Visualizza articoli per tag: dipartimento salute mentale

Condivisione, socializzazione e tanta allegria alla residenza del Dipartimento Salute Mentale e Dipendenze Patologiche "Fattoria" di Lugo, dove il 24 luglio si è svolta la Festa d'estate, in un clima di condivisione e apertura verso il contesto sociale esterno. Una splendida serata, resa possibile grazie al contributo degli ospiti e di tutto il personale della struttura che si è adoperato per la buona riuscita della festa, del gruppo musicale "I sorci verdi"che hanno allietato la serata, dei vicini che hanno donato la frutta, del vivaio Stellini che ha rallegrato con le sue piante, della cooperativa Il Pino per la cura degli spazi verdi, di Romagna Catering che ha elargito i cocomeri, e non ultimo, del fotografo Gian Paolo Ossani di Bagnacavallo che ha donato il servizio fotografico. Gli operatori sanitari ringraziano l'Amministrazione comunale di Lugo che ha risposto all'invito con la presenza dell'Assessore M.Pia Galletti e la Direzione del Distretto che ha permesso lo svolgimento dell’evento.

Pubblicato in Notizie dal sito

Il Centro di Salute Mentale (Csm) di Rimini cambia sede. Dai locali di via Asili Baldini 23 si trasferisce in area ospedaliera e, per la precisione, presso il “Padiglione Stampa” (ex poliambulatori) dell’”Infermi”.

Nei due giorni del trasloco, vale a dire domani, 27 e dopodomani, 28 giugno, un piccolo gruppo di operatori sarà disponibile anche presso la vecchia sede di via Asili Baldini per l'attività non programmata. Da sabato 29 giugno sarà operativa solo la sede del “Padiglione Stampa”.

I nuovi, principali numeri telefonici sono i seguenti: accoglienza 0541653301; segreteria 0541653114 e fax 0541653303.

Pubblicato in Notizie dal sito

Il Centro Diurno La Meridiana si prepara a festeggiare i 30 di attività con una serie di iniziative pubbliche che a partire dall’11 giugno animeranno il parco della struttura di Via Cerchia Sant’Egidio 2621.

Gli eventi, tutti ad ingresso gratuito, sono organizzati nell’ambito di ‘Oltre il Giardino’ progetto del Servizio per le Dipendenze Patologiche (Ser.DP) di Cesena, in collaborazione il Comune di Cesena, il Quartiere Cervese Sud e Il Mandorlo Coop. Soc. Onlus, per promuovere l’inclusione sociale e il reinserimento professionale degli utenti del Centro diurno La Meridiana e, al contempo, offrire uno spazio verde fruibile dai residenti del quartiere Cervese Sud ed aperto a tutta la cittadinanza. 

Tutti i dettagli sono stati presentati questa mattina, nel corso di una conferenza stampa che si è svolta nel giardino del Centro Diurno, alla presenza di Michele Sanza direttore Servizio per le Dipendenze Patologiche Ser.DP di Cesena, Claudio Ravani (direttore Dipartimento Salute Mentale e Dipendenze Patologiche dell’Ausl Romagna), Danilo Paglierani (presidente Quartiere Cervese Sud), Gianluca Farfaneti (Psicologo-Psicoterapeuta
Responsabile Centro Diurno La Meridiana ) Elisabetta Montesi (responsabile Fundraising Ausl Romagna) e Monica Teodorani (coordinatrice infermieristica).

 

ALL TOGHER NOW “Ora tutti insieme”.

Venerdì 14 giugno nel giardino della struttura si svolgerà l’iniziativa “ALL TOGHER NOW. Ora tutti insieme”, una serata con le Associazione di Volontariato contro le dipendenze per festeggiare i 30 anni del Centro diurno La Meridiana. L’evento si aprirà alle ore 18,30 con la presentazione delle attività e dei progetti di intervento contro le dipendenze e le testimonianze delle Associazioni Anglad, ACAT, Giocatori Anonimi, Narcotici Anonimi e Cooperativa il Mandorlo, da sempre in prima linea nella lotta alle dipendenze.A seguire, si terrà il concerto de I MUSICANTROPI, gruppo musicale composto da alcuni utenti del Centro di Salute Mentale di Cesena e guidato dal dottor Giovanbattista Polichetti.Durante la festa ci saranno stand con i prodotti dei laboratori del Centro Diurno, uno stand gastronomico con piadina e affettati e raccolta fondi a sostegno del progetto “Oltre il Giardino”. (In allegato, la locandina dell'evento)

 

Rassegna “Incontro con l’autore”.

Cinque  appuntamenti gratuiti, in programma ogni martedì, alle ore 18.30 dall’11 giugno fino al 9 luglio.Si parte martedì 11 giugno con “L’innocenza della zanzara” (In Edit Editore), incontro con Claudio Venturelli e Raniero Bastianelli autori del libro, e letture di alcuni brani a cura di Vincenzo Morrone e Sabrina Guidi. L’incontro successivo, fissato per martedì 18 giugno vedrà protagonista l’autore del libro “Countdown” (Castelvecchi Editore) Tommaso Balbi che dialogherà con Marusca Stella psicologa dell’Adolescenza. Martedì 28 giugno si parlerà del volume “Dove giocano i pesci volanti” (Vittorai Igazu Editore)” con Vittorio Veroli autore del libro, che dialogherà con Riccardo Greco editore e Luigi Bray poeta. Martedì 2 luglio si terrà l’incontro con Angela Basile autrice del libro “Perlascura e altre storie” (Edizione Pontevecchio), che dialogherà con Maria Elena Baredi pedagogista. Ultimo appuntamento, martedì 9 luglio, “Mamma voglio fare l’influencer” (Youcanprint edizioni) incontro con Andrea Bilotto coautore del libro. (In allegato la locandina dell'evento)

 

Il Centro Diurno La Meridiana

Centro diurno semiresidenziale del servizio per le Dipendenze Patologiche  Ser.DP, La Meridiana ospita persone che presentano contestuali problemi di dipendenza e psichici, in particolare disturbi di personalità. Gli utenti del Centro seguono un percorso terapeutico riabilitativo che comprende la diagnosi funzionale con strumenti standardizzati, il progetto terapeutico riabilitativo personalizzato, e la valutazione dei risultati con un monitoraggio periodico dello stato di salute e del funzionamento sociale. Le terapie (individuali e di gruppo)  sono affiancate dalle attività organizzate all’interno del centro, a sostegno e supporto del programma terapeutico. Si inseriscono in questo aspetto le attività educative-terapeutiche, i laboratori, le attività formative, fisiche e del tempo libero. Gli obiettivi generale de La Meridiana  sono:  contrastare l’isolamento sociale degli utenti, migliorare l’atmosfera familiare, favorire il senso di autonomia e appartenenza e fornire nuove abilità per le relazioni interpersonali. In quest’ottica si collocano il laboratorio “L’Officina del legno” e il progetto ‘Oltre il Giardino. In particolare quest’ultimo ha ampliato gli obiettivi del centro aprendosi al sociale realizzando un progetto grazie al quale la riabilitazione è divenuto un servizio per i cittadini del quartiere Cervese sud.

 

Il progetto “Oltre il Giardino

E’ un progetto di educazione ambientale e utilità sociale promosso dal Sert di Cesena, in collaborazione con il Comune di Cesena, il Quartiere Cervese Sud e Il Mandorlo Coop. Soc. Onlus, con l’obiettivo di offrire uno spazio di verde pubblico fruibile dai residenti del quartiere e aperto a tutta la città per attività ricreative, culturali e didattiche, per far conoscere e proteggere le piante e gli animali che abitano i nostri giardini e promuovere l’inclusione sociale e il reinserimento professionale  degli utenti del Centro diurno La Meridiana. E’ un Giardino speciale, nato nel 2013 dall’idea di creare uno spazio dove natura e città possano dialogare e ascoltarsi, dove è possibile accogliere sia la diversità umana sia la biodiversità di un prato.La realizzazione del progetto punta sul coinvolgimento e sul sostegno economico delle aziende del territorio e dei privati cittadini che credendo nel valore sociale dell’iniziativa vorranno devolvere una donazione. La donazione può essere fatta tramite bonifico bancario intestato a Progetto Oltre il Giardino – Centro Diurno La Meridiana Cesena AZIENDA USL DELLA ROMAGNA CASSA DEI RISPARMI DI FORLI E DELLA ROMAGNA IBAN: IT26F0601013200100000300087

Pubblicato in Notizie dal sito

Il 28 febbraio, alle ore 21, al Teatro degli Atti di Rimini, andrà in scena "Angeli", lo spettacolo conclusivo del laboratorio teatrale a cura del Dipartimento Salute Mentale e Dipendenze Patologiche di Rimini.

L'evento, ad ingresso gratuito e aperto a tutta la cittadinanza, rientra nell'ambito del Progetto regionale Teatro e Salute Mentale.

Pubblicato in Notizie dal sito

Sono aperte le iscrizioni per partecipare al corso di formazione “Genitori in gioco tra le trappole della rete” promosso dal Servizio Dipendenze Patologiche di Lugo e dall'Unione dei Comuni della Bassa Romagna.

Il corso si articola in 6 incontri psicoeducativi e di lavoro di gruppi, da febbraio ad aprile, della durata di 2 ore l’uno, per genitori di adolescenti e giovani adulti sul tema del gioco patologico e delle nuove dipendenze comportamentali (internet, smartphone, ecc).

Il gruppo sarà formato da un massimo di 8 partecipanti. 

Per informazioni su sede, date e orari del corso contattare:Dottoressa Chiara Lunardi, Servizio Dipendenze Patologiche di Lugo via Bosi 32, Lugo – Ravenna,  tel. 0545.903155 - 903158 chiara.lunardi@auslromagna.it

Si allegano opuscolo e locandina del Corso

Pubblicato in Notizie dal sito

"Disagio o psicopatologia, quale l'area di confine?" è il titolo del corso di formazione promosso dal Centro di Salute Mentale di Ravenna e dal Comune di Ravenna nelle giornate 1 febbraio, 1 e 22 marzo, 12 aprile, 24 maggio 2019, dalle ore 10 alle 17 presso la Sala Muratori della Biblioteca Classanense (via Baccarini 5 ).

Il corso di formazione è rivolto a psicologici, medici chirurghi, infermieri, educatori professionali, assistenti sociali. Si propone di creare una opportunità di confronto e formazione tra operatori della Psicologia dell'Adolescenza che operano nei Servizi Pubblici dell'Ausl della Romagna e negli Sportelli di Ascolto delle Scuole Medie Inferiori e Superiori dell'area Distretto Ravenna, Russi e Cervia e ha lo scopo di individuare quali sono gli indicatori clinici che permettono di dare avvio a trattamenti specifici, tenendo conto della particolare fase di sviluppo dell'adolescenza. Info e iscrizioni nel programma allegato.

Pubblicato in Notizie dal sito

"Nuove Sostanze Psicoattive e Psicosi" è il titolo del convegno organizzato dall’Unità Operativa Servizio Dipendenze Patologiche di Cesena, in programma mercoledì 5 dicembre, dalle ore 9 alle 17, a Bologna (SAVOIA HOTEL REGENCY, Via del Pilastro 2).
La diffusione di nuove sostanze psicoattive nel complesso mercato del narcotraffico, contribuisce allo sviluppo di patologie psicotiche atipiche di crescente interesse clinico ed epidemiologico. Sono condizioni che richiedono conoscenze aggiornate e competenze tecnico operative integrate tra linee professionali appartenenti a diversi servizi. Le manifestazioni psichiche e comportamentali acute e le prospettive di disabilità psichica connesse al fenomeno, pongono ai servizi una sfida sul piano clinico, per l’adeguamento degli interventi di diagnosi e terapia. Sfida che si riflette anche sul piano organizzativo per le inedite necessità di integrazione che vanno oltre i tradizionali protocolli sulle Doppie Diagnosi.

Info e iscrizioni nel programma allegato

Pubblicato in Notizie dal sito

Nelle scorse settimane, attraverso le apposite procedure selettive, sono state individuate le figure di direzione di quattro unità operative dell’ambito territoriale di Ravenna che già da qualche tempo risultavano con direttori facenti funzione. A prevalere nelle selezioni sono stati, in tre casi su quattro, professionisti che già lavoravano per l’Azienda, favorendo così la continuità dei servizi.

E’ invece un ritorno quello del dottor Mauro Marabini, che è stato nominato direttore dell'Unità operativa "Cure Primarie" dell’ambito territoriale di Ravenna. Ravennate, 61 anni, dal 2011 lavorava presso l’Asl di Ferrara, per la quale aveva ricoperto anche il ruolo di direttore sanitario. Specializzazione in Igiene e Medicina preventiva, master in amministrazione e gestione dei servizi sanitari, ha frequentato diversi corsi di formazione manageriale, anche all’estero, ed è stato consulente del Ministero della Salute. Ha svolto incarichi in vari ospedali e Asl italiani: ospedale di San Marino, ex Ausl di Ravenna, direttore sanitario dell’Asl di Camerino, direttore di presidio dell’azienda ospedaliera “Niguarda Ca’ Granda” (Milano), direttore generale dell’Asl di San Benedetto del Tronto (Ascoli Piceno), direttore sanitario dell’ospedale di Ancona, direttore di zona dell’Asl di Ascoli Piceno, direttore sanitario dell’ospedale “Careggi” di Firenze.

La dottoressa Antonella Mastrocola è stata nominata direttore del Centro di Salute Mentale dell’ambito territoriale di Ravenna. Dal 2013 era responsabile dell’unità operativa “Trattamenti psico-sociali intensivi e integrati per la disabilità psichiatrica” e anche in precedenza si era sempre occupata dei servizi psichiatrici del ravennate. La dottoressa Mastrocola si è laureata in Medicina e Chirurgia e ha conseguito diplomi di specializzazione in Psichiatria presso l’Università di Bologna e presso l’Istituto Italiano Psicanalisi di Gruppo di Roma. E’ nel direttivo della sezione italiana della World Association Psycosocial Rehabilitation e ha svolto attività didattica, oltre che in Romagna, in Veneto, Emilia, Sicilia e Sardegna.

La dottoressa Valeria Savoia è stata nominata direttore dell’unità operativa “Neuropsichiatria dell’Infanzia e dell’Adolescenza”. Anch’essa ha sviluppato la propria carriera prevalentemente presso l’ex Ausl di Ravenna, dove lavora dal 1992 (precedentemente aveva lavorato a Cesena) e nell’ambito della quale ha collaborato anche a vari gruppi di progetto in collaborazione con gli Enti Locali e col mondo del sociale e della scuola; è consulente tecnico d’ufficio (Ctu) per l’Autorità Giudiziaria. La professionista ha conseguito laurea in medicina e chirurgia e specializzazione in Neuropsichiatria dell’infanzia e dell’adolescenza all’università di Bologna, col massimo dei voti, ed è stata relatrice e-o organizzatrice di vari convegni scientifici nonché docente in importanti corsi che si sono svolti in tutta la Romagna.

Il dottor Davide Tassinari è stato nominato direttore dell’Unità operativa di Ostetricia, Ginecologia e Fisiopatologia della riproduzione di Ravenna, che raggruppa i tre punti nascita di Ravenna, Faenza e Lugo. Il professionista si è laureato all’Università Cattolica di Roma e ha poi conseguito la specializzazione all’università di Verona. Fino al 2004 ha lavorato presso l’ospedale di Treviso, quindi presso gli ospedali di Cesena, Rimini (fino al 2016) e Lugo. Nel corso della sua carriera si è occupato in particolare di organizzazione e coordinamento di sala parto e delle emergenze clinico chirurgiche ostetriche e ginecologiche, di organizzazione di percorso nascita, di ambulatori per gravidanze a rischio e diagnostica prenatale. E’ membro delle principali società scientifiche di settore ed ha svolto una ricca attività convegnistica.

Pubblicato in Notizie dal sito

Dalla Legge 180/1978: “Quarant’anni di apertura mentale”. Questo il titolo del seminario in programma domani, giovedì 10 Maggio, dalle ore 14.30 alle 17.30, nell’Aula Magna del Dipartimento di Psicologia di Cesena (Piazza Aldo Moro n. 90 ). E’ organizzato dal Dipartimento di Psicologia e la Scuola di Psicologia e Scienze della Formazione, in collaborazione con il Dipartimento di Salute Mentale e Dipendenze Patologiche dell’Azienda USL della Romagna in occasione del quarantesimo anniversario della Legge 180/1978, nota anche come “Legge Basaglia”  e si propone di analizzare il percorso di riforma dell’assistenza psichiatrica (dalla chiusura degli ospedali psichiatrici al loro processo di deistituzionalizzazione), di approfondire la situazione attuale e di analizzare le prospettive future. Ne discuteranno: Alex Cavallucci (Presidente del Comitato Utenti Familiari Operatori - CUFO), Giovanni De Plato (già Professore Associato del Dipartimento di Psicologia, Unibo), Mila Ferri (Responsabile dell’Area Salute Mentale e Dipendenze Patologiche, Servizio Assistenza Territoriale, Regione Emilia-Romagna), Silvana Grandi (Professoressa ordinaria, Dipartimento di Psicologia UniBo, Presidente della Scuola di Psicologia e Scienze della Formazione, UniBo), Vincenzo Natale (Professore ordinario, Direttore del Dipartimento di Psicologia, UniBo), Claudio Ravani (Direttore del Dipartimento di Salute Mentale e Dipendenze Patologiche dell’Azienda USL della Romagna), Michele Sanza (Direttore dell’Unità Operativa Servizio Dipendenze Patologiche dell’Azienda USL della Romagna, sede di Cesena), Bruna Zani (Professoressa ordinaria, Dipartimento di Psicologia, UniBo). L’invito è rivolto agli studenti di Psicologia, agli operatori, a utenti e familiari, a tutta la cittadinanza interessata.

Pubblicato in Notizie dal sito
In occasione dei primi 40 anni della Legge 180, il  Dipartimento di Salute Mentale  e Dipendenze Patologiche dell' Ausl Romagna, diretto dal dottor Claudio Ravani, ha organizzato un incontro di tutti gli operatori, nella giornata del 9 maggio, presso il Palacongressi di Rimini. L'obiettivo è presentare i principali dati di attività dei diversi servizi e strutture del Dipartimento e allo stesso tempo offrire una opportunità di confronto e discussione pubblica con utenti, famiglie, terzo settore e istituzioni del territorio.
Pubblicato in Notizie dal sito

Cerca notizia

Archivio

Mi piace