Visualizza articoli per tag: ospedale bufalini

All’ospedale Bufalini di Cesena è stato eseguito nei giorni scorsi un prelievo multiorgano a cuore fermo da paziente deceduto per arresto cardiaco irreversibile.
Per il nosocomio cesenate è la seconda donazione a cuore fermo a scopo di trapianto portata termine con successo negli ultimi 10 mesi. La prima era stata effettuata a settembre dello scorso anno ed in entrambe le circostanze su pazienti ricoverati nell’Unità Operativa di Anestesia e Rianimazione, diretta dal Dr Vanni Agnoletti.  

Si tratta di un intervento innovativo - in Italia viene effettuato in pochissimi centri d’eccellenza - che per l’Azienda USL della Romagna, da sempre impegnata attivamente a sostenere e promuovere la donazione di organi e tessuti a scopo di trapianto, rappresenta un risultato importante, di assoluta rilevanza nazionale.“Normalmente – spiega il dottor Vanni Agnoletti – si procede al prelievo di organi quando  c’è la morte cerebrale ma il cuore batte ancora”. Il prelievo di organi da donatore a cuore fermo è una procedura diversa e più complessa che, come previsto dalla normativa, contempla l’attivazione della circolazione extracorporea e richiede l’intervento contemporaneo e coordinato di molte figure specialistiche.

Le complesse procedure sono state attuate sotto la guida del Coordinatore locale Comitato Organi e Tessuti Dr Andrea Nanni, dell’infermiera di coordinamento Manila Prugnoli, del rianimatore esperto in circolazione extracorporea Dr Alessandro Circelli  e coadiuvati costantemente dal Centro di Riferimento Trapianti Regionale di Bologna diretto dalla Dr.ssa Gabriela Sangiorgi. Complessivamente le operazioni hanno coinvolto per circa 10 ore consecutive circa trenta professionisti medici afferenti alle Unità operative di Anestesia e Rianimazione, Radiologia, Chirurgia Vascolare e diversi infermieri coordinati da Paola Ceccarelli dirigente della Direzione Infermieristica e Tecnica di Cesena, ed, in entrambi i casi, hanno consentito all’equipe di chirurghi diretta dal Prof. Antonio Pinna di effettuare il prelievo e i successivi trapianti di fegato e reni avvenuti alla Clinica Chirurgica Universitaria dell’Ospedale Sant’Orsola di Bologna.

Per l’anno in corso, grazie alla sensibilità dei cittadini che dimostrano di avere compreso l'importanza dell'atto donativo, l’Azienda Usl della Romagna registra numeri da record nell’attività di prelievo: il solo ospedale Bufalini in meno di sei mesi ha effettuato 12 donazioni multiorgano che hanno consentito il prelievo e il successivo trapianto di 37 organi, collocandosi  al momento al primo posto in Emilia Romagna per numero di prelievi

Pubblicato in Notizie dal sito

A seguito di un mancamento con intensa palpitazione ha scoperto di avere una patologia cardiologica che poteva mettere a serio rischio la sua gravidanza. I medici della Cardiologia dell’Ospedale “Bufalini” di Cesena hanno però effettuato un intervento, con una tecnica e le innovative apparecchiature dell’Elettrofisiologia presenti in ospedale, che ha permesso di risolvere il problema e che consentiranno alla paziente di proseguire in serenità la propria gravidanza.

I fatti. La paziente, una professionista di 41 anni alla sua seconda gravidanza, e giunta alla 28esima settimana di gestazione, nei giorni scorsi si è sentita male a Cesenatico. Intervenuto sul posto, il personale del 118 ha riscontrato una tachicardia severa (180 di frequenza), ha dunque allertato la Cardiologia del “Bufalini” dove la paziente è stata subito trasportata.

I medici hanno rapidamente individuato la patologia: tachicardia parossistica sopraventricolare. Un’anomalia che provoca svenimenti e accelerazione del ritmo cardiaco, e che quindi metteva a rischio sia la paziente sia, soprattutto, il nascituro. I medici hanno dapprima provato a stabilizzarla attraverso una terapia farmacologica, ma l’effetto positivo iniziale svaniva dopo poco tempo. Considerato che altri farmaci antiaritmici avrebbero determinato tossicità sul nascituro, si è dunque optato per un intervento: un’ablazione con radiofrequenza dell'aritmia cardiaca effettuata con un catetere introdotto dalla vena femorale.

“Si tratta di una procedura certamente invasiva ma con rischi limitati – spiega il dottor Giancarlo Piovaccari, direttore dell’Unità Operativa di Cardiologia di Cesena, insieme al dottor Paolo Sabbatani e al dottor Carlo Iannettone, che hanno seguito direttamente il caso -, ma ci trovavamo di fronte una signora in stato interessante e dunque avevamo l’esigenza di proteggere il feto dalle radiazioni dell'apparecchiatura radiologica necessaria per introdurre i cateteri nel cuore. La Cardiologia di Cesena è stata però recentemente dotata di una nuova apparecchiatura per l’elettrofisiologia, il Sistema Navex, grazie al quale si può fare l’elettromappatura del cuore ed intervenire, come abbiamo fatto con la signora, esattamente nella cavità cardiaca interessata per operare sul focolaio aritmologico senza la necessità di utilizzare i raggi X. Avevamo comunque provveduto a proteggere l'addome della paziente con coperte di piombo qualora si fosse reso ugualmente necessario l’uso dei raggi, ma non è stato così”.

 L’intervento è riuscito perfettamente e la paziente è considerata guarita senza necessità di ulteriori terapie mediche. La signora in dolce attesa è stata dimessa 24 ore dopo la procedura, felicissima.

“Questo intervento, da ritenere abbastanza straordinario e rarissimo considerando il contesto della paziente, denota in maniera chiara il valore dell’elettrofisiologia di Cesena – conclude il dottor Piovaccari – pratica per la quale il ‘Bufalini’ diventerà punto di riferimento tra le cardiologie romagnole”.

Pubblicato in Notizie dal sito

La clown terapia come approccio integrato non farmacologico nella gestione del bambino in ospedale.  Questo il tema della Conferenza aperta alla cittadinanza in programma martedì 16 maggio, alle pre 20.00, nella Sala Cacciaguerra della Banca di Cesena (viale Bovio 72, Cesena).

 

Pubblicato in Notizie dal sito

Tiro al piattello e solidarietà. Anche quest’anno grazie al torneo sportivo tenutasi nei giorni scorsi a Uboldo (Varese) sono stati devoluti 2.300 euro al reparto di Terapia Intensiva Neonatale dell’ospedale Bufalini di Cesena.

E’ un evento benefico che si rinnova dal 2011, su iniziativa di papà Gianni, atleta di tiro al piattello e la mamma Ingrid, come ringraziamento per l’assistenza prestata nei primi mesi vita dall’equipe della Terapia Intensiva Neonatale al loro figlio nato prematuro.

Il torneo di tiro al piattello è stato organizzato dall’A.S.D. Tiro a Volo Belvedere e reso possibile grazie alla collaborazione di: Ottica-Oreficeria Tempi d'Oro di Tarlazzi Ingrid & Diego di Cotignola (RA),  RC Eximport S.r.l. di Forlì e società sportiva umbra ASD Geppetto Lab Shooting Team.

L’Azienda Usl della Romagna, insieme all’équipe della Terapia Intensiva Neonatale, desidera ringraziare la famiglia e tutte le Aziende che hanno collaborato alla generosa donazione.

Pubblicato in Notizie dal sito

Continua l’impegno dell’Associazione Valori e Libertà in favore dell’ospedale Bufalini di Cesena. L’Associazione cesenate dà infatti il via ad una raccolta fondi attraverso una serie di iniziative benefiche, finalizzate a sostenere l’acquisto di una apparecchiatura da destinare al reparto di Nefrologia e Dialisi dell’ospedale Bufalini di Cesena.

 Il primo evento è in programma sabato 18 marzo con la tradizionale Focarina si San Giuseppe che si terrà, a partire dalle ore 19.30 a Calisese, in via Vicinale Staggi 545.  Con un contributo di 15 euro, si potrà trascorrere una piacevole serata all’aria aperta, attorno al fuoco, con piadina, porchetta, salame ciambella e vino.

Per informazioni e prenotazioni: Associazione Valori e Libertà  cell. 3406274757 associazione@valorieliberta.it

Pubblicato in Notizie dal sito

Matteo ha 10 anni e ama il calcio. Il suo sogno è fare l'allenatore e lo insegue tanto da diventare il mister di una squadra di suoi coetanei. La distrofia muscolare di Duchenne non può fermarlo, e anche se non riesce a correre con le sue gambe, può farlo con la logica, la tattica e la capacità di relazione.

È lui, con la sua storia simbolo di quelle di altri bambini, il protagonista dello spot per una nuova campagna di raccolta fondi promossa da Parent Project onlus, l'associazione di genitori con figli affetti da distrofia muscolare di Duchenne e Becker. fino al 6 marzo sarà possibile donare 2 o 5 euro mandando un sms al numero 45519 o effettuando una chiamata da rete fissa. La campagna si chiama proprio "L'esordio di Matteo" e 'capovolge' il concetto di esordio: nel descrivere la malattia, l'espressione "ad esordio precoce" assume infatti generalmente una connotazione negativa - come spiega in una nota Parent Project Onlus -. Nel caso della storia di Matteo e di ogni bambino affetto dalla distrofia di Duchenne, vuole invece rappresentare il principio di un sogno". Il ricavato dell'iniziativa andrà a finanziare uno studio osservazionale sugli aspetti nutrizionali e metabolici nei pazienti italiani con distrofia muscolare di Duchenne coordinato dall'ICANS della Università degli Studi di Milano in collaborazione con l'Istituto Neurologico Besta e con il Servizio di Nutrizione dell'Ospedale Bufalini di Cesena.

Il miglioramento della gestione degli aspetti nutrizionali nei bambini e negli adulti affetti da distrofia muscolare di Duchenne e Becker è un ambito ancora poco esplorato, ma che offre importanti opportunità di miglioramento di salute e qualità di vita. Alcuni aspetti devono essere chiariti per evitare, ad esempio, l'insorgenza di obesità nei pazienti più giovani e di malnutrizione negli stadi avanzati della malattia.

scarica la Locandina della campagna

Pubblicato in Notizie dal sito

L’Azienda USL della Romagna ringrazia Giulia del Cherico e Mattia Follari unitamente alla Compagnia teatrale cesenate “Quinte Strappate” di cui fanno parte, per la donazione di 500 euro a favore della Terapia Intensiva Neonatale dell’Ospedale Bufalini di Cesena.

La somma è stata ricavata dallo spettacolo “(non) E’ troppo presto. Avventure di bambini nati prima”, nato su iniziativa di Giulia e Mattia, genitori di Leonardo, un bimbo venuto alla luce al Bufalini a sole 28 settimane nell’aprile 2011, con l’obiettivo di sensibilizzare sul tema della prematurità e raccogliere fondi a favore del reparto cesenate.

La consegna è avvenuta questa mattina, alle ore 12.30, nel reparto di Terapia Intensiva Neonatale dell’ospedale Bufalini, alla presenza di Giulia del Cherico e Mattia Follari, del presidente dell'associazione culturale teatrale "Quinte Strappate" Marco Mancini, del direttore del reparto Augusto Biasini e della coordinatrice infermieristica Francesca Fiuzzi.

“L’associazione culturale teatrale “Quinte Strappate”, che ha prodotto questo spettacolo - ha detto Marco Mancini - è orgogliosa di poter fare questo dono alla Terapia Intensiva Neonatale. L’associazione ci tiene inoltre a ringraziare tutti i soci per il lavoro e grande impegno gratuito, senza i quali niente di tutto questo sarebbe stato possibile. Ci auguriamo che lo spettacolo dia ancora molti frutti, per dare a molto altro pubblico la possibilità di conoscere la realtà della terapia intensiva neonatale”.

Pubblicato in Notizie dal sito

Nasce dall’esperienza personale e dalla passione per le storie dei genitori di Leonardo, un bimbo nato di 28 settimane nell’aprile 2011, lo spettacolo benefico “(non) E’ troppo presto. Avventure di bambini nati prima” in programma  giovedì 26 e venerdì 27 gennaio, alle ore 21, al Teatro Bogart di Cesena (Via Chiesa Sant’Egidio 110). Uno spettacolo messo in scena della Compagnia teatrale cesenate Quinte Strappate, con testo e regia di Giulia del Cherico e Mattia Follari, genitori di Leonardo, e finalizzato a informare e sensibilizzare sul tema della prematurità e raccogliere fondi a favore della Terapia Intensiva Neonatale del Bufalini, che per Giulia e Mattia è stata “come una seconda casa e una famiglia per quasi due mesi”. Parte del ricavato sarà infatti devoluto al reparto cesenate.

Lo spettacolo, con musiche dal vivo, racconta l'esperienza delle settimane passate in Terapia Intensiva Neonatale attraverso gli occhi dei bambini prematuri, che nelle loro culle termiche inizieranno a chiedersi cosa gli riservi il futuro, a fantasticare su cosa gli sia accaduto e quali avventure dovranno affrontare.

Nel cast, Alice Casadei, Giulia Del Cherico, Jonathan Pappalardi, Marco Mancini, Mattia Follari e Stefano Asioli.

Per info e prenotazioni: Mattia 3296825922  fb.me/nonetroppopresto

Pubblicato in Notizie dal sito

Il Natale è arrivato in corsia portando tanti doni solidali per i piccoli pazienti ricoverati nelle aree pediatriche dell’ospedale Bufalini. Babbo Natale con il suo sacco carico di doni ha fatto tappa in Pediatria per distribuire ai bambini ricoverati costruzioni, giocattoli e tanti altri regali donati dall’AVIS di Cesena, dal Vespa Club di Cesena e dalla Dussmann Service, mentre i bambini della Scuola di Ronta (materna e primaria), in occasione delle festività, hanno deciso di donare 200 libri che andranno ad arricchire gli angoli lettura dei reparti pediatrici e delle sale di attesa degli ambulatori pediatrici.
A favore della Pediatria è sceso in campo anche il Cesena Calcio che quest’anno ha realizzato una pallina di natale “Limited Edition”, il cui ricavato sarà devoluto al progetto “Pediatria a Misura di Bamnino”.

Un’altra iniziativa solidale, finalizzata a sostenere il progetto della Terapia Intensiva Neonatale dell’ospedale Bufalini “Il mio futuro a piccoli Passi”, è stata la pesca di beneficienza organizzata dall’Associazione Podistica San Vittore nell’ambito dell’iniziativa "Merry Christmas Run” che domenica scorso ha animato le vie del centro città.

L’Azienda Usl ringrazia l’Avis di Cesena, la Dussmann Service, il Vespa Club di Cesena, il Cesena Calcio, i bambini e gli insegnanti della Scuola di Ronta, l’Associazione Podistica San Vittore insieme agli organizzatori della ‘Merry Christmas Run’, e tutti coloro che durante l’anno hanno contribuito a sostenere l’umanizzazione delle aree pediatriche all’interno delle strutture sanitarie.

Pubblicato in Notizie dal sito

Cerca notizia

Archivio

Mi piace