Skip to main content
Tiziana Rambelli

Articoli inseriti da Tiziana Rambelli

Il congresso "L'internista nella continua ricerca dell'appropriatezza. Nuovi orizzonti per una Medicina Interna del futuro"  è organizzato dalla Medicina Interna di Forli, diretta dal Prof. Paolo Muratori e dalla Medicina Interna di Cesena, diretta dal Dr. Luca Montaguti, e si sviluppa in due date (9 Giugno 2022  al Campus Universitario di Forlì e  29 Settembre, a Cesena, presso la Sala Convegni dell’Ospedale Bufalini).

Le Unità Operative di Medicina Interna sono chiamate oggi ad affrontare una serie di sfide professionali e culturali complesse ma stimolanti. Comorbidità, acuzie nella cronicità, pandemia COVID-19, farmaci in continua evoluzione sono solo alcuni aspetti
con i quali l’Internista deve confrontarsi quotidianamente e che non può vincere se non con l’aiuto e la collaborazione di Territorio e Istituzioni. Interdisciplinarietà,aggiornamento culturale e collaborazione sono gli strumenti indispensabili per giungere a meta. Obiettivo del Convegno è di condividere le conoscenze scientifiche in diversi ampi settori della Medicina, affinché diventino il presupposto per avviare percorsi comuni e condivisi di cui i nostri pazienti potranno beneficiare.


"Il titolo del convegno - spiega il prof. Muratori -  offre un’idea di quello che vorrebbe essere l’obiettivo e cioè metterci in gioco per migliorare la qualità delle cure dei nostri pazienti, attraverso la ricerca continua della appropriatezza che si raggiunge solo mediante un confronto costante con i colleghi specialisti, mediante la multidisciplinarità e mediante la razionalizzazione delle risorse. Il convegno è aperto ai Medici di Medicina Generale, che sono i nostri indispensabili interlocutori, visto che con loro condividiamo tanti pazienti ed è aperto a varie discipline specialistiche e soprattutto ai giovani medici in formazione, nei confronti dei quali abbiamo il dovere di rivolgere tutti i nostri sforzi per trasmettere loro quel sapere che dovrebbe renderli i “bravi dottori“ del futuro."

Le iscrizioni sono aperte e il modulo di iscrizione è reperibile in fondo al programma del congresso (in allegato)

 

 

Non si ferma la solidarietà dell’Associazione Paolo Onofri, presieduta dal dott. Giorgio Ioli, nei confronti dell’ospedale di Santarcangelo, che è intervenuta questa volta a sostegno dell’Osco con la donazione di nuovi dispositivi.

Si tratta di un microonde e di un frigorifero donati all’Ospedale di Comunità, recentemente inaugurato, che serviranno per aumentare il benessere e la funzionalità di tutto il reparto.

La cerimonia di consegna e ringraziamento si è tenuta questa mattina, presso l’Ospedale, in presenza della Sindaca di Santarcangelo Alice Parma, della Responsabile dell’Ospedale Catia Drudi, della direttrice Cure Primarie Rimini-Riccione Antonella Dappozzo, del Direttore del distretto Mirco Tamagnini, della Direttrice Infermieristica e tecnica di Rimini e Riccione Cristina Fabbri e dei Medici di Medicina Generale e infermieri che hanno la responsabilità assistenziale dell’OSCO.

 “Queste nuove dotazioni - afferma Dappozzo - ci aiuteranno a migliorare la qualità dell’assistenza, puntiamo ad un potenziamento delle cure intermedie, che insieme alle case della salute e agli OSCO, consentirà di servire tutti i cittadini che accedono alla struttura di Santarcangelo. Siamo quindi davvero molto grati ai donatori”

“Questo ennesimo contributo testimonia – sottolinea Giorgio Ioli – l’impegno costante della Paolo Onofri, ad essere una associazione di prossimità per questo territorio e per questo Ospedale, che è sempre stato e resta un punto di riferimento per tutta la popolazione, per le diverse specialità. Dobbiamo ringraziare tutti i nostri donatori, che negli anni ci hanno aiutato a raccogliere i fondi necessari per sostenere le diverse attività, per un importo che si aggira ormai oltre 400 mila euro complessivi.”.

“La donazione della Paolo Onofri aggiunge nuova ricchezza all’OSCO – dichiara la sindaca Alice Parma – un nuovo servizio dell’ospedale Franchini, sempre più in linea con le esigenze del territorio. L’espressione ‘Ospedale di Comunità’, tra l’altro, non è soltanto il nome di un reparto, ma ci ricorda l’attenzione e l’attaccamento dei santarcangiolesi a questo presidio, che negli anni è stato arricchito di numerose dotazioni grazie all’impegno della Paolo Onofri e alla generosità di tanti cittadini e cittadine di Santarcangelo”.

Inserito all’interno dell’edificio che ospita sia l’ospedale Franchini che la Casa della Salute, l’Ospedale di Comunità di Santarcangelo è stato inaugurato il 16 Novembre 2021.

Dotato di 12 posti letto per l’accoglienza temporanea di Utenti residenti nel Distretto di Rimini, la struttura ha segnato una svolta nell’offerta dell’Assistenza Territoriale e precisamente della rete delle “Cure Intermedie”,  allo scopo di assicurare interventi sanitari a bassa intensità clinica e assistenza infermieristica continuativa finalizzata al miglior recupero delle condizioni di salute e  dell’autonomia per quegli Utenti che non necessitano di prestazioni proprie di un’unità di degenza per acuti ma che non possono essere assicurate in ambito domiciliare.

L’Osco svolge una funzione intermedia tra il domicilio e il ricovero ospedaliero, con la finalità da una parte di evitare ricoveri ospedalieri impropri e dall’altra di favorire il rientro nel contesto domiciliare, supportando al meglio il processo di dimissione dall’ospedale.

La gestione e l’assistenza nell’Ospedale di Comunità sono centrate sulla Persona e focalizzate su una dimensione il più possibile simile a quella del domicilio.

Viene garantito un approccio multidisciplinare e multiprofessionale alla Persona e alla sua famiglia, perseguendo la massima integrazione delle diverse competenze, fra cui spiccano quelle riabilitative e sociali.

Il modello organizzativo dell’Ospedale di Comunità di Santarcangelo prevede una gestione infermieristica e l’assistenza garantita dalla presenza continuativa di un’équipe composta da 9 infermieri, di cui 1 Case Manager, 2 terapisti della riabilitazione e 6 OSS. La responsabilità della Struttura per quanto concerne l’organizzazione e la qualità dell’assistenza, è in carico a un Responsabile Infermieristico, mentre la responsabilità clinica è esercitata da 6 Medici di Medicina Generale del Nucleo di Cure Primarie di Santarcangelo, presenti quotidianamente dal lunedì al sabato e coordinati da un Referente Clinico.

I dati di ricovero, influenzati dalla chiusura temporanea durante la pandemia, riguardano 50 Utenti con una degenza media di 21 giorni, di cui un 90% provenienti da reparti ospedalieri e un 10% dal domicilio.

L’età media è di 82 anni e i ricoveri sono riconducibili principalmente alla necessità di riattivazione motoria e supporto riabilitativo, volto al recupero delle autonomie residue, nonché a necessità di presa in carico di pazienti fragili con problematiche socio-familiari, di adeguamento ambientale e infine a necessità di preparazione dei familiari che dovranno prendersi cura del paziente una volta rientrato al proprio domicilio.

Alla dimissione, più della metà degli utenti è tornato al domicilio; l’altra parte è stata inserita in una struttura residenziale e tre pazienti sono stati centralizzati verso reparti per acuti in seguito a peggioramento e instabilità clinica.

L’OSCO di Santarcangelo è una struttura nuova, che sta rapidamente crescendo con l’obiettivo di rappresentare un punto di riferimento per la comunità cittadina e provinciale, per aumentare la variabilità dell’offerta assistenziale territoriale, qualificandola ulteriormente, con una valida e adeguata alternativa al ricovero ospedaliero.

A partire dalla giornata di sabato 28 maggio 2022, l'ambulatorio di Continuità Assistenziale di Forlì  (ex guardia medica) si trasferirà in viale Bologna 69/a, presso il Nucleo di Cure primarie 1 (a lato della farmacia Mainetti).

L'accesso all'ambulatorio è previsto solo su appuntamento, dopo contatto telefonico.

Restano invariati orari e numeri telefonici, che ricordiamo di seguito.

Apertura al pubblico accesso ambulatoriale (solo su appuntamento) prefestivi e festivi: dalle 9:00 alle 12:00 e dalle 15:00 alle 18:00

Numero verde gratuito :  800 533 118, sia da telefono fisso che da cellulare, dal lunedì al venerdì, dalle 20.00 alle 8.00. Sabato e prefestivi: dalle ore 8.00 alle 8.00 del giorno successivo al festivo

In occasione del Referendum e delle Elezioni amministrative del prossimo 12 giugno, i Servizi di Igiene e Sanità Pubblica dell’Ausl Romagna informano sulle modalità per il rilascio di certificati per l’ammissione al voto assistito per elettori fisicamente impediti e al voto domiciliare per elettori affetti da infermità gravi che ne rendono impossibile l’allontanamento dall’abitazione.

 

QUI CESENA

 

Voto assistito. La certificazione viene rilasciata, in presenza dell’elettore interessato, presso gli ambulatori del Servizio di Igiene Pubblica durante i consueti orari di apertura e nelle giornate di sabato 11 e domenica 12 giugno nelle sedi e orari di seguito riportati.

 

Aperture ambulatoriali fino al 10 giugno

Comune

Sede

Giorni

Orari

Cesena

Piazza Anna Magnani, 146

Lun, Mar, Gio, Ven

8.30 - 12.30

Mar, Gio

13.30 - 16.30

Cesenatico

Largo S. Giacomo, 15

Mercoledì

8.30 - 12.30

Savignano sul R.

Via F.lli Bandiera, 15

Lunedì

8.30 - 12.30

Aperture ambulatoriali Sabato 11 e Domenica 12 giugno

Comune

Sede

Giorni

Orari

Cesenatico

Largo S. Giacomo, 15

Sab 11 giugno

09.30 – 10.30

Savignano

Via F.lli Bandiera, 15

Sab 11 giugno

11.30 – 12.30

Bagno di Romagna

c/o Ospedale di S. Piero in Bagno

Dom 12 giugno

9.30 – 10.30

Cesena

Via Marino Moretti, 99

Dom 12 giugno

12.00 – 13.00

Per il rilascio della certificazione non è necessaria alcuna prenotazione. Si raccomanda di portare ogni eventuale documentazione clinica ritenuta opportuna per la valutazione (es. invalidità civile, referti specialistici), nonché un documento di identità valido.

Voto a domicilio. La legge n.46/2009 ha ampliato la tipologia di elettori che possono chiedere di votare presso il proprio domicilio: oltre alle persone in condizione di dipendenza continuativa da apparecchiature elettromedicali, possono accedere al voto domiciliare anche gli elettori affetti da gravissima infermità per i quali l’allontanamento dal domicilio risulti impossibile anche con eventuale trasporto organizzato dal Comune. I certificati per il voto da esercitare al proprio domicilio possono essere richiesti telefonando al Dipartimento di Sanità Pubblica della AUSL - Via Marino Moretti 99, Cesena, al numero 0547 352090 dal lunedì al venerdì dalle ore 10.00 alle ore 12.00, in modo da fissare un appuntamento per la visita da parte del Medico certificatore al domicilio del richiedente.

 

 

QUI FORLI’

 

VOTO A DOMICILIO

I certificati per il voto da esercitare al proprio domicilio potranno essere a noi richiesti contattando il punto informativo del Dipartimento Sanità Pubblica della AUSL – Via della Rocca 19, Forlì, telefonando al n. 0543/733585 nelle giornate di lunedì, mercoledì e venerdì dalle ore 10 alle ore 12.00.

Ricordiamo che il voto a domicilio è riservato ad elettori affetti da infermità gravi, tali da impedirne l’allontanamento dall’abitazione e/o si trovino in dipendenza continuativa e vitale da apparecchiature elettromedicali.

 

Dipartimento di Sanità Pubblica

U.O. Igiene e Sanità Pubblica - Forlì

Via della Rocca, 19 - 47121 Forlì

T. +39.0543. 733564   F. +39.0543.738781

dipartimento.prevenzione.fo@auslromagna.it

PEC: ip.fo.dsp@pec.auslromagna.it   Azienda Unità Sanitaria Locale della Romagna

Sede legale: Via De Gasperi 8 - 48121 Ravenna

Partita Iva n. 02483810392 – Codice Fiscale n. 02483810392

PEC : azienda@pec.auslromagna.it

 

VOTO ASSISTITO AL SEGGIO

I certificati per le persone che possono recarsi al seggio autonomamente saranno rilasciati agli aventi diritto che ne faranno richiesta presentandosi personalmente nelle sedi indicate, nei giorni 9-10-11 giugno 2022, con documento di identità e scheda elettorale.

Alleghiamo la tabella dove, per ogni Comune, è indicato l'orario in cui sarà presente il medico igienista nelle giornate 9-10-11 giugno:

Forlimpopoli 9-9:30

Meldola 9-9:30

Castrocaro 9-9:30

 

Bertinoro 10-10:30

Civitella 10-10:30

Dovadola 10-10:30

Modigliana 15:30-16

Predappio 11-11:30

Galeata 11-11:30

Rocca 11-11:30

Tredozio 16:30-17

Premilcuore 12-12:30

Santa sofia 12-12:30

Portico 12-12:30

 

                                      

A Forlì nelle giornate del 9 e 10 giugno l'orario sarà dalle 10 alle 11, mentre, per la sola giornata dell' 11 giugno, l'orario sarà dalle 13:30 alle 14:30.

 

VOTO ASSISTITO AL SEGGIO PER OSPITI DI STRUTTURE ASSISTENZIALI

Per quanto riguarda le necessità degli ospiti delle Strutture Residenziali Sociali e Socio assistenziali del territorio, si invita l’Ufficio Elettorale a contattare tali Residenze informandole che le Strutture devono inviare direttamente alla scrivente Unità Operativa di Igiene Pubblica di Forlì, al Fax n° 0543-738781, l’elenco delle persone fisicamente impedite che intendono esprimere il voto con un accompagnatore, indicando anche un numero telefonico e il nominativo di un operatore di riferimento al fine di concordare la visita da parte del medico certificatore. Al momento della visita il richiedente dovrà presentare un documento di identità e il certificato elettorale.

 

QUI RAVENNA

 

DISTRETTO RAVENNA

I certificati medici per i cittadini che non sono in grado di esprimere da soli il proprio voto, in quanto fisicamente impediti, nonché l’attestazione della condizione di elettore non deambulante, saranno rilasciati nelle sedi e negli orari di seguito indicati:

 

RAVENNA Ambulatorio Servizio Igiene Pubblica (sede CMP - secondo piano)

Via Fiume Montone Abbandonato n. 134 - Tel. 0544/286678

GIOVEDI’ 9 giugno, VENERDI 10 giugno, SABATO 11 giugno e DOMENICA 12 giugno dalle ore 10.30 alle ore 12.30

 

CERVIA   Ambulatorio Servizio Igiene Pubblica

presso ex Ospedale S. Giorgio – Tel. 0544/917643 / 7641

MARTEDI’ 7 giugno dalle ore 14.30 alle ore17.00

GIOVEDI’ 9 giugno dalle ore 10.00 alle ore 12.00

SABATO 11 giugno dalle ore 9.00 alle ore 10.00

DOMENICA 12 giugno dalle ore 9.00 alle ore 10.00

 

RUSSI Ambulatorio Servizio Igiene Pubblica

presso ex Ospedale – Tel. 0544/286445 / 6446

SABATO 11 giugno dalle ore 9.00 alle ore 10.00

DOMENICA 12 giugno dalle ore 9.00 alle ore 10.00

 

All’atto della visita l’elettore fisicamente impedito o non deambulante dovrà esibire la tessera elettorale e un documento di riconoscimento valido.

 

DISTRETTO FAENZA

I certificati medici per i cittadini che non sono in grado di esprimere da soli il proprio voto, in quanto fisicamente impediti, nonché l’attestazione della condizione di elettore non deambulante, saranno rilasciati negli ambulatori del Servizio Igiene Pubblica nel corso della settimana precedente la votazione, osservando il seguente calendario di presenze dei medici abilitati al rilascio delle certificazioni:

  • FAENZA  lunedì e venerdì 8.30 – 12.00 martedì e giovedì  14.30 – 17.00 / sabato 9.00 – 11.00
  • BRISIGHELLA venerdì 12.00 – 13.00
  • CASOLA VALSENIO venerdì 9– 10.00
  • CASTELBOLOGNESE venerdì 10 – 11.00
  • RIOLO TERME venerdì 10.30 – 11.30
  • SOLAROLO venerdì 8.30 – 9.30
                                                       

Le certificazioni possono essere richieste anche nel corso delle settimane precedenti durante i normali orari di apertura dell’ambulatorio di Faenza.

domenica 12 giugno 2022 orari di apertura degli ambulatori del Servizio:

  • FAENZA dalle 10.00 alle 11.30
  • BRISIGHELLA dalle 12.00 alle 13.00
  • CASOLA VALSENIO   dalle 12.00 alle 13.00
  • CASTELBOLOGNESE dalle 9.00 alle 10.00
  • RIOLO TERME dalle 10.30 alle 11.30
  • SOLAROLO dalle 8.30 alle 9.30

All’atto della visita l’elettore fisicamente impedito o non deambulante dovrà esibire la tessera elettorale e un documento di riconoscimento valido.

 

DISTRETTO LUGO

I certificati medici per i cittadini che non sono in grado di esprimere da soli il proprio voto, in quanto fisicamente impediti, nonché l’attestazione della condizione di elettore non deambulante, saranno rilasciati negli ambulatori del Servizio Igiene Pubblica nel corso della settimana precedente la votazione, osservando il seguente calendario di presenze dei medici abilitati al rilascio delle certificazioni:

  • ALFONSINE venerdì 8 – 9.00
  • BAGNACAVALLO venerdì 17 – 18.00
  • CONSELICE venerdì 11 – 12.00
  • COTIGNOLA venerdì 15,30 – 16.30
  • FUSIGNANO venerdì 9,30 – 10.30
  • LUGO  giovedì 8,30 – 12.00 e martedì 14.30 – 17.00
  • MASSA LOMBARDA venerdì 14 – 15.00

Le certificazioni possono essere richieste anche nel corso delle settimane precedenti durante i normali orari di apertura dell’ ambulatorio di Lugo.

Nella mattina di sabato 11 giugno 2022 un medico sarà presente in ambulatorio a LUGO dalle 9.00 alle 11.00

Nella giornata di domenica 12 giugno 2022 sarà osservato il seguente calendario di presenze, sempre presso le sedi dei corrispondenti ambulatori del Servizio, ove non diversamente specificato:

  • ALFONSINE 11 - 12.00
  • BAGNACAVALLO 9.30 - 10.30
  • BAGNARA DI ROMAGNA (presso sede del seggio elettorale) 12 - 12.30
  • CONSELICE 8,30 - 9.30
  • COTIGNOLA 10.30 - 11.30
  • FUSIGNANO 8 - 9.00
  • LUGO  8.30- 10.00
  • MASSA LOMBARDA 10.00 -11.00
  • SANT’AGATA SUL SANTERNO ( presso ufficio anagrafe) 11.30 - 12.00

 

All’atto della visita l’elettore fisicamente impedito o non deambulante dovrà esibire la tessera elettorale e un documento di riconoscimento valido.

 

QUI RIMINI

 

AMBULATORI CERTIFICAZIONI

1) Elettori aventi diritto al Voto assistito (fisicamente impediti)

2) Elettori aventi diritto al cambiamento di Seggio (senza barriere architettoniche)

NEL PERIODO PRE-ELETTORALE

gli elettori aventi diritto possono accedere senza prenotazione in qualunque ambulatorio nelle sedi e orari sottoindicati):

1.         Rimini: Via Coriano n. 38 Rimini – mercoledì e giovedì ore 9.00- 11,30

2.         Riccione: Viale Formia 14 Riccione – martedì e venerdì ore 9,00-11,30

3.         Novafeltria: Piazza Bramante10 – lunedì ore 9,00-11,30

GIORNO ELEZIONI DOMENICA 12 Giugno 2022 gli ambulatori dedicati :

Sede

Indirizzo

Telefono

Orario

Rimini (Colosseo Ingresso D Ambulatorio 1 piano terra)

Via Coriano 38

0541-707244; 707255

11.30-13.00

Novafeltria

 

Pzza Bramante 10

0541-919628

9.00-12.00

 

Riccione

 

Viale Formia 14

0541-608682; 608683

9.00-10.30

N.B. * I telefoni sono a disposizione esclusivamente la domenica stessa negli orari di apertura dell'ambulatorio.

                                                  

 

 

Convegno "E tornammo a riveder le stelle"...forse, 25 maggio, Palazzo Isolani, Bologna

Responsabile scientifico prof. VITTORIO SAMBRI

 

"Il convegno si pone l’obiettivo di confrontare le opinioni di clinici e microbiologi sullo stato dell’arte della diagnostica microbiologica, in un’epoca di grandi cambiamenti stanti l’aumentata disponibilità tecnologica, accentuata dalla recente pandemia,  e le necessità di risposte affidabili e tempestive. Un’occasione per discutere in modo multidisciplinare sulle necessità e sulle possibilità per garantire il miglior approccio alla diagnosi di infezione."

Segreteria scientifica 

Paola Bernaschi S.S.D Microbiologia, Ospedale Pediatrico Bambino Gesù,Roma

Edoardo Carretto U.O.C. Microbiologia, Arcispedale Santa Maria nuova, IRCSS – AUSL Reggio Emilia

Vittorio Sambri U.O.C. Microbiologia, Laboratorio Unico di Area Vasta Romagna, Pievesestina (FC)

Pierluigi Viale U.O.C. Malattie infettive, Dipartimento per la Gestione Integrata del Rischio Infettivo - IRCCS Policlinico Sant'Orsola, Bologna

È stato un successo la cena sociale organizzata sabato scorso al Palabertino, dagli operatori del Pronto soccorso riminese in collaborazione con l'Associazione "Rimini per tutti"'.

"Hanno partecipato oltre 140 persone - spiegano gli organizzatori- che ci hanno permesso di raccogliere 3400 euro, che verranno devoluti per l'acquisto di un ecografo per il Pronto Soccorso di Rimini. Oltre all'Associazione Rimini per tutti, ringraziamo anche la Cooperativa Punto Verde, che ci ha donato le piante per la lotteria"

La scuola primaria Bersani già da qualche anno organizza, all'interno del suo plesso, il "Giardino Letterario". Ogni classe contribuisce all'abbellimento della recinzione esterna con uno striscione che riassume il lavoro svolto durante l'anno scolastico.

"Il tema di quest'anno - spiega l'insegnante, Stefania Monti - era "Cura e bellezza" e in questo ambito la classe 5B ha realizzato un lavoro collettivo incentrato sulla figura di Giovan Battista Morgagni. Partendo dalla lettura del testo a fumetti "G. B. Morgagni, sua Maestà Anatomica" e visionando su YouTube il trailer della docufiction realizzata sul nostro celebre concittadino dal Gruppo Cultura dell'Ausl Romagna in collaborazione con l'Istituto Oncologico Romagnolo per la regia di Cristiano Barbarossa , i ragazzi hanno tratteggiato episodi salienti della vita di sua Maestà Anatomica commentandoli con fumetti e didascalie esplicative :il risultato finale è un lungo cartellone che parla del nobile scienziato illustrando anche come era la nostra città nel XVII secolo. "

" La tecnica del fumetto -prosegue - molto amata dai bambini di questa età, ha facilitato l'avvicinamento ad una personalità così commessa ed ingegnosa quale quella di Giovan Battista Morgagni ; gli alunni di sono appassionati alla figura di questo grande medico, che ha saputo quasi essere un "visionario" per i suoi tempi, compiendo un viaggio a ritroso che li ha portati a scoprire un personaggio strettamente legato anche ai forlivesi di oggi."

Si e' tenuta ieri la prima giornata, per il 2022, del percorso formativo "Chronicity, percorsi e modelli di cura in gastroenterologia", diretto da Carlo Fabbri, direttore dell'Unità operativa di Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva dell'ospedale "Morgagni Pierantoni" di Forlì e dell'ospedale "Maurizio Bufalini" di Cesena. Il primo incontro, organizzato con il dottor Paolo Muratori, direttore dell'Unità operativa di Medicina Interna del nosocomio forlivese, aveva come oggetto la patologia epatica cronica ed ha riscosso un ottimo successo in termini di partecipazione.

"Medici di medicina generale e giovani medici in formazione specialistica e professionisti di varie specialità - spiega il prof Paolo Muratori - hanno riempito il salone comunale di Forlì dove, esperti provenienti da tutta l’Emilia-Romagna, hanno affrontato tutti i temi che contraddistinguono la malattia epatica cronica, dalla fase iniziale alla sua evoluzione in cirrosi e le relative complicanze."

"Chronicity - chiarisce il dottor Fabbri - è un percorso formativo che ha l'obiettivo di affrontare il tema della cronicità in gastroenterologia dall'aspetto clinico e terapeutico, alla nutrizione, all'aspetto emotivo. per creare una rete di collaborazione tra specialisti dell'ospedale e del territorio. I prossimi appuntamenti del corso sono previsti per il 17 novembre, in occasione della giornata mondiale del cancro del pancreas, il 25 novembre, sulle malattie del tratto gastrointestinale ed il 26 novembre, giornata in cui verrà affrontato il tema dei percorsi in gastroenterologia." “Siamo estremamente soddisfatti – affermano i due direttori – perché ancora una volta siamo riusciti a dimostrare come la sinergia delle differenti expertise e l’unità di intenti sia in grado di produrre giornate estremamente formative, soprattutto per i giovani colleghi”

 Mercoledì 18 maggio si è tenuto presso il Teaching Hub del Campus universitario di Forlì il convegno “Infezioni addominali complesse”, sotto la responsabilità scientifica del professor Giorgio Ercolani professore ordinario e direttore della Chirurgia Generale dell’Ospedale Morgagni-Pierantoni di Forlì  e del dottor Francesco Cristini direttore della Unità Operativa di Malattie Infettive dello stesso nosocomio. I Direttori del Corso, che da anni collaborano, hanno voluto dare risalto al problema delle "Infezioni in chirurgia", che rappresentano a tutt'oggi le complicanze post-operatorie più frequenti e che sono la principale causa di mortalità dopo l’intervento chirurgico.

Dopo i saluti introduttivi del professor Emanuele Menegatti, presidente del Campus di Forlì, e del dottor Paolo Masperi, direttore medico del P.O. di Forlì, sono iniziati i lavori. La prima sessione scientifica ha affrontato i principi gestionali generali di queste infezioni a partire dal corretto inquadramento diagnostico, clinico, microbiologico e bioumorale fino al corretto utilizzo della terapia antibiotica in termini di scelta delle molecole sulla base dei principi gravità clinica ed ecologia microbica e corrette modalità di somministrazione nello specifico ambito del paziente con infezione addominale. I relatori della prima sessione sono stati il professor Pierluigi Viale direttore del dipartimento di scienze mediche e chirurgiche dell'Università di Bologna e direttore della Clinica di Malattie Infettive dell'IRCCS Sant'Orsola di Bologna, il professor Federico Pea, farmacologo clinico professore ordinario presso il medesimo dipartimento dell'università di Bologna e responsabile della SSD Farmacologia Clinica, il professor Michele Bartoletti professore associato di Malattie Infettive dell'università di Bologna, il professor Vittorio Sambri direttore della microbiologia della AUSL della Romagna e del dipartimento Medicina di Laboratorio e Trasfusionale e professore associato di Microbiologia, il dottor Massimo Sartelli chirurgo generale di Macerata, grande esperto di infezioni addominali complesse.

“In estrema sintesi – spiegano i direttori del corso -  i messaggi chiave che sono emersi nella prima sessione dei lavori sono stati l'importanza dilagante dei patogeni multiresistenti ed il corretto utilizzo delle nuove molecole antibiotiche finalmente efficaci verso questi patogeni. Il farmacologo clinico ha illustrato le evidenze scientifiche più recenti su quanto sia importante nel paziente critico il corretto inquadramento fisiopatologico, in base al quale assicurare la corretta esposizione agli antibiotici, con l'obiettivo prioritario di migliorare la cura e quindi l'outcome. La gestione moderna della terapia antibiotica nelle infezioni “difficili” passerà sempre di più attraverso il concetto della terapia ottimizzata sul singolo paziente. In tema di diagnosi microbiologica il Microbiologo ha illustrato come dalla pandemia da COVID-19 la Microbiologia ne sia uscita fortemente arricchita. Il forte impulso alla diagnostica rapida molecolare che la pandemia ha imposto sta cambiando il paradigma della diagnostica anche in ambito di infezioni batteriche, dominanti nelle infezioni addominali, con la biologia molecolare che assumerà un ruolo sempre maggiore nella diagnosi precoce delle infezioni gravi.La seconda sessione, tutta a carico di una faculty romagnola di eccellenza,  moderata dal dott Fausto Catena, direttore della Chirurgia Generale di Cesena e dalla Dott.ssa Costanza Martino, direttrice dell’ Anestesia e Rianimazione di Lugo, ha passato in rassegna il ruolo fondamentale di tutte le discipline non chirurgiche o infettivologiche che hanno un ruolo cruciale nella cura delle infezioni profonde addominali, sottolineando come l’operatività interdisciplinare sia imprescindibile per affrontare situazioni cliniche complesse in cui la chirurgia non sia indicata e la sola terapia antibiotica non sia sufficiente nella eradicazione delle infezioni più difficili. Sono intervenuto in questa sessione il direttore della Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva di Forlì e Cesena, dott Carlo Fabbri, la dottoressa Emanuela Giampalma direttrice della Radiologia di Forlì e del Dipartimento di Diagnostica per Immagini dell’ AUSL Romagna, Gabriella Di Candia, infermiera della Chirurgia Generale di Forlì, i dott. Carlo Alberto Pacilio e Carlo Vallicelli, chirurghi generali rispettivamente della Chirurgia di Forlì e di Cesena, il dottor Luigi Raumer infettivologo di Forlì, la Dott.ssa Carla Serra responsabile dell’ ecografia interventistica diagnostica e terapeutica del Sant’Orsola di Bologna, la dottoressa Marina Terzitta direttrice dell’Anestesia e Rianimazione di Riccione e la dottoressa Concetta Lanza dell’ Anestesia e Rianimazione di Forlì. Ne è emerso un quadro di grande collaborazione, competenza e coordinamento professionale, in cui la gastroenterologia, la radiologia interventistica, l’ecografia, la terapia intensiva ed un team infermieristico altamente competente in tema di gestione dei presidi terapeutici completano il complesso puzzle della gestione delle infezioni addominale complesse. Ed in conclusione è intervenuto il Prof Poletti, direttore della Pneumologia Interventistica di Forlì, che ci ha riportato ad un presente purtroppo non ancora archiviato, quello della pandemia, con una interessante ed attualissima panoramica fisiopatologica sulla malattia da SARS-CoV2.”

 

 

Dopo il trasloco dalla precedente sede di via circonvallazione occidentale, riprendono le attività istituzionali della palestra del Servizio di Medicina dello Sport dell’AUSL della Romagna presso la nuova collocazione all’interno dell’Ospedale “Infermi” di Rimini. I locali si trovano al primo piano con un accesso indipendente e dedicato direttamente dall’esterno attraverso l’ascensore adiacente alla scala “T”. Questa palestra è il luogo dove vengono effettuate le visite di idoneità sportiva per gli atleti diversamente abili che, come ci ricorda il referente del servizio, dott. Giuseppe Attisani, sono gratuite per tutte le fasce di età, e soprattutto dove vengono effettuate le visite e le valutazioni per la prescrizione dell’esercizio fisico. Sono infatti ormai anni che il servizio di medicina dello sport si occupa di pazienti con varie patologie, soprattutto trapiantati di organo solido, che grazie ai suoi professionisti, effettua le valutazioni funzionale finalizzate alla prescrizione, al pari di un vero e proprio farmaco, di esercizio fisico adattato.