Aggiornamenti su misure per la tutela della salute, isolamento, tamponi e sorveglianza

 

E' disponibile all'indirizzo: https://infocovid.viaggiaresicuri.it/ un questionario interattivo per verificare la normativa italiana in vigore in merito agli spostamenti da/per l’estero. Altre informazioni per chi viaggia si trovano sul sito del Ministero della Salute: Covid-19 Viaggiatori

Il DPCM 2 Marzo 2021 per la parte rientri da estero è prorogato al 30 luglio 2021, in forza dell' Ordinanza Ministero della Salute 14 Maggio 2021.
In base all' art. 5, comma 2,  Ordinanza Ministero Salute 18 Giugno 2021 i bambini di età inferiore ai 6 (sei) anni sono esonerati dall' effettuazione del test molecolare o antigenico ai fini dell' ingresso in Italia.

Dal 24 maggio obbligatorio compilare il modulo di Localizzazione del Passeggero dPLF

In base alla Circolare del 15 Maggio 2021 del Ministero Salute, dal 24 Maggio 2021 tutti coloro che rientrano dall' estero con qualsiasi mezzo pubblico o privato sono tenuti obbligatoriamente a compilare il Modulo di Localizzazione del Passseggero dPLF, il quale è reperibile sul sito del Ministero della Salute: https://app.euplf.eu/#/

Questo modulo sostituisce l' Autocertificazione prevista dall' art. 50, comma 1 del DPCM 2 Marzo 2021.

La dichiarazione all' AUSL di residenza è comunque obbligatoria nel caso di rientro da un paese estero Elenco D e E oppure in caso di Rientro da Paese Estero Elenco C senza tampone preventivo, casi per i quali vige tuttora l' obbligo di quarantena.

 

Rientro da Paesi appartenenti a UE, Area Schengen, Israele, Canada, Giappone, Stati Uniti d' America

Obbligo di presentazione Certificazione Verde Covid- 19, attestante il possesso dei requisiti previsti dall' Ordinanza del Ministero della Salute 18 Giugno 2021 per l' ingresso in Italia senza dover essere soggetti agli obblighi di legge ( Dichiarazione alla Ausl e quarantena) . I requisiti, alternativi, sono i seguenti:

  1. avvenuta vaccinazione SARS CoV-2 con attestazione del completamento del prescitto ciclo vaccinale da almeno 14 giorni;
  2. avvenuta guarigione da Covid-19, con contestuale cessazione dell' isolamento prescritto in seguito all' infezione da SARS CoV-2;
  3. effettuazione nelle 48 ore antecedenti all' ingresso in Italia di test antigenico rapido o molecolare con esito negativo da virus SARS CoV-2.

Si precisa che per essere valida la vaccinazione deve essere appartenente alla tipologia e cratteristiche approvata dall' Agenzia Europea per i Medicinali (EMA)

Sono previste le condizioni di esonero stabilite dall' art. 51, comma 7 lettere a), b), c), f), g), l), m), n), o).

In caso di ingresso in Italia senza Certificazione Verde Covid-19 vige l'obbligo di segnalazione all' AUSL dell' arrivo in Italia e di sottoporsi a quarantena e sorveglianza sanitaria di dieci giorni con tampone il decimo giorno.

I minori accompagnati da almeno un genitore o accompagnatore in possesso di certicato Verde Covid-19 valido sono esonerati dall' obbligo della quarantena.

Compilare il seguente modulo on-line di rientro: Modulo paesi UE, Area Schengen, Israele, Canada, Giappone, Stati Uniti d'America

Rientro da Regno Unito e Irlanda del Nord

  • Obbligo di comunicazione ingresso in Italia a Ausl competente;
  • Obbligo presentazione test molecolare o antigenico con tampone effettuato nelle 48 ore antecednti ingresso in Italia;
  • Obbligo di sottoporsi a prescindere da esito del test a sorveglianza sanitaria e isolamento fiduziario per cinque giorni dal rientro;
  • Obbligo di sottoporsi a test molecolare o antigenico al termine dei cinque giorni.

Compilare il modulo on-line: Modulo di segnalazione di rientro

Rientro dall'India, dal Bangladesh o dallo Sri Lanka

Con Ordinanza del 18 Giugno 2021, fino al 30 luglio 2021 alle persone fisiche provenienti dall'India o dal Bangladesh o dallo Sri Lanka o che vi hanno soggiornato o transitato negli ultimi 14 giorni per gli ingressi in Italia si applicano le seguenti restrizioni:

  1. obbligo di dichiarazione all’Ausl e presentazione di esito negativo di test molecolare o antigenico effettuato per mezzo di tampone nelle 72 ore antecedenti l’ingresso in Italia;
  2. obbligo di sottoporsi a test molecolare o antigenico, per mezzo di tampone al momento dell’ ingresso in Italia, se possibile, oppure entro le 48 ore successive presso l’Ausl di riferimento;
  3. obbligo di isolamento nei "Covid Hotel" ovvero nei luoghi indicati dall'autorità sanitaria o dal Dipartimento di Protezione Civile per un periodo di 10 giorni in modo da garantire la sorveglianza sanitaria per tutto il periodo necessario;
  4. obbligo di sottoporsi a ulteriore test molecolare o antigenico al termine dei 10 giorni di isolamento.

Per l'equipaggio e il personale viaggiante dei mezzi di trasporto persone e merci si applica la misura dell'isolamento per il periodo intercorrente l'ingresso in Italia e la ripartenza al luogo di provenienza all' estero.

Compilare il modulo on-line: Modulo di segnalazione di rientro

Rientro dal Brasile

A partire dal 13 febbraio 2021 alle persone fisiche provenienti dal Brasile o che vi hanno soggiornato o transitato negli ultimi 14 giorni per gli ingressi in Italia si applicano le seguenti restrizioni:

  1. obbligo di dichiarazione all’Ausl e presentazione di esito negativo di test molecolare o antigenico effettuato per mezzo di tampone nelle 72 ore antecedenti l’ingresso in Italia;
  2. obbligo di sottoporsi a test molecolare o antigenico, per mezzo di tampone al momento dell’ ingresso in Italia, se possibile, oppure entro le 48 ore successive presso l’Ausl di riferimento;
  3. obbligo di quarantena di 10 giorni senza possibilità di esonero ai sensi art. 51, comma 7, Dpcm 2 marzo 2020, salvo le lettere a) e b) del citato comma 8 dell’ art. 50, per i cui beneficiari permane comunque l’obbligo di tampone in aeroporto o luogo di confine oppure presso Ausl di riferimento nelle 48 ore successive all’ingresso in Italia.
  4. obbligo di sottoporsi a ulteriore test molecolare o antigenico al termine dei 10 giorni di quarantena

È possibile inoltre ottenere l' esonero dalla quarantena per coloro che sono nelle condizioni indicate all' art. 51, lettere f), m) e n), previa Autorizzazione da parte del Ministero della Salute, da ottenersi tramite compilazione di modulo di richiesta ( pdf vedasi modulo allegato (313 KB)  ).  In tal caso permane comunque l' obbligo della presentazione della certificazione attestante l' effettuazione di tampone molecolare o antigenico negativo con esito negativo nelle 48 ore antecedenti l' ingresso in Italia e l' obbligo di effettuare un tampone all' arrivo in Italia o entro 48 ore dall' ingresso in Italia presso l' ausl di riferimento.

Compilare il modulo on-line: Modulo di segnalazione di rientro dal Brasile

Rientro da altri paesi non appartenenti a UE o Area Schengen, Israele, Canada, Giappone e Stati Uniti d' America

  • Obbligo di comunicazione d’ingresso in Italia all’Ausl competente;
  • Obbligo di presentazione test molecolare o antigenico con tampone effettuato entro le 72 ore antecedenti l’ ingresso in Italia con esito negativo;
  • Obbligo di quarantena e sorveglianza sanitaria della durata di 10 giorni;
  • Obbligo di sottoporsi a test molecolare o antigenico mediante tampone al termine dei 10 giorni di quarantena. Se il tampone avrà esito negativo il periodo di quarantena sarà considerato concluso.

Sono previste le condizioni di esonero stabilite dall' art. 51, comma 7, salvo l' obbligo di presentazione test preventivo dal quale sono esonerati solo coloro che godono di una delle condizioni di esonero indicate bell' art. 51, comma 7, lettere a), b), c), f), g), l), m), o).

Compilare il modulo on-line: Modulo paesi soggetti ad obbligo di quarantena

Tabella classi di appartenenza paesi esteri

ABCDE

Repubblica di San Marino, Stato della Città del Vaticano

Gli Stati e i territori a basso rischio epidemiologico verranno individuati, tra quelli di cui all' Elenco C, con ordinanza adottata ai sensi dell’articolo 6 comma 2 del DPCM 2 dicembre 2020.

Belgio, Bulgaria, Cipro, Croazia, Danimarca (incluse isole Faer Oer e Groenlandia), Estonia, Finlandia, Francia, (inclusi Guadalupa, Martinica, Guyana, Riunione, Mayotte ed esclusi altri territori situati al di fuori del continente europeo), Germania, Grecia, Irlanda, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Paesi Bassi (esclusi territori situati al di fuori del continente europeo), Polonia, Portogallo (incluse Azzorre e Madeira), Repubblica Ceca, Romania, Slovacchia, Slovenia, Spagna (inclusi territori nel continente africano), Svezia, Ungheria, Islanda, Norvegia, Liechtenstein, Svizzera, Andorra, Principato di Monaco, Austria, Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del Nord, Israele.

 

Australia, Nuova Zelanda, Repubblica di Corea, Ruanda, Singapore, Tailandia, Canada, Giappone e Stati Uniti d' America nonche' gli ulteriori Stati e territori a basso rischio epidemiologico, individuati, tra quelli di cui all'elenco E, con ordinanza adottata ai sensi dell'articolo 6, comma 2.

Tutti gli Stati e territori non espressamente indicati in altro elenco.