Ultime notizie

E’ vietato usare i collari elettronici che, attivati a distanza, danno la scossa ai cani per addestrarli o per tenerli sotto controllo procurandogli dolore. Lo ribadisce il Servizio Veterinario dell’Ausl dopo il recente caso di maltrattamento animale accertato durante uno dei controlli sui mezzi per il trasporto di animali effettuati qualche giornio fa da personale della Sezione Speciale del CAPS (Centro Addestramento Polizia di Stato) con il supporto tecnico del Medico Veterinario dell’Unità Operativa Sanità Animale (Dott.ssa De Mitri).

“I metodi di addestramento che utilizzano l’impulso elettrico per stimolare una risposta più rapida al comando – spiega il Servizio Veterinario - sono assolutamente vietati per l’integrità psicofisica dell’animale. I collari, attivati da telecomando, sono in grado sia di emettere suoni di richiamo, il cui utilizzo è ammesso, sia scosse elettriche tramite degli elettrodi direttamente a contatto con il collo dell’animale. Tali strumenti procurano sofferenza all’animale e quindi un segnale educativo di tipo coercitivo, così come ribadito dalla recente sentenza di Cassazione n 50491 del 26 novembre 2016”.

I controlli periodici, non discriminatori, di legalità nel settore del trasporto nazionale ed internazionale di animali vivi sono disposti dal Compartimento della Polizia Stradale di Bologna in attuazione di uno specifico  protocollo d’intesa tra il Ministero dell’Interno e del Ministero della Salute. Nella mattinata di martedì 5 aprile sono stati controllati tre autotreni per il trasporto avicolo riscontrando per due mezzi l’inidoneità di alcuni contenitori contenenti pollame per un totale di 2.666 euro di sanzione ai sensi del D.L.vo 151/2007, ed un furgone per il trasporto cani condotto da un addestratore con all’interno 6 cani da caccia, due dei quali avevano al collo i collari elettrici. Considerata la Convenzione Europea di Strasburgo ratificata dalla legge 201 del 2010 che stabilisce all’art 7 che “nessun animale da compagnia deve essere addestrato con metodi che possono danneggiare la sua salute e il suo benessere, in particolare costringendo l’animale ad oltrepassare le sue capacità o forza naturale, o utilizzando mezzi artificiali che causano ferite o dolori, sofferenze e angosce inutili”, l’addestratore è stato denunciato ai sensi dell’art 727 del c.p che al secondo comma punisce chiunque detiene animali in condizioni incompatibili con la loro natura e che possono produrre gravi sofferenze.

Pubblicato in Notizie dal sito
Venerdì, 07 Aprile 2017 09:05

Corso GIPAD-GIRCG (Forlì, 26 maggio)

 

GIPAD-GIRCG

La Standardizzazione

del Referto Istopatologico:

i criteri minimi diagnostici

Forlì

26 Maggio 2017

Ospedale

G. B. Morgagni - L. Pierantoni

Sala Convegni M. Pieratelli

Con il patrocinio di

SERVIZIO SANITARIO REGIONALE

EMILIA-ROMAGNA

Azienda Unità Sanitaria Locale della Romagna

Gruppo Ausl Romagna Cultura

La standardizzazione del referto istologico è uno degli obiettivi primari del patologo. Il ruolo del patologo è strategico nell’ambito dei Gruppi di Lavoro Multidisciplinari e delle Reti Cliniche e ai patologi viene richiesto l’utilizzo di un linguaggio comune.E’ obiettivo di questo corso, giunto alla sua seconda edizione,focalizzare l’attenzione su alcuni argomenti di Patologia dell’Apparato Digerente al fine della più ampia diffusione di unreferto istologico completo, accurato ed appropriato sulla base delle più recenti evidenze scientifiche.Il corso è organizzato in collaborazione con GIPAD (Gruppo Italiano dei Patologi dell’Apparato Digerente) e GIRCG ( Gruppo Italiano di Ricerca del Cancro Gastrico).

RESPONSABILE SCIENTIFICO : LUCA SARAGONI

Programma

13.00 Registrazione dei Partecipanti

13.30 Introduzione al Corso e saluto delle Autorità

Moderatori

R. Fiocca, M. Guido

14.00 Esofagiti e esofago di Barrett

L. Mastracci

14.45 Gastriti e lesioni pre-neoplastiche dello stomaco

M. Rugge

15.30 IBD e coliti da farmaci

V. Villanacci

16.15 Celiachia e duodeniti

A. Vanoli

17.00

Conclusioni e chiusura dei lavori

 

Moderatori e relatori

Fiocca Roberto Genova

Guido Maria Padova

Mastracci Luca Genova

Rugge Massimo Padova

Saragoni Luca Forlì

Vanoli Alessandro Pavia

Villanacci Vincenzo Brescia

 

Segreteria organizzativa

SIAPEC SERVIZI SRL

Socio Unico: SIAPEC-IAP

Via Filippo Cordova, 95 - 90143 Palermo

Tel. 091.306887 - Fax. 091.8420208

Mail: info@siapecservizi.it - Web: www.siapecservizi.it

Pubblicato in Notizie dal sito

 

Nominato, appena un anno fa ,direttore dell'Unita" Operativa di terapie e chirurgia e terapie oncologiche avanzate all' Ospedale Morgagni Pierantoni di Forli, il forlivese professor Giorgio Ercolani ha ottenuto proprio in questi giorni,  l' abilitazione scientifica nazionale a professore ordinario in Chirurgia Generale. 

 Gia' professore associato presso il Dipartimento di Scienze Mediche e Chirurgiche dell' Universita' degli Studi di Bologna, e' autore e co-autore di più di 540 pubblicazioni suddivise in 221 Capitoli di Libro, 240 Lavori a stampa pubblicati su riviste nazionali ed internazionali di cui 210 indicizzate su "PubMed" (H-Index: 36), e più di 190 pubblicazioni di relazioni ed abstract selezionati a Congressi Nazionali e Internazionali, per la maggior parte dedicati alla Chirurgia Epato-Bilio-Pancreatica ed al Trapianto di Fegato. 

"I risultati delle ricerche sono ottimi in termini di qualità e originalità - riporta il.giudizio della commissione per l'abilitazione scientifica nazionale -Si ritiene pertanto che il candidato presenti complessivamente titoli e pubblicazioni tali da dimostrare una posizione meritatamente riconosciuta nel panorama della ricerca come emerge dai significativi risultati ottenuti... La qualità della produzione scientifica, atteso il carattere innovativo e l’originalità della stessa, tale da contribuire in modo significativo al progresso dei temi di ricerca affrontati, viene giudicata complessivamente elevata in relazione al settore concorsuale, con picchi di eccellenza."

Il professor Ercolani ottenuto il diploma di specialista in chirurgia generale, con il voto di 70/70 e lode, il 9 novembre 1999, presso l'Università degli Studi di Bologna, discutendo una tesi su "Possibilità,limiti e prospettive della chirurgia delle metastasi epatiche colo-rettali". Ha ottenuto quindi il Dottorato di Ricerca in Patologia Epatobiliopancreatica nel 2004, presso l'Università degli Studi di Siena, discutendo una tesi su "Evaluation of clinical-biological markers and clinical-pathological features of cholangiocarcinomas".  Ha svolto ed ottenuto nel 2014 il Master Universitario di II livello in "Chirurgia robotica avanzata epato-pancreatica e trapiantologia". Fino al 2016 era in organico alla prestigiosa équipe dell’Unità operativa di Chirurgia generale e dei trapianti del Policlinico Sant’Orsola di Bologna, diretta da Antonio Daniele Pinna e ora e' direttore della Unita' Operativa di Chirurgia e Terapie Oncologiche Avanzate e di Chirurgia Generale, Gastroenterologia e mininvasiva presso l' ospedale di Forli'.

Esperienze professionali all'estero

1997-1998 :Visiting Faculty presso il Dipartimento di Chirurgia Generale dell'Università di Nagoya (Giappone), diretto dal prof. Yuji Nimura. Aprile 2002: visiting faculty presso il Dipartimento di Chirurgia Epato-Bilio-Pancreatica e dei Trapianti, Università di Tokyo (Giappone), diretto da Masatoshi Makuuchi.  Marzo 2003: partecipazione al corso: "Living Donor and Split Liver Transplantation" presso il Centro Trapianti diretto da Christopher Broelsch, Università di Essen Agosto - Ottobre 2003: Visiting Faculty presso il Dipartimento di Trapianti di Fegato e Multiviscerale, Università di Miami (U.S.A.), diretto da Andreas Tzakis. Settembre 2005: partecipazione al corso: "Intensive Course in Laparoscopic Surgery" presso l'I.R.C.A.D.-E.I.T.S. (Istituto di Ricerca sul Cancro dell'Apparato Digerente-European Institute of Tele-Surgery) diretto dal Prof. Jacques Marescaux. Ha ottenuto il Diploma Universitario in Chirurgia Laparoscopica presso l'Università "Louis Paster" di Strasburgo (Francia).  Novembre 2012: visiting faculty presso Dipartimento di "HPB Surgery" a Southampton (Inghilterra). Membro della Società Italiana di Chirurgia, International Hepato-Biliary-Pancreatic Association and International Society of Liver Transplantation, svolge attività di reviewer per le riviste scientifiche: Annals of Surgical Oncology, BMC Surgery, Eurpean Journal of Surgical Oncology, World Journal of Surgery, World Journal of Surgical Oncology, Plos One. E' Consultant Editor di Updates in Surgery.

 

Il commento del consigliere regionale Paolo Zoffoli, Presidente della Commissione assembleare IV Politiche per la Salute e Politiche sociali. :

 
"Ottima notizia! Chi, come me, conosce il Professor Giorgio Ercolani, non aveva certo bisogno di questa ulteriore buona notizia per convincersi della qualità eccezionale del suo profilo professionale.L'Abilitazione Scientifica Nazionale a Professore Ordinario in Chirurgia Generale, è una ulteriore grande opportunità per la Sanità Romagnola. La storia, la qualità, le dimensioni e la nuova organizzazione, in una parola il "Progetto" della ASL unica della Romagna, può e deve diventare una grande opportunità non solo per i Cittadini, ma anche per fare sì che Professionisti giovani e di sicuro valore come il Professor Ercolani, vogliano scegliere la nostra ASL come opportunità professionale e scientifica di grande potenzialità.
Non dimentico, inoltre, che questa nomina può aprire le porte all'Università nella nostra Sanità.Complimenti, Professore, le rinnovo di cuore il "Buon Lavoro" che le ho augurato al suo arrivo un anno fa."
Pubblicato in Notizie dal sito

Sabato 8 aprile alle ore 9.30 al Parco di Levante si inaugura il restaurato percorso “1 km in salute”. Il progetto, promosso congiuntamente da AUSL Romagna, Comune di Cesenatico e Uisp Forlì-Cesena, nasce con l’obiettivo di attivare azioni finalizzate alla promozione di sani stili di vita attraverso lo svolgimento di un’attività fisico-motoria e sportiva quotidiana. Il progetto vuole creare un’opportunità per le persone per svolgere attività fisica e motoria (corsa lenta e camminata veloce) in modo semplice e a costo zero e vuole creare uno spazio educativo per la salute (un percorco di 1 km circolare) che promuova esercizio fisico per le persone sedentarie e poco attive di età superiore ai 18 anni fruendo delle risorse del territorio.

Il percorso, si tratta di un test, è circolare ed è stato allestito con dieci tabelle, una ogni 100 metri, che riportano il tempo e la velocità ideale con l’intento di far conoscere a ciascuno il proprio ritmo personale. Dalle ore 9.30 alle ore 12.00 presso il percorso “1 km in salute” saranno presenti laureati in scienze motorie della UISP di Forlì – Cesena che effettueranno a chiunque lo desideri un test personalizzato, semplice e non invasivo per scoprire la propria velocità ottimale alla quale è più salutare camminare. Una volta eseguito il test, si potrà andare anche da soli e percorrere il km in salute con un semplice orologio al polso, basterà seguire le dieci tabelle che riportano il tempo progressivo.

Chi vuole sottoporsi al test, completamente gratuito, può prenotarsi al n° 0547 673287 dal lunedì al venerdì ore 9/12 e 15/17.

Pubblicato in Notizie dal sito

Sono state coronate da successo le due manifestazioni organizzate dall’Ausl Romagna (unità operativa di Nefrologia dell’Ospedale “Infermi” di Rimini diretta dal dottor Angelo Rigotti) e dall’associazione Aned, in collaborazione con altre associazioni (in particolare Croce Verde e Croce Rossa) e col patrocinio di varie istituzioni, in occasione della Giornata Mondiale del Rene. Oltre 300 persone, tra le quali molti giovani e bambini, si sono recate ai due presidi realizzati a Rimini (piazza Cavour) il 9 marzo scorso e a Novafeltria sabato scorso, primo aprile, per un councelling sulla loro situazione: operatori sanitari, medici e infermieri del reparto e volontari dell’Aned, della Croce Verde e Croce Rossa erano a disposizione dei cittadini per effettuare un breve ed essenziale check-up (colloquio con gli specialisti, misurazione del peso corporeo, della pressione arteriosa, BMI, esame delle urine) per escludere eventuali patologie renali.

Molte delle 300 persone valutate (più di 20) hanno presentato parametri compatibili con una possibile patologia renale, e sono state quindi avviate ad un approfondimento diagnostico ed, eventualmente, ad una presa in carico sanitaria.

Ma al di là di questo i due eventi (soprattutto quello di Novafeltria) sono diventati due vere e proprie “feste”, con tanta gente che ha fatto qualcosa per la propria salute, partecipando ad un momento di prevenzione e di informazione che ha consentito di prendere coscienza di patologie poco conosciute, la cui diffusione e pericolosità, purtroppo, sono in aumento.

Pubblicato in Notizie dal sito
Nella giornata di Lunedì 24 aprile 2017,  la Segreteria della  Commissione Medica Locale Patenti, che ha sede presso l'ospedale di Forlì, resterà chiusa al pubblico. Anche i contatti telefonici saranno sospesi.
Per informazioni: Tel. 0543.731680
Pubblicato in Notizie dal sito

Cerca notizia

Archivio

Mi piace