Rientro dall'estero e Sardegna

Aggiornamenti su misure per la tutela della salute, isolamento, tamponi e sorveglianza

viaggiatrice mascherina 900x600

ATTENZIONE! In caso di insorgenza di sintomi riconducibili a COVID-19, resta fermo l’obbligo per chiunque di sottoporsi ad isolamento e segnalare tale situazione con tempestività all’Autorità sanitaria attraverso le modalità previste (contatto con il proprio Medico di Medicina generale, Pediatra di Libera Scelta, Medico di continuità assistenziale o, in casi gravi, chiamando il 118. Non recarsi direttamente in Pronto soccorso).

 

Assistenti famigliari (Badanti)

Per le badanti che rientrano dall'estero vige uno specifico protocollo. Per garantire la sicurezza delle badanti e dei loro assistiti, la Regione ha istituito un protocollo, consultabile alla pagina dedicata.

A prescindere dal paese da cui provengono, per le assistenti familiari corre l’obbligo di autodichiararsi, ai fini dell’autoisolamento di 14 giorni, al Dipartimento di Sanità Pubblica competente per territorio che provvederà ad organizzare l’esecuzione dei tamponi previsti.

Dovranno segnalare il loro rientro in Romagna attraverso il modulo on-line

https://www.auslromagna.it/rientro-estero/modulo-paesi-soggetti-quarantena

Una volta ricevuta la segnalazione l’AUSL della Romagna contatterà l’assistente famigliare per pianificare l’esecuzione dei tamponi e verificare l’adeguato isolamento.

Rientro dai paesi dell'Unione Europea e della area Schengen

  • Stati membri dell’Unione europea, con l‘eccezione di Romania e Bulgaria,
  • Paesi parte dell’accordo di Schengen (Islanda, Liechtenstein, Norvegia, Svizzera)
  • Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del nord
  • Andorra
  • Principato di Monaco
  • Repubblica di San Marino,
  • Stato della Città del Vaticano.

Chi entra da questi Paesi non dovrà più giustificare le ragioni del viaggio e non è sottoposto all’obbligo di isolamento fiduciario per 14 giorni all’ingresso in Italia, salvo che non abbia soggiornato in un Paese diverso da questi nei 14 giorni anteriori all’ingresso in Italia.

Rientro dalla Sardegna

A seguito dei numerosi casi di coronavirus riscontrati negli ultimi giorni in persone provenienti dalla Sardegna, anche l'Ausl della Romagna ha attivato la disponibilità del tampone per i cittadini residenti in provincia che rientrano dall'isola o sono rientrati a partire dal 24 Agosto scorso.

E’ possibile segnalare il proprio rientro in Emilia-Romagna attraverso il link

https://www.auslromagna.it/rientro-estero/modulo-tampone-rientro

Una volta ricevuta la segnalazione l’AUSL della Romagna vi contatterà per pianificare l’esecuzione del tampone.

Rientro da Belgio, Francia, Paesi Bassi, Repubblica Ceca, Spagna, Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del Nord

Per contenere la diffusione del COVID-19, le persone rientrano in Italia e che nei quattordici giorni precedenti hanno soggiornato o transitato in Belgio, Francia, Paesi Bassi, Repubblica Ceca, Spagna, Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del Nord devono seguire il seguente iter:

  1. Presentare all’atto dell’imbarco (aereo, nave, ecc) e a chiunque sia deputato ad effettuare i controlli l’attestazione di essersi sottoposte, nelle 72 ore antecedenti all’ingresso nel territorio nazionale, ad un test (molecolare o antigenico) effettuato per mezzo di tampone e risultato negativo; in caso contrario dovranno sottoporsi ad un test per mezzo di tampone, se possibile al momento dell’arrivo in aeroporto, porto o luogo di confine oppure entro 48 ore dall’ingresso nel territorio nazionale presso l’azienda sanitaria locale di riferimento.
  2. Segnalare il proprio rientro in Emilia Romagna attraverso il link

    https://www.auslromagna.it/rientro-estero/modulo-tampone-rientro

    L’obbligo di segnalazione rimane anche se le persone che rientrano da questi paesi sono asintomatiche ed hanno già effettuato il tampone.

L’Ausl contatterà la persona che si è segnalata fornendogli ( se necessario ) le indicazioni per presentarsi a eseguire il tampone.

Non è necessario porsi in isolamento, ma occorre osservare tutte le norme di prevenzione, dal distanziamento, all’uso della mascherina, al lavaggio frequente delle mani.

Rientro da Paesi extra-Ue/extra Schengen, Romania

A seguito dell' Ordinanza Ministeriale del 21 Settembre 2020 la Bulgaria è stata ricondotta nel Gruppo B dell' Allegato 20 del DPCM 7 Agosto 2020, per cui per chi proviene da quel paese a partire dal 22 settembre non vige più alcuna restrizione.

Per chi entra in Romagna da Stati diversi da quelli riportati in precedenza nonché dalla Romania è OBBLIGATORIO comunicare il proprio ingresso in Italia al Servizio di Igiene Pubblica dell’Azienda USL della Romagna.

E’ necessario compilare il modulo on-line all’indirizzo:

https://www.auslromagna.it/rientro-estero/modulo-paesi-soggetti-quarantena

In breve tempo si verrà contattati dall’Ausl, che disporrà l'isolamento domiciliare fiduciario, la programmazione del primo tampone (e del secondo dopo 7-10 giorni) e la sorveglianza sanitaria per verificare le condizioni di salute. È comunque sempre obbligatorio, se si è in isolamento, segnalare con tempestività l'eventuale insorgenza di sintomi da COVID-19.

Esistono delle eccezioni, ovvero categorie di cittadini che, pur provenendo da Paesi che lo richiederebbero, non hanno l’obbligo di quarantena al momento dell’ingresso nel nostro Paese (elenco completo sul sito del Ministero degli esteri).

Allegati

Contatti

Per approfondire