Visualizza articoli per tag: scuola

Prendono avvio oggi, 8 gennaio, i percorsi di alternanza scuola lavoro presso le strutture dell’Azienda USL della Romagna.  Sono 102 le manifestazioni d’interesse pervenute entro  dicembre scorso  a  fronte degli 81 progetti  proposti in ottemperanza al Protocollo d’intesa sottoscritto tra Azienda USL della Romagna e Ufficio scolastico regionale – Ambiti territoriali di Forlì-Cesena, Rimini e Ravenna. Tutte accolte le richieste pervenute nei termini  grazie alla loro distribuzione in un ampio arco temporale, che va da gennaio  a novembre 2018,  consentendo ai Tutor aziendali di poter accogliere e seguire adeguatamente gli studenti ospitati .

Sono in corso di perfezionamento le richieste relative ai  percorsi di “peer education” promossi dal Dipartimento di Salute  Pubblica nell’ambito dei Progetti del Piano di prevenzione regionale, inseriti nel Piano Attuativo Locale, che prevedono l’alternarsi di momenti di formazione in aula e percorsi operativi, nei contesti definiti dalla progettazione con gli Istituti scolastici.

Da segnalare la richiesta di coinvolgimento delle strutture aziendali su specifici progetti sperimentali proposti dalle scuole, su sollecitazione del Ministero della Pubblica Istruzione in convenzione con gli Ordini provinciali dei Medici ed Odontoiatri. Le specifiche convenzioni con i singoli Istituti scolastici stabiliscono modalità e tempi di attuazione dei singoli progetti  per un numero complessivo di 120 studenti.

“Preziose occasioni, quelle che prendono avvio da oggi e si protrarranno nel corso di tutto il 2018, per rafforzare quella dinamica alleanza avviata tra il mondo della scuola e quello della sanità. Un ‘orientamento in situazione’ offerto ai giovani per poter fare scelte formative e professionali più consapevoli: un investimento importante sugli operatori della sanità di domani – commenta Pierdomenico Lonzi Direttore dell’U.O. Sviluppo organizzativo, Formazione e Valutazione dell’Ausl Romagna –  a favore dell’intera cittadinanza. Tutti gli ambiti territoriali sono coinvolti, per le richieste pervenute oltre la scadenza prevista si potrà valutare la riapertura dei termini”

Pubblicato in Notizie dal sito

L’Azienda USL della Romagna è impegnata ad attuare quanto previsto dalla legge 119 del 2017, relativa all’obbligo vaccinale, cercando di limitare i disagi per le famiglie. In particolare per quanto riguarda i bambini e gli adolescenti che frequentano le scuole dell’obbligo (fasce d’età 6 – 16 anni, mentre per le fasce d’età 0-6 anni si è già provveduto, si veda qui ) la maggior parte degli Istituti Scolastici romagnoli, aderendo alla proposta contenuta nella nota a firma congiunta dell’Assessore Regionale alla Sanità e del Dirigente dell’Ufficio Scolastico Regionale, ha provveduto a trasmettere all’Azienda Usl l’elenco degli iscritti. Queste scuole riceveranno dall’Azienda Usl, entro il 20 ottobre, l’elenco dei soli bambini o adolescenti la cui situazione vaccinale risulti ancora da esaminare e solo a questi la scuola richiederà la documentazione probante l’avvenuta vaccinazione o l’appuntamento con il servizio vaccinale. Contestualmente, queste famiglie riceveranno a casa dall’Azienda USL l’invito a recarsi presso gli ambulatori vaccinali per chiarire la loro situazione.

Le famiglie dovranno verificare se la scuola  frequentata dal loro o dai loro figli, si è avvalsa o meno della possibilità sopradescritta.

In caso negativo le famiglie dovranno consegnare alla scuola, entro il termine del 31 ottobre, il certificato vaccinale che attesti di aver effettuato tutte le vaccinazioni previste dalla norma in base all’età o l’autocertificazione e, in caso di mancato rispetto del calendario vaccinale dovranno presentare copia della lettera di convocazione dell’Ausl, o della prenotazione.

L’attestazione del proprio stato vaccinale può essere ottenuta, a partire da lunedì 16 ottobre, in due diversi  modi:

  • Richiedendola presso i servizi dell’Ausl, nei punti e con le modalità di seguito riportate. L’utente dovrà in primo luogo dotarsi del „Modulo di richiesta rilascio certificato delle vaccinazioni“, che si può scaricare qui in allegato, e che si troverà anche stampato presso gli sportelli aziendali presso cui si potrà richiedere l‘attestazione. A questo proposito si informa che l’Azienda ha predisposto l’apertura straordinaria, nelle varie strutture territoriali, di sportelli ad hoc, per facilitare l’accesso delle famiglie che hanno bisogno delle attestazioni vaccinali. Si evidenzia che in questi sportelli straordinari avrà luogo  esclusivamente l’attività certificativa relativa alle vaccinazioni. E sebbene tale attività possa essere svolta anche durante il normale orario d’apertura degli sportelli  amministrativi di front office, si segnala che negli orari di apertura non straordinaria si continuerà a svolgere anche il resto dell’attività preposta, e che quindi si potrebbero verificare maggiori tempi di attesa allo sportello. Per l’attestazione vaccinale si consiglia pertanto di rivolgersi preferibilmente  agli sportelli straordinari di cui sopra. In allegato, per ogni ambito territoriale, una tabella riportante gli orari di tutti gli sportelli, con specifica di quelli straordinari ad hoc attivati per la certificazione vaccinale;
  • Scaricandola dal proprio Fascicolo Sanitario Elettronico (Fse) dove il certificato sarà aggiornato in tempo reale. Il Fse elettronico può essere attivato da tutti gli assistiti iscritti all’anagrafe vaccinale dell’Emilia Romagna (le modalità per farlo sono consultabili sul sito dell’Ausl Romagna a questo link ).

Infine si ribadisce che le famiglie i cui figli rientrano nelle condizioni di esonero o differimento delle vaccinazioni, devono rivolgersi al pediatra o al medico curante per la relativa certificazione.

Pubblicato in Notizie dal sito

In merito all’applicazione della legge 119 del 2017 (cosiddetto “Decreto Vaccini”), sulla scorta di quanto previsto dalla Regione Emilia Romagna per andare incontro alle famiglie, l’Azienda Usl della Romagna si sta attivando con misure mirate a ciò mirate.

Per quanto riguarda i bambini in fascia d’età 3-6 anni (nati tra il 2012 e il 2014 compresi), e cioè che possono frequentare la scuola materna, l’Azienda ha provveduto, entro il termine del 2 settembre scorso, ad inviare a tutti i nuclei famigliari una lettera contenente la documentazione necessaria per perfezionare l’iscrizione all’asilo nido o alla scuola materna.

Le famiglie dei bimbi che hanno effettuato tutte le vaccinazioni previste dalla norma per il loro anno di nascita, hanno ricevuto un’attestazione in questo senso.

Le famiglie con bimbi non vaccinati o con cicli vaccinali incompleti rispetto all’età, hanno invece ricevuto un invito, con data orario e luogo, per effettuare le vaccinazioni mancanti o comunque avere un colloquio con personale qualificato se ritenuto utile, nonché, ovviamente, i riferimenti in caso di necessità di contatto col servizio vaccinale.

L’attestazione di adempienza e l’invito per la vaccinazione, rappresentano la documentazione necessaria che si può presentare alle scuole per l’iscrizione. Le famiglie con figli in questa fascia d’età non hanno dunque al momento nessun obbligo di autocertificazione, né hanno la necessità di attivarsi per prendere un appuntamento.

In tutta la Romagna sono state inviate complessivamente 24.090 attestazioni di idoneità vaccinale e 3.878 lettere alle famiglie dei bimbi non vaccinati o con cicli vaccinali incompleti rispetto all’età, contenenti cioè altrettanti appuntamenti.

Rispetto agli ambiti territoriali i dati sono i seguenti:

Cesena: 4.528 attestazioni di idoneità e 736 lettere di  invito

Forlì: 4.185 attestazioni di idoneità e 593 lettere di  invito

Ravenna: 8.591 attestazioni di idoneità e 844 lettere di  invito

Rimini: 6.786 attestazioni di idoneità e 1.705 lettere di  invito

Per le famiglie con figli nati negli anni tra il 2015 e il 2017 (compresi) e quindi in età da asilo nido, l’Azienda ha acquisito dai gestori delle strutture dei vari territori gli elenchi nominativi dei bimbi frequentanti e ha provveduto a verificarne lo stato vaccinale, restituendo ai gestori stessi le informazioni relative ai bambini in regola, le cui famiglie dunque non avranno alcun adempimento; le famiglie i cui figli iscritti ai nidi fossero risultati non vaccinati o con cicli vaccinali incompleti rispetto all’età, riceveranno a loro volta la lettera di invito con appuntamento, con la quale potranno iscriversi.

Invece, per le famiglie con figli nati negli anni tra il 2001 e il 2011 compresi, che cioè frequentano o devono frequentare la scuola dell’obbligo, vi sono tempi più lunghi, in quanto la normativa concede finno al 31 ottobre per presentare alla scuola la documentazione necessaria per regolarizzare la propria posizione e fino al primo marzo 2018 per effettuare la vaccinazione per gli inadempienti. E sono al vaglio le misure, che saranno comunicate in tempo utile, per procedere in questo senso cercando anche in questo caso di minimizzare i disagi per le famiglie.

Si ricorda infine che i servizi vaccinali sono stati adeguatamente rafforzati per attivare ambulatori ad hoc finalizzati al “recupero” dei bambini e adolescenti non vaccinati o solo parzialmente vaccinati. E in particolare a Rimini, a causa del numero molto rilevante di soggetti non in linea con il calendario vaccinale e dei ristretti tempi per dare seguito agli inviti a vaccinare, in questa prima fase è stata prevista la fissazione delle visite esclusivamente presso la sede vaccinale di Rimini (via Coriano, 38) per tutta la provincia, essendo l’unica al momento in grado, per spazi e per personale adeguatamente preparato, di affrontare il  relativo impatto anche con orari più idonei ad andare incontro alle esigenze delle famiglie.

Si stanno comunque creando le condizioni logistiche e organizzative per attivare gli ambulatori straordinari anche nelle sedi periferiche.

 

Pubblicato in Notizie dal sito

"L'assistente sanitario - Esperienze a confronto". E' il titolo di un evento seminariale che si svolgerà venerdì 15 settembre presso l'Aula Magna del polo universitario riminese (via Angherà, 22 - Rimini), dalle ore 8:45 alle 14:15. Organizzato dal corso di laurea col patrocinio dell'Ausl Romagna, l'evento prevede interventi di vari professionisti aziendali e di altre realtà sanitarie nazionali, tra cui vari "testimonial professionali". Tutti i dettagli nell'allegato pieghevole.

Pubblicato in Notizie dal sito

Archivio

Mi piace