Skip to main content

Articoli filtrati per data: Ottobre 2021

In occasione della Settimana Mondiale dell’Allattamento, che quest’anno aveva come tema PROTEGGERE L’ALLATTAMENTO: UNA RESPONSABILITÀ DA CONDIVIDERE, la Regione Emilia-Romagna ha promosso il flashmob Allattiamo insieme, sostenendo l’allattamento come pratica di salute, elemento di empowerment delle donne e di facilitazione della relazione con il bambino oltre che di cultura in generale.

L’iniziativa si è svolta in tutti gli ambiti della Romagna.

Pubblicato in Notizie dal sito

 

Inaugurati oggi, alla presenza del direttore sanitario dell'Ausl Romagna, Mattia Altini, e del direttore del presidio ospedaliero di Forlì, Paolo Masperi, quattro nuovi ambulatori e due nuovi ecografi tridimensionali ad uso presso il reparto di Ginecologia e Ostetricia di Forlì, diretto dal dottor Luca Savelli.

"Nei nuovi ambulatori allestiti al secondo piano del Padiglione Vallisneri - spiega il dottor Savelli - si eseguiranno ecografie ginecologiche ed ostetriche, isteroscopie, colposcopie, ecografie per diagnosi di sterilità, endometriosi, dolore pelvico cronico. A regime, in queste strutture, potremo effettuare circa ottomila prestazioni all'anno, prenotabili direttamente al tel 0543 731867. I due nuovi ecografi tridimensionali appena acquisiti dal reparto rappresentano  l'ultima generazione della diagnostica ecografica e  la strumentazione "indispensabile per l'ostetricia e la ginecologia moderna"

"Serviranno - spiega il dottor Savelli - per la diagnosi precoce delle malformazioni fetali, dei ritardi di crescita fetali, e di tutte le patologie ginecologiche. Queste nuove tecnologie saranno fondamentali per la diagnosi e il trattamento delle pazienti che necessitano di una fecondazione assistita e che soffrono di endometriosi, patologia per la quale vorremmo creare un centro specializzato proprio nell'ospedale di Forlì."

"Questa riorganizzazione  si inserisce in una ristrutturazione generale del reparto - spiega il dottor Masperi  - L'attività chirurgica ginecologica si trasferirà a breve nel Padiglione Morgagni insieme alla Chirurgia Senologica. Questo permetterà la creazione di un polo chirurgico dedicato ai tumori femminili. L'attuale reparto, invece,  liberandosi degli spazi, verrà utilizzato per la parte ostetrica e ambulatoriale.

" Questa realizzazione è  la testimonianza che  l'Ausl Romagna ha continuato ad occuparsi anche di  tutte le patologie non Covid - aggiunge il dottor Mattia Altini- Il nuovo direttore della Unità Operativa ha implementato, con il suo arrivo e le sue competenze, nuove progettualità.

Ci poniamo altri due importanti obiettivi:  valorizzazione del capitale umano e rinnovamento delle tecnologie.  In questo caso abbiamo rinnovato i locali, oltre che le tecnologie, e stiamo reclutando giovani professionisti per questo settore".

"Ringrazio moltissimo - conclude il dottor Savelli - questa Direzione  per avermi dato la disponibilità di acquisire nuovissime attrezzature e anche nuovo personale qualificato. Abbiamo implementato e anche innovazioni tecniche che, tramite isteroscopia, evitano interventi chirurgici. Da due mesi effettuiamo infatti, a Forlì, delle isteroscopie non solo diagnostiche, ma anche terapeutiche. Infine offriamo ecografie esperte e di secondo livello a livello romagnolo . Un non meno trascurabile obiettivo di queste tecnologie è  di far partecipare il paziente all'ecografia, non solo subirla".

 


 

 

 

Pubblicato in Notizie dal sito

L’Aula Magna dell’ospedale di Ravenna, ora sede dei corsi di laurea di Medicina dell’Università di Bologna è stata intitolata oggi al dott. Omero Triossi, direttore dell’U.O. Gastroenterologia ed endoscopia dell’ospedale di Ravenna, recentemente e prematuramente scomparso.

Una sala gremita di colleghi dell’ospedale di Ravenna  si è stretta intorno alla sua famiglia per ricordare il collega, amico,  e amato professionista a cui è stata intitolata la sede. Un grande segno d’affetto e di stima successivamente testimoniato dalle parole del direttore generale di Ausl Romagna, Tiziano Carradori, di Francesca Bravi, direttore dell’ospedale di Ravenna, di Michele De Pascale, sindaco di Ravenna, di Nino Cartabellotta, presidente dell’Associazione Gimbe, con la quale il Dott. Triossi aveva collaborato e dall’attuale direttore facente funzione della Gastroenterologia di Ravenna, Alessandro Mussetto. “L’idea di intitolare ad Omero Triossi questa sede di studio, ha esordito Carradori,  è venuta prima di tutto dai suoi colleghi e questo sta a rappresentare, meglio delle parole, la profonda stima e affetto nutrita nei suoi confronti. Ho conosciuto Omero Triossi nel 2004 e la cosa che mi colpì profondamente del suo carattere, fu quella che potrei definire“tranquilla determinazione” nell’affrontare le sfide, valutare le attività e rifiutare quello che purtroppo adesso spesso  domina: gli yes man. E’ anche per questo, per i profondi principi e valori che lo hanno sempre accompagnato nel suo lavoro, che dedicargli una sede di studio di futuri medici, crediamo  sia la risposta migliore per ricordarlo” . Anche il sindaco Michele de Pascale, ha rivolto un caloroso saluto alla famiglia e  ha ricordato le grandi capacità e le qualità professionali di Triossi. “ Un professionista che ha sempre cercato di trasmettere conoscenza ai decisori, per indirizzare meglio le scelte di politica sanitaria rivolte ai bisogni della collettività”. “Omero Triossi è stato per oltre 15 anni una colonna portante della nostra organizzazione –ha dichiarata Nino Cartabellotta, Presidente della Fondazione GIMBE – un Maestro, un docente appassionato e competente apprezzato dai colleghi e da tutti i professionisti che hanno avuto la fortuna di frequentare i suoi corsi. Per onorare la sua memoria la Fondazione GIMBE ha deciso di assegnare una borsa di studio per la partecipazione ai corsi per acquisire il Clinical Governance core curriculum, in cui Omero ha profuso il massimo impegno, con passione e dedizione”.Infine, molto toccante, il ringraziamento di Alessandro Mussetto, che adesso sta reggendo il ruolo di direttore dell’Unità Operativa. Attraverso la presentazione di 10 slide, ha ricostruito e sintetizzato la figura di Triossi, la sua personalità e i suoi interessi, il carattere determinato, ma anche sempre pronto allo scherzo.  Un “capo”, come lui non voleva mai essere chiamato,  autorevole e mai autoritario….…

Pubblicato in Notizie dal sito

Ausl Romagna informa la cittadinanza che  per l’intera giornata dell’11 ottobre 2021 è stato proclamato uno sciopero  per tutto il personale dei Settori pubblici e privati dalle Associazioni Sindacali ADL COBAS, CIB UNICOBAS, CLAP, Confederazione COBAS, CUB, SGB, SI COBAS, SIAL COBAS, SLAI COBAS, USB, USI, USI CIT e altre sigle sindacali, unitamente alla contestuale proclamazione dello sciopero nazionale indetto per tutto il personale dipendente del Servizio Sanitario Nazionale e per il personale dipendente che opera a diverso titolo nella Sanità e nell’Assistenza da COBAS Sanità, Università e Ricerca e alla proclamazione di 24 ore di sciopero nazionale indetto da FSI-USAE con l’adesione della sigla sindacale SiCambiaCon.

Nella giornata dello sciopero saranno assicurati i servizi pubblici essenziali, nel rispetto della vigente normativa, attraverso l’individuazione dei contingenti minimi di personale a garanzia delle prestazioni indispensabili e non dilazionabili.

Pubblicato in Notizie dal sito

Anche in Romagna, come annunciato dalla Regione, parte oggi, giovedì 7 ottobre,  la prenotazione per la somministrazione della terza dose di vaccino anticovid 19 alle persone con 80 e più anni che abbiano fatto la seconda dose da almeno sei mesi.

L’avvio della somministrazione nei centri vaccinali aziendali sarà da lunedì 11 ottobre.

Come prenotare

I cittadini over80 possono prenotare la loro terza dose purché siano trascorsi almeno sei mesi dall’ultima dose di vaccino anti covid19, scegliendo tra le seguenti modalità:

  • agli sportelli Cup dell’Ausl ( Centri Unici Prenotazione) presenti su tutto il territorio romagnolo
  • nelle farmacie tramite il servizio Farmacup,
  • Telefonando al Cuptel al numero 800002255

Online attraverso:

  • Il Fascicolo Elettronico
  • L’App ER Salute
  • Il CupWeb ( cupweb.it)

 

Come già avvenuto per le prime due dosi, per i cittadini in regime di assistenza domiciliare programmata o integrata e in generale per i soggetti con difficoltà motorie che impediscano la deambulazione le vaccinazioni saranno effettuate a domicilio. I dettagli operativi della somministrazione si stanno definendo in questi giorni.

Per quanto riguarda ospiti e operatori delle CRA e RSA, la somministrazione della terza dose (sempre che siano passati almeno sei mesi dalla seconda dose) avverrà in struttura, secondo un calendario di sedute che si sta definendo con l’ausilio dei medici di struttura. Eventuali ulteriori modalità di prenotazione per gli operatori saranno eventualmente rese note

Pubblicato in Notizie dal sito

Grande partecipazione all'incontro on line con Giorgia Cozza, svoltosi ieri in occasione dela settimana per l'allattamento al seno.

Settantadue partecipanti hanno animato l'incontro "Proteggere l'attamento una responsabilità da condividere", con interventi di mamme, professioniste ospedaliere e territoriali.

Pubblicato in Notizie dal sito

2° Secondo appuntamento

CELIACHIA E IBS

GIOVEDÌ

14 OTTOBRE 2021

FORLÌ - SALONE COMUNALE, COMUNE DI FORLÌ

CHRONICITY

PERCORSI E MODELLI DI CURA

IN

GASTROENTEROLOGIA

 

RESPONSABILE DEL PERCORSO FORMATIVO
CARLO FABBRI
Direttore U.O.C. Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Ospedale G. Morgagni – L. Pierantoni, Forli
Ospedale M. Bufalini, Cesena
Azienda USL Romagna

COORDINATORI SCIENTIFICI
CHIARA COLUCCIO – GIULIA COMANDINI – ELISA LIVERANI – MONICA SBRANCIA
U.O.C. Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Ospedale G. Morgagni – L. Pierantoni, Forli
Ospedale M. Bufalini, Cesena
Azienda USL Romagna

 

Nelle ultime decadi abbiamo assistito ad un sostanziale cambiamento di approccio sia clinico che organizzativo alla patologia. Ciò è particolarmente apprezzabile per le malattie croniche ove, la conoscenza medico-scientifica si è sempre più avvicinata alla sensibilità e ai saperi della società, con l’intento di garantire, a chi è affetto da patologie croniche, una maggiore consapevolezza e una percezione di integrazione in sistemi, che attraverso le reti sanitarie, le associazioni e i network sociali, generino nel singolo uno spettro ampio di opportunità per conoscere la propria malattia, gli strumenti medici di cura ma anche presidi e modalità di supporto per tendere a migliorare la percezione del proprio stato. Su questa base abbiamo pensato attraverso CHRONICITY di dare origine ad una serie di appuntamenti, mirati su alcune patologie croniche dell’apparato digerente a largo impatto epidemiologico e sociale, dove in ognuno di questi si affrontino in primis le novità clinico assistenziali e di ricerca clinica, ma dove al contempo si esplori in dettaglio il possibile contributo alla cura della persona derivante da chi per “mission professionale” si occupa della persona.A tale fine si è creata una rete di collaborazione trasversale tra le società scientifiche afferenti a discipline diverse, a federazioni incentrate sul food e fitness, oltre che con le associazioni dei pazienti.

 

CELIACHIA E IBS

GIOVEDÌ

14 OTTOBRE 2021

FORLÌ - SALONE COMUNALE, COMUNE DI FORLÌ

 

Coordinatori Scientifici: Elisa Liverani, Monica Sbrancia

14.15

Saluto delle autorità e introduzione alla giornata

14.30 > 16.30

I SESSIONE:

CELIACHIA

Moderatori: Alessandro Mussetto

(Ravenna), Enrico Valletta (Forlì)

14.30

LETTURA

L’iceberg della celiachia:

una diagnosi, tante manifestazioni cliniche

Alessandro Granito

(Bologna)

14.50

Gluten sensitivity: definizione e approccio clinico

Maria Cazzato

(Forlì-Cesena)

15.10

Sideropenia, deficit nutrizionali e qualità di vita

Luca Montaguti

(Cesena)

15.30

Allergie e intolleranze alimentari: come orientarsi?

Patrizia Alvisi

(Bologna)

15.50

L’importanza della rete nella celiachia:

l’associazione e la digitalizzazione clinica

Fabio Monti

(Forlì)

16.10

Discussione

Antonio Balestrieri

(Cesena), Francesco Girelli (Forlì), Chiara Petrini (Ravenna),

Marco Ragazzini

(Forlì)

16.30

Break

17.00 > 18.40

II SESSIONE:

IBS

Moderatori: Enrico Strocchi

(Forlì-Cesena),

Alessandro Zennaro

(Cesena)

17.00

LETTURA

Il microbiota e il suo alfabeto

Vittorio Sambri

(AUSL Romagna)

17.20

IBS e disbiosi: il ruolo dei probiotici e dei prebiotici

Giulia Gibiino

(Forlì-Cesena)

17.40

La dieta “social”: tra evidenza clinica e “secondo me”

Sara Piazza

(Ferrara)

18.00

Come approcciarsi all’incontinenza fecale

Andrea Avanzolini

(Forlì)

18.20

Discussione

Emiliano De Vergori

(Forlì-Cesena), Erica Gunelli (Forlì),

Antonio Salzetta

(Ravenna)

18.40

Chiusura dei lavori

Pubblicato in Notizie dal sito

L’Ausl Romagna dà un nuovo ulteriore slancio alla campagna vaccinale anti covid 19 promuovendo  4 open days, uno in ogni ambito territoriale, dedicati alle donne in gravidanza o che stanno allattando i loro bambini.

L’obiettivo è quello di fornire rassicurazioni e risposte ai dubbi sull’efficacia e sulla sicurezza delle vaccinazioni in gravidanza e in allattamento, sulla base delle indicazioni dell’Istituto superiore di sanità.   Oltre al personale vaccinatore saranno infatti presenti anche ginecologi, ostetriche e pediatri dei Consultori- Pediatrie di Comunità e ospedalieri, pronti a rispondere alle domande e ai dubbi delle future mamme.

Ecco dove e quando si terranno le sedute vaccinali:

CESENA sabato 9 ottobre, dalle ore 9 alle 17, presso il Consultorio Familiare e Pediatria di Comunità, in Piazza Anna Magnani 145 (primo piano)

RAVENNA  sabato 16 ottobre, dalle ore 9 alle 13 presso la Pediatria di Comunità di Ravenna- CMP in Via Fiume Abbandonato, 134  Ravenna

FORLI’: venerdì 22 ottobre, dalle ore 14 alle ore 18, presso il Consultorio Familiare, via Colombo. 

RIMINI: sabato 23 ottobre dalle ore 14 alle ore 18, presso il Consultorio Familiare via XXIII settembre n°1845, 120 (zona Celle).

Le donne in gravidanza e quelle che allattano potranno accedere alla vaccinazione senza prenotazione. Basterà presentarsi con la tessera sanitaria e un documento di identità. La compilazione dei moduli sarà fatta sul posto, subito prima della vaccinazione.

La proposta di vaccino prevede la somministrazione della prima dose di Pfizer, dopo la quale verrà dato l’appuntamento per la seconda dose che sarà somministrata sempre presso le stesse sedi

 

Questa e tante altre risposte alle vostre perplessità sul vaccino le trovate alla pagina dedicata di questo sito ed in particolare nelle FAQ scritte dai nostri medici per rispondere alle domande che ci avete fatto in questi lunghi mesi.

 

L’importanza del vaccino anti-covid per le donne in gravidanza e allattamento: le raccomandazione dell'Istituto Superiore di Sanità

 

 

Pubblicato in Notizie dal sito

Al fine di fornire un aggiornamento rispetto all'evoluzione del quadro epidemiologico dell'infezione da Covid 19 nel territorio romagnolo, su un arco temporale più significativo rispetto alla situazione di una singola giornata, si riportano, in allegato, alcuni dati relativi alla settimana dal 27 settembre al 3 ottobre (precisando che si tratta dei casi di residenti diagnosticati sul territorio romagnolo).
Nella settimana di riferimento, si sono registrate 629 positività (2,4%) su un totale di 26.158 tamponi.
Si registra un calo dei nuovi casi in termini assoluti (-12). Rispetto alle previsioni del Piano aziendale si registra un tasso di occupazione di posti letto da parte di pazienti affetti da COVID, che ci pone nel livello verde 1, ossia un livello di occupazione dei posti letto in malattie infettive minore del 70%. In totale sono ricoverati 52 pazienti, di cui 10 in terapia intensiva, il cui trend è costante e in leggero calo.

“Anche questa settimana, commenta Mattia Altini, direttore sanitario di Ausl Romagna, registriamo un calo delle positività in termini assoluti, a fronte di una campagna vaccinale che prosegue a pieno regime . Due dati che vanno letti insieme, perché ci confermano ancora una volta, l’importanza che riveste l’alta copertura vaccinale raggiunta, per contrastare un’ampia diffusione del virus. Ciò non solo nella popolazione adulta. Se infatti analizziamo la popolazione più giovane e in età scolare, si vede molto bene come i tassi di positività al virus, si abbassino nelle fasce di età in cui la vaccinazione è consentita. Ciò a ribadire ancora una volta l’invito alle persone indecise a vaccinarsi. Lo dicono questi dati e ancor di più lo testimoniano le analisi sui tassi di ospedalizzazione, che il vaccino è l’unico strumento per proteggerci ed evitare rischi molto seri per la nostra salute

Pubblicato in Notizie dal sito