Il parto indolore: percorso informativo per la partoanalgesia

A causa dell’emergenza COVID gli incontri mensili informativi e gli ambulatori di partoanalgesia sono sospesi.

 Il dolore in travaglio può rappresentare un’importante difficoltà che impedisce di vivere il momento del parto in modo sereno. La tecnica dell’analgesia epidurale (partoanalgesia) consente di controllare efficacemente il dolore partorendo comunque in modo naturale e spontaneo.

Da qualche anno il parto indolore è diventato un diritto della donna sancito dalla legge, quindi chi ne avesse bisogno può richiederla in un qualsiasi momento del travaglio. Per poterla richiedere però è indispensabile che la partoriente sia adeguatamente informata sulla procedura. Per questo motivo è stato delineato il seguente percorso informativo

COME FARE PER RICHIEDERE L’EPIDURALE?

  • Dopo la 30° settimana visionare con attenzione il Video Informativo sulla Partoanalgesia
  • Stampare e firmare il pdf modulo di avvenuta informazione (89 KB)
  • Dopo la 35° settimana eseguire gli esami ematici della coagulazione (PT e PTT)
  • Il giorno del ricovero in Ostetricia per il parto portare il modulo firmato e il referto degli esami della coagulazione
  • In caso di richiesta materna di Partoanalgesia l’Anestesista prenderà visione della sua documentazione e sarà disponibile ad eseguire la visita anestesiologica.
  • Se non ci saranno controindicazioni, l’Anestesista le farà firmare il Consenso Informato e procederà alla Partoanalgesia.

Il dott. Fulvio Fracassi, responsabile del Servizio di Partoanalgesia della UO Anestesia e Rianimazione dell'Ospedale di Rimini, illustra le tecniche di partoanalgesia, i rischi ed i benefici della tecnica epidurale ed in quali casi essa sia particolarmente indicata.