Tutte le notizie

In vista delle nuove, ulteriori fasi critiche rispetto alle condizioni atmosferiche, previste per domani e venerdì (gelicidio), anche l’Azienda USL invita la cittadinanza a limitare al massimo gli spostamenti e, in particolare per le persone anziane e-o con difficoltà motorie, a non uscire di casa se non per motivi indispensabili. Qualora gli spostamenti siano davvero necessari, si suggerisce di farsi accompagnare da famigliari e utilizzare calzature e capi d’abbigliamento adatti.

L’Azienda sta ponendo e porrà il massimo impegno, anche mettendo in campo le risorse umane necessarie, per far fronte a questa fase di emergenza nel corso della quale, come prevedibile, l’afflusso di pazienti in pronto soccorso e presso le strutture sanitarie in generale, potrà verosimilmente aumentare.

Pubblicato in Notizie dal sito
Mercoledì, 28 Febbraio 2018 15:51

Servizi Pediatria di Comunità: alcune variazioni

Si informa la cittadinanza che per motivi organizzativi legati anche al maltempo, oggi pomeriggio la sede della Pediatria di Comunità di Rimini (sede di via Coriano, 38 - cosiddetto Colosseo), chiuderà alle 17.30; inoltre domani mattina, primo marzo, rimarrà chiusa la sede di Morciano in via Arno 40, che sarebbe stata aperta dalle ore 8.30 alle ore 12.30. Le prestazioni programmate che erano previste sono state ricalendarizzate e gli utenti avvertiti.

Pubblicato in Notizie dal sito

Si informa la cittadinanza che a causa delle avverse condizioni atmosferiche la sede aziendale di via Coriano 38 di Rimini (cosiddetto Colosseo) chiuderà oggi alle ore 17 invece che alle ore 19. Ci si scusa con l'utenza per i possibili disagi.

Pubblicato in Notizie dal sito

Nell’ambito delle attività per i festeggiamenti dell’80° Anniversario dell’insediamento dell’Aeronautica Militare a Forlì,  il 2° Gruppo M.A. ha pensato di realizzare, per sabato 17 marzo,  una serata culturale presso l’Ente di Via Solombrini,  con la rappresentazione  della commedia teatrale originale “Un giorno all’improvviso” della Compagnia "Partenopei e parte...Napoletani" di Roma che reciterà a titolo del tutto gratuito .L’ingresso, ad offerta libera, sarà  interamente devoluto in beneficenza al Reparto Pediatria dell’Ospedale G.B. Morgagni - L. Pierantoni di Forlì ," come segno tangibile di solidarietà verso un’Istituzione d’eccellenza del territorio forlivese che svolge un’attività di assistenza fondamentale per tutti i bambini".

"Il Comandante del 2° Gruppo M.A., Tenente Colonnello Luca Zorzan e il Primario del Reparto Pediatria, dottor Enrico Valletta - spiegano gli organizzatori - esprimono la loro riconoscenza al regista e autore della commedia, Salvatore Rivoli e a tutti gli attori della Compagnia, per il nobile gesto indirizzato ad aiutare la ricerca e il sostegno sanitario per i bambini, in un produttivo percorso attraverso il quale il 2° Gruppo vuole essere sempre più radicato nel territorio locale, facendo emergere  quelle peculiarità che possono essere utili alla cittadinanza. "

"Ringraziamo - prosegue il Comandante Zorzan - la generosità delle persone con cui sarà possibile aiutare un’istituzione di eccellenza come il reparto di Pediatria dell’Ospedale GB Morgagni – L. Pierantoni di Forlì con l’organizzazione di uno spettacolo teatrale, ma anche la generosità di chi vorrà assistere alla rappresentazione e di chi, volontariamente e gratuitamente, si è messo nell’impresa di organizzare un evento culturale a scopo di beneficenza. E sarà sicuramente un successo, perché la commedia è divertente, fa sorridere con delicatezza, ma riesce anche a commuovere. Voglio, infine, ringraziare tutti i miei collaboratori che, per passione ed amore del sociale, si sono dedicati alla preparazione dello spettacolo, l’Assessore del Comune di Forlì, Sara Samorì,  che ci ha fortemente sostenuto, il dottor Enrico Valletta, Primario del Reparto di Pediatria, ma soprattutto la compagnia teatrale “Partenopei e parte…Napoletani” che da Roma si sposterà a Forlì per recitare gratuitamente. Grazie di cuore."

La commedia verrà rappresentata sabato 17 marzo, alle ore 20.30, presso il Padiglione Gemini del 2° Gruppo M.A.,  in via Solombrini, 14, a Forlì.

L’ingresso, ad offerta libera (minimo 5 euro), a numero chiuso, è riservato agli invitati e ai cittadini che effettueranno la prenotazione entro le ore 12 del 9 marzo, salvo esaurimento dei posti a sedere.

 

Per informazioni:

0543-1949420

0543/1949428

3296506995

grumauto2@am.difesa.it

 

Nelle foto il primario della pediatria di Forlì Enrico Valletta e il ten. Colonnello Luca Zorzan

Pubblicato in Notizie dal sito

Si è svolta questa mattina la conferenza stampa di presentazione del dottor Giulio Rossi, nuovo direttore dell’unità operativa di Anatomia Patologica dell’ospedale Santa Maria delle Croci di Ravenna.

Sposato, due figli, cinquantenne, il dottor Rossi arriva dall’ospedale Umberto Parini di Aosta, si è laureato in Medicina e Chirurgia nel 1994 all’Università di Modena e nel 2000 ha conseguito la specializzazione in Anatomia Patologica all’Ateneo di Modena e Reggio Emilia, dove ha poi effettuato il dottorato di ricerca in Biotecnologie applicate all’Anatomia Patologica.

Nel corso degli anni successivi, il dottor Rossi ha lavorato presso l’Azienda Arcispedale Santa Maria Nuova IRCSS di Reggio Emilia, presso l’Azienda Ospedaliera – Universitaria Policlinico di Modena, dove è stato responsabile della struttura di Patologia del Distretto Toracico nel reparto di Anatomia Patologica, e l’Azienda USL Valle d’Aosta dove fino ad oggi ha ricoperto l’incarico di Direttore della struttura complessa di Anatomia Patologica dell’ospedale Umberto Parini di Aosta.

Docente di Patologia polmonare neoplastica e non neoplastica all’Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia, presso la scuola di specializzazione in Malattie dell’Apparato Respiratorio, il dottor Rossi ha partecipato come relatore a oltre 200 corsi e congressi di portata nazionale e internazionale. Autore di oltre 300 pubblicazioni scientifiche, è membro dell’Editorial Board delle riviste di Anatomia Patologica “The American Journal of Clinical Pathology” e “Pathologica” e componente di alcune società scientifiche italiane e internazionali.

Un curriculum di altissimo livello tanto che il dottor Stefano Busetti, direttore sanitario dell’Ausl, che ha partecipato alla presentazione del professionista, lo ha definito “uno dei migliori professionisti d’Italia nella sua branca”.

Punto di riferimento per l’intero ospedale, l’Unità Operativa di Anatomia Patologica gestisce una importante mole di attività, arrivando ad eseguire ogni anno 28mila esami istologici e 16 mila esami citologici  (mammella, polmone, tiroide, urine altro).  

Il servizio partecipa inoltre con la propria attività diagnostica agli screening di prevenzione oncologica (15mila pap test all’anno) organizzati dalla regione Emilia Romagna. Tra le attività del reparto vi sono anche la determinazione di biomarcatori immunoistochimici diagnostici e predittivi e, in collaborazione con l'IRST di Meldola, l’effettuazione delle analisi molecolari estrattive da dna tumorale per i pazienti oncologici.

“Il mio lavoro – ha raccontato il dottor Rossi, utilizzando una metafora sportiva – somiglia a quello del playmaker nel basket: cerco di mettere gli altri professionisti, in particolare gli oncologi, nelle condizioni di poter tarare la miglior cura possibile per il paziente, analizzandone i campioni patologici. Un impegno trasversale e con possibilità di consulti sempre più alti: grazie alla telepatologia e alle risorse inforamtiche, sempre più saremo nelle condizioni di far vedere i nostri riscontri a professionisti di tutti i territori dell’Ausl Romagna, ma non solo; i nostri campioni potranno essere visionati, ad esempio, anche da un collega degli Stati Uniti, grazie al consulto informatico e telematico. E questo consente di predisporre piani di cura sempre più personalizzati e appropriati per i pazienti”.

Pubblicato in Notizie dal sito

All’ospedale Bufalini di Cesena è stata effettuata nei giorni scorsi una nuova donazione di organi a cuore fermo da un paziente deceduto, per il quale la famiglia aveva generosamente espresso la volontà di donare gli organi. Sono stati prelevati fegato e reni.

Per l’ospedale cesenate, recentemente individuato dalla Regione quale Centro promotore dell’estensione del programma regionale “Cuore fermo ER” in altre Aziende sanitarie dell’Emilia Romagna, è il quarto prelievo multiorgano portato a termine con successo con questa tecnica complessa e ancora rara in Italia.

La procedura è stata resa possibile grazie alla collaborazione fra l’Unità Operativa di Anestesia e Rianimazione dell’Ospedale Bufalini diretta dal dottor Vanni Agnoletti e quella di Anestesia e Rianimazione che afferisce al Dipartimento Cardio-toraco-vascolare del Policlinico S.Orsola-Malpighi di Bologna ed è diretta dal Prof. Guido Frascaroli.

Le operazioni, coadiuvate dal Centro Regionale Trapianti diretto dalla dottoressa Gabriela Sangiorgi, hanno visto il coinvolgimento di una decina di medici delle equipe dell’Unità Operativa di Chirurgia Vascolare di Forlì Cesena diretta dal dottor Giorgio Ubaldo Turicchia  e dell’Unità Operativa di Radiologia di Cesena, diretta dalla dottoressa Emanuela Giampalma, e del personale infermieristico coordinato dalla dottoressa Paola Ceccarelli.

“Questo risultato – afferma il dottor Agnoletti -  è stato ottenuto grazie allo stretto rapporto di collaborazione tra il centro cesenate e quello bolognese che da anni partecipano con successo al programma regionale sulla donazione e trapianti di organi. Un grazie speciale va al Centro Regionale Trapianti che, come sempre, ha fornito competenza e disponibilità per il buon esito del prelievo”.

Pubblicato in Notizie dal sito

"PARLIAMO DI TRAPIANTO DA DONATORE VIVENTE"

12 MARZO 2018

DALLE ORE 14:15 ALLE 17:30

SALA PIERATELLI PADIGLIONE MORGAGNI, FORLI’

 

 

14.15 - 14.30 Apertura dei lavori

 

14.30-15.00 Il trapianto renale oggi

(Dott. G. Mosconi Direttore Nefrologia e Dialisi di Forlì e Cesena)

15.00 - 15.30 Aspetti generali della donazione di organi in Emilia Romagna

(Dr.ssa G. Sangiorgi - CRT- E.R.)

 

 

15.30 - 16.00 Valutazione idoneità a donazione di rene

(Dr. G. Liviano, Nefrologia Dialisi e Trapianto Policlinico S.Orsola

Bologna)

 

 

16.00 -16.30 Aspetti chirurgici della nefrectomia per donazione di rene

(Dott. M. Ravaioli, Chirurgia Trapianti Policlinico S.Orsola)

 

 

16.30-17.15 Discussione e conclusioni

 

 

17.15-17.30 Compilazione dei questionari ECM e valutazione dell'evento

 

 

L’INCONTRO E’ APERTO A MEDICI,INFERMIERI,PAZIENTI E FAMILIARI

 

Obiettivo dell'evento: Promuovere l’attività di trapianto renale da vivente ed incentivare il trapianto pre-emptive.

Iscrizioni all'evento:tramite Sistema GRU e ,limitatamentene ai posti disponibili,presso la sala Pieratelli dell'Ospedale Morgagni di Forlì.Per l’acquisizione dei crediti ECM è necessaria la compilazione del gradimento tramite il Sistema GRU entro 15 giorni dall’evento

 

Per informazioni: tel.0543/735300 Servizio Emodialisi di Forlì

(Coord. Ambri Katia ,Inf. Ferrini Franca)

Pubblicato in Notizie dal sito

Mentre a livello nazionale è stato firmato il nuovo contratto per il comparto (infermieri e professioni sanitarie) del Sistema Sanitario Nazionale, l’Ausl Romagna consegue due importanti traguardi sul fronte del miglioramento delle condizioni di lavoro, per gli operatori e i professionisti aziendali. Si tratta dei bandi per la stabilizzazione di 240 lavoratori del comparto, principalmente infermieri, e dell’avvio dei meccanismi per il conferimento degli incarichi per il personale della dirigenza medica.

Il processo di stabilizzazione del personale precario è stato avviato attraverso la pubblicazione degli appositi avvisi, in applicazione del decreto Madia (D.Lgs. 75/2017) peraltro favorito dalle disposizioni e dai protocolli regionali in materia. Si tratta, al momento, del fabbisogno minimo di stabilizzazioni, ma altre potranno seguire anche in tempi rapidi. E ad ogni modo, questa procedura non sostituisce certo, bensì si affianca, alle procedure concorsuali “ordinarie” per il reclutamento di personale.

Per quanto riguarda la valorizzazione delle figure professionali, le relative selezioni verranno avviate gradualmente e porteranno entro la fine del corrente anno, all’attribuzione dei nuovi incarichi dirigenziali ai medici dell’Azienda.

Dichiarazione del Direttore Generale, dottor Marcello Tonini:

“A livello nazionale quella di ieri, con la firma del contratto nazionale, è stata una giornata positiva per la sanità italiana e per i lavoratori che giorno dopo giorno, con dedizione, fanno in modo che il servizio sanitario nazionale continui a funzionare, abbia una buona qualità e garantisca il diritto alla salute per i cittadini. Intanto anche noi, in Romagna, non stiamo con le mani in mano. Questo perché una grande azienda come l’AUSL Romagna ha il dovere di contribuire alle politiche del lavoro, pertanto, in coerenza con il quadro nazionale, regionale e con il sostegno delle forze politiche di governo locale, siamo riusciti nell’impegno di giungere alla stabilizzazione di 240 posti di lavoro e addirittura di crescere numericamente di oltre cento unità; il tutto garantendo l’equilibrio economico-finanziario, cioè senza fare disavanzo. La stabilizzazione è il primo passo nell’applicazione del ‘Decreto Madia’ che offre future opportunità di superamento del precariato residuo che intendiamo cogliere e a cui affiancheremo anche nuovi, ulteriori concorsi pubblici.

Prosegue intanto anche l’intensa programmazione volta a colmare i vuoti che ancora ci sono nei ruoli di primario, con l’avvio di nuove procedure concorsuali, dopo che negli ultimi due anni sono state espletate quelle per 37 nuovi primari.

 

La finalità di tutto questo è naturalmente il miglioramento dei servizi offerti ai cittadini e la tranquillità dei lavoratori che ne è presupposto fondamentale.

 

Ulteriore soddisfazione anche per l’altro passo avanti, quello sugli incarichi: grazie ad un confronto franco e aperto con le organizzazioni sindacali del comparto e della dirigenza, la cui lungimiranza porterà frutti per lavoratori e cittadini: è stato infatti raggiunto l’accordo per l’assegnazione degli incarichi professionali ed ora stiamo avviando le procedure per le selezioni interne di attribuzione degli stessi.

 

Insomma dopo diversi anni è il momento del concreto riconoscimento della grande professionalità che il nostro personale ha sempre garantito nonostante le difficoltà.

Abbiamo servizi sanitari di riconosciuta elevata qualità e, speriamo, con operatori sempre più motivati a migliorare: la nostra piccola esperienza ci induce a pensare che si può fare. Ne siamo orgogliosi come Direzione e come cittadini di questo territorio romagnolo”.

Pubblicato in Notizie dal sito

Genitori e adolescenti

Agitare bene prima dell’uso 2.0

Percorso Formativo-Informativo sulla genitorialità in adolescenza

14 marzo - 11 aprile

Servizio Dipendenze Patologiche

Via Orto del fuoco 10 - Forlì

Ore 20:30—22:30 

 

Il percorso formativo- informativo "Genitori e adolescenti. Agitare bene prima dell'uso 2.0" è organizzato dall'Unità Operativa Dipendenze Patologiche di Forlì, diretta dal dottor Edoardo Polidori e si svolgerà, dal 14 marzo all'11 aprile, dalle ore 20,30 alle 22,30,  presso il Servizio di Dipendenze patologiche in via Orto del Fuoco 10. I posti sono limitati ed è necessario iscriversi scrivendo a: edoardo.polidori@auslromagna.it

L'U.O.C. Dipendenze patologiche  si occupa di garantire la prevenzione, il trattamento e la cura dei disturbi da uso o abuso di sostanze psicotrope (legali o illegali) o dei comporta-menti compulsivi (gioco d'azzardo patologico, dipendenza da videogiochi, shopping compulsivo, …).Obiettivo principale è la tutela della salute dei soggetti interessati e della collettività, ponendo attenzione in particolar modo alla prevenzione delle patologie correlate alla cura delle intossicazioni acute e croniche da sostanze psicotrope, alla promozione di stili di vita più salutari, al reinserimento sociale e al miglioramento com-plessivo della qualità di vita. Gli interventi terapeutici sono garantiti da équipe multiprofessionali composte da: Medici, Psicologi, Assistenti Sociali, Educatori Professio-nali e Infermieri Professionali.

Progetto Cannarino. Quando il consumo di cannabis (sostanza più diffusa e sperimentata all’interno degli stili di vita giovanili) accentua le tensioni nella famiglia spesso già provata dai tipici atteggiamenti adolescenziali, i genitori possono rivolgersi a questo spazio. Potranno ricevere sostegno nel gestire al meglio le relazioni con i figli adolescenti in un'età particolarmente delicata in quanto spesso caratterizzata da comportamenti reattivi e polemici.

Pubblicato in Notizie dal sito

Anche l’A.Usl Romagna partecipa alle iniziative della XIII edizione di “M’illumino di meno – Giornata nazionale del Risparmio energetico” che ricorre oggi, 23 febbraio. L’impegno in questo senso dell’azienda sanitaria e già noto: da diversi anni infatti sono attive buone pratiche per il risparmio energetico che hanno portato all’A.USL più di un riconoscimento da parte degli enti di certificazione nazionali e internazionali.

Solo per citare alcune di queste buone pratiche, diverse sedi ed edifici aziendali sono dotati di impianti fotovoltaici sui tetti: quest’anno ne verranno inaugurati due nuovi, da 220 kWp sul tetto del Padiglione Ovidio (Ospedale di Rimini) e da 220 kWp su pensiline nel parcheggio del Dipartimento di Emergenza Accettazione (Dea) dell’Ospedale di Ravenna. Si sta inoltre avviando un intervento per convertire a led oltre 5.000 plafoniere in tutti i principali Ospedali della Romagna. Sono già cinque gli impianti di cogenerazione installati presso le sedi dell’Ausl; insieme i due interventi comporteranno un risparmio di costi energetici per oltre 350.000 euro l’anno e una riduzione di emissioni in atmosfera pari ad oltre 1.200 tonnellate di anidride carbonica all’anno .

La raccolta differenziata, poi, è una pratica presente in ogni ambito territoriale con un’adeguata dotazione di isole ecologiche, in più già da vari anni in alcune realtà aziendali è attivo un sistema informatizzato che consente di razionalizzare l’utilizzo delle auto di servizio, dando la priorità alle più ecologiche ed anche attraverso il car pooling.

Nella giornata odierna, in occasione della campagna “M’illumino di meno”, sarà anche compiuto il gesto, simbolico, di spegnere per alcuni minuti, le luci delle aree parcheggio di varie sedi aziendali (ovviamente compatibilmente col mantenimento dei necessari standard di sicurezza).

 

Pubblicato in Notizie dal sito

Archivio