Articoli filtrati per data: Luglio 2019

Il dottor Gabriele Testi e il dottor Fabio Tarantino alla trasmissione Focus di Teleromagna per parlare della Forlee Technique.

La puntata, condotta da Federica Mosconi, andrà in onda :

Mercoledì 3 luglio: ore 13.30 Teleromagna CH14, ore 17.30 TR24 CH11

Giovedì 4 luglio: ore 18.15 Teleromagna CH14, ore 21.30 TR24 CH11

Una tecnica innovativa per il trattamento della patologia arteriosa ostruttiva periferica, la "Forlee technique", è stata messa a punto per la prima volta all'ospedale "Morgagni - Pierantoni" di Forlì. La tecnica è stata oggetto di una ricerca a pubblicata in questi giorni da Gabriele Testi, chirurgo vascolare dell'ospedale di Forlì, sulla prestigiosa rivista internazionale "Journal of Endovascular Therapy"."Si tratta di una tecnica innovativa nella rivascolarizzazione endovascolare degli arti inferiori messa a punto dal team endovascolare dell'Ospedale "Morgagni-Pierantoni"  di Forlì - spiega Testi - e che vede la collaborazione multidiscipinare, consolidata da molti anni, tra l’Uinità Operativa di Chirurgia Vascolare diretta da Giorgio Ubaldo Turicchia, e con referente per Forlì Mauro Cevolani, e l’Unità operativa di Emodinamica, diretta da Fabio Tarantino. In particolare, questa collaborazione ha consentito di sviluppare una grande esperienza nel trattamento delle lesioni ostruttive arteriose complesse del distretto femoro-popliteo-tibiale"

"La nuova tecnica, denominata “Forlee technique”, in onore dell’ospedale di Forlì - spiega Testi - consente di portare a termine, mediante accesso retrogrado dall’arteria poplitea, la ricanalizzazione di occlusioni ostiali lunghe dell’arteria femorale superficiale che rappresentano le lesioni di più difficile approccio. Il lavoro "Femoral Balloon-Oriented Puncture for True Lumen Reentry in the Common Femoral Artery After Subintimal Retrograde Recanalization of Superficial Femoral Artery Ostial Occlusion: The Forlee Technique" è stato pubblicato online, sarà nell'edizione cartacea di agosto e suggella il grande impegno di divulgazione scientifica del team in questo settore che aveva già portato, nel 2018, ad una pubblicazione sull' 'European Journal of Vascular and Endovascular Surgery - Short Report', rivista della Esvs (European Society for Vascular Surgery), sempre riguardante aspetti tecnici nella rivascolarizzazione degli arti inferiori".

Clicca qui per vedere la puntata

Pubblicato in Notizie dal sito

 

Il congresso “Management del Melanoma in Romagna” che si terrà all’Hotel Globus a Forlì il 5 Luglio pone il focus su un tema di grande attualità per la valenza multidisciplinare e per l’impatto che ha sulla sanità pubblica. Negli ultimi decenni, infatti, l’incremento d’incidenza del melanoma – una neoplasia spesso molto aggressiva che origina dai melanociti, le cellule che producono la melanina, il pigmento che conferisce alla cute la sua colorazione – è stato superiore a quello riscontrato per altre neoplasie nella maggior parte dei Paesi occidentali. In Italia il melanoma invasivo è al terzo posto per incidenza tra le femmine e al secondo posto nella popolazione sotto i 50 anni. Anche se fortunatamente la mortalità è rimasta invece pressoché invariata l’approfondimento delle conoscenze sui fattori di rischio e sulle possibili cause dell’aumentata incidenza e la divulgazione puntale di tali conoscenze, attraverso la partecipazione a strategie di prevenzione primaria, potrebbe fornire un contributo alla riduzione della malattia.

 Il congresso – di cui è responsabile scientifico Ignazio Stanganelli, professore associato dell’Università di Parma e responsabile della Skin Cancer Unit IRST IRCCS – è stato promosso dal Prof. Federico Cappuzzo nell’ambito del programma Interaziendale AUSL Romagna IRST e con il coordinamento scientifico del Dr. Fabio Falcini (Registro Tumori Romagna), Dr. Davide Melandri (Dermatologia AUSL Romagna), Dr. Giulio Rossi (Anatomia Patologica AUSL Romagna), Prof. Giorgio Ercolani (Chirurgia Oncologica AUSL Romagna) e il Dr. Massimo Guidoboni (Immunoterapia IRST).

 Il congresso avrà valenza chiaramente multidisciplinare con l’analisi di tutte le problematiche riguardanti la definizione di un corretto ed appropriato percorso diagnostico-terapeutico del paziente con melanoma: dalle basi epidemiologiche alla diagnosi istopatologica, dall’inquadramento genetico-molecolare alla stadiazione ed al trattamento chirurgico, locoregionale e medico, in particolare con le nuove target therapy e immunoterapia.

 La presenza contemporanea di esperti delle varie discipline dell’AUSL Romagna e dell’Istituto Tumori della Romagna (IRST) IRCCS insieme con relatori di livello internazionale mostrerà l’approccio integrato per il management del paziente con melanoma in Romagna nelle diverse fasi della diagnosi e cura della malattia. Il congresso terminerà i lavori con una tavola rotonda sul ruolo della Skin Cancer Unit IRST come integrazione tra volontariato, assistenza, ricerca e formazione grazie alla partecipazione dell’Istituto Oncologico Romagnolo (IOR). 

 

Pubblicato in Notizie dal sito

Cerca notizia

Archivio