Costanza Senni

Articoli inseriti da Costanza Senni

Al fine di fornire un aggiornamento rispetto all'evoluzione del quadro epidemiologico dell'infezione da covid 19 nel territorio romagnolo, su un arco temporale più significativo rispetto alla situazione di una singola giornata, si riportano, in allegato, alcuni dati relativi alla settimana dal 16 al 22 novembre (precisando che si tratta dei casi di residenti diagnosticati sul territorio romagnolo). Nella settimana di riferimento si sono verificate 3.969 positività su un totale di 35.586 tamponi (vale a dire oltre cinquemila al giorno di media), con una incidenza dunque del 11,2 per cento che, pur aumentando rispetto alla settimana precedente di mezzo punto percentuale, resta ancora più bassa rispetto all'incidenza nazionale (slide 4). Su questo dato si registra, nell’ultima settimana, un aumento nei territori di Rimini e Forlì (di 1,4 e 1,3 punti percentuali), un lieve calo a Cesena mentre Ravenna resta stabile. Si registra un aumento in tutti i territori, salvo Cesena, rispetto all’indicatore delle positività su popolazione residente (slide 6). Restano pressochè invariate le percentuali di asintomatici (slide 7) con quella di Rimini ancora superiore alle altre. In pratica se si tenessero presenti solo i sintomatici, le incidenze di positivi rispetto ai tamponi effettuati, sui quattro territori, sarebbero molto più simili.

Per quanto riguarda l'occupazione dei posti letto, nella settimana di riferimento si è verificato un aumento, in questo caso omogeneo tra i vari territori, di malati nei reparti di degenza; per quanto riguarda le Terapie intensive, a fronte di un lieve aumento di ricoverati in valore assoluto, è sostanzialmente stabile la percentuale di ricoverati rispetto al totale di ricoveri (slide 12), e l'incidenza dei pazienti in terapia intensiva in Romagna rispetto ai residenti, resta inferiore a quella media regionale.

"Sebbene la Romagna continui ad avere indicatori più positivi rispetto al resto della regione, in particolare dal punto di vista dei ricoveri ospedalieri, in questa settimana siamo arrivati a sfiorare il limite del livello rosso previsto nel nostro piano dinamico covid per gli ospedali - rimarca il direttore sanitario dell'Ausl Romagna Mattia Altini -. Ora la curva dei ricoveri sembrerebbe in via di stabilizzazione, ma su un tema così delicato il condizionale non è per noi sufficiente perchè, come abbiamo già detto, una ulteriore crescita di ricoveri significherebbe limitare di conseguenza il resto dell'attività sanitaria extra - covid, ovviamente per le prestazioni non urgenti. Noi stiamo continuando a sfruttare ogni potenzialità per implementare sempre più il contact tracing in modo da individuare il maggior numero di casi possibili in fase iniziale così da poterli gestire a domicilio, e ringraziamo gli Enti locali che ci stanno venendo in soccorso con loro personale. Abbiamo pure attivato tamponi rapidi e convenzioni col privato. Stiamo inoltre implementando il numero di posti nelle Cra covid per pazienti fragili e paucisintomatici: ne abbiamo già 69 tra Rimini, Ravenna e Novafeltria, ne attiveremo presto altri 20 in provincia di Forlì Cesena e stiamo pensando ad una struttura per pazienti psichiatrici covid positivi nel ravennate. Stiamo infine stingendo accordi con l'ospedalità privata, in tutti i territori, per mettere a disposizione ulteriori posti letto, esclusivamente dedicati a pazienti non covid, in modo da poterli seguire adeguatamente e avere più spazi negli ospedali dell'Ausl per i pazienti covid. Ma a tutto questo deve affiancarsi lo sforzo della cittadinanza, che deve continuare con perizia a seguire le buone pratiche mirate a limitare il contagio. Solo insieme ce la possiamo fare".

Continuano le conversazioni del mercoledì alle 13 in diretta streaming tra il sindaco Michele de Pascale e i professionisti e le professioniste del mondo della sanità, per fare il punto sull’emergenza sanitaria nel nostro territorio. Domani l’appuntamento è con la dottoressa Raffaella Angelini, direttrice della Sanità pubblica di Ausl Romagna.

La diretta streaming sarà visibile sulla pagina facebook del sindaco, del Comune di Ravenna e della Provincia di Ravenna, e sul canale youtube “Michele de Pascale sindaco”.

È nato con lo scopo benefico di sostenere l’ospedale “Bufalini” di Cesena il libro “Momenti sospesi. Raccolta di poesie e racconti ai tempi del Covid-19” (InEdit edizioni, 2020), a cura di Claudio Venturelli e Manuela Gori, con la prefazione scritta dal Sindaco Enzo Lattuca. Vera e propria antologia, la pubblicazione sarà presentata in streaming sulle pagine Facebook del Comune di Cesena, dell’Ausl della Romagna e del Sindaco Lattuca, mercoledì 25 novembre a partire dalle 17. Oltre agli autori e al Sindaco, interverranno l’Assessora ai Servizi Sociali del Comune di Cesena Carmelina Labruzzo, il Direttore Generale dall’Ausl Romagna Tiziano Carradori e il dottor Gilberto Vergoni.

Il volume racchiude testi scritti durante la prima fase dell’emergenza sanitaria CoViD-19 da trentatré poetesse e poeti, autrici e autori conosciuti e sconosciuti, di età, professioni e mestieri molto diversi, tra cui insegnanti, studenti e medici ispirati da e in questo tempo sospeso. Il progetto ‘Tratti d’inchiostro’ racchiude poesie in italiano, in dialetto, monologhi, brevi brani, riflessioni, semplici pensieri, un esperimento di scrittura creativa sui social e illustrazioni che concorrono al percorso universitario di una giovane artista. Ognuno ha contribuito a questa raccolta con l’obiettivo di raccogliere fondi da destinare all'Unità operativa Ostetricia-Ginecologia di Cesena diretta dal dottor Antonazzo, per l'acquisto di una vasca da parto.

Il progetto editoriale, coordinato dall’entomologo dell’Ausl Romagna Claudio Venturelli, è stato realizzato a titolo completamente gratuito dall'editore che si è fatto carico delle spese di stampa e ha previsto, oltre che il contributo dei testi di autori vari, anche le illustrazioni grafiche di Gaia Venturelli. Hanno collaborato Amici Mario, Babbini Loris, Balbi Tommaso, Balzani Beatrice, Borgini Germana, Brunelli Laura, Campitelli Denis, Casadei Daniele, Donini Laura, Fabbri Lidiana, Facciani Tonina, Farabegoli Andrea, Gabellini Francesco, Gasperini Antonio, Giorgi Omero, Gobbi Francesco, Golloberda Fadiola, Gori Gianfranco Miro, Gori Manuela, Magnani Giorgio, Maraldi Maurizio, Martelli Loris, Mini Stefano, Miserocchi Paolo, Molari Fabio, Montevecchi Lisa, Morrone Vincenzo, Neri Costanza, Papi Angelo, Paris Pietro, Valeri Walter, Venturelli Claudio, Vergoni Gilberto.

L'Unione Rubicone e Mare conferma il suo impegno nel contrasto alla violenza di genere e alle discriminazioni, promuovendo anche per quest'anno e per il 2021 il progetto di comunità Insieme contro la Violenza. Giunto alla sua terza edizione il progetto, che è sostenuto anche dalla Regione Emilia Romagna, quest'anno si articolerà in una serie di incontri, spettacoli, reading, laboratori e corsi di formazione, coinvolgendo soprattutto i più giovani, anche nelle scuole: un percorso che si svilupperà dal 25 novembre, Giornata internazionale contro la Violenza sulle Donne, fino a giugno 2021.

Un percorso che coinvolge tutti i Comuni dell'Unione e tutte le comunità, attraverso diversi canali, dall'arte, alla cultura, ai laboratori, fino ad una campagna social che coinvolgerà importanti youtuber, seguiti dai più giovani, e realizzato attraverso un'importante rete di collaborazione tra enti, associazioni culturali e di promozione sociale e tutti gli attori coinvolti da questo processo di sensibilizzazione.

Il progetto è realizzato e promosso dell'Unione Rubicone e Mare- ufficio di piano in collaborazione con diversi partner: Centro Famiglie ASP del Rubicone, Sportello Antiviolenza ALBA, Associazione Rompi il Silenzio ONLUS Rimini, Associazione SOS Donna – Centro Antiviolenza di Faenza, CAM - Centro di Ascolto Uomini Maltrattanti, Associazione Between, Azienda Unità Sanitaria Locale della Romagna, centro donna-comune di Cesenatico, Associazione Mikrà, Le Ovarole.

Favorire il rispetto per una cultura delle diversità e della non discriminazione, promuovere il tema della parità uomo-donna e le pari opportunità, prevenire e contrastare i fenomeni di emarginazione sociale, di discriminazione e violenza sulle donne, gli obiettivi del progetto che con le prime due edizioni ha già dimostrato di sapere mettere in moto energie e azioni positive. Tra i frutti delle iniziative portate avanti, infatti, va sicuramente ricordata l’apertura a Savignano sul Rubicone, dello Sportello di ascolto antiviolenza Alba: un sostegno concreto, un punto di riferimento per tutti i cittadini dei comuni del distretto, che può contare sull'apporto di operatrici formate e di otto volontarie. Lo sportello, aperto in collaborazione con le associazioni Rompi il silenzio di Rimini e Sos Donna di Faenza, è aperto tutti i martedì 10.30-14.30 e venerdì mattina 9-12.00 a Villa Perticari, Savignano sul R., ma è anche attivo un numero di telefono 379 1067540 e una pagina facebook “sportello antiviolenza Alba” ( a cui ci si può rivolgere, soprattutto in questo periodo di emergenza covid-19: negli orari di non apertura al numero risponderanno le sedi dei centri antiviolenza convenzionati).

Programma:

La rassegna ha inizio mercoledì 25 novembre, Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne, nel Comune di Cesenatico che coinvolgerà la cittadinanza chiamata a condividere sui social foto e video taggando il Centro Donna Cesenatico. Sempre il 25 novembre la Biblioteca Ceccarelli del Comune di Gatteo trasmetterà sui suoi canali social un estratto del reading di Lorenzo Bartolini “Si prega di non toccare” che verrà condiviso sui canali Facebook dell’Unione Rubicone e Mare e dello Sportello Alba.

CAMPAGNA SOCIAL Dal mese di gennaio 2021 si avvierà una campagna social, curata dall'Associazione culturale Mikrà, con protagonisti youtuber divulgatori, seguiti in particolare dal pubblico dei più giovani, articolata nella condivisione di video seguiti dall'hashtag #Insiemecontrolaviolenza: i protagonisti saranno Gio Pizzi, Roberto Mercadini, Adrian Fartade, Costanza Polastri.

LABORATORI Da febbraio a maggio 2021 si terranno, in vari comuni dell'Unione laboratori di cucina, arte terapia, canto, espressione corporea , educazione, nell'ambito del progetto “Io sto con te” rivolto principalmente a donne straniere e a giovani di seconda generazione, realizzato dall'associazione Between con il sostegno della Regione Emilia Romagna, con un evento finale a primavera a cura di Paola Sabbatani e Gisella Casadei.

TEATRO In programma da marzo 2021 nei comuni di Gambettola, Gatteo, San Mauro Pascoli e Sogliano al Rubicone si terranno spettacoli teatrali e reading, a cura di Associazione Mikrà, sul tema con protagonisti: Gabriella Greison il 13 marzo a Gambettola al Teatro comunale; Francesca Airaudo il 21 maggio a San Mauro Pascoli a Villa Torlonia Teatro; Lorenzo Bartolini il 4 giugno a Gatteo; Riccardo Dal Ferro il 18 giugno al Teatro di Sogliano.

SCUOLA Sul fronte delle attività di prevenzione particolare rilievo avranno le azioni dedicate a ragazzi e ragazze pre adolescenti e adolescenti delle scuole dei Comuni di Cesenatico, Savignano, Sogliano e Longiano dove si terranno laboratori e conferenze. I laboratori per le scuole medie approfondiranno i meccanismi di negazione e di riconoscimento della violenza offrendo ai ragazzi e alle ragazze uno spazio di dialogo con chi si occupa, anche professionalmente, del contrasto alla violenza. Saranno realizzati da Michele Poli, counselor tra i fondatori dell'associazione nazionale Maschile Plurale e del Cam di Firenze, primo centro in Italia dedicato agli autori di violenza nato nel 2009, e da Lelia Serra attrice e formatrice. Un altro laboratorio sarà tenuto dall'ass.ne Sos donna nella figura della psicologa-psicoterapeuta Raffaella Meregalli che affronterà il tema della violenza concentrandosi soprattutto sugli stereotipi di genere. Nelle scuole superiori (Istituto Marie Curie di Savignano e Isis Leonardo da Vinci di Cesenatico) si prevederanno due conferenze con Michele Poli e l'esperta Vera Gheno, sociolinguista specializzata in comunicazione digitale.

FORMAZIONE Il progetto prevede infine diversi percorsi formativi rivolti ai dipendenti dell'Unione Rubicone e Mare, agli operatori socio-sanitari che operano nei servizi per gli anziani e di contrasto alla violenza di genere con temi che vanno dall'attenzione al genere nel linguaggio e nella comunicazione della Pubblica Amministrazione al tema del maltrattamento della donna anziana in un'ottica di genere, compreso un Focus Group per dare voce alle donne migranti attraverso lo sguardo dei mediatori culturali.

Tutte le informazioni sugli eventi saranno aggiornate nella pagina facebook dello sportello antiviolenza Alba https://www.facebook.com/SportelloAntiviolenzaAlba/

#Insiemecontrolaviolenza

L'Azienda USL della Romagna informa la cittadinanza dello sciopero generale nazionale di tutte le categorie e i comparti pubblici e privati indetto dall’Associazione Sindacale USI e dello sciopero generale nazionale di tutto il personale del comparto Sanità Pubblica proclamato dall’Associazione Sindacale USB Pubblico Impiego Sanità per l’intera giornata di domani, 25 novembre 2020. Nella giornata dello sciopero saranno assicurati i servizi essenziali, nel rispetto della vigente normativa, attraverso l’individuazione dei contingenti minimi di personale a garanzia delle prestazioni indispensabili e non dilazionabili, equivalenti ai servizi minimi assicurati normalmente nei giorni festivi

Due appuntamenti in diretta sulla pagina Facebook GAP Gioco d'azzardo Patologico - prevenzione e sostegno per parlare , insieme agli operatori ed esperti, del fenomeno e dei servizi disponibili sul territorio. Lunedì 23 novembre alle ore 15 parlerà la Dott.ssa Chiara Pracucci del servizio di sportello attivo sul territorio a sostegno a di giocatori e familiari. Mercoledì 25 novembre alle ore 18 il tema sarà "Gioco d'azzardo patologico: uno stato dell'arte su prevenzione e cura" dialogo con il Dott. Mauro Croce a cura del Dott. Gianluca Farfaneti, psicologo referente progetti prevenzione e trattamento Gioco d'azzardo Sert Cesena ASL Romagna.

L’iniziativa è organizzata nell'ambito del progetto GAP promosso da ASP – Cesena Valle del Savio in collaborazione con il Servizio per le Dipendenze Patologiche, nei territori di Cesena e Valle del Rubicone, con l’obiettivo di sostenere le difficoltà, ma anche informare, sensibilizzare e prevenire comportamenti a rischio.

Oggi, venerdì 20 novembre, alle ore 17.30 diretta Facebook dall'Ospedale di Cona (Azienda Ospedaliero-Universitaria di Ferrara) con l'assessore alle Politiche per la salute, Raffaele Donini La trasmissione sulla pagina @RegioneEmiliaRomagna. Presente anche il dottor Massimo Gallerani Bologna -

L’andamento dei contagi, sul territorio regionale, in diretta Facebook sulla pagina @RegioneEmiliaRomagna. L’appuntamento, che si rinnova dopo quello della scorsa settimana, è per oggi, venerdì 20 novembre, a partire dalle ore 17.30. A fare il punto l’assessore alle Politiche per la salute, Raffaele Donini, in diretta dall’Ospedale di Cona (Azienda Ospedaliero-Universitaria di Ferrara). Con l’assessore ci sarà anche Massimo Gallerani, direttore del Dipartimento di Medicina dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria Sant’Anna di Ferrara e direttore dell’Unità Operativa di Medicina Interna Ospedaliera.

Rimanere a fianco delle mamme che aspettano un bambino anche nell’emergenza sanitaria: settimana prossima riprendono i corsi preparto on line tenuti dalle ostetriche del punto nascita dell’ospedale Bufalini. Le donne interessate possono prenotare al numero 0547352809 dalle 13 alle 15. Il corso prevede 4 incontri a tema ed è gratuito,

Al fine di fornire un aggiornamento rispetto all'evoluzione del quadro epidemiologico dell'infezione da covid 19 nel territorio romagnolo, su un arco temporale più significativo rispetto alla situazione di una singola giornata, si riportano, in allegato, alcuni dati relativi alla settimana dal 9 al 15 novembre (precisando che si tratta dei casi di residenti diagnosticati sul territorio romagnolo). Nella settimana di riferimento si sono verificate 3.744 positività su un totale di 35.477 tamponi (vale a dire oltre cinquemila al giorno di media, con punte di settemila), con una incidenza dunque del 10,6 per cento che, pur aumentando rispetto alla settimana precedente, resta ancora più bassa rispetto all'incidenza nazionale (slide 4). Su questo dato si registra, nell’ultima settimana, un aumento nei territori di Rimini e Cesena, un lieve calo a Ravenna ed un calo più significativo a Forlì. Si registra invece un aumento in tutti i territori rispetto all’indicatore delle positività su popolazione residente (slide 6). Restano pressochè invariate le percentuali di asintomatici (slide 7) con quella di Rimini ancora superiore alle altre.

Per quanto riguarda l'occupazione dei posti letto, nella settimana di riferimento si è verificato un aumento, in questo caso omogeneo tra i vari territori, di malati nei reparti di degenza; per quanto riguarda le Terapie intensive, a fronte di un lieve aumento di ricoverati in valore assoluto, è diminuita di mezzo punto la percentuale di ricoverati in terapia intensiva rispetto al totale dei ricoverati (slide 12). E sempre in tema di ricoveri, è interessante notare che l'incidenza di ricoveri per covid su popolazione residente in Romagna è di 42,2 per centomila abitanti, a fronte del 53,24 di media regionale; scorporando tale dato, l'incidenza di ricoveri non in terapia intensiva è di 38,65 per centomila in Romagna contro una media regionale di 48,37 e l'incidenza di ricoveri in terapia intensiva è di 3,55 per centomila in Romagna contro una media regionale di 5,03.

"Da questi dati emerge come la Romagna continui ad avere indicatori più positivi rispetto al resto della regione, in particolare dal punto di vista dei ricoveri ospedalieri - rimarca il direttore sanitario dell'Ausl Romagna Mattia Altini -. Ciononostante i valori assoluti dei contagi restano alti, e conseguentemente pure i numeri di ricoveri, che anche nella settimana scorsa sono aumentati, mantenendoci nel 'livello rosso' del Piano dinamico per gli ospedali. Una ulteriore crescita di ricoveri significherebbe limitare di conseguenza il resto dell'attività sanitaria extra - covid, ovviamente per le prestazioni non urgenti, ma questa è una situazione che vogliamo evitare a tutti i costi. Anzi vogliamo continuare, come stiamo facendo, ad erogare il maggior numero di prestazioni sia per completare il recupero di quelle saltate durante i mesi della 'prima ondata' e per le nuove prenotazioni. Come detto stiamo lavorando sfruttando ogni potenzialità per implementare sempre più il contact tracing in modo da individuare il maggior numero di casi possibili in fase iniziale così da poterli gestire a domicilio, e stiamo sempre più attivando strutture come le Cra covid per pazienti fragili e paucisintomatici. Mi permetto di dire che stiamo facendo tutto il possibile, anche in acccordo col privato e con le altre Istituzioni, che ringraziamo, ma tutto rischia di essere vanificato se la cittadinanza non continua con perizia a seguire le buone pratiche mirate a limitare il contagio

Il Pronto Soccorso dell’Ospedale Bufalini di Cesena si allarga con nuovi preziosi spazi: conclusi i lavori di ampliamento è entrato oggi in funzione il nuovo corpo di fabbrica costruito accanto al padiglione esistente.

Si tratta di un’ala di circa 300 metri quadrati che va ad incrementare gli spazi a disposizione del Pronto Soccorso cesenate, consentendo maggior funzionalità ed efficienza al delicato lavoro dei sanitari, particolarmente importante in questo eccezionale momento di emergenza in cui il personale è quotidianamente chiamato ad un impegno straordinario.

“Con la conclusione dei lavori di ampliamento del Pronto soccorso – commenta il Sindaco Enzo Lattuca – passiamo da 60 a 100 posti, migliorando in questo modo il filtro fra chi vi accede per sintomi da CoViD-19 e chi invece è affetto da altre patologie acute. Rispetto al progetto iniziale la nuova area è stata temporaneamente riadattata dal punto di vista strutturale e logistico per consentire l’assistenza e la gestione dei pazienti con sospetta infezione da CoViD-19 in attesa di tampone presso una ‘area filtro CoViD’, con monitoraggio dei pazienti in ambiente protetto. Tale area era sino ad oggi ospitata nel reparto di Medicina d’Urgenza, che recupera così posti letto utilizzabili per pazienti affetti da altre patologie acute. Questi lavori garantiscono al ‘Bufalini’ di fronteggiare l’attuale situazione di emergenza, anche se fino ad oggi gli accessi per sospetta sintomatologia CoViD non hanno messo in difficoltà il Pronto Soccorso, e risultano alquanto fondamentali per l’operatività della struttura, in attesa della costruzione del nuovo ospedale di Cesena”.

“Il completamento dei lavori di ampliamento del Pronto Soccorso di Cesena è importante di per sé e a maggior ragione in un momento così difficile come quello che tutti noi stiamo vivendo – afferma il Direttore sanitario di Ausl Romagna Mattia Altini. L’Ausl della Romagna ha sempre dato prova di grande proattività nella realizzazione di infrastrutture per la continua innovazione e miglioramento delle strutture sanitarie e questa opera ne è una prova”.

L’intervento di ampliamento e ristrutturazione del Pronto Soccorso, avviato nel 2018 e proseguito a ritmo serrato nonostante le difficoltà legate all’emergenza, prevede una seconda fase, mirata all’adeguamento della vecchia zona di attesa e dell’area di Osservazione Breve Intensiva. Questa seconda fase è stata al momento necessariamente rinviata, in quanto renderebbe inevitabile la perdita temporanea di spazi oggi più che mai preziosi.

Una volta terminata l’emergenza sanitaria il maggior spazio ottenuto con la costruzione della nuova ala consentirà, come previsto nel progetto originario, di modulare l’organizzazione delle attese prevedendo aree di osservazione differenziate in base alla gravità delle condizioni dei pazienti (‘codici bianchi’ / ‘codici verdi’), un’area di monitoraggio a intensità maggiore per i pazienti classificati come ‘codici gialli’ ed uno spazio per i pazienti già presi in carico con accertamenti in corso. L’investimento complessivo dell’intervento che è a cura dall'UO Progettazione e Sviluppo Edilizio dell'Ausl diretta dall'Arch. Enrico Sabatini  (progettista Arch. Andrea Gozzoli, designer dell'umanizzazione degli interni Roberta Pezzi) è pari a 1.770.019,77 euro di cui 40.000 per oneri relativi ad opere di sicurezza.

Cerca notizia

Archivio