Cosa è il CTSS

 

La Conferenza Territoriale Sociale e Sanitaria si può definire come l'organismo di governo dei Comuni che ha quale obiettivo principale quello di coordinare le politiche sociali, sanitarie e socio-sanitarie nel livello intermedio fra Regione e Distretto.

La Conferenza Territoriale Sociale e Sanitaria della Romagna, istituita con legge regionale n. 22 del 2013, di seguito denominata "Conferenza", è composta dai Presidenti delle Province di Forlì-Cesena, Ravenna e Rimini e dai Sindaci dei Comuni situati nel territorio dell'Ausl di Romagna come definito nell’art. 2 della legge regionale 22/2013.

La Conferenza esercita le funzioni di indirizzo, programmazione, valutazione e vigilanza nei confronti dell'Azienda USL della Romagna ai sensi della legge regionale 22/2013 e della ulteriore normativa regionale. La Conferenza esercita le sue funzioni sia in sede assembleare sia attraverso l’attività dell’Ufficio di Presidenza ai sensi dell’articolo 4 comma 4 L.R. 22/2013.

Storia

La Conferenza Sanitaria Territoriale, nata con L.R. 12 Maggio 1994 n. 19 (Riordino del SSR ai sensi dei D.Lgs 502/1992 e 517/1993 “Aziendalizzazione del SSN”) cambia la propria denominazione in Conferenza Territoriale Sociale e Sanitaria con la L.R. 12 Marzo 2003 n. 2, secondo un preciso orientamento politico che si propone la realizzazione di un sistema regionale integrato di interventi sanitari, socio-sanitari e socio-assistenziali.
Dunque, nella nostra Regione, la Conferenza Territoriale, che è costituita da tutti i Sindaci di una Azienda Unità Sanitaria Locale (oltre che dal Presidente della Provincia che a quel territorio si riferisce) esercita un ruolo di indirizzo e controllo non solo sulle politiche sanitarie, ma anche socio-sanitarie e socio-assistenziali.
Dato atto che il processo di aziendalizzazione dell’ambito sanitario ha attribuito al Direttore Generale (designato dalla Regione) tutti i poteri di gestione, nonché la rappresentanza della Azienda Unità Sanitaria Locale, è risultato via via necessario un controbilanciamento, specificamente sul terreno delle scelte di indirizzo, programmazione, pianificazione e verifica, in capo alle amministrazioni comunali di quel territorio, organizzate nella Conferenza Territoriale Sociale e Sanitaria.