Visualizza articoli per tag: pediatria

Ammonta a 10mila euro la somma raccolta con la quarta edizione della "StraCesena – La Corsetta per Bene", corsa di beneficenza svoltasi il 27 maggio scorso a sostegno dei progetti di "Pediatria a misura di bambino" dell'Ospedale M. Bufalini di Cesena.
Questa mattina, lunedì 10 dicembre, nel reparto di Pediatria dell'Ospedale M. Bufalini di Cesena si è svolta la cerimonia ufficiale di consegna. Accanto al Sindaco Paolo Lucchi, al Direttore del reparto Pediatria e Terapia Intensiva Neonatale dottor Marcello Stella, al Direttore del reparto Ostetricia-Ginecologia dottor Patrizio Antonazzo, al medico di Direzione Sanitaria del Bufalini dott.ssa Chiara Benedetti, alla coordinatrice infermieristica del reparto Pediatria e Terapia Intensiva Neonatale dottoressa Paola Sama, alla responsabile del progetto “Pediatria a misura di bambino” Elisabetta Montesi e ai clown dottori Alberto Dionigi e Laura Tarsitano, erano presenti gli organizzatori dell’iniziativa – per Matilde Studio Luca Toni, per Saraghina Group Fabio Fabbri, per la Uisp Davide Ceccaroni – che hanno consegnato il maxi – assegno.
Saranno inoltre donate circa 1.000 t-shirt "StraCesena" alla Caritas di Cesena per un'ulteriore aiuto a chi è in difficoltà.
Grande soddisfazione da parte di tutti per il risultato raggiunto, reso possibile dall’impegno dei numerosissimi cesenati di tutte le età che hanno partecipato alla StraCesena, dalle tante aziende partner che hanno creduto nel progetto e dai tanti volontari che hanno collaborato all’organizzazione. In tutto ‘la Corsetta per bene’ ha messo in moto circa 2.500 persone, unite dalla volontà di dare il proprio contributo alle famiglie della città.
Un successo che si aggiunge a quello delle prime edizioni, con giornate di festa per la città che hanno visto partire negli anni precedenti complessivamente circa 6.000 persone tra famiglie, sportivi e non, "colorando di arancio" le vie di Cesena e sottolineando con il sorriso l'importanza di vivere con uno stile di vita sano anche momenti solidali.
In ogni edizione centratissimo anche l’obiettivo solidale: fin dal primo anno con il ricavato devoluto a favore di Anffas Cesena, proseguito poi con il sostegno al fondo per l’attività sportiva dei minori in stato di povertà del Comune di Cesena e successivamente a favore di “Pediatria a misura di bambino”, ammonta a circa 35.000,00 € il ricavato ad oggi. Tutto questo grazie alla sensibilità dei partecipanti, ma anche grazie al fondamentale sostegno dei volontari e dei partners della manifestazione.
Iniziano già infatti i preparativi per la nuova edizione: appuntamento nel 2019!

Pubblicato in Notizie dal sito

Si è svolta questa mattina, nel reparto di Pediatria dell’Ospedale “Infermi” di Rimini, una cerimonia di inaugurazione del progetto “Gocce di Blu”, ulteriore passo avanti per l’umanizzazione del reparto e l’accoglienza dei piccoli pazienti. Al piccolo evento erano presenti l’assessore del Comune di Rimini Mattia Morolli, Laura Moretti (Presidente dell’associazione “La Bottega Culturale”), Sonia Fabbrocino (arteterapeuta Collettivo Arteda), una lettrice volontaria e il direttore dell’Unità operativa di Pediatria dottor Gianluca Vergine.

Il progetto. Laboratori creativi, letture speciali, kit gioco, esposizione di un libro-quadro: sono questi gli ingredienti principali di "Gocce di Blu", serie di attività e allestimento di un percorso espositivo per i piccoli pazienti del reparto Pediatria dell'Ospedale Infermi di Rimini, che inaugura venerdì 7 dicembre, alle ore 10.30, e prosegue poi sino alla fine di gennaio 2019.

"Gocce di Blu" fa parte del progetto 'EduCarte - Sentieri di lettura e arte condivisa', ideato dall'associazione La Bottega Culturale e sostenuto economicamente dai Piani di Zona del Comune di Rimini. "Gocce di Blu è un’azione speciale del progetto - spiega Laura Moretti, presidente dell'associazione La Bottega Culturale - Lo scopo é promuovere i benefici apportati dall’arte in situazioni fragili, nello specifico durante la degenza in ospedale, indirizzandosi al target infanzia e famiglia, aiutando a superare il sentimento di isolamento e di esclusione a cui i bambini sono esposti durante la degenza".

"Gocce di Blu" prende spunto dal tema principale elaborato dalla mostra “Blu blu blu”, a cura di Immaginante, ospitata dal 19 ottobre all’11 novembre al Museo della Città di Rimini, mediante nuove ispirazioni e una impostazione personalizzata agli spazi ospedalieri. Nel suo complesso, dunque, è un proseguimento della precedente mostra con rivisitazioni e un’interpretazione nuova a cura di un’esperta di arteterapia. Al progetto hanno collaborato anche Centro per le Famiglie e Collettivo Arteda.

Esposizione libro-quadro, poi laboratori, letture e kit gioco

Il progetto libro-quadro è dedicato al colore blu del mare e del cielo nelle sue sfumature, percezioni psico-fisiche, emozioni, simboli e metafore. Il percorso espositivo rintraccia il blu nell’arte contemporanea attraverso alcune opere di grandi artisti per giocare al racconto delle emozioni.

Le suggestioni cromatiche e iconografiche dei quadri diventano luogo e spazio emozionali, raccontano mondi dentro cui si muovono i personaggi che insieme costruiscono le relazioni.

La parte narrativa, invece, è ispirata al libro “I due amici” di Paz Rodero e Wilkon Josef.

Il percorso espositivo è formato da quattordici tavole, esposte nello spazio dedicato alle attività ricreative del reparto di Pediatria. Le tavole delle illustrazioni – i cosiddetti libri-quadro - avranno una triplice funzione: la prima espositiva, la seconda ri-creativa e la terza narrativa.

Nelle prossime settimane, sino al termine di gennaio, varie attività saranno dedicate ai piccoli pazienti all'Ospedale Infermi di Rimini:

- tre attività laboratoriali dedicate ai bambini degenti, a cura di Sonia Fabbrocino (arteterapeuta del Collettivo Arteda), i quali saranno coinvolti in piccoli gruppi guidati da un’esperta di arte-terapia, per realizzare dei componimenti artistici ispirati all’esposizione. Ogni bambino avrà la possibilità di “giocare” e di sperimentare con materiali differenti, in prevalenza carta e plastica, per immergersi in creazioni artistiche e dare forma alle emozioni attraverso una vera e propria esperienza sensoriale;

- quattro letture speciali a cura dei Magnifici Lettori del Centro per le Famiglie di Rimini, mediante i libri-quadro che assumono la funzione scenografica, ma anche interattiva, attraverso l’inserimento di personaggi animati direttamente dai lettori;

- un kit gioco che include attività creative ispirate al tema del colore blu, in sinergia con la mostra laboratorio “Blu blu blu” e “Gocce di blu”, a cura di Laura Moretti (La Bottega Culturale).

Il dottor Vergine ha ringraziato tutti i soggetti che partecipano al progetto (Comune, Centro per le Famiglie di Rimini, lettori volontari…), evidenziando che “si tratta di un progetto che educa alle emozioni, ed è dunque molto indicato nell’ottica dei progetti di umanizzazione e integrazione socio sanitaria che si stanno portando avanti per tutti i reparti, ma in particolare per il nostro visto che i nostri pazienti sono dei bimbi”.

L’assessore Morolli ha commentato che “grazie a questo progetto si cerca di portare un sorriso in un luogo in cui normalmente si viene per curarsi, ma quando si sta male. A me è capitato, due volte, da bambino, di passare il Natale in ospedale, e capisco dunque bene l’importanza di un momento di ‘sollievo’ per i pazienti. Questo è un progetto importante e dimostra che quando lavoriamo insieme in sinergia otteniamo buoni risultati. Rimini, la Rimini vera, non è solo sui manifesti, ma anche dove la gente sta male”.

Pubblicato in Notizie dal sito

CONCERTO DI NATALE DEI ROMITI 2018
- Concerto di Natale-
Palazzetto dello Sport Villa Romiti - Forli (FC)
26 Dicembre 2018 ore 16:30
Tenore: Alessandro Goldoni
Tenore: Alejandro Escobar
Tenore: Domenico Menini

 

con la partecipazione straordinaria del Soprano: SCILLA CRISTIANO (in foto)

 

Direttore D'Orchestra M° Stefano Giaroli


Ensemble Terre Verdiane

Presentatrice: Silvia Naldi

Organizzazione evento: Volontari della Parrocchia di Santa Maria del Voto Romiti - Oratorio San Filippo Neri - Valter Valmori e Nadia Fornasari, con il Quartiere Romiti

 

Continua a Forlì l'iniziativa benefica giunta ormai alla sua diciannovesima edizione del Concerto di Natale, organizzato dalla parrocchia di Santa Maria al Voto dei Romiti in collaborazione con il Quartiere dei Romiti e il Comune di Forlì.
La sig.ra Nadia Fornasari insieme al marito Valter Valmori sono gli ideatori e gli organizzatori  di questa iniziativa benefica, che raccoglierà il ricavato del concerto per devolverlo in parte a don Marcello Vandi missionario tra i poveri e i “Bambini di Strada” in Venezuela e in parte  al reparto di pediatria dell'Ospedale Morgagni-Pierantoni di Forlì

 

Pubblicato in Notizie dal sito

Dopodomani, sabato 15 dicembre, in prossimità delle feste natalizie l’associazione “Il sorriso di Giada” onlus organizzerà nel reparto di pediatria dell’Ospedale Santa Maria delle Croci, uno spettacolo per presentare uno dei progetti di Pet Terapy in atto per i piccoli pazienti. Durante il pomeriggio saranno presenti diversi volontari che allieteranno il pomeriggio dei bimbi ricoverati. E in particolare: Chiara Tremamunno (trucca bimbi), Mauro Franceschelli (Pet terapy), Laura Ballestrino (lettura della fiaba di Sofia con accompagnamento musicale di Giampiero Bocchini). Saranno inoltre distribuiti panettoni a tutti i piccoli pazienti e alle loro famiglie. La grande sensibilità dimostrata, rinnova l’entusiasmo di tutto il personale della Pediatria di Ravenna nell’impegno a fare sempre di più e meglio verso i nostri piccoli pazienti.

Pubblicato in Notizie dal sito

Nel pomeriggio di sabato primo dicembre, presso l’Unità operativa di Pediatria del Presidio Ospedaliero di Ravenna, il Presidente del Leo Club Ravenna, Marco Di Lecce, accompagnato dau soci del Club Chiara Galeazzi, Alessandro Giardini e Massimiliano Scaioli, ha consegnato ai pazienti presenti in reparto i calendari dell’Avvento e cioccolatini per l’iniziativa  “Aspettando il Natale con i Leo”.

I piccoli pazienti hanno accolto con grande entusiasmo gli omaggi a loro riservati e la loro gioia si trasmetteva sia ai donatori sia al personale medico e infermieristico presente.

Il personale medico e infermieristico ha calorosamente ringraziato il Presidente e i soci del Leo Club Ravenna per la generosità dimostrata, sia a nome del personale della Pediatria, sia a nome della Direzione Sanitaria del Presidio Ospedaliero di Ravenna.

Pubblicato in Notizie dal sito

Crestarossa e il mistero del roseto ci aiuta a vincere la paura di superare le soglie. Un testo con undici meravigliose avventure, e una cassetta degli attrezzi per “favolare”, che emerge meditato e irrefrenabile dal lavoro sul fare e disfare favole del progetto Riscossa fantastica – Quadreria in Pediatria. Il progetto biennale con l’Ausl della Romagna dal primo dicembre si racconta in favola anche in libreria.

Il progetto di Medical Humanities, al terzo biennio, dal Reparto di Pediatria spalanca colorate finestre sul mondo oltre il qui e ora, verso il confine vero-verosimile nella sfida per la crescita umana e ora i racconti di Renata Franca Flamigni consentono a tutti i piccoli lettori di sperimentare in totale sicurezza emotiva percorsi fondamentali per il futuro. Dal primo dicembre infatti il testo Crestarossa e il mistero del roseto, Homeless Book editore – Faenza, è reperibile in libreria e online in formato e-book. Il prodigioso testo che ha l’introduzione del Dott. Enrico Valletta, pediatra e direttore dell’U.O. Pediatria, Ospedale G.B. Morgagni – L. Pierantoni, AUSL della Romagna è un libro corale.

Sconfinamenti, alterità, resilienza: in questo testo ci sono storie d’incontri prodigiosi, di diversità, di lotta per il bene comune che ci sussurrano di restare umani … ancora, sempre. Il testo è anche un omaggio alla Convenzione delle Nazioni Unite sui Diritti del Fanciullo non solo un codice di norme giuridiche bensì un vero programma pedagogico di educazione alla libertà e alla responsabilità basata sul rispetto. Il progetto Riscossa fantastica – Quadreria in Pediatria, con il patrocinio di Ausl Romagna e Comune di Forlì – Assessorato alla Cultura, Politiche Giovanili, Pari Opportunità, da cui esce il testo è proposto dall’Associazione Fantariciclando con Pediatria dell’Ospedale Morgagni-Pierantoni, Action Line, Metamuseo girovago, PuntoDonna, La Guida dei bambini, Tank - Sviluppo Immagine

Pubblicato in Notizie dal sito

Si è svolta nella mattinata di ieri, presso l’Unità operativa di “Pediatria e Neonatologia” del Presidio Ospedaliero di Ravenna, l’inaugurazione del nuovo ambulatorio del Day Hospital del reparto stesso. Una realizzazione molto importante per quanto riguarda una sempre migliore accoglienza dei piccoli pazienti e delle loro famiglie, che è stata possibile grazie alle generose donazioni dei coniugi Filippo Sbaraglia e Patrizia Parrotta e di Ravenna Farmacie.

I coniugi Sbaraglia hanno festeggiato il loro compleanno chiedendo ad amici e conoscenti non regali per loro stessi, ma donazioni da destinare all’Unità operativa di Pediatria di Ravenna; donazioni che sono state poi utilizzate per acquistare i nuovi arredi dello studio medico e un televisore da collocare in una stanza di degenza.

Ravenna Farmacie ha destinato il ricavato di una cena benefica all’acquisto di un lettino per visite, che è stato collocato nello stesso ambulatorio.

Alla cerimonia inaugurativa erano presenti il dottor Federico Marchetti (direttore dell’Unità operativa complessa di “Pediatria e Neonatologia”, il dottor Paolo Fusaroli in rappresentanza della Direzione Sanitaria del Presidio Ospedaliero di Ravenna, i coniugi Filippo e Patrizia Sbaraglia con il figlio Davide, il Direttore della Farmacia Comunale n. 9 dottor Abdul Rahman Khatam in rappresentanza dello Staff di Ravenna Farmacie.

Il dottor Marchetti ha espresso il proprio sentito ringraziamento e quello del personale medico e infermieristico del Reparto di Pediatria, rilevando che il nuovo ambulatorio consente di visitare i bambini che afferiscono al Day Hospital pediatrico in un ambiente più colorato e a misura dei piccoli pazienti.

Pubblicato in Notizie dal sito

Per un bimbo stare in ospedale è già di per se’ una sofferenza. Se poi l’accesso è dovuto ad un piccolo trauma, che magari provoca un po’ di dolore, e c’è anche un po’ da aspettare perché in sala d’attesa ci sono altri bambini che attendono di ricevere le cure, la cosa rischia di diventare davvero pesante.

D’altra parte l’accoglienza per i pazienti, specialmente per i più fragili (bambini, anziani…) è una politica importante, sposata dalla Regione Emilia Romagna, e per la quale già da anni l’Azienda USL sostiene investimenti.

Quando, infine, questi aspetti si possono affrontare al meglio grazie alla vicinanza della società civile, il risultato è davvero bello e importante.

E proprio questo è il caso della donazione di mobili ludici per arredare e arricchire l’Ambulatorio di Urgenze Pediatriche dell’Ospedale di Rimini ad opera di Vincenzo e Veronica Lippoli, titolari della Falegnameria Lippoli che produce arredi su misura.

Si tratta di arredi realizzati in legno e tinteggiati con apposite vernici all’acqua e biologiche. E nel dettaglio sono stati collocati – e inaugurati stamane alla presenza dei donatori, del dottor Gianluca Vergine (direttore della Pediatria dell’”Infermi”), della dr.ssa Laura Viola (responsabile Ambulatorio Urgenze Pediatriche), della Direzione Medica Ospedaliera e della dottoressa Elisabetta Montesi (responsabile aziendale Fundraising) – i seguenti mobili del valore complessivo, di produzione, di oltre mille euro:

• casetta in listelli di massello di abete di doppio colore in stile marino, di un metro e mezzo circa di lato e un metro e mezzo di altezza, con ingresso e due finestre;

• ponticello in legno con sagoma tonda senza gradini e di altezza di circa 20 centimetri;

• pannello montessoriano senza elementi sonori;

• 3 mensole da fissare al muro per riporre i libri.

L’Azienda Usl della Romagna, dalla Direzione al direttore della Pediatria riminese dottor Gianluca Vergine, ringraziano la famiglia Lippoli per la generosa donazione che contribuisce al miglioramento continuo della qualità dell’ambiente ospedaliero, quale presupposto per l’erogazione di standard elevati di cura.                                                   

Pubblicato in Notizie dal sito

Voli da brivido, ma assolutamente sicuri, per una buona causa. I piloti dell’associazione “27 Aerobatics” hanno infatti utilizzato il ricavato di alcune manifestazioni di volo acrobatico per l’acquisto di un’apparecchiatura donata all’Ospedale “Infermi” di Rimini, servizio di Oncoematologia Pediatrica. Si tratta di un laser utilizzato per curare le ulcere delle mucose del cavo orale, che spesso affliggono i piccoli pazienti sottoposti a chemioterapia. Nei giorni scorsi la consegna alla presenza di Paolo Sapignoli, in rappresentanza dell’associazione che ha donato, della direzione medica dell’Ospedale (dottori Gianfranco Cicchetti e Marzia Giovagnoli) del primario della Pediatria Gianluca Vergine e della responsabile del servizio Roberta Pericoli.

                                  

“Le terapie che effettuiamo per i nostri pazienti hanno anche alcuni effetti collaterali. Tra cui mucositi, che portano a lesioni nelle mucose del cavo orale – spiega la dottoressa Pericoli –; sono lesioni molto dolorose che rendono difficilissimo mangiare, tanto che è necessario il ricovero per la nutrizione parenterale”. Le lesioni possono durare fino a 10 giorni e colpiscono una trentina di bimbi l’anno. “Con questa apparecchiatura effettuiamo rivascolarizzazione dell’area colpita e nel giro di 1/2 giorni la ferita migliora fortemente e il bimbo riesce a tornare a mangiare, evitando il ricovero ospedaliero”.

“Ringrazio l’associazione per la determinazione che ha portato alla donazione – aggiunge il dottor Vergine – che è fondamentale per queste patologie. Auspico che sia l’inizio di una collaborazione”. Medesimo auspicio anche dalla direzione medica: “La vicinanza della società civile e del mondo del volontariato – dice il dottor Cicchetti – è molto importante per la nostra Azienda”.

“La nostra associazione raggruppa piloti di aereo di professione – racconta Sapignoli -. E nel  nostro tempo libero pratichiamo il volo acrobatico con aerei ad elica, realizzati tutti in fibra di carbonio, appositamente per questo tipo di manifestazioni. Sono assolutamente sicuri e trasportiamo anche passeggeri che, a fronte del pagamento di un biglietto, desiderano provare l’emozione del volo acrobatico. Ma nei nostri obiettivi è anche diffondere la passione per il volo ed occuparci di cause positive. Per questo motivo abbiamo deciso di devolvere il ricavato di alcuni trasporti svoltisi in agosto all’aeroporto di Fano, nonché alcuni fondi della nostra associazione, all’acquisto del laser. E’ nostra intenzione proseguire su questa strada e voglio ringraziare tutti coloro che hanno contribuito alla riuscita della manifestazione, tra cui in particolare l’Ufficio del Turismo del Comune di Rimini che ci ha dato una grossa mano nella promozione”.                                              

Pubblicato in Notizie dal sito

Archivio

Mi piace