondiale della salute (World Health Day), che si celebra ogni anno il 7 aprile. Slogan della campagna sarà: 'Depressione: parliamone'.
Collegandosi a tale celebrazione, il  Comune di Predappio ha deciso di organizzare per lunedì 10 aprile un incontro aperto al pubblico, dal titolo "La depressione... parliamone . Una malattia come tante altre  .L'incontro, che vedrà la partecipazione di professionisti esperti nel settore, avrà luogo alle ore 20,30 presso la Casa della Salute di Predappio, in via Trieste 4 .
 
 " L'obiettivo  - spiegano gli organizzato della giornata mondiale -   è far sì che sempre più persone chiedano e ricevano aiuto. Una migliore comprensione  della depressione , su come possa essere prevenuta e trattata, possono infatti aiutare a ridurre lo stigma che circonda i malati. La depressione colpisce persone di tutte le età e, nei casi peggiori, può condurre al suicidio, che è la seconda causa di morte tra i 15 e 29 anni. Fattore fondamentale per il recupero è parlarne: lo stigma che circonda la malattia mentale, depressione inclusa, rimane una barriera che impedisce alle persone che ne soffrono, di tutto il mondo, di cercare aiuto.
Pubblicato in Notizie dal sito

La neocostituita  "Associazione Salute e Solidarietà" annuncia che è indetta la prima  assemblea per il giorno 24 marzo , alle ore 14.30
presso la Sala Pieratelli dell'ospedale "Morgagni - Pierantoni" di Forlì.


 L'ordine del giorno sarà dedicato in particolare, dopo aver analizzato brevemente gli aspetti amministrativi, alle proposte operative di intervento nel
nostro territorio

​Interverranno quindi:

- il dottor Pierluigi Rosetti, che riferirà circa le situazioni di "Vulnerabilità ​e Fragilità​" presenti nel territorio forlivese, purtroppo spesso inaspettate, non ​visibili​ e soprattutto in aumento.

​- il dottor Germano Pestelli, di ritorno da "Missioni umanitarie e sanitarie" in Paesi in via di sviluppo finalizzate alla formazione di fisioterapisti "in loco"

E' prevista inoltre la partecipazione della dott.ssa Maria Giulia Borriello , viceprefetto di Forlì che completerà il quadro relativo alla complessa realtà di un territorio, in rapido cambiamento etnico-culturale- economico-sociale, che non può non ripercuotersi sulla salute, intesa nel senso più profondo di centralità della persona.

L'Ordine del giorno prevede poi la presentazione di proposte operative, che verranno discusse e condivise.

L'Assemblea è aperta a tutti gli operatori in Sanità (per i quali sono stati richiesti i crediti ecm), alla cittadinanza, alle Associazioni operanti nel territorio

L'attività, "volontaria", svolta dal 2009 sia  presso l'ambulatorio del Centro di Ascolto Buon Pastore (Caritas), che in ospedale dai medici (MMG e ospedalieri) e infermieri, continuerà e, ci auguriamo, si rinnoverà, con l'attività di questa associazione autonoma, che  usufruirà della collaborazione dell'Azienda della Romagna, in rete con gli organismi istituzionali e le molteplici realtà associative presenti sul territorio e che sarà rivolta e dedicata a tutti coloro, italiani e stranieri, che si trovino , temporaneamente o permanentemente, non in grado di essere assistiti  dal SSN .

Per informazioni: cunivanni@libero.it;daniela.valpiani@auslromagna.it">sandra.spazzoli@auslromagna.it ;cunivanni@libero.it ;daniela.valpiani@auslromagna.it
 
Siete tutti invitati a partecipare e a diffondere l'iniziativa. Sono stati richiesti i crediti ECM

Pubblicato in Notizie dal sito
Pagina 7 di 10

Archivio