Proposte formative per le scuole per la promozione della salute e della cultura della sicurezza
Email Stampa

Progetto

2020-21
Guadagnare salute: fumo, alcol, alimentazione, attività fisica.
  • Docenti
  • Genitori
  • Studenti
  • Secondaria di 1°
  • Secondaria di 2°
  • Cesena
  • Forlì
  • Ravenna
  • Rimini
A seguito dell’emergenza Covid19 si valuteranno le opportunità di rimodulazione delle diverse attività in accordo con le scuole a secondo della situazione epidemiologica e organizzativa che si verrà a verificare.
Paesaggi di Prevenzione è un programma-contenitore nel quale si possono inserire altri percorsi proposti dalla AUSL stessa, da scuole, da enti o associazioni del territorio, che abbiano relazione col benessere e coi temi trattati; li chiamiamo collettivamente "Percorsi collegati a Paesaggi di Prevenzione".
insegnanti, genitori, studenti delle classi seconde - scuola secondaria di I° e II° grado

La Scuola può essere considerata un“luogo” di promozione della salute, in cui è possibile intervenire sull’insieme dei fattori individuali, ambientali e sociali che influenzano scelte e abitudini delle persone. Gli interventi proposti sono co-progettati con la Scuola stessa, al fine di avviare processi personalizzati che garantiscano la continuità e concretezza nelle azioni di contrasto ai fattori di rischio di Guadagnare salute (tabagismo, abuso di alcol, alimentazione scorretta, sedentarietà) e attenzione all’equità.

Riferimento al PLA Ausl Romagna: scheda 5. 3
Promuovere il benessere personale e la salute a scuola con azioni che favoriscono sani stili di vita nelle quattro aree di Guadagnare Salute (Fumo, alcol, alimentazione e attività fisica). Il processo co-costruito con gli attori della scuola si propone di approfondire diversi aspetti peculiari della promozione della salute: 1) promuovere azioni di contesto favorevoli alle scelte salutari; 2) considerare le life skills e competenze trasversali criteri fondamentali per l’integrazione fra formazione e prevenzione; 3) considerare la partecipazione dei ragazzi una risorsa attraverso il loro coinvolgimento attivo sul piano cognitivo, emotivo e relazionale; 4) promuovere la collaborazione con le risorse del territorio sui temi di sani stili di vita in coerenza con la sua cornice metodologica prevista del progetto.
E’ auspicata la costituzione di un gruppo di lavoro che vede il coinvolgimento dei diversi “attori” della comunità scolastica: personale docente, non docente, genitori, studenti e personale AUSL/Enti partner.
lavoro con gli insegnanti:
incontri di condivisione e formazione degli insegnanti delle classi seconde sulle tematiche e sulle tecniche interattive utilizzabili per la realizzazione di attività nelle classi, con sollecitazione alla progettazione/realizzazione di percorsi curricolari trasversali alle aree d’insegnamento scientifica, umanistica e artistica. Sul sito https://www.luoghi di prevenzione.it sono illustrati percorsi possibili consultabili previo iscrizione.
lavoro con gli alunni/studenti:
sono previste 4-5 attivazioni di 2-3 ore ciascuna gestite dai docenti che con metodi interattivi perl’approfondimento di almeno due aree tematiche di Guadagnare Salute. Tali percorsi potranno essere integrati con i laboratori esperienziali proposti dal Centro Regionale Luoghi di Prevenzione, cui tutte le scuole hanno possibilità di accedere gratuitamente.
Nelle scuole di 2° grado, PER TUTTI I TEMI AFFRONTATI, si considera ottimale e necessaria una attività di “peer education” come azione di rinforzo dell’attività curriculare effettuata dagli insegnanti. Si prevede la formazione di ragazzi di classi terza o quarta che aderiscono al progetto partecipando ad un percorso formativo gestito dagli operatori del gruppo di progetto (4-5 incontri di 2-3 ore) al termine del quale effettueranno almeno un intervento rivolto agli studenti delle classi seconde.
lavoro con i genitori:
viene definito dal gruppo di lavoro della comunità scolastica, tenendo conto di esigenze, criticità od opportunità che emergano dalla valutazione complessiva, e possono coinvolgere servizi comunali e centri e associazioni sul territorio.

Servizi dell’AUSL:
Dipartimento di Sanità Pubblica, Dipartimento di salute mentale e Dipendenze Patologiche (Ser.T.), Dipartimento Salute Donna Infanzia e Adolescenza (Pediatria di Comunità), Neuropsichiatria infantile e Ambulatori per i disturbi del comportamento alimentare
Esterni:
Istituto Oncologico Romagnolo, Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori, Centro Regionale di Didattica Multimediale Luoghi di Prevenzione. In ogni ambito territoriale si ricerca la collaborazione di enti e associazioni che condividano le finalità e la metodologia del progetto .

Cosetta Ricci – cosetta.ricci@auslromagna.it
Cesena - Lorena Quaranta lorena.quaranta@auslromagna.it
Forlì - Paola Scarpellini paola.scarpellini@auslromagna.it
Ravenna - Cosetta Ricci cosetta.ricci@auslromagna.it