Categoria
sanità pubblica/impiantistica/antiinfortunistica/verifica
Keywords
gru,ponti mobili,scale aeree,argani,carrelli
Codice NV
147/3152812

Sono soggetti all’obbligo di verifica periodica i seguenti apparecchi:

  • Gru e altri apparecchi di sollevamento di portata superiore a 200 Kg, esclusi quelli azionati a mano e quelli già soggetti a speciali disposizioni di legge;
  • Scale aeree a inclinazione variabile,
  • Ponti mobili sviluppabili su carro e autocarro;
  • Gru su autocarro e autogru;
  • Ponti sospesi muniti di argano;
  • Argani dei ponti sospesi impiegati nelle costruzioni;
  • Carri per la raccolta della frutta;
  • Idroestrattori a forza centrifuga di tipo continuo con diametro del paniere x numero di giri > a 400 (m x giri/min), oppure con diametro esterno del paniere maggiore di 500 mm se operanti con solventi infiammabili o tali da dar luogo a miscele esplosive o instabili.

Il datore di lavoro, o suo delegato, che inserisce uno di questi apparecchi nel suo stabilimento o nel suo cantiere, deve darne immediata comunicazione alla sede INAIL competente per territorio dove queste apparecchiature sono installate, e deve richiedere anche la prima verifica periodica: L’INAIL assegnerà un numero di matricola univoco all’apparecchio e redigerà una scheda tecnica specifica di attrezzatura.

Successivamente il datore di lavoro, o suo delegato, deve sottoporre tali apparecchi a verifiche periodiche, con periodicità diversificate per tipologia secondo quanto indicato nell’allegato VII del D. Lgs. 81/2008 e s.m.i., allo scopo di verificarne lo stato di conservazione ed il corretto funzionamento delle protezioni a tutela di tutti coloro che lo utilizzano.

Tali verifiche periodiche possono essere effettuate all’Unità Operativa Sicurezza Impiantistica Antinfortunistica dell’AUSL competente per territorio.

Cosa serve:
La richiesta di verifica periodica degli apparecchi di sollevamento, da parte del datore di lavoro o suo delegato, deve essere redatta sull’apposito modulo reperibile nella sezione allegati, relativo all’ambito territoriale competente, indicando anche i dati relativi alla proprietà, la localizzazione precisa di dove si trova l’apparecchio o dov’è installato (se in stabilimento o in cantiere), i dati relativi al costruttore, al tipo e numero delle macchine e la portata degli apparecchi.
Informazioni utili:
Per le operazioni di verifica i datori di lavoro devono mettere a disposizione dei funzionari incaricati il personale occorrente ed i mezzi necessari per l’esecuzione delle operazioni stesse (cioè i carichi adeguati), esclusi gli apparecchi di misurazione; inoltre, all’atto della verifica dovrà essere presente ed a disposizione del tecnico la seguente documentazione:
  • Libretto ENPI/ISPESL/INAIL;
  • Verbali di verifica periodica precedenti;
  • Dichiarazione di idoneità del basamento d’appoggio e delle vie di corsa;
  • Dichiarazione della corretta installazione;
  • Manuale di uso e manutenzione;
  • Registro di controllo;
  • Registro di verifica trimestrale delle funi o catene;
  • Relazione delle indagini supplementari
  • Dichiarazione di conformità dell’impianto elettrico.

L’UOSIA non potrà accettare richieste di verifica periodica qualora l’attrezzatura di lavoro non abbia già un verbale di prima verifica effettuata da parte dell’INAIL/ISPESL o di verifica successiva effettuata da parte dell’AUSL o dell’ARPA.

A chi rivolgersi

Allegati