Venerdì, 16 Dicembre 2016 17:25

Musica in reparto a Rimini

Le cose che riescono bene sono sempre il risultato di un lavoro di squadra. Così è stato anche per la bella iniziativa “Musica in reparto”, nata dall’idea di Eduardo Pinto, presidente di RiminiAIL, accolta positivamente dai Direttori delle unità operative di Ematologia e Oncologia, Patrizia Tosi e Davide Tassinari, e da Simona Marani, coordinatore infermieristico nel reparto di degenza Oncoematologica dell’Ospedale "Infermi" di Rimini, quindi messa in pratica dal Maestro Anacleto Gambarara, direttore del Distretto della Musica Valmarecchia.

Ognuno ha coinvolto collaboratori, volontari, medici, operatori del reparto, docenti e allievi della scuola di musica per regalare ai malati e ai loro parenti una parentesi di serenità.

“Il primo appuntamento – spiega Simona – è stato lo scorso mese di luglio. I musicisti, una violinista e un pianista, hanno suonato nella saletta d’attesa, alla presenza di alcuni medici e operatori, ma soprattutto dei pazienti che potevano lasciare la camera, anche se con mascherina o asta della flebo al seguito, e dai loro parenti. Grazie a un ponte radio appositamente installato, la musica arrivava in tutto il reparto, anche nelle stanze a bassa carica microbica. In quell’occasione gli artisti hanno saputo creare una bellissima atmosfera: trenta minuti di bellezza, con una commozione per una volta legata alla musica e non alla malattia.”

Dopo la prima esperienza così positiva, sentita la Direzione Generale e grazie alla disponibilità di RiminiAIL e del Distretto della Musica Valmarecchia, è stato deciso di replicare periodicamente.

Il secondo concerto è stato a fine ottobre, col pianista Francesco Giovinazzo.

“Ho personalmente verificato - conferma Simona - che questo momento, della giusta durata di trenta minuti, dà ai ricoverati un po’ di serenità, permettendo la convivialità con altre persone e facendoli sentire ‘normali’ in un processo di ospedalizzazione solitamente molto lungo. E’ bello vederli arrivare pian piano, un po’ titubanti ma incuriositi dalle melodie proposte e dal virtuosismo dei musicisti.”

Tirarsi su, letteralmente, e uscire dalla stanza, un sorriso e un applauso: quale migliore terapia? “Musica in reparto” sarà riproposta due volte al mese fino a maggio.

Pubblicato in Notizie dal sito
Dal 2002, presso la U.O. di Gastroenterologia ed Endoscopia digestiva dell'ospedale di Forlì, diretta dal prof. Enrico Ricci, tra le altre attività svolte, è stata creata una IBD Unit per la gestione del paziente con Malattia Infiammatoria Intestinale, Crohn e Rettocolite Ulcerosa.
La dottoressa Daniela Valpiani, medico e coordinatrice del progetto e Deborah Tumedei, case manager IBD, hanno portato l'esperienza di Forlì sulla gestione del paziente acuto e cronico con malattia infiammatoria cronica intestinale, al convegno nazionale Gastrocare che si è svolto in questi giorni ad Avellino.
"Sono molto soddisfatto del successo di questo 11° Congresso Gastrocare – ha spiegato il Presidente del Congresso, il prof. Gaetano Iaquinto – che ha messo in collegamento specialisti da tutta Italia e ha evidenziato il ruolo diverso e complementare di medici e infermieri nell’affronto delle patologie gastroenterologiche ma anche tematiche diverse come quella sulla responsabilità professionale ”.
Gastro-care è un’associazione Interprofessionale di Medici ed Infermieri in Gastroenterologia ed Endoscopia digestiva.
Pubblicato in Notizie dal sito

 
L' Unità Operativa di Malattie Infettive di Forlì presente ad importanti congressi internazionali con i suoi professionisti. Il dottor Antonio Mastroianni, facente funzione della Uo di Malattie Infettive, è stato nominato membro dell' “Organizing Committee” di Co-Chair e un suo studio verrà presentato domani in occasione del prestigioso congresso internazionale “World Congress on Vaccines, Therapeutics & Travel Medicine for Infectious Diseases” che si svolgerà ad Atlanta, Georgia (USA).
La pubblicazione, dal titolo “Dengue and Plasmodium falciparum malaria coinfection: imported cases in travelers and a review of the literature” si occupa dei problemi sanitari in cui può incorrere il viaggiatore internazionale, partendo dalla disamina dei primi casi di infezione Dengue-Malaria diagnosticati e segnalati in Europa, proprio presso il reparto di degenza della U.O. Malattie Infettive di Forlì, in collaborazione con la Prof.ssa Stefania Varani, impegnata nel miglioramento della diagnostica di malattie parassitarie presso la Microbiologia del Policlinico S.Orsola, Università di Bologna.. Questo studio ha stimolato l'attivazione di un programma di sorveglianza clinica e laboratoristica da parte della U.O. Malattie Infettive del P.O. di Forlì, in collaborazione con la Prof.ssa Varani che peraltro collabora con il Centro di Riferimento Regionale per le emergenze microbiologiche (CRREM), centro di riferimento diagnostico e scientifico per la Regione Emilia-Romagna sulle infezioni emergenti principalmente collegate alla globalizzazione, ai cambiamenti climatici, sociali e al bioterrorismo. Il dottor Mastroianni partecipa da anni a convegni internazionali con numerose pubblicazioni e ricerche".
Pubblicato in Notizie dal sito
Pagina 10 di 10

Archivio