Skip to main content
Dradi Manuela

Articoli inseriti da Dradi Manuela

Oggi, giovedì 11 aprile, è stato consegnato all’Ospedale “Umberto I” di Lugo un assegno di 3.500,00 euro quale simbolo della generosa donazione al Presidio da parte della Società Agricola Agrivar di Palazzo di Varignana Srl.

Alla cerimonia di ringraziamento e consegna dell’assegno erano presenti il Direttore dell’Ospedale di Lugo, Paolo Tarlazzi, la Direttrice Generale di Agrivar di Palazzo di Varignana, Chiara Del Vecchio, e il Vicesindaco di Lugo, Luigi Pezzi.

La donazione è frutto del ricavato di una cena di beneficenza organizzata dalla Dott.ssa Del Vecchio e dal team di Agrivar a seguito dell’alluvione che ha colpito il territorio romagnolo. “Sono molto contenta di condividere insieme a voi ciò che è stato fatto con le risorse che abbiamo raccolto grazie a questa cena di raccolta fondi. In quei giorni eravamo tutti emotivamente vicini alla Romagna e in un istante abbiamo pensato di fare qualcosa di concreto per aiutare la comunità romagnola, organizzando una cena di beneficenza il cui ricavato è stato poi totalmente devoluto all’Ospedale di Lugo”, ha affermato la Direttrice di Agrivar.

Parte della cifra donata è stata impiegata per l’acquisto di un sistema parking di distribuzione di carrozzine che permette, come ha sottolineato il Dott. Tarlazzi, un controllo e un utilizzo ragionato da parte dell’utenza.

Un sentito ringraziamento da parte dell’Azienda USL della Romagna e, in particolare, da parte dell’Ospedale Umberto I di Lugo, a Chiara Del Vecchio e alla Società Agrivar per la donazione e per la sensibilità e l’impegno dimostrati rispetto alla volontà di voler aiutare direttamente e concretamente la comunità lughese. 

Sarà inaugurato sabato 6 aprile, alle ore 18.00, a Faenza “Universo Fuori Onda”, uno spazio rivolto a ragazzi e ragazze dai 14 ai 25 anni e alle loro famiglie. Il servizio, attivo da febbraio 2023, nato dalla stretta collaborazione tra Unione della Romagna Faentina e Ausl della Romagna, avrà così una sede definitiva, in Via San Giovanni Bosco, 1 presso il complesso ex Salesiani di Faenza.

Si tratta di uno spazio dedicato all’adolescenza, per sostenere ragazzi e ragazze in cerca di sostegno, crescita e sviluppo personale. Un tempo-luogo di ascolto psicologico o socio-educativo gratuito, in cui è possibile portare dubbi, paure e difficoltà personali.

Ad accoglierli ci saranno operatori con diverse professionalità psicoeducative per rispondere con tempestività ai diversi bisogni. Sono coinvolti operatori sociali e sanitari dello spazio giovani del consultorio familiare fino a comprendere professionisti afferenti ai Dipartimenti Salute Donna Infanzia Adolescenza e Salute Mentale e Dipendenze Patologiche dell'ambito di Ravenna.

Al servizio possono accedere direttamente i ragazzi e le ragazze residenti nei comuni dell'Unione della Romagna Faentina, ma anche i loro genitori o figure significative. Troveranno un momento e un luogo in cui sentirsi ascoltati e non giudicati, in cui essere accompagnati in un percorso di conoscenza di sé, di acquisizione di informazioni e competenze per poter superare il momento di difficoltà e accrescere la padronanza di sé.

All'inaugurazione, in rappresentanza dell'AUSL della Romagna, sarà presente il Direttore del Distretto Sanitario di Faenza, un rappresentante dei Comuni dell'Unione della Romagna Faentina e il Presidente del Rotary di Faenza, che con il loro generoso supporto hanno contribuito all'arredamento della sede.

 

La donazione del macchinario, del valore di 30.000 euro, è il risultato della collaborazione tra Istituto Oncologico Romagnolo e Rosetti Marino.Tolleranza zero nei confronti del tumore al seno. La neoplasia che colpisce di più le donne di ogni fascia d’età, grazie ad una sempre maggiore sensibilità nella popolazione, a programmi di screening efficaci e a terapie sempre più mirate, ha raggiunto in Romagna percentuali di sopravvivenza a cinque anni dalla diagnosi intorno al 90%: dato certamente ragguardevole, ma che impone uno sforzo aggiuntivo importante affinché anche per il restante 10% vi siano sempre nuove speranze. Continua quindi l’impegno dell’Istituto Oncologico Romagnolo al fianco delle strutture ospedaliere del territorio e dei suoi professionisti coinvolti in questa fondamentale battaglia di salute: nella giornata di martedì 26 marzo è stato infatti inaugurato un nuovo ecografo di ultima generazione, un macchinario del valore di circa 30.000 euro, al Centro di Prevenzione Oncologica (CPO) di Ravenna, presente all’interno dell’Ospedale “Santa Maria delle Croci” e diretto dalla dottoressa Dolores Santini. Lo stesso dispositivo era stato donato circa un mese fa al presidio analogo di riferimento per il territorio di Rimini, Cattolica e Novafeltria, mentre nei primi giorni di gennaio 2024 era stato tagliato il nastro sul “Canon Aplio” del CPO di Lugo. La chiusura del cerchio avverrà a stretto giro con la consegna della medesima apparecchiatura presso il Centro di Prevenzione Oncologica di Forlì.

Il principale vantaggio di questi macchinari di nuova generazione è sicuramente quello di individuare lesioni molto piccole, in fase precoce, cosa che aumenta di molto le prospettive di guarigione di chi scopre di avere un tumore al seno. Insomma, un bell’aiuto per un reparto, il CPO di Ravenna, che si rivolge ad una popolazione di più di 43000 donne in età di screening e capace di erogare più di 35000 mammografie in un anno e quasi 16000 prestazioni ecografiche: un aiuto giunto in questo caso dalla felice collaborazione tra Istituto Oncologico Romagnolo e Rosetti Marino Spa che, in occasione del Natale 2023, insieme ai propri fornitori, amici e dipendenti, ha portato avanti quella che è diventata ormai una tradizione, una raccolta a sostegno della lotta al cancro. L’iniziativa, denominata “Together for Life”, ha permesso di coprire per intero l’importo dell’ecografo, grazie alla generosità di 60 donatori.

Nel corso della cerimonia è intervenuto proprio Stefano Silvestroni, Presidente della Rosetti Marino Spa: "Ciò che l’azienda che rappresento fa è frutto dell’imprinting inculcato a questa realtà dalla famiglia da cui deriva, in particolar modo dall’ingegner Gianfranco Magnani, da sempre convinto che all’interno di una comunità si possa stare bene solo nel caso in cui ognuno faccia il proprio dovere in maniera corretta e dignitosa e, laddove ve ne sia la possibilità, anche qualcosa in più di quanto richiesto. Noi ci sentiamo di farlo perché siamo molto radicati all’interno del territorio in cui operiamo: con lo IOR possiamo sentirci sollevati dall’onere di individuare in prima persona quali siano i bisogni della comunità dandoci la possibilità di disporre di un interlocutore serio, credibile e capace a cui delegare questo aspetto, ed è anche per questo che la collaborazione che ci lega a questa realtà va felicemente avanti da ben tre decenni. Siamo grati alla sanità pubblica per quello che fa per noi ed è dunque con orgoglio che quest’oggi noi, insieme ai tanti sub-contrattisti che ci chiedono di poter fare la differenza e di essere sempre informati su come offrire un valore aggiunto alla comunità, restituiamo in parte quanto i professionisti della salute fanno ogni giorno per il nostro benessere".

Il Direttore generale dello IOR, Fabrizio Miserocchi, ci ha tenuto a specificare che "la dedizione dimostrata in tutti questi anni dalla Rosetti Marino Spa alla causa della lotta contro il cancro penso abbia veramente pochi eguali in Italia, ma mai come in questa occasione l’iniziativa “Together for Life” si è concretizzata in qualcosa che faccia davvero la differenza per il territorio in cui l’azienda storicamente opera - ha detto - ciò che celebriamo in questa occasione non è esclusivamente la consegna di un macchinario che speriamo possa far fare un ulteriore salto di qualità al già eccellente reparto diretto dalla dottoressa Dolores Santini, ma soprattutto la dimostrazione di quanto si possa realizzare quando mondo profit e Terzo Settore collaborano a beneficio di tutti. Mai come in questo periodo uno dei patrimoni più importanti che abbiamo, ovvero la nostra sanità pubblica, va tutelato e salvaguardato in ogni modo possibile affinché superi il periodo di crisi che vive. Il fatto che questa donazione vada al Centro di Prevenzione Oncologica della dottoressa Santini è un’ulteriore soddisfazione: insieme agli avanzamenti della ricerca, l’introduzione e il buon funzionamento dei test di screening sono tra le principali ragioni per cui in Romagna possiamo vantare delle percentuali di sopravvivenza, per il tumore al seno, tra le più alte in Europa, che sfiorano il 90% a 5 anni. Peraltro all’Ospedale “Santa Maria delle Croci” siamo legati particolarmente: abbiamo in essere varie collaborazioni con i reparti di Oncologia e di Chirurgia, diretti rispettivamente dal dottor Stefano Tamberi e dal prof. Giampaolo Ugolini, amici del nostro Istituto di lunga data. Quando questa struttura, quindi, manifesta delle esigenze, ci sentiamo sempre in dovere di rispondere presente, anche per restituire quella grande fiducia che da sempre il territorio di Ravenna ci riconosce".

Anche la dottoressa Santini, direttrice del Centro di Prevenzione Oncologica di Ravenna, ha tenuto a sottolineare la sua gratitudine "per questo bell’esempio di gioco di squadra con IOR e Rosetti Marino Spa. Nonostante il periodo di difficoltà economiche per tante persone è bello vedere come, quando manifestiamo un’esigenza, le persone non si dimentichino comunque di noi, dimostrando di apprezzare il lavoro che svolgiamo a beneficio del benessere comune. L’ecografo è una strumentazione sempre più utilizzata e fondamentale: concede numerosi vantaggi negli approfondimenti di screening rispetto alla sola mammografia, o nelle donne in età pre-menopausa perché permette di studiare in profondità la ghiandola tipicamente più densa, nonché di approfondire aree poco visibili come per esempio il cavo ascellare, il solco sottomammario, la sede retroareolare e le stazioni linfonodali. Inoltre, grazie all’utilizzo di un ecografo di ultima generazione, è possibile studiare anche donne con disabilità, che vengono spesso escluse dallo screening mammografico poiché non in grado di mantenere la postura eretta, o l’immobilità per alcuni minuti. Infine, l’ecografo viene utilizzato anche per effettuare ulteriori indagini laddove la mammografia abbia mostrato qualche anomalia e durante i controlli successivi all’intervento chirurgico. Il macchinario di cui disponevamo precedentemente non era più in grado di garantire una performance adeguata, ma purtroppo non sempre l’azienda sanitaria ha le possibilità economiche per assecondare tutte le richieste: per questo ci siamo rivolti allo IOR che, in pochissimo tempo, ha saputo venire incontro alle nostre esigenze. Questo ecografo rappresenta sì un dono per noi professionisti, ma essendo il nostro un lavoro al servizio delle persone è un dono soprattutto per il territorio e per le persone che afferiscono alla nostra struttura".  

Anche quest’anno una delegazione di pallavolisti della Società di Volley “Pietro Pezzi Ravenna”, accompagnata dal Direttore Generale del Club Alessio Saporetti, ha fatto visita al reparto di Pediatria dell’Ospedale Santa Maria delle Croci di Ravenna, diretta dal Dott. Federico Marchetti, per consegnare le uova di Pasqua ai piccoli pazienti ricoverati.

Ad accogliere il gruppo erano presenti le infermiere e le dottoresse del reparto, che hanno ringraziato sentitamente i ragazzi della squadra per questo ennesimo gesto di solidarietà. Il Club, nato nel 2017 in onore dell’agente di polizia Pietro Pezzi deceduto in servizio, è infatti sostenitore del reparto ormai da qualche anno ed in particolare dal periodo di emergenza sanitaria da Covid-19, quando i suoi componenti hanno cominciato ad attivare iniziative benefiche per regalare un sorriso ai pazienti della Pediatria di Ravenna.

Un sincero ringraziamento a tutti i ragazzi della Squadra anche da parte dell’Azienda USL della Romagna.

Una visita prepasquale davvero speciale per i piccoli ospiti dei reparti di Pediatria dell’Ospedale Bufalini di Cesena, dell’Ospedale Morgagni di Forlì, dell’Ospedale Santa Maria delle Croci di Ravenna e dell’Ospedale Infermi di Rimini che sono stati raggiunti, con grande sorpresa, da amici con i superpoteri per la consegna di un maxi uovo di Pasqua ripieno di cioccolatini.

Le maxi uova di Pasqua consegnate, sono state offerte da Rovelli dolciaria di Montefiore Conca e Pasticceria Staccoli di Cattolica che hanno permesso la realizzazione di questa iniziativa a favore dei piccoli ricoverati.

 Davanti ai supereroi le bambine e i bambini hanno provato una grande emozione. Molti di loro infatti sono fan di questi personaggi della fantasia che ci insegnano a sognare e ad aver forza soprattutto nei momenti più difficili da superare.

Ad accogliere i supereroi di The Marvel Friends c’erano Infermieri e Medici delle Pediatrie che ringraziano sentitamente Fabio Sensolini, Andrea Calisi, Leon Cremonini, Nicola Ripa ed Elisa Lautieri che hanno organizzato ed realizzato instancabilmente il tour degli Ospedali della Romagna.

 
In occasione della Santa Pasqua l’Ente Associativo ENOGA’, in collaborazione con la De.Co Industrie, ha donato al Reparto di Pediatria dell’Ospedale Santa Maria delle Croci di Ravenna le tradizionali Colombe Pasquali vera prelibatezza della Pasticceria Italiana. Un piccolo gesto per sottolineare - come riportato dal giornalista Giorgio Menna, Presidente Nazionale dell’Ente ENOGA’APS - l’eccellenza di un Reparto Pediatrico fiore all’occhiello della Sanità Emiliano Romagnola, non dimenticando l’impegno di uomini e donne che quotidianamente mettono a disposizione dei piccoli pazienti dedizione e professionalità. Un vero patrimonio della collettività da salvaguardare ed incentivare.

Uno staff di grande umanità che si evidenzia venendo a contatto con i professionisti di questa Unità Operativa. 

L’Ente Associativo ENOGA’ non è nuovo a questo tipo di iniziative, da sempre attento nel sensibilizzare l’opinione pubblica sull’impegno profuso dai professionisti impegnati  a favore dei bambini.

La cerimonia si è conclusa con le foto di rito e lo scambio di auguri.

Il Centro Volontari Protezione Civile di Faenza (CVPC Faenza), è stato protagonista di un'attività volta a offrire sostegno morale ai bambini e ragazzi attualmente ricoverati nei reparti di Pediatria degli ospedali di Ravenna, Lugo e Faenza,  attraverso la consegna, da parte dei volontari, di 70 uova di cioccolata. La realizzazione di tale progetto è stata resa possibile grazie alla
fondamentale donazione della Parrocchia di San Giovanni Battista di Riolo Terme, che ha generosamente contribuito alla raccolta fondi necessaria per l'acquisto delle uova, e della Pasticceria Loris Dolciumi di Lugo, che ha risposto con prontezza e disponibilità alla richiesta, offrendo i propri prodotti a condizioni favorevoli e assicurando un elevato standard qualitativo.

Questa iniziativa riafferma l'importanza della collaborazione tra le varie componenti della società civile - istituzioni religiose, imprese locali, volontariato e settore sanitario - nell'affrontare e superare le sfide poste da situazioni di emergenza e disagio, con l'obiettivo comune di garantire il benessere dei membri più giovani e vulnerabili della nostra comunità.

Un sentito ringraziamento da parte del personale delle Pediatrie aziendali e dalla Direzione Sanitaria per questa importante e solidale iniziativa.

Ormai da diversi mesi l’associazione "IL MOSAICO ODV" ha finalmente ripreso a pieno ritmo la sua mission, e grazie a tutte quelle persone che con la loro generosità e le loro donazioni contribuiscono a ciò, è stato possibile proseguire con l’acquisto di presidi-materiali destinati all’Unità Operativa di Pediatria e Terapia intensiva Neonatale di Ravenna, Faenza e Lugo.

L’associazione, insieme al personale sanitario e ai benefattori, ha consegnato due poltrone relax che sono destinate a tutte le attività che sono svolte presso il Pronto Soccorso pediatrico della Pediatria. Le poltrone consentono di eseguire, nel migliore confort possibile, tutte le valutazioni e pratiche di assistenza.

La presidente del Mosaico, dott.ssa Iole Venturi ha ringraziato tutte le  persone che dimostrano di credere in questo progetto e che continuano a sostenere l’Associazione. Un sentito ringraziamento è stato rivolto all’Associazione da tutto il personale della Pediatria e dalla Direzione dell’Ospedale.

Due importanti donazioni a sostegno delle attività di animazione che l’Associazione A.G.E.B.O. OdV, attiva in Pediatria dell’ospedale di Ravenna dal 1997, organizza per i piccoli degenti con l’obiettivo di offrire momenti di svago e creatività durante il ricovero.
Le/i Volontarie/i del Punto d’incontro Francescano di via Felicia Rasponi, dove da anni i più bisognosi si rivolgono per cercare abiti o prodotti per la persona,  hanno offerto un contributo, tramite l’iniziativa del Comune di Ravenna, “Adotta Un progetto sociale”, che andrà ad incrementare le attività di manipolazione, letture e animazione, proposte da Carla e Anita dell’Associazione Asja Lacis.
La famiglia Valeriani in memoria del padre Giacomo, ha offerto un contributo a sostegno dell’attività di Pet Therapy che Giorgia  di HaKuna Matata e Serena Simoncelli conducono in reparto insieme ai cani, Yuma e Faro.

“Le donazioni vanno a sostenere e implementare due attività qualificate e di assoluto valore che A.G.E.B.O, porta avanti da alcuni anni” ha detto il direttore della Pediatria e Neonatologia Federico Marchetti a nome di tutto il personale.  “Possiamo testimoniare il grande entusiasmo dei bambini e ragazzi e dei loro genitori che le ricevono in un momento di difficoltà dovuto al necessario ricovero.
Il personale medico e infermieristico è confortato da queste importanti iniziative e ha modo di crescere ogni giorno per le emozioni e la qualità nei rapporti e nel far bene insieme che AGEBO favorisce da anni. Un sentito grazie anche da parte nostra per queste importanti donazioni”

 Dopo l’importante adesione registrata nelle edizioni precedenti per la somministrazione del vaccino antitetano e, al fine di facilitare l’accesso alla popolazione adulta per aderire a questa importante vaccinazione, Il Servizio di Igiene e Sanità Pubblica di Ravenna ha organizzato nei tre ambiti della provincia di Ravenna ( Ravenna, Faenza e Lugo) sedute straordinarie di vaccinazione antitetanica per adulti.

L'invito ad accedere è rivolto a coloro che non sono mai stati vaccinati per il tetano oppure hanno fatto l'ultima dose di richiamo da più di 10 anni.

L'accesso presso gli ambulatori avviene in modo diretto senza necessità di prenotazione, nelle sedi dell’Igiene Pubblica, sotto riportate:

Ravenna

Mercoledì 20 marzo e Lunedì 22 aprile

 ( Cmp- via Fiume Abbandonato 134- Ambulatorio Vaccinale Adulti 2°piano)

dalle ore 14 alle ore17.00

Lugo

Mercoledì 17 aprile

(Ambulatorio Vaccinale Adulti  Viale Masi 20)

Dalle 8,30 alle 12,30

Faenza

Giovedì 21 marzo

 ( Ambulatorio Vaccinale Adulti- Via Zaccagnini 22)

Dalle ore 8,30 alle ore 12,30

Si invitano i cittadini che necessitano della vaccinazione antitetanica ad accedere a queste sedute straordinarie dedicate.

Cerca notizia

Archivio