Tutte le notizie

Si comunica che a partire da lunedì 2 ottobre 2017, presso la struttura sanitaria “Faenza Centro Nord”, il servizio di Pediatria di Comunità trasferirà i propri ambulatori dalla sede attuale situata al primo piano del civico 32 di via della Costituzione, al pianterreno della medesima sede (civico 28/51) con accesso dalla galleria interna.

Il Servizio di Pediatria di Comunità contempla gli ambulatori vaccinali infanzia e adolescenza, ed il trasferimento non comporterà alcuna interruzione del funzionamento del servizio; rimane il medesimo anche il numero di telefono: 0546.602121.

Pubblicato in Notizie dal sito
Mercoledì, 27 Settembre 2017 12:17

Un nuovo ecografo donato all'Endocrinologia di Lugo

Si è tenuta martedì 26 settembre l’inaugurazione dell’ecografo esaote “MY LAB CLASS C” donato dall’Associazione Pro-chirurgia di Lugo, all'Unità operativa di Endocrinologia dell'Ospedale "Umberto I".

La donazione è stata resa possibile grazie al contributo della banca di Credito Cooperativo Ravennate Forlivese Imolese, dai proventi dello spettacolo “Nubicucùlia“ tenutosi al Teatro Goldoni di Bagnacavallo il 9 aprile scorso e grazie alle donazioni di alcuni generosi privati.

Il nuovo ecografo verrà utilizzato per la consueta attività diagnostica ambulatoriale, consentendo di mantenere e migliorare la qualità del servizio offerto, grazie anche al nuovo software dell’elastosonografia, che permette di valutare in “real time” la rigidità dei tessuti/noduli tiroidei esaminati, individuando quelli maggiormente sospetti per malignità. Alla sobria cerimonia hanno partecipato la direzione dell'Ospedale e dell'unità operativa, rappresentanti dei donatori e il sindaco di Lugo Davide Ranalli.

Pubblicato in Notizie dal sito

Il dottor Alberto Zaccaroni, direttore della Unità Operativa di Chirurgia Endocrina dell'ospedale di Forlì sarà ospite della trasmissione "Buono a sapersi", giovedì 28 settembre, su rai 1 dalle ore 11 alle ore 12.
Durante il programma, condotto in diretta dalla giornalista Elisa Isoardi, ci sarà la possibilità di porre domande da casa. Oggetto della puntata il rapporto tra ipotirodismo e l'alimentazione. L’obiettivo di Buono a Sapersi è di spiegare al telespettatore come ‘la salute vien mangiando’, ma più ancora come andare al mercato, alla scoperta della qualità, con un occhio sempre attento alla sicurezza alimentare

Pubblicato in Notizie dal sito

Un manuale per genitori di bimbi pretermine, grazie a Rotary e “La Prima Coccola”, che sarà presentato in un simposio internazionale in Canada. E presto, sempre da parte del Rotary, un nuovo ambizioso progetto: un luogo dedicato per le famiglie in ambito ospedaliero

Si è svolta stamane la conferenza stampa di presentazione di una importante iniziativa sostenuta dal Rotary Riccione-Cattolica, che ha finanziato la stampa di un volume, realizzato ad opera della Terapia Intensiva Neonatale (TIN) dell’Ospedale di Rimini con la supervisione delle famiglie della associazione “La prima coccola Onlus”, nell’ambito di un progetto volto a  favorire la dimissione di famiglie più informate e serene. Hanno partecipato il presidente del Rotary Riccione-Cattolica Daniele Gusella, il past president Fabrizio Pullè, il direttore medico del presidio ospedaliero Romeo Giannei, la dottoressa Gina Ancora direttore della TIN e la dottoressa Natascia Simeone, altri rappresentanti del Rotary e operatori aziendali.

Il razionale della pubblicazione. I genitori dei bambini prematuri, se non opportunamente sostenuti e preparati durante il ricovero del loro bambino in TIN, possono ammalarsi pian piano di disordine da stress post-traumatico e di altri disturbi emozionali, quali depressione ed ansietà, che a loro volta possono influenzare lo sviluppo futuro del bambino.

Un momento particolarmente delicato per le famiglie è quello della dimissione dalla TIN dopo mesi e mesi di ricovero. Spesso, alla fine del percorso di ricovero, i genitori si sentono impreparati a comprendere a sufficienza i bisogni del proprio bambino. A questo si aggiunge la loro necessità di bilanciare la cura del neonato con la cura del resto della famiglia e con le responsabilità lavorative. Lo stress derivante può minacciare la stabilità e la soddisfazione coniugale.

Comprendere ed affrontare queste preoccupazioni rappresenta uno dei compiti più alti del personale della TIN e può contribuire a sviluppare relazioni familiari positive e la crescita di un bambino più sano. E’ stato dimostrato che interventi volti a supportare e coinvolgere i genitori nella cura del proprio bambino migliorino la salute sia dei genitori che dei loro figli.

Una della maggiori preoccupazioni che assale  i genitori in TIN e che contribuisce alla loro ansia e stress  riguarda la sofferenza del proprio piccolo. Studi scientifici hanno dimostrato che i genitori in TIN desiderano ricevere maggiori informazioni su come riconoscere ed alleviare  stress e dolore del proprio bambino. A questo scopo nella TIN  di Rimini, dove è in atto un percorso di accreditamento professionale di eccellenza definito in maniera sintetica “Cura centrata sulla famiglia”, è stato attivato un progetto di formazione e coinvolgimento dei genitori nella gestione del dolore e stress del neonato il cui principio è: sono la tua mamma, sono il tuo papà, e sono qui per prendermi cura di te e per assicurarmi, insieme agli infermieri ed ai medici, nel rispetto del loro ruolo, che tu stia bene".

Personale  esperto, attraverso l’uso di un libro e di vari video,  mette  a disposizione le proprie conoscenze ed il proprio tempo per insegnare  ai genitori a riconoscere i segnali di stress e di dolore del proprio bambino ed a mettere in atto tante strategie per alleviarli. Questo progetto è stato anche oggetto di uno studio che verrà presentato dalla dottoressa Natascia Simeone, specialista per le cure centrate sulla famiglia in servizio presso la TIN di Rimini, ad un convegno mondiale sull’assistenza intensiva al neonato che si terrà in Canada dal 21 al 24 ottobre di questo anno. “Quella che stiamo creando è una vera e propria alleanza tra operatori, principalmente infermieri ma non solo, e genitori. Un’alleanza che va a beneficio di tutti ma in particolare dei piccoli pazienti – ha detto la dottoressa Ancora nel corso della conferenza stampa -. E il volume è uno strumento potente in questo senso: essere genitori sicuri dà una mano ai figli anche nell’ottica dell’accrescimento. Perciò questa donazione del Rotary è importantissima”.

La sensibilità del Rotary di Riccione-Cattolica, il cui motto è servire al di sopra di ogni interesse personale ha permesso, nel corso dell’annata rotariana 2016-2017, presieduta dall’avvocato Fabrizio Pullè, di raccogliere fondi destinati alla stampa di 4.000 libri dal titolo “Come aiutare i nostri bambini a prevenire dolore e stress in Terapia Intensiva Neonatale”. Questi libri, i cui autori sono la dottoressa Simeone e la dottoressa Ancora, in collaborazione con la onlus “La Prima Coccola”, che riunisce genitori di bimbi pretermine e che sostiene il reparto con varie iniziative, corredati di immagini e supportati da video, saranno lo strumento fondamentale per la realizzazione di questo progetto a sostegno delle famiglie e verranno regalati ai genitori dei neonati ricoverati in TIN. La consegna avviene nell’annata rotariana 2017-2018 del club Riccione-Cattolica presieduta da Daniele Gusella. Ogni anno in TIN a Rimini vengono ricoverati circa 800 neonati e molti di questi entreranno a far parte del progetto.

La dottoressa Simeone ha aggiunto che “questo strumento si suddivide in tre parti principali: la prima contempla l’idea di ricostruire il grembo materno per creare un ambiente il più possibile accogliente per i piccini, e anche il giusto tocco con cui accarezzarli, poiché i bimbi gravemente pretermine hanno una forte sensibilità anche epidermica; la seconda parte aiuta a riconoscere la scala del dolore per meglio interpretare i segnali che i bimbi inviano; la terza parte è un approfondimento scientifico ma sempre in chiave divulgativa”.

Molti ringraziamenti al Rotary Riccione-Cattolica anche da parte del dottor Giannei: “E’ molto importante per noi far sì che i genitori di questi piccini, così come i parenti di tutti i pazienti, non si sentano lasciati soli nei piccoli –grandi problemi coi loro assistiti. Questo volume ci aiuta in questo senso, ed è dunque molto importante. Questo service del Rotary ci consente di lavorare nell’ottica della continuità della cura anche fuori dall’ospedale, che è un tema sempre più fondamentale”.

Ringraziamenti raddoppiati anche alla luce dell’annuncio effettuato, nell’ambito del suo intervento, dal presidente Gusella: “Siamo orgogliosi di questo service che si traduce in un miglioramento della qualità della vita di questi bimbi e di queste famiglie. Per di più in quest’anno di mia presidenza, è già stato deliberato un altro importante service: la realizzazione di un piccolo appartamento per far sì che le famiglie di questi bimbi, che devono passare lunghe settimane ad assistere i loro piccoli prima della dimissione, abbiano un punto di appoggio, magari per riposare o prepararsi un pasto”.

Mentre il past president Pullè ha evidenziato che “nel novero delle tante iniziative che facciamo questa mi è particolarmente cara: quello che dovrebbe essere uno dei momenti più belli per una famiglia, la nascita di un figlio, talvolta si trasforma in un momento problematico. Stare vicino a una famiglia in questa situazione è proprio nello spirito rotariano. Intendo ringraziare di cuore tutti i soci che hanno collaborato alla buona realizzazione di questa iniziativa”.

 

Pubblicato in Notizie dal sito

CONVERSAZIONI AL MAF - Autunno 2017

 

Medicina e Antropologia si raccontano

A cura di Silvia Bartoli e Mirko Traversari

 

Forte del successo riscosso con i cicli di conferenze tenutesi nella primavera del 2016 e del 2017, il Museo Archeologico di Forlimpopoli, in collaborazione con RavennAntica-Fondazione Parco Archeologico di Classe, Ausl Romagna Cultura e il Laboratorio di Antropologia e DNA antico-DBC Ravenna, Università di Bologna, promuove e ospita una nuova serie di conversazioni nei mesi di settembre e di ottobre 2017 – la prima nel periodo autunnale – e con essa intende ribadire il suo ruolo di ‘luogo identitario e depositario della memoria locale’, centro propulsore di educazione e di conoscenza per la valorizzazione non solo delle proprie collezioni archeologiche ma anche, grazie all’apporto di studiosi e ricercatori qualificati, del patrimonio storico della città di Forlimpopoli e delle più recenti e significative esperienze nel campo della ricerca scientifica e della museologia.

 

Forlimpopoli può vantare di aver dato i natali a Napoleone Salaghi (1810-1884), medico e fra i primi fautori della diffusione della dottrina omeopatica in Italia. Si è voluto dedicare alla sua memoria questo ciclo di conferenze intitolate alla medicina e all’antropologia, discipline che oggi, grazie alle più aggiornate metodologie di ricerca, sono in grado di offrire un importante contributo alla conoscenza del nostro passato.

 

 

Il ciclo di conferenze si articolerà nel seguente calendario di appuntamenti:

 

Venerdì 29 settembre, ore 20.30

Napoleone Salaghi (1810-1884) omeopata di Forlimpopoli

Piero Camporesi (storico e saggista) - Giancarlo Cerasoli (medico)


Venerdì 6 ottobre, ore 20.30

Una notte con le mummie: casi antichi e moderni

Mirko Traversari (antropologo, Laboratorio di Antropologia e DNA antico-DBC Ravenna, UniBo)

 

Venerdì 13 ottobre, ore 20.30

Far luce sul passato: lo studio delle biomolecole antiche nei reperti archeologici

Elisabetta Cilli (genetista, Laboratorio di Antropologia e DNA antico-DBC Ravenna, UniBo)

 

L’ingresso alle conferenze è gratuito.

 

 

INFO

www.maforlimpopoli.it

tel. 0543.748071 (venerdì 9-13, sabato e domenica 10-13 e 15.30-18.30)

email info@maforlimpopoli.it

 

 

Pubblicato in Notizie dal sito

Nuova iniziativa dell’Associazione Valori e Libertà per raccogliere fondi da destinare all’acquisto di una apparecchiatura per il reparto di Nefrologia e Dialisi dell’ospedale Bufalini di Cesena

Pubblicato in Notizie dal sito

Il Centro Studi "Giovanni Donati" per il Volontariato e la Solidarietà dell'Ausl Romagna-Forlì e l'Associazione Salute e Solidarietà Romagna promuovono nell'ambito della Settimana del Buon Vivere di Forlì

"Una giornata con il CUAMM"

Forlì, Venerdì 29 settembre 2017

 

 Gli incontri sono organizzati in collaborazione con i Licei Scientifico e Classico di Forlì e la Fondazione Cassa dei Risparmi di Forlì

 

L'Associazione Salute e Solidarietà Romagna è stata costituita nel 2016 da medici e infermieri del Centro Studi "Giovanni Donati" per il Volontariato e la Solidarietà di Forlì. L'attività "volontaria", svolta dal 2009 sia presso l'ambulatorio del Centro di Ascolto Buon Pastore (Caritas) che nell'ospedale di Forlì, è continuata con la creazione di un' associazione autonoma, che usufruisce della collaborazione dell'Ausl della Romagna, in rete con gli organismi istituzionali e le molteplici realtà associative presenti sul territorio. Le attività dell'Associazioen sono rivolte a tutti coloro, italiani e stranieri, che si trovino , temporaneamente o permanentemente, non in grado di essere assistiti dal Servizio Sanitario Nazionale.

 

Medici con l'Africa Cuamm è tra le maggiori organizzazioni non governative sanitarie italiane per la promozione e la tutela della salute delle popolazioni africane. Realizza progetti a lungo termine in un'ottica di sviluppo. A tale scopo si impegna nella formazione in Italia e in Africa delle risorse umane dedicate, nella ricerca e divulgazione scientifica e nell'affermazione del diritto umano fondamentale della salute per tutti. Due essenzialmente i suoi obiettivi:

 

•migliorare lo stato di salute in Africa, nella convinzione che la salute non è un bene di consumo, ma un diritto umano universale per cui l'accesso ai servizi sanitari non può essere un privilegio;

 

•promuovere un atteggiamento positivo e solidale nei confronti dell'Africa, ovvero contribuire a far crescere nelle istituzioni e nell'opinione pubblica interesse, speranza e impegno per il futuro del continente africano.

 

 

Medici con l'Africa Cuamm non opera in teatri di guerra seppure in diversi momenti si sia trovato al centro di emergenze umanitarie in cui ha deciso di collaborare con le autorità locali (soprattutto in Sudan del Sud dalla creazione dello stato nel 2011 o durante l'epidemia di Ebola in Sierra Leone). Opera ai diversi livelli del sistema sanitario, dalle cliniche mobile sul territorio alle università, con l'obiettivo di fornire servizi di qualità accessibili a tutti.

 

 

 

 

PROGRAMMA DELLA GIORNATA

 

 

 

 

• ore 9.00 Proiezione di "Ciao mamma, vado in Africa" e testimonianza di un giovane medico. Incontro per gli studenti dei Licei, Liceo Classico G. B. Morgagni e Liceo Scientifico F. P. di Calboli di Forlì (presso le sedi dei Licei)

 

 

 

• ore 14.30 Partire con Medici con l’Africa Cuamm. Incontro per medici e infermieri presso la sala Pieratelli dell' Ospedale di Forlì', via Carlo Forlanini 34

 

 

 

• ore 16.00 Prima le mamme e i bambini. 1000 di questi giorni. Incontro aperto a tutti sul programma del Cuamm a sostegno di mamme e bambini africani, presso la Sala Assemblea della Fondazione Cassa dei Rispamri di Forlì, Corso Garibaldi 45

 

 

Info:saluteesolidarieta.romagna@gmail.com

Pubblicato in Notizie dal sito

La Settimana per l’Allattamento Materno (SAM), che si svolgerà dal 1 al 7 di ottobre, tutti gli anni riunisce le iniziative di tutti i promotori dell’allattamento materno, dei governi e degli enti per sensibilizzare l’opinione pubblica e per generare sostegno, utilizzando un tema diverso ogni anno. Il tema della SAM è lanciato dalla WABA, World Alliance for Breastfeeding Action ossia Alleanza mondiale per interventi a favore dell’allattamento, un’alleanza mondiale di individui, reti ed organizzazioni che proteggono, promuovono e sostengono l’allattamento al seno, basata sulla Dichiarazione degli Innocenti e la Strategia Globale per l’Alimentazione dei Neonati e dei Bambini dell’OMS e dell’UNICEF.

La SAM 2017 celebra la collaborazione per il bene comune, che dà risultati sostenibili migliori della somma dei singoli sforzi.  Il logo, che rinforza l’importanza del sostegno, è stato progettato da Ammar Khalifa e commissionato dalla WABA

Obiettivi della Settimana per l’Allattamento Materno 2017

  1. INFORMARE: Comprendere l’importanza di lavorare insieme nelle quattro Aree Tematiche
  2. RADICARE: Riconoscere il proprio ruolo e la differenza che si può fare nella propria area di lavoro
  3. STIMOLARE: Andare incontro agli altri per individuare aree di interesse comune
  4. FARE RETE: Lavorare insieme per raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile entro il 2030

Per il quinto anno consecutivo la Regione Emilia Romagna patrocinerà il Flashmob per l’allattamento nelle proprie piazze.

Anche l’Ausl Romagna aderirà, come ogni anno, alla giornata, organizzando moltissime iniziative nei vari ambiti e anche un concorso, dal titolo “L’allattamento a modo mio” .

Il  Dipartimento Trasversale Salute Donna, Infanzia e Adolescenza di Forlì- Cesena dell’Ausl della Romagna organizzerà un concorso aperto a tutti sulla tematica dell’allattamento. Chiunque volesse partecipare all’iniziativa potrà inviare all’indirizzo e-mail: allattamentoamodomio.fc@auslromagna.it   (dal 15 al 25 settembre) fotografie, poesie, racconti, rappresentazioni grafiche, disegni e tutto quello che può riguardare l’ allattamento.

Naturalmente verrà organizzato anche un flash mob dell’allattamento, in collaborazione con il personale del Centro Famiglie,  che a Forlì inizierà alle ore 10.30 di sabato 7 ottobre, presso il Chiostro di San Mercuriale di P.zza Saffi (in caso di pioggia la manifestazione si svolgerà nella saletta adiacente), mentre, a Cesena, alle ore 10, in Piazza Giovanni Paolo II (davanti al Duomo). In tale occasione, verranno esposte le opere ricevute per il concorso e premiati i migliori elaborati. (In caso di pioggia l'iniziativa sarà sospesa)

A Rimini le mamme si potranno ritrovare per il flash mob, sempre nella giornata di sabato 7 ottobre, a partire dalle ore 10, sotto l’Arco di Augusto, mentre a Ravenna, Faenza e Lugo le iniziative sull’allattamento interesseranno diverse giornate nel mese di ottobre:

- Ravenna, 5 ottobre 2017 - ore 17,30 Sala Conferenze CMP, Centro di Medicina e Prevenzione AUSL della Romagna, Via Fiume Montone Abbandonato, 134

“DIRITTI DI MATERNITA' E PATERNITA' NEL LAVORO E SERVIZI PER LA CONCILIAZIONE LAVORO E FAMIGLIA”, a cura di Assessorato Pubblica istruzione e Infanzia Consigliera di Parita' Organizzazioni Sindacali Confederali, Azienda USL della Romagna e Centro per le Famiglie

- Lugo, 5 ottobre 2017 - ore 9,30 Centro per le Famiglie - Viale Europa, 128

“SOSTENERE INSIEME L'ALLATTAMENTO. Lavorare per la salute e il benessere di mamme e bambini per costruire alleanze tra servizi e famiglie – con gli operatori del Centro per le Famiglie, del Consultorio Familiare, della Pediatria di Comunità e con le Ostetriche di Koallattiamo. A seguire “GIOCANDO CON LE PAROLE E CON I SUONI .Fin dai primi mesi di vita, la voce e la musica contribuiscono alla crescita armoniosa del bambino e a migliorare la sua relazione con mamma e papà.Quali libri e quale musica scegliere?” Le proposte dei programmi nazionali Nati per Leggere e Nati per la Musica

LIBRI E MUSICA PER DIVENTARE GRANDI. Vetrina bibliografica con proposte per neo genitorie bambini da 0 a 2 anni, a cura della Biblioteca Comunale F. Trisi, Sezione Ragazzi

- Lugo, 7 ottobre 2017 - ore 10,00, Cortile della Rocca

FLASH MOB, a cura dell'Azienda USL della Romagna, in collaborazione con Associazioni di Volontariato, Centri per le Famiglie, Enti Locali

Durante la settimana dal 1 al 7 ottobre 2017 nelle Biblioteche dell'Unione della Bassa Romagna si svolgeranno letture sul tema “LATTE & STORIE, IL PRIMO NUTRIMENTO Letture per bambini da 0 a 3 anni, a cura dei lettori volontari Nati per Leggere e vetrina bibliografica di libri presenti in biblioteca. Il programma completo degli eventi è consultabile sul sito www.labassaromagna.it

- Faenza, 5 ottobre 2017 - ore 18,30, Faventia Sales (ex Salesiani) - Via San Giovanni Bosco, 1

SE PRIMA ERAVAMO IN DUE...COME SOPRAVVIVERE INSIEME ALL'ARRIVO DEL BAMBINO. Ne parliamo con gli operatori del Centro per le Famiglie

- Faenza, 13 ottobre 2017 - ore 20,30, Faventia Sales (ex Salesiani) - Via San Giovanni Bosco, 1

E I PAPÀ COSA FANNO? RIFLESSIONI SULL'ESSERE PAPÀ OGGI, Francesco Caggio - Pedagogista, Direttore rivista online “Interventi educativi, conversazioni sulla cura”Intermezzi con letture di libri e albi illustrati sui papà, a cura dei Lettori Volontari del progetto Nati per Leggere In Vitro Presentazione di una bibliografiacurata dalla Sala Ragazzi della Biblioteca Comunale Manfrediana sulla figura paterna

- Faenza, 21 ottobre 2017 - ore 16,00 Centro per le Famiglie - Via Degli Insorti, 2

Cerchio speciale del Gruppo Allattando a Faenza "...E DI COLPO PAPA'" Confronto tra papà su allattamento, sonno, portare in fascia o marsupio ergonomico (con prova pratica!) Un incontro in cui dare spazio, un po' più del solito, alla voce dei papà! Abbiamo chiamato alcuni di loro a raccontare le loro esperienze di paternità e sarà presente anche un consulente uomo del portare!BABBI PARTECIPATE NUMEROSI... INSIEME ALLE VOSTRE COMPAGNE!

Pubblicato in Notizie dal sito

Ausl della Romagna – Dipartimento di Salute Mentale e Dipendenze Patologiche sede di Forlì,

Centro Diego Fabbri e Settimana del Buon Vivere

 

nell’ambito della Settimana del Buon Vivere 2017- Personae

 

presentano

 

PERCUOTAMENTE

Tamburi che parlano

Martedì 26 Settembre 2017

 

Ore 21.00

presso

Agorà Cittadella del Buon Vivere

Area antistante i Musei San Domenico

Piazza Guido da Montefeltro, 12, 47121 Forlì

 

PERCUOTAMENTE è un viaggio sonoro e di suggestione, basato su ritmi, attraverso le culture etniche e si articolerà in cinque brani: WALKING - Passeggiata africana, BAMBOO - viaggio all'interno di un canneto, ARE ARE ARE A -Tributo ai Blues Brothers, WOOD VIBRATION - Il bosco che canta e LA BATTAGLIA - Guerrieri di luce.

 

Lo scopo della performance è quello di sviluppare i sensi, stimolare la mente, liberare l'emozione, in modo da accrescere le doti naturali e il senso ritmico di ognuno, per una riscoperta della propria autonomia e individualità. PERCUOTAMENTE non è solo ritmo, ma conoscenza della pulsazione musicale, creatività e improvvisazione; è valorizzazione del silenzio, come del rumore.

 

Nel corso dello spettacolo, alcune sonorità saranno ottenute tramite l'utilizzo di materiali naturali, per favorire la cultura ambientale del riciclo e ristabilire l'equilibrio con “la natura che canta”(canne di bamboo nel brano BAMBOO, legni raccolti nel bosco per WOOD VIBRATION).

 

Il gruppo, seguito e coordinato dai Maestri Vince Vallicelli, Pier Luigi Colonna e Paola Reani, è composto da pazienti ed operatori del Centro di Salute Mentale e del Centro Diurno Psichiatrico di Forlì di Via Romagnoli.

La performance è il risultato concreto del laboratorio musicale – anno 2017, dal titolo “Teatrando in note”, percorso di valorizzazione dell'esperienza musicale, come strumento terapeutico e di crescita individuale e collettiva.

 

INGRESSO GRATUITO

Per info- Centro Diego Fabbri C.so Diaz 34 - 47121 Forlì -Tel. 0543/30244

www.centrodiegofabbri.it

Pubblicato in Notizie dal sito

LE ISCRIZIONI SONO CHIUSE PER RAGGIUNTO NUMERO MASSIMO DI PARTECIPANTI.

 

Al via Corso di Formazione "Tatuaggio e Piercing: aspetti di igiene e sicurezza" in programma il 15, 16 e 17 novembre a Rimini (via Coriano, 38, sala smeraldo , piano terra Scala G). E' organizzato dal  Dipartimento di Sanità Pubblica dell'Ausl della Romagna, viene realizzato in conformità alla DGR 465 dell’11/04/2007: Approvazione delle Linee Guida concernenti “Indicazioni tecniche per l'esercizio delle attività di Tatuaggio e piercing”. Sono stati richiesti crediti ECM per Medici, Tecnici della Prevenzione, Assistenti Sanitari, Infermieri.

 

PROGRAMMA

 

15 Novembre 2017

Ore  8.15 – 8.30

Registrazione partecipanti

Ore 8.30 – 10.30 - Dr. S.Catrani

Aspetti dermatologici

  • Anatomia e fisiologia cute
  • Controindicazioni dermatologiche al tatuaggio e piercing.
  • Inchiostri per tatuaggi e materiali per piercing.
  • Il trattamento della ferita da piercing e il trattamento del  tatuaggio dopo la sua applicazione
  • Disinfezione, disinfettanti ed antisettici raccomandati per le pratiche di piercing e di tatuaggio

Ore 10.30 – 10.40     Pausa

Ore 10.40-12.40 - Dr. S.Catrani Complicanze, immediate e tardive, cutanee, delle pratiche di piercing e di tatuaggio

Ore 12.40 – 13.40 - Ing. P. Cenni

Sterilizzazione: aspetti generali, procedure. L’uso dell’autoclave

 

16 Novembre 2017

Ore 8.30 –10.10 Dr.ssa F.Mori

Principali agenti infettivi

  • Modalità di trasmissione degli agenti infettivi con particolare riguardo alla trasmissione per contatto e a quella per via parenterale
  • Cenni di epidemiologia e prevenzione delle principali infezioni a trasmissione parenterale : HBV, HCV, HIV

Ore 10.10 – 10.20     Pausa

Ore 10.20-11.40 – Dr.ssa A. Pecci

La protezione dell’operatore: le vaccinazioni raccomandate

Ore 11.40-12.40 – Dr.ssa A. Borrello

Requisiti locali ed attrezzature

Ore 12.40-13.40 – Tatuatrice Settembrino Arianna

Esercitazione: materiali ed attrezzature applicate al tatuaggio

 

17 Novembre 2017

Ore 8.30 - 10.30 – Dr.ssa G. Tura

Igiene delle mani

  • La protezione dell’operatore: comportamenti di sicurezza e precauzioni standard. L’uso dei dispositivi individuali di protezione
  • Cosa fare in caso di incidente, infortunio a rischio biologico
  • Smaltimento in sicurezza dei rifiuti a rischio infettivo

Ore 10.30 – 10.40     Pausa

Ore 10.40-11.40 - Dr.ssa A. Binotti

Consenso informato, privacy, limiti e divieti

Ore 11.40-12.40 – Tatuatrice Arianna Settembrino

Esercitazione: materiali ed attrezzature applicate al tatuaggio

Ore 12.40

Test finale verifica apprendimento e gradimento e consegna attestati di presenza

Pubblicato in Notizie dal sito
Pagina 1 di 3

Archivio