Skip to main content

Categoria
distretto/consultorio familiare/assistenza
Keywords
gravidanza,ivg,l. 194/78,aborto,consultorio,pillola ru 486
Codice NV
37/3152769

L’interruzione volontaria di gravidanza (IVG) può essere richiesta entro i primi 90 giorni di gestazione.

Dal 1978 questo intervento è regolato dalla legge 194 “Norme per la tutela della maternità e sull’interruzione volontaria di gravidanza”, che sancisce le modalità di ricorso all’aborto volontario. La richiesta di IVG deve essere effettuata personalmente dalla donna.

Nel caso di minorenni, è necessario l’assenso da parte di chi esercita la responsabilità genitoriale o la tutela. Tuttavia, entro i primi 90 giorni, se le persone esercenti la responsabilità genitoriale o la tutela, sono difficilmente consultabili o rifiutino il loro assenso o esprimano pareri tra loro difformi, è possibile ricorrere al Giudice Tutelare.

Nel caso in cui la donna sia sottoposta a interdizione, si procede come disposto dall’Art. 13 della l. 194/78.

Applicazione della legge 194/78 in consultorio per interruzione volontaria di gravidanza (IVG)

Il Consultorio garantisce colloqui, consulenze e certificazione alla donna che intende ricorrere all’interruzione volontaria di gravidanza. Offre, inoltre, assistenza psicologica, coinvolgimento dei Servizi Sociali ed informazioni su associazioni di volontariato.

Dopo la scelta dell’interessata e il colloquio con l’ostetrica, il ginecologo del Consultorio effettua la visita, rilascia il certificato necessario per sottoporsi a IVG (questo certificato può essere richiesto anche al proprio ginecologo di fiducia, al medico di famiglia, ad altro specialista), informa sulle metodiche di esecuzione dell’IVG, assicura il controllo medico post-intervento. Viene assicurato anche il collegamento con i reparti ospedalieri di riferimento per l’esecuzione dell’intervento. Rispetto alle metodiche di esecuzione dell’IVG, la donna può scegliere tra il metodo farmacologico o chirurgico, in base alla data dell'ultima mestruazione.

Che cosa serve
referto del test di gravidanza eseguito in laboratorio; documento valido d'identità.
Normativa di riferimento
Legge 194/78, L.R. 27/89

Dove rivolgersi