Costanza Senni

Costanza Senni

Prestazioni sanitarie sempre più “vicine” ai cittadini, grazie alla rinnovata collaborazione tra Azienda USL della Romagna e Associazioni delle Farmacie del territorio romagnolo, sancita da una nuova Convenzione, sottoscritta ieri, alla presenza del Direttore sanitario dottor Stefano Busetti, del Direttore della Unità operativa “Piattaforma amministrativa” di Rimini dottoressa Mirella Fantinelli e, per le farmacie, dai dottori Ernesto Toschi, Coordinatore Regionale Assofarm che raggruppa le farmacie comunali di tutti i territori della Romagna; Barbara Pesci, direttore generale di “Ravenna Farmacie Srl”; Alberto Lattuneddu per Federfarma di Forlì – Cesena; Pietro Gueltrini per l’Associazione Titolari di Farmacie Provincia di Ravenna; Daniele Raganato per Federfarma Rimini; Domenico Dal Re, presidente dell’Ordine dei Farmacisti di Ravenna.

In virtù di tale sottoscrizione, è infatti partita una progettualità che fa perno sull’importanza dell’integrazione delle farmacie nel sistema di accesso alle prestazioni, e grazie alla quale entro il primo semestre del 2020, presso tutte le farmacie romagnole aderenti al progetto Farmacup - oltre ovviamente alla distribuzione dei farmaci che resta la missione principale delle farmacie - gli utenti potranno effettuare le prenotazioni, oltre che delle visite e degli esami specialistici, anche per i prelievi delle analisi di laboratorio, e potranno ritirare in farmacia la stampa dei referti delle analisi effettuate presso le strutture dell’Ausl Romagna e/o presso le strutture accreditate sul territorio romagnolo. Per la stampa e consegna dei referti, come previsto dalle disposizioni regionali le Farmacie potranno chiedere un contributo economico al cittadino.

 

Si tratta di un progetto che, in virtù della capillarità di distribuzione delle farmacie sul territorio, rappresenta una importante agevolazione per l’utenza. E in prospettiva la Convenzione prevede la possibilità di ampliare la collaborazione con le Farmacie previa valutazione delle soluzioni praticabili, anche per la riscossione del ticket in farmacia. Tutto ciò in un quadro generale per cui, in considerazione della missione di cui sopra, si tornerà a ragionare sulle modalità distributive dei farmaci.


La Pediatria del Bufalini beneficia nuovamente della generosità del Quartiere Al Mare che anche quest’anno, dando continuità alla partnership con il progetto pediatria a misura di bambino, instaurata da anni, ha deciso di devolvere al reparto il ricavato della tradizionale tombola benefica di Natale pari a 878,50 euro, ai quali si aggiungono ulteriori 500 euro donati da un privato cittadino residente nel Quartiere.

La donazione, del valore complessivo 1378,50 euro, è stata consegnata ufficialmente questa mattina nel reparto di Pediatria dell’ospedale Bufalini di Cesena dal presidente del Quartiere Al Mare Athos Ambrosini, alla presenza tra gli altri del primario del reparto dottor Marcello Stella, della coordinatrice infermieristica Paola Sama, della responsabile del Fundraising aziendale Elisabetta Montesi insieme ad alcuni clown dottori e operatori, che a nome dell’azienda e di tutta l’equipe medica e infermieristica hanno ringraziato, per la generosità e la sensibilità dimostrata ancora una volta, il Quartiere Al Mare e tutti coloro che hanno contribuito alla donazione

Qualche giorno fa i bambini ricoverati nel reparto di Pediatria del Bufalini hanno ricevuto la visita speciale del 15° Stormo dell'Aeronautica Militare con sede presso l'aeroporto di Cervia, al comando del Colonnello Pilota Diego Sismondini.

Piloti, aerosoccorritori ed antincendi, tutti rigorosamente in uniforme, hanno consegnato in dono materiale utile al reparto e tanti giochi per i piccoli pazienti. Nel corso della visita i piloti hanno illustrato anche le funzionalità di alcuni strumenti utilizzati dal personale navigante dello Stormo che quotidianamente si alza in volo per la salvaguardia della vita umana, suscitando tanta curiosità e sorrisi tra i piccoli degenti e le loro famiglie.

“Lo Stormo nella sua integrazione con il territorio locale – dichiara il Col. Pil. Sismondini - è sempre attento a tematiche di solidarietà anche per il ruolo che svolge nel compito istituzionale di soccorso aereo su tutto il territorio nazionale. Quest'anno, con la speranza di renderlo un appuntamento ricorrente, abbiamo deciso di testimoniare la nostra vicinanza ai piccoli degenti della Pediatria e alle loro famiglie, portando loro in dono un piccolo pensiero e magari anche un sorriso”.

Erano presenti alla visita il direttore del reparto dottor Marcello Stella, la coordinatrice infermieristica Paola Sama e la responsabile del fundraising aziendale Elisabetta Montesi che hanno ringraziano tutto il personale del 15° Stormo per questo gesto di vicinanza e solidarietà.

 

Il 5 febbraio alle ore 15 presso l'Aula Magna dell'Ospedale di Ravenna si svolgerà l'incontro dal titolo "La gestione dello stato di male convulsivo. Dalle Linee Guida, alle evidenze dei risultati dei grandi trials.Un protocollo condiviso".  L'evento, promosso dall'Unità Operativa di Pediatria e Neonatologia di Ravenna diretta dal dottor Federico Marchetti, è rivolto al personale medico e infermieristico (pediatri, medici del 118, medici del Pronto Soccorso generale e rianimatori). Si allega la locandina.

La realizzazione del nuovo ospedale di Cesena aggiunge un nuovo importante tassello al proprio iter. La commissione giudicatrice nominata per la valutazione delle offerte tecniche ed economiche ha proceduto, in seduta pubblica virtuale svoltasi nel pomeriggio di ieri, attraverso il Sistema Informatico per le Procedure Telematiche di Acquisto SATER/IntercentER della Regione Emilia-Romagna, all’apertura delle buste delle offerte economiche relative alla gara per l’affidamento dei servizi di “architettura, ingegneria e geologia, con relative indagini, per la redazione della progettazione di fattibilità tecnica ed economica, definitiva ed esecutiva e il coordinamento della sicurezza in fase di progettazione, con riserva di affidamento della direzione lavori e del coordinamento alla sicurezza in fase di esecuzione inerente ai lavori di realizzazione del nuovo Ospedale di Cesena”.

A conclusione delle operazioni di gara è stata formulata la graduatoria provvisoria che vede collocata al primo posto l’offerta del concorrente RTI STUDIO ALTIERI SPA - F&M INGEGNERIA SPA - COOPROGETTI SOCIETA' COOPERATIVA - Ing Luca Sani - Roberto Ravegnani Morosini - GPA S.R.L., al secondo, RTI STEAM S.R.L. - PINEARQ SLP - SDA PROGETTI, al terzo RTI BININI PARTNERS S.R.L. - BMS PROGETTI S.R.L. - B.M.Z. IMPIANTI -S.R.L. - AR/S ARCHEOSISTEMI SOCIETA' COOPERATIVA - SYSTEMATICA S.R.L. - T.E.S.I. ENGINEERING - S.R.L., a seguito altri concorrenti consultabili nella gradiatoria provvisoria

La commissione ha trasmesso gli atti alla Stazione appaltante che dovrà procedere alle verifiche previste dalla normativa in materia di appalti e a formalizzare l’aggiudicazione. L’aggiudicatario inizierà la nuova fase di progettazione prendendo le mosse dal “Progetto di fattibilità tecnica ed economica prima fase”, che è stato completato il 31 maggio 2018 ed approvato con deliberazione del Direttore Generale del 05 luglio 2018.

CENNI SULLO SVOLGIMENTO DELLA GARA
Il bando di gara è stato pubblicato l’8 aprile 2019, all’indomani della firma, avvenuta il 3 aprile 2019, dell’Accordo territoriale tra il Comune di Cesena, la Provincia di Forli-Cesena, la Regione Emilia Romagna e l' AUSL della Romagna, per la localizzazione del nuovo polo ospedaliero di Cesena, ai sensi dell'art.58 della L.R. 24/2017, nell’area, di proprietà dell’Azienda USL della Romagna, sita in località Villachiaviche di Cesena.
Entro il termine di scadenza per la presentazione delle offerte (12 luglio scorso) sono pervenute 14 offerte, tutte ammesse dopo la verifica della relativa documentazione.
Il 30 settembre è stata nominata la commissione giudicatrice preposta alla valutazione delle offerte tecniche ed economiche, composta tutta da membri esterni all’Azienda USL della Romagna. La commissione ha concluso i suoi lavori in data di ieri con la formulazione della graduatoria provvisoria di cui sopra.

LA FILOSOFIA DEL PROGETTO
Sulla base delle anticipazioni già fornite in fase preliminare, lo schema di base nell’ambito della prima fase del progetto di fattibilità tecnica ed economica prevede, di massima, un corpo denominato “piastra” - dove concentrare le funzioni sanitarie generali, compresa l’area dell’emergenza/urgenza ed i servizi per l’utenza esterna - a cui si collegheranno delle torri (articolate su tre-quattro piani) per ospitare le degenze e gli ambulatori medici, per una superficie complessiva di 75mila metri quadri.
Il complesso sarà caratterizzato da strutture poco elevate in altezza, quindi di basso impatto ambientale, e sarà anche molto flessibile: alla piastra possono essere aggregate più torri, ognuna composta anche da un numero diverso di piani, a seconda delle necessità variabili nel tempo.
La piastra (di circa 33.000 metri quadrati di superficie) sarà articolata su due-tre piani che saranno dedicati all’utenza esterna e all’emergenza urgenza. L’accesso al Pronto Soccorso si troverà a un capo della piastra, mentre l’ingresso dell’utenza potrebbe essere collocato al capo opposto o, in alternativa, in un punto intermedio.
In posizione staccata dal complesso torri-piastra sorgerà un fabbricato sede di alcuni servizi generali e logistici (cucina-mensa-dispensa, officine di manutenzione, locali tecnici, magazzini), collegato al complesso principale tramite un tunnel sotterraneo.
Il progetto punta quindi ad una struttura che superi le difficoltà di collegamento tra i diversi corpi di fabbrica, presenti nell’attuale ospedale, che dagli anni ‘70 sono stati edificati attorno a un primo nucleo centrale a monoblocco, e consenta il superamento definitivo delle barriere architettoniche “naturali” dell’attuale Bufalini.
Il complesso sarà articolato in diverse macroaree specialistiche; la concezione della nuova struttura ospedaliera sarà comunque improntata alla flessibilità, strutturale e gestionale, con aree di degenza capaci di rispondere alle esigenze di bisogni sanitari che nel tempo possono cambiare. Il dimensionamento del progetto terrà pertanto conto dell’andamento demografico, delle patologie ricorrenti e nuove, delle relazioni con gli altri ospedali della rete per la concentrazione di casistiche complesse e delle possibilità offerte dalle caratteristiche strutturali previste per la piastra servizi.
Altra caratteristica fondamentale dalla nuova struttura sarà la grande rilevanza degli spazi destinati all’area diagnostica per prestazioni di alta complessità al servizio dei percorsi del trauma e delle neuroscienze (piattaforma radiologica e di radiologia e neuroradiologia interventistica) in cui si svolgono prestazioni di alta complessità. L’attuale “Bufalini” è infatti sede di Trauma Center della Romagna e svolge un ruolo di riferimento per l’urgenza e per i grandi traumi (neurochirurgici e ortopedici).

L’ADEGUATEZZA DELL’AREA PRESCELTA
Fondamentale, per lo sviluppo del progetto, l’adeguatezza dell’area prescelta. Situata a Villachiaviche e già di proprietà dell’Ausl, l’area è collocata sull’asse della “Gronda–Bretella”, ha una superficie di 22 ettari, (l’ordine di grandezza necessario per la costruzione di una struttura analoga al Bufalini), e potrà offrire per la sosta oltre 1.000 posti auto.

IL PERCORSO ISTITUZIONALE
L’ideale punto di partenza del cammino verso la realizzazione del nuovo Ospedale di Cesena può essere individuato nella stima elaborata alcuni anni fa, secondo la quale erano necessarie risorse superiori a 50 milioni di euro per l’adeguamento sismico del Bufalini. E anche ogni successiva analisi tecnica ha reso evidente come fosse più conveniente costruire un nuovo Ospedale in altro luogo, piuttosto che procedere per continui riadattamenti dell’esistente.
La fase preparatoria è partita nel dicembre 2015 quando la Giunta regionale ha approvato le “Linee di indirizzo per la riorganizzazione ospedaliera”.
Ne è seguita una intensa fase di confronto, molto approfondito, all’interno della città, conclusa la quale si è messa in moto la macchina procedurale.
Nel corso del 2017 l’Azienda USL della Romagna ha svolto uno studio di pre-fattibilità da cui è risultata riconfermata come soluzione ottimale, la riedificazione dell’ospedale di Cesena in l’area di proprietà dell’Azienda, sita in località Villachiaviche, in prossimità del casello autostradale di Cesena sud.
Parallelamente, l’Assessorato all’Urbanistica del comune di Cesena ha avviato studi ed approfondimenti di natura territoriale ed urbanistica, e predisposto il procedimento tecnico – amministrativo per la localizzazione urbanistica di un nuovo ambito da destinare a servizi di interesse sovra comunale – Polo ospedaliero, promuovendo allo scopo l’approvazione e la sottoscrizione di un accordo territoriale individuando quali soggetti istituzionali da coinvolgere nell’accordo la Provincia di Forlì- Cesena, la Regione Emilia Romagna, la Direzione Generale AUSL Romagna.
La Giunta Regionale ha disposto di destinare all’Azienda risorse pari a 12 milioni di euro per il finanziamento delle fasi di progettazione dell’intervento di realizzazione del nuovo Ospedale di Cesena, la cui realizzazione risulta finanziata dal Ministero della Salute per la somma di 156 milioni di euro.

 

Venerdì, 10 Gennaio 2020 13:06

Nuovi presidi in dono al 118 di Cesena

Nuovo bel gesto di generosità e solidarietà a favore dell’ospedale Bufalini da parte del Signor Emanuele Lugaresi, storico donatore della Pediatria, che ha devoluto al servizio emergenza urgenza 118 di Cesena ventiquattro presidi del valore complessivo di 1200 euro.  Si tratta nello specifico di 12 custodie a tracolla, per il trasporto in sicurezza delle bombole di ossigeno, che consentono agli operatori durante lo spostamento di svolgere in contemporanea altre funzioni e di 12 zaini impermeabili destinati a contenere presidi e farmaci per le emergenze nei pazienti pediatrici.
L’Azienda USL e tutto il personale del 118 esprimono un sentito ringraziamento al Signor Lugaresi per la donazione di queste nuove attrezzature molto utili agli operatori sanitari durante lo svolgimento della loro attività quotidiana

In occasione delle elezioni regionali del prossimo 26 gennaio, i Servizi di Igiene e Sanità Pubblica dell’Ausl Romagna informano sulle modalità per il rilascio di certificati per l’ammissione al voto assistito per elettori fisicamente impediti e al voto domiciliare per elettori affetti da infermità gravi che ne rendono impossibile l’allontanamento dall’abitazione.

 

QUI CESENA

Voto assistito
La certificazione viene rilasciata, in presenza dell’elettore interessato, presso gli ambulatori del Servizio di Igiene Pubblica durante i consueti orari di apertura, come da prospetto seguente. L’utente può accedere direttamente senza appuntamento, e in qualunque ambulatorio gli sia più comodo (la residenza non ha importanza). Si ricorda di portare eventuale documentazione clinica ritenuta opportuna per la valutazione (es. invalidità civile, referti specialistici), nonché un documento di identità valido.

Aperture ambulatoriali fino al 24 gennaio

Cesena, Piazza Anna Magnani 146 :  da Lun a Ven 8.30 - 12.30. Mar 13.30 - 16.30
Cesenatico Largo S. Giacomo 15:  2° e 4° Ven del mese 8.30 - 12.30 e 1° e 3° Gio del mese 14.00 - 16.30
Gambettola Via Viole 35:  1° e 3° Ven del mese 8.30 - 12.30
Savignano sul R. Via F.lli Bandier 15: Lun 8.30 - 12.30; Gio 8.30 - 12.00
Sogliano al R. Via Cavour 23: 3° Mar del mese 9.00 - 12.00
Bagno di R. c/o Ospedale di S. Piero in Bagno: 2° e 4° Mer del mese 9.00 - 12.30
Mercato S. c/o Ospedale Cappelli: 1° e 3° Mer del mese 8.30 - 12.30
Sarsina Via Martiri D’Ungheria 2:  1° Mar del mese 8.30 - 12.00

Aperture ambulatoriali Sabato 25 e Domenica 26 gennaio

Cesena Piazza Anna Magnani 146: Sab 25 gennaio 10.00 - 12.00
Cesena Corso Cavour, 180: Dom 26 gennaio 10.00 - 13.00
Cesenatico Largo S. Giacomo, 15: Dom 26 gennaio 14.00 - 15.30
Savignano Via F.lli Bandiera, 15: Dom 26 gennaio 16.00 -17.30
Bagno di R. c/o Ospedale di S. Piero in Bagno: Dom 26 gennaio 9.00 - 10.30
Mercato S. c/o Ospedale Cappelli: Dom 26 gennaio 11.00 -12.30

Voto a domicilio
Il voto a domicilio è riservato ad elettori affetti da infermità gravi, tali da impedirne l’allontanamento dall'abitazione anche con eventuale trasporto organizzato dal Comune e/o si trovino in dipendenza continuativa e vitale da apparecchiature elettromedicali. I certificati per il voto da esercitare al proprio domicilio possono essere richiesti telefonando al n° 339 7731913 in modo da fissare un appuntamento per la visita da parte del Medico certificatore al domicilio del richiedente.

 

QUI FORLì

VOTO A DOMICILIO
I certificati per il voto da esercitare al proprio domicilio potranno essere à noi richiesti contattando il punto informativo del Dipartimento Sanità Pubblica della AUSL - Via della Rocca 19, Forlì, telefonando al n. 0543/73385 nelle giornate di lunedì, mercoledì e venerdì dalle ore 8,30 alle ore 13.00 a partire dal 16 dicembre 2019. Ricordiamo che il voto a domicilio è riservato ad elettori affetti da infermità gravi, tali da impedirne l’allontanamento dall'abitazione e/o si trovino in dipendenza continuativa e vitale da apparecchiature elettromedicali
VOTO ASSISTITO AL SEGGIO
I certificati, per le persone che possono recarsi al seggio autonomamente saranno rilasciati agli aventi diritto che ne faranno richiesta presentandosi nelle sedi indicate, nei giorni 25 e 26 gennaio 2020, con documento di identità e scheda elettorale.
Alleghiamo la seguente tabella dove per ogni Comune è indicato l’orario in cui sarà presente il medico nelle giornate del sabato 25 gennaio e domenica 26 gennaio 2020.
Per il solo Comune di Forlì i certificati potranno essere effettuati presso la sede Ausl. di via della Rocca n. 19 nelle seguenti giornate: 13-15-17-20-22-24 gennaio, dalle ore 11.00 alle ore 12.00, con accesso diretto, cioè senza necessità di prenotare, presentando documento di riconoscimento e certificato elettorale,

Calendario 25 e 26 gennaio 2020

Bertinoro 9.00-9.45

Premilcuore 9.00-9.30

Portico S.B.9.00-9.30

S. Sofia 9.00-945

Tredozio15.00-15.30

Forlimpopoli 10.00-10.45

Predappio 10.15-11.00

Rocca S.C. 10.00-10.45

Galeata 10.00-10.45

Modigliana 16.00-16.45

Meldola 11.30-12.15

Castrocaro T.11.45-12.30

Dovadola11.15-12.00

Civitella R. 11.00-11.45

Forlì 9.00-12.00

Alleghiamo l’elenco dei punti dove saranno rilasciati i certificati nelle giornate del 25 e 26 gennaio 2020.
ELENCO PUNTI DI EROGAZIONE DEI CERTIFICATI
• Meldola: via Ca' Baccagli n. 1 (presso istituto “Drudi”)
• Galeata: via CastelluCci 6/8
• Forlimpopoli: via Duca D’Aosta n. 33 (presso Casa della Salute)
• Forlì: via della Rocca n. 19 (sede igiene pubblica)
• Dovadola: via Nazionale n. 16
• Civitella di Romagna: via XX Settembre n. 6
• Castrocaro Terme: via L.Maltoni n. 43
• Bertinoro. via Cavour n. 9
• Tredozio: via Repubblica n. 28
• Santa Sofia: via Forese (presso ospedale)
• Rocca San Casciano: via S. Francesco n. 4
• Premilcuore: via Valbura n. 1
• Predappio: via Trieste n. 4
• Portico - San Benedetto: Piazza Marconi n. 3 (sede municipale di Portico)
• Modigliana: Piazza Oberdan (presso Casa della Salute)

 

QUI RAVENNA

RAVENNA, CERVIA, RUSSI
I certificati medici per i cittadini che non sono in grado di esprimere da soli il proprio voto, in quanto fisicamente impediti, nonché l’attestazione della condizione di elettore non deambulante, saranno rilasciati nelle sedi e negli orari di seguito indicati:

RAVENNA Ambulatorio Servizio Igiene Pubblica (sede CMP - secondo piano) Via Fiume Montone Abbandonato n. 134 - Tel. 0544/286678:
GIOVEDI’ 23 gennaio, VENERDI 24 gennaio, SABATO 25 gennaio dalle ore 10.00 alle ore 12.00
DOMENICA 26 gennaio presso sede 118 Viale Randi 11 dalle ore 10.00 alle ore 12.00

CERVIA Ambulatorio Servizio Igiene Pubblica  presso ex Ospedale S. Giorgio –Tel. 0544/917643 / 7641:
MARTEDI 21 gennaio dalle ore 14.30 alle ore17.00
GIOVEDI’ 23 gennaio, SABATO 25 gennaio dalle ore 10.00 alle ore 12.00
DOMENICA 26 gennaio dalle ore 10.00 alle ore 12.00

RUSSI Ambulatorio Servizio Igiene Pubblica presso ex Ospedale – Tel. 0544/286445 / 6446:

MARTEDI 21 gennaio dalle ore 10.00 alle ore 12.00
SABATO 25 gennaio dalle ore 9.00 alle ore 10.00
DOMENICA 26 gennaio dalle ore 10.00 alle ore 12.00

 

Nella settimana precedente la consultazione elettorale sarà garantita anche l’attività di rilascio delle certificazioni presso le strutture di ricovero, strutture residenziali per per anziani, le comunità e le strutture riabilitative previo accordo con i singoli responsabili.

Nella giornata di Sabato 25 gennaio il servizio verrà assicurato nei Consigli Territoriali del Comune di Ravenna con le seguenti modalità:

CASTIGLIONE DI RAVENNA
MARINA DI RAVENNA dalle ore 9.00 alle ore 10.00
dalle ore 10.45 alle ore 11.45
SAN PIETRO IN VINCOLI dalle ore 9.00 alle ore 10.00
MEZZANO dalle ore 10.30 alle ore 11.30
PIANGIPANE dalle ore 10.30 alle ore 11.30
SANT’ALBERTO dalle ore 9.00 alle ore 10.00
RONCALCECI dalle ore 10.30 alle ore 11.30

Gli elettori di cui all’art. 1 della L. 07.05.2009, n. 46 recante disposizioni in materia di ammissione al voto domiciliare di elettori affetti da gravi infermità che si trovino in condizioni di dipendenza continuativa e vitale da apparecchiature elettromedicali tali da impedirne l’allontanamento dall’abitazione in cui dimorano e gli elettori affetti da gravissime infermità tali che l’allontanamento dell’abitazione in cui dimorano risulti impossibile anche con l’ausilio dei servizi previsti dal trasporto pubblico che i Comuni organizzano in occasioni di consultazioni elettorali, dovranno rivolgersi al Servizio Igiene Pubblica telefonando al numero 0544 286698 dal lunedì al venerdì dalle ore 9.00 alle ore 12.30 per il rilascio del certificato medico da allegare alla dichiarazione di volontà di esprimere il voto presso l’abitazione in cui dimorano.

 

FAENZA, CASTEL BOLOGNESE, BRISIGHELLA, RIOLO TERME, CASOLA VALSENIO, SALAROLO
I certificati medici attestanti l’impedimento fisico o la condizione di elettore non deambulante saranno rilasciati negli AMBULATORI DEL SERVIZIO IGIENE PUBBLICA nel corso della settimana precedente la votazione secondo il seguente calendario:

FAENZA: lunedì – venerdì ore 8.30 -11
martedì-giovedì ore 14.30 -17
sabato ore 9 -11

BRISIGHELLA martedì ore 9-10.30

CASOLA VALSENIO giovedì ore 9-10

CASTELBOLOGNESE: mercoledì ore 8.30 – 11.30

RIOLO TERME: giovedì ore 10.30 - 12

SOLAROLO: mercoledì ore 12-13

DOMENICA 26 gennaio: orari apertura ambulatori del Servizio Igiene Pubblica
FAENZA DALLE ORE 09.00 ALLE ORE 11.00
CASOLA VALSENIO DALLE ORE 09.00 ALLE ORE 10.30
RIOLO TERME DALLE ORE 11.00 ALLE ORE 13.00
SOLAROLO DALLE ORE 11.30 ALLE ORE 13.00
CASTELBOLOGNESE DALLE ORE 09.00 ALLE ORE 11.00
BRISIGHELLA DALLE ORE 11.30 ALLE ORE 13.00

Gli elettori di cui alla L. 7/05/09 n. 46 recante disposizioni in materia di amminissione al voto domiciliare di elettori affetti da gravi infermità che si trovino in condizioni di dipendenza continuativa e vitale da apparecchiature elettromedicali tali da impedirne l’allontanamento dall’abitazione in cui dimorano e gli elettori affetti da gravissime infermità tali che l’allontanamento dell’abitazione in cui dimorano risulti impossibile anche con l’ausilio dei servizi previsti dal trasporto pubblico che i Comuni organizzano in occasioni di consultazioni elettorali, dovranno rivolgersi al servizio Igiene Pubblica telefonando ai numeri 0546/602503, dal lunedì al venerdì dalle ore 8.30 alle ore 11 per il rilascio del certificato medico da allegare alla dichiarazione di volontà di esprimere il voto presso l’abitazione in cui dimorano.

 

LUGO
I certificati medici per i cittadini che non sono in grado di esprimere da soli il proprio voto, in quanto fisicamente impediti, nonché l’attestazione della condizione di elettore non deambulante, saranno rilasciati negli ambulatori del Servizio Igiene Pubblica nel corso della settimana precedente la votazione, osservando il seguente calendario di presenze dei medici abilitati al rilascio delle certificazioni:
• ALFONSINE lunedì 9.00 – 12.00
• BAGNACAVALLO mercoledì – venerdì 11.00 – 12.30
• MASSA LOMBARDA martedì 8.30 – 11.30
• COTIGNOLA venerdì 8.30 – 9.30
• FUSIGNANO venerdì 10.00 – 11.00
• LUGO lunedì - mercoledì - giovedì 8.30 – 11.00. martedì 14.30 – 17.00
• CONSELICE venerdì 11.30 – 12.30

Le certificazioni possono essere richieste anche nel corso delle settimane precedenti durante i normali orari di apertura degli ambulatori.

Nella mattina di sabato 25 gennaio un medico sarà presente in ambulatorio nel seguente orario: LUGO 9.30 - 11.30

Nella giornata di domenica 26 gennaio sarà osservato il seguente calendario di presenze, sempre presso le sedi dei corrispondenti ambulatori del Servizio, ove non diversamente specificato:
• ALFONSINE 11.00 - 12.00
Filo (presso sede del seggio elettorale) 9.30 - 10.00
Longastrino (presso sede del seggio elettorale) 10.15 - 10.45
• BAGNACAVALLO 9.30 - 10.30
Villanova (presso ambulatori medicina di gruppo) 8.00 - 9.00
• BAGNARA (presso sede del seggio elettorale) 12.00 - 12.30
• CONSELICE 8.30 - 9.30
• COTIGNOLA 10.30 - 11.30
• FUSIGNANO 11.00 - 12.00
• LUGO 8.30 - 10.00
Voltana (presso sede del seggio elettorale) 8.00 - 9.00
• MASSA LOMBARDA 10.00 - 11.00
• S. AGATA SUL SANTERNO (presso Ufficio anagrafe) 11.30 - 12.00

Gli elettori di cui all’art. 1 della L. 07.05.2009, n. 46 recante disposizioni in materia di ammissione al voto domiciliare di elettori affetti da infermità che si trovino in condizioni di dipendenza continuativa e vitale da apparecchiature elettromedicali tali da impedirne l’allontanamento dall’abitazione in cui dimorano e gli elettori affetti da gravissime infermità tali che l’allontanamento dell’abitazione in cui dimorano risulti impossibile anche con l’ausilio dei servizi previsti dal trasporto pubblico che i Comuni organizzano in occasioni di consultazioni elettorali, dovranno rivolgersi al Servizio Igiene Pubblica telefonando al numero 0545 283055 dal lunedì al venerdì dalle ore 8.30 alle ore 10.30 per il rilascio del certificato medico da allegare alla dichiarazione di volontà di esprimere il voto presso l’abitazione in cui dimorano.

 

QUI RIMINI
Ai seguenti ambulatori Ausl, negli orari riportati, l’utente può accedere direttamente senza appuntamento, e in qualunque ambulatorio gli sia più comodo (la residenza non ha importanza). Si coglie l’occasione per ricordare che, qualora si certifichi che la condizione dell’utente è permanente, questa può essere annotata dall’Ufficio Elettorale, sulla faccia interna della tessera elettorale: chi dunque ha già tale indicazione riportata sulla tessera non ha bisogno di ulteriori passaggi.

Gli ambulatori sono i seguenti:
• Bellaria – Igea Marina: Piazza del Popolo 1 - tutti i venerdì dalle ore 8.30 alle ore 11,30 e mercoledì 15 gennaio dalle ore 8,30 alle ore 12;
• Santarcangelo di Romagna: Piazza Suor Angela Molari 1 - tutti i lunedì e giovedì dalle ore 8.30 alle ore 12;
• Villa Verucchio: Piazza Borsalino 17 – mercoledì 8 gennaio dalle ore 8,30 alle ore 12;
• Rimini: Via Coriano 38 - tutti i lunedì e mercoledì dalle ore 9 alle ore 12;
• Riccione: Viale Formia, 134 – tutti i martedì e venerdì dalle ore 8,30 alle ore 12;
• Cattolica: Piazza Della Repubblica 18 – tutti i martedì dalle ore 8,30 alle ore 12 e giovedì 16 gennaio dalle ore 8,30 alle ore 12;
• Coriano: Via della Pace 1 - giovedì 9 e 23 gennaio dalle ore 8,30 alle ore 12;
• Morciano di Romagna: Via Arno 40 - mercoledì 8 e 22 gennaio dalle ore 8,30 alle ore 12;
• Novafeltria: Piazza Bramante 10 - tutti i lunedì e giovedì dalle ore 8,30 alle ore 11.

Inoltre, nella giornata del voto, domenica 26 gennaio, saranno aperti i seguenti ambulatori:
 Rimini – Ospedale “Infermi” (ingresso da via Ovidio) – dalle ore 9,30 alle 12 e dalle 16,30 alle 18;
 Novafeltria – Piazza Bramante 10 – dalle ore 9,30 alle 12 e dalle 15,30 alle 18;
Cattolica – Piazza della Repubblica 18 – dalle ore 9,30 alle ore 12;
Bellaria Igea Marina – Piazza del Popolo 1 – dalle ore 14,30 alle ore 16;
Santarcangelo di Romagna – Piazza Suor Angela Molari 1 – dalle ore 9,30 alle ore 11
Villa Verucchio – piazza Borsalino 17 – dalle ore 11,30 alle ore 12;
Coriano – Via della Pace – dalle ore 9,30 alle ore 10,30;
Morciano di Romagna – Via Arno 40 – dalle ore 11 alle ore 12;
Riccione – Via Sicilia 61 – dalle ore 9,30 alle ore12.

Per qualsiasi informazione su questa e altre modalità certificative legate alle elezioni, è possibile contattare il recapito 0541.707290 dal lunedì al venerdì, dalle ore 8 alle ore 16.

 

 

A seguito di procedura selettiva il dottor Marco Matassoni è stato nominato direttore dell’Unità Operativa di Medicina Interna dell’ospedale Angioloni di San Piero in Bagno, ruolo che già ricopriva in qualità di facente funzioni. Oggi al Bufalini si è svolta la conferenza stampa di presentazione alla quale hanno partecipato anche il Direttore Sanitario dell'Ausl Romagna Stefano Busetti  e il direttore medico del presidio ospedaliero Carlo Lusenti.
Sessantaquattro anni, cesenate doc ma sanpierano d’adozione già da diversi anni, il dottor Matassoni si è laureato in Medicina e Chirurgia presso l’università di Pavia. Ha poi conseguito la Specializzazione in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva all’università di Bologna e il master in Patologie Alcol Correlate presso l’Università di Firenze. La sua carriera professionale inizia all’Ospedale di S. Piero in Bagno dove lavora presso il reparto di Medicina Interna, quindi prosegue presso l’U.O. di Geriatria dell’Ospedale Bufalini per approdare quindi al Ser.T. di Cesena. Negli anni ha svolto vari incarichi quale responsabile dei servizi di Day Hospital e Day Service della Geriatria, referente del reparto di Lungodegenza dell’ospedale Cappelli di Mercato Saraceno con compiti anche di unità di valutazione geriatrica per il Distretto Valle Savio, responsabile del servizio ospedaliero di Alcologia Clinica e Riabilitativa e quindi titolare dell’incarico professionale di Alta Specializzazione “Coordinamento Aziendale progetto Alcol”. E’ stato componente dei tavoli di lavoro regionali su “alcol e guida”, “alcol e lavoro”, “alcol e cure” e “prevenzione alcologica”, e quindi membro delle Commissioni Invalidi Civili in qualità di Geriatra e della Commissione Medica locale patenti di Cesena in qualità di consulente alcologo.
Nel corso della sua esperienza lavorativa, il dottor Matassoni ha maturato esperienze e specifiche competenze nella diagnosi e nel trattamento delle principali patologie acute in ambito internistico e della riacutizzazione della malattie croniche, affinando anche competenze in ambito di diagnostica ecografica in campo internistico.
Intensa è stata la sua attività di consulenza e presa in carico di pazienti con problematiche alcolcorrelate con oltre 6000 prestazioni rivolte a pazienti sia ricoverati che ambulatoriali.
Presidente regionale della Società Italiana di Alcologia dal 2015 al 2018, il dottor Matassoni ha partecipato a numerosissimi eventi formativi in ambito internistico, ultrasonografico, alcologico e di governo clinico/organizzativo. In qualità di docente ha promosso molteplici incontri e convegni sia di carattere formativo che divulgativo in ambito alcologico.
Da marzo 2018 svolge anche attività di referente clinico presso la sezione per l’Alta Disabilità Acquisita di Mercato Saraceno.
L’Unità Operativa di Medicina Interna di San Piero in Bagno appartiene al Dipartimento Cure Primarie e Medicina di Comunità di Forlì-Cesena, dispone di 16 posti letto di degenza ordinaria e 16 dedicati ai pazienti in Lungodegenza. All’attività di degenza si affianca quella ambulatoriale con gli ambulatori divisionali che garantiscono la diagnostica ecografica addominale, ecocolordopller e visite gastroenterologiche e endocrinologiche. Il reparto si interfaccia quotidianamente con il Pronto Soccorso dell’Ospedale di Cesena e con i Punti di Primo Intervento Aziendali e collabora costantemente con i medici di Medicina Generale del territorio e con i diversi reparti e servizi specialistici presenti all’Ospedale Bufalini di Cesena.

 

In occasione della festività dell’Epifania, i volontari di A.I.A.S.(Associazione italiana assistenza spastici) hanno portato nei giorni scorsi ai bambini ricoverati nel reparto di Pediatria dell’ospedale di Ravenna una grande calza piena di giochi, augurando loro una pronta guarigione.  A rappresentare l’associazione il commendatore Romano Brandolini e una delegazione locale.

Persegue diversi obiettivi, l’Accordo tra Ausl Romagna e sindacati di settore, relativo ai nuovi incarichi per medici, veterinari e dirigenti sanitari operanti in Azienda, siglato nel 2018 e che è ora in fase di applicazione concreta.

Vi è, in primis, la giusta valorizzazione economica e di carriera per i professionisti operanti all’interno dell’Azienda, sia negli ospedali sia nelle strutture territoriali in coerenza con l’assetto organizzativo aziendale. Nelle scorse settimane 869 professionisti sono stati inquadrati nei nuovi incarichi di Struttura semplice (134), Alta specializzazione (64), Professionale qualificato (559) e Professionale di secondo livello (112) nel rispetto del Sistema aziendale incarichi della dirigenza medica, veterinaria e sanitaria.

Ma l’accordo - così come le importanti politiche sul personale che negli ultimi cinque anni hanno portato ad incrementare di 1.150 unità al netto dei pensionamenti, il numero di operatori e professionisti aziendali prevalentemente dedicati alle cure e all’assistenza – dà anche un notevole contributo ad una presa in carico di sempre maggior qualità per i malati.

Infatti, ulteriore obiettivo dell’Accordo, i nuovi incarichi contribuiscono a strutturare e qualificare in maniera sempre più puntuale la rete dei servizi erogati dall’Ausl Romagna in tutti gli ambiti territoriali, anche a seguito delle Linee Guida per il Riordino ospedaliero che si sta continuando a concretizzare, e nell’ottica di implementare sempre più i servizi della medicina territoriale, quale ambito di primo accesso e punto di riferimento per i cittadini.

Ma non finisce qui. Infatti, anche a seguito del nuovo Contratto di lavoro nazionale appena sottoscritto, nei prossimi tre mesi si ragionerà, insieme alle Organizzazioni sindacali, sull’utilizzo dei fondi residui per la Dirigenza medica veterinaria e sanitaria allo scopo, secondo quanto previsto dalla vigente normativa, di individuare ulteriori incarichi.

“Siamo soddisfatti di questo Accordo – commenta il Direttore Generale dell’Ausl Romagna Marcello Tonini – che, oltre a perseguire le finalità sopra elencate, rappresenta anche un importante elemento di rafforzamento di identità aziendale per operatori e professionisti. E personale che lavora meglio, più coordinato, e con maggiore soddisfazione, significa una migliore qualità dell’assistenza. Sempre in quest’ottica, negli ultimi cinque anni abbiamo nominato cento nuovi primari, e intendiamo andare avanti con la stessa determinazione per la qualificazione di chi lavora in Ausl Romagna”.

 

Cerca notizia

Archivio