Schede informative servizi

Categoria
distretto/consultorio familiare/visita/consulenza
Keywords
contraccezione,consultorio,metodi contraccettivi gratuiti,visita contraccetiva,gratuità
Codice NV
31/3152767

La consulenza per contraccezione da parte degli operatori dei servizi consultoriali (Consultori familiari, Spazio Giovani, Spazio Giovani adulti e Spazio Donne Immigrate) deve avvenire entro 14 giorni e non oltre 30 giorni dalla richiesta dell’utente.
All’interno dei servizi consultoriali la consulenza contraccettiva può essere effettuata da parte dell’ostetrica o da parte del medico ginecologo.
La consulenza contraccettiva da parte dell’ostetrica presso i servizi consultoriali è sempre gratuita.
La consulenza contraccettiva da parte del medico ginecologo consultoriale è soggetta a ticket, è gratuita solo per alcune fasce di età e ad alcune condizioni.
A seguito di una consulenza contraccettiva è possibile ricevere gratuitamente (sempre per alcune fasce di età e ad alcune condizioni) i seguenti metodi contraccettivi: contraccettivi ormonali (orali, transdermici e per via vaginale), impianti sottocutanei, dispositivi intrauterini (IUD al rame o con rilascio di progestinico), contraccezione d’emergenza (ormonale o IUD al rame) e preservativi femminili e maschili
Condizioni di gratuità per la consulenza contraccettiva da parte del ginecologo e per l’erogazione di contraccettivi:
Cittadini (uomini e donne) di età inferiore ai 26 anni

  • italiani, comunitari e stranieri iscritti al SSN che siano RESIDENTI E ASSISTITI IN REGIONE EMILIA ROMAGNA;
  • richiedenti asilo o beneficiari di protezione (PSU)
  • stranieri titolari di tessera STP

Donne di età compresa tra i 26 e i 45 anni con esenzione E02 (disoccupazione) o E99 (lavoratrici colpite dalla crisi) nei 24 mesi successivi a un’interruzione volontaria di gravidanza o nei 12 mesi dopo il parto:

  • italiane, comunitarie e straniere iscritte al SSN che siano RESIDENTI E ASSISTITE IN REGIONE EMILIA ROMAGNA
  • richiedenti asilo o beneficiari di protezione (PSU)

Se un utente si presenta presso i consultori familiari con una prescrizione di un ginecologo privato o di altro medico non consultoriale, non può ottenere gratuitamente la contraccezione. Condizione per avere la gratuità della contraccezione è l’aver effettuato una consulenza contraccettiva presso i servizi consultoriali.

Per avere maggiori informazioni rivolgersi ai servizi consultoriali del distretto di appartenenza (vedi luoghi di erogazione).


Che cosa serve
Eventuale attestato di esenzione
Dove rivolgersi
Consultorio familiare Spazio Giovani Spazio giovani adulti Spazio Donne Immigrate
Normativa di riferimento
D.G.R. n. 1722/2017
Circolare esplicativa n. 12 del 15 dicembre 2017

Dove si effettua