Visualizza articoli per tag: donazione

Una bella iniziativa congiunta e altre donazioni per il Servizio di Oncoematologia pediatrica dell'Ospedale "Infermi" di Rimini. In questo caso due play station, due televisori più giocattoli di vario tipo.

Tutto ha avuto inizio con la volontà espressa dal giovane Luca Pagnotta, studente del Conservatorio “G.Rossini” di Pesaro, di mettere a disposizione le sue capacità di pianista a favore dell’Oncoematologia Pediatrica. Il papà del ragazzo, Pietro Pagnotta, ex finanziere è ora socio dell'A.N.F.I. (Associazione Nazionazale Finanzieri), e l'associazione (il cui presidente Remo D’Alonzo ha subito appoggiato l'idea) ha organizzato e coordinato l'evento. Contestualmente il Comando Provinciale e il Reparto Operativo Aeronavale della Guardia di Finanza di Rimini, hanno avviato una raccolta fondi interna ed altrettanto è stato fatto tra gli appartenenti al 35° corso “Colbricon III” della Scuola Alpina della Guardia di Finanza di Predazzo - anni 1967/68.

Nei giorni scorsi il frutto di questa vera e propria gara di solidarietà, è stato consegnato al servizio, coordinato dalla dottoressa Roberta Pericoli.

Pubblicato in Notizie dal sito

E’ stato consegnato ufficialmente questa mattina all’ospedale Bufalini il ricavato del concerto benefico “Musica Stellare” portato in scena dall’Orchestra Maderna Junior, condotta dal Maestro Valter Bernardeschi, lo scorso 12 novembre al Teatro Bonci.

La somma devoluta, pari a 3500 euro, va a favore del Progetto “Pediatria a Misura di Bambino” finalizzato alla raccolta fondi per la Clown terapia nelle aree pediatriche dell’ospedale Bufalini. Presenti alla consegna, Paolo Chiavacci direttore del Conservatorio Bruno Maderna, Marcello Stella direttore del reparto di Pediatria e Terapia Intensiva Pediatrica e Neonatale del Bufalini, Elisabetta Montesi responsabile del progetto “Pediatria a Misura di Bambino” e il clown dottore ‘Click’ dell’Associazione l’Aquilone di Iqbal.

L’Azienda USL della Romagna ringrazia il Conservatorio Bruno Maderna, l’Orchestra Maderna Junior, il Consorzio Romagna Iniziative, Pubblisole, Credito Cooperativo Romagnolo e tutte le persone che partecipando all’evento hanno contributo a questa generosa donazione.

Pubblicato in Notizie dal sito

Quando il mondo della notte ha un grande cuore. Si è svolta stamattina, presso il Servizio di Oncoematologia pediatrica dell’Ospedale Infermi di Rimini, coordinato dalla dottoressa Roberta Pericoli nell’ambito del reparto di Pediatria diretto dal dottor Gianluca Vergine, la consegna di giocattoli ai bimbi ricoverati e a quelli che afferiscono al day hospital, da parte di “Ficcanaso”, un gruppo di ragazzi che organizza eventi per la discoteca Peter Pan di Riccione.

“Siamo stati molto contenti di poter in qualche modo regalare momenti di spensieratezza a questi bimbi – spiegano dal gruppo “Ficcanaso” – e allo stesso tempo ci fa piacere dare un’immagine del mondo della notte che non sia la solita, stereotipata, dello sballo. Il mondo della notte è pure questo, e cioè ragazzi che amano divertirsi ma sono anche sensibili alle esigenze del proprio territorio. A partire da quelle dei più piccoli”.

Pubblicato in Notizie dal sito

Una nuova apparecchiatura utile per rilevare i parametri vitali dei pazienti dializzati. L’Associazione Valori e Libertà ha donato questa mattina all’Unità Operativa di Nefrologia e Dialisi dell’ospedale Bufalini di Cesena un monitor multiparametrico completo di stampante che consente di monitorare e registrare i principali parametri vitali (ritmo cardiaco, saturazione ossigeno, pressione arteriosa, elettrocardiogramma) nei pazienti con problemi di insufficienza renale acuta o cronica in corso di trattamento sostitutivo artificiale (emodialisi).

L’Associazione cesenate aveva lanciato a inizio anno una raccolta fondi finalizzata all’acquisto di questa apparecchiatura, del valore di oltre 4000 euro, per l’ospedale Bufalini e alla quale hanno aderito tanti cittadini che partecipando ai diversi eventi benefici promossi nell’ambito dell’iniziativa, hanno contribuito a raggiungere questo importante obiettivo.

“Si tratta – spiega il dottor Giovanni Mosconi Direttore del Reparto di Nefrologia e Dialisi dell’ospedale cesenate – di un’apparecchiatura preziosa per la nostra attività quotidiana. E’ semplice e di facile utilizzo. Il monitor ed il relativo monitoraggio, utile a registrare eventuali aritmie asintomatiche o situazioni di ridotta capacità respiratoria, forniscono in continuo utili informazioni per la gestione clinica del paziente “critico” ed “instabile dal punto vista emodinamico” e per l'impostazione e la modifica dei parametri di trattamento dialitico”. “Nello specifico – precisa il dottor Mosconi – lo strumento fornisce informazioni circa il quadro cardiocircolatorio e respiratorio durante le sedute di emodialisi. La dialisi è un trattamento terapeutico che corregge le severe alterazioni idriche, metaboliche ed elettrolitiche legate all’incapacità funzionale del rene. Viene effettuata sia per problemi acuti che per patologia renale cronica. Nei pazienti “acuti” permette la prosecuzione della terapia in attesa della ripresa dell’organo; nei pazienti “cronici” è in grado di garantire una buona sopravvivenza nonostante la compromissione irreversibile di un organo essenziale per l’organismo. Lo strumento donato è utile anche nel monitoraggio dei pazienti che devono sottoporsi a manovre interventistiche, come ad esempio il posizionamento di cateteri venosi centrali”.

La cerimonia di consegna si è svolta questa mattina all’ospedale Bufalini alla presenza tra gli altri di Virna Valmori (Direttore della Direzione Medica dell’ospedale Bufalini), Giovanni Mosconi (direttore dell’Unità Operativa di Nefrologia e Dialisi), Maria Lucia Macagnino (Presidente Associazione Valori e Libertà), insieme ad alcuni componenti dell’Associazione, Marika Pieri e Natale Battistini referenti dell’Associazione Nazionale Emodializzati e Trapiantati di Rene ANED, Elisabetta Montesi responsabile fundraising per l’Azienda USL della Romagna.

“Ringrazio, a nome della Direzione Aziendale – afferma la dottoressa Virna Valmori – l’Associazione Valori e Libertà, gli sponsor Nordic Walking Virtus Cesena, Panathlon Cesena e Orogel e tutti coloro che hanno contribuito a questa generosa donazione che consente di migliorare ulteriormente la qualità delle cure e dell’assistenza ai pazienti”.

Pubblicato in Notizie dal sito

Ad agosto di quest'anno  la signora Simona Ranieri, dipendente Ausl perdeva la madre, assistita per vent'anni dalla Uo Nefrologia e Dialisi di Forlì, ora diretta dal dottor Giovanni Mosconi e inviava un ringraziamento ai colleghi , di cui riportiamo un breve brano:

"Prima della malattia di mia mamma, iniziata venti anni fa proprio quando sono stata assunta in questa Azienda, non conoscevo medici ed ospedali … anzi ne avevo paura…Sinceramente non so come abbia fatto a trovare la forza e il coraggio per venire in ospedale dove la mia mamma è stata ricoverata per tanti mesi, uscendo la sera di corsa dal lavoro …solo l’amore per una mamma malata che d’improvviso si trasforma in una figlia da lavare, vestire, imboccare, mettere in carrozzina può giustificare tutto questo…Penso però che questa forza e questo coraggio la debba un po’ anche a tutti voi!Perché ovunque sia stata assistita mia mamma dializzata, stomizzata, con una gamba amputata, un intervento TAVI al cuore, ho trovato tanta disponibilità umanità e professionalità e l’ospedale per me non è stato solo un luogo di cura ma è diventato pian piano una piccola grande famiglia dove si tocca con mano la fragilità della vita. E tante volte piangendo nei corridoi ho trovato qualcuno che mi ha donato un fazzoletto per asciugare le mie lacrime di sconforto o qualche collega che mi ha dato una pacca sulle spalle e ha condiviso in silenzio la mia sofferenza…"

Nel ringraziare, la signora chiedeva anche ai colleghi un aiuto nel reperire dei fondi  per acquistare del materiale destinato al reparto in cui era stata curata la madre.

"in memoria di mia mamma per i suoi “amici” dializzati e non, che ogni giorno lottano per sentirsi vivi, perché in fondo al cuore ho un sogno… vorrei che tutto il dolore e la sofferenza di mia mamma si trasformassero in un messaggio di speranza e in un aiuto concreto per tanti altri che si trovano nella sua stessa situazione e … se possiamo sognarlo, tutti insieme possiamo farlo…"

Dopo qualche mese, il sogno è diventato realtà.

Grazie al ricavato raccolto tra i dipendenti Ausl, la  signora Simona Ranieri è riuscita a donare un carrello per terapia e medicazione e sei televisori all'Unità Operativa di Nefrologia e Dialisi di Forlì.

Ed ecco il nuovo ringraziamento:

 

"Cari colleghi,

sono sinceramente e profondamente commossa perché anche grazie al vostro contributo sono riuscita a donare alla UO Nefrologia e Dialisi di Forlì in memoria di mia mamma Franca ciò di cui avevano bisogno: un carrello per le medicazioni, 6 televisioni oltre a una donazione in denaro che spero possano rendere un po’ più sopportabile la vita in ospedale dei pazienti malati di reni.

Semplicemente GRAZIE e a tutti voi e alle vostre famiglie va l’augurio più sincero di un sereno Natale da parte mia, della mia famiglia e di un angelo speciale che da lassù ci sorride! Simona Ranieri"

 

 

 

(nella foto la signora Simona Ranieri e la madre Franca Fantuzzi)

Pubblicato in Notizie dal sito

Ormai è diventata una tradizione bella e… buona. Nel corso dell’anno Nicola, titolare della Gelateria Biologica Santa Colomba (piazza Malatesta – Rimini), ha tenuto sul bancone un salvadanaio in cui i clienti potevano mettere una piccola offerta (magari il resto del gelato), destinata ai bambini ricoverati all’Ospedale di Rimini. Negli anni scorsi il ricavato è stato devoluto ai reparti di Chirurgia Pediatrica e di Terapia Intensiva Neonatale.

Quest’anno Nicola ha invece scelto di utilizzarlo per acquistare regali, in particolare dei mattoncini di plastica, da regalare ai piccoli pazienti dell’Oncoematologia Pediatrica, dove si è recato ieri, con questo bel regalo di Natale, insieme ad una torta offerta da lui, per i bimbi, i loro famigliari e il personale.

I mattoncini di plastica, tra l’altro, sono un gioco indicato per i momenti di attesa che a volte i bambini hanno all’interno del day hospital.
                                             

Pubblicato in Notizie dal sito

Grazie alla sensibilità e generosità  del signor Bruno Galanti, il reparto di Cardiologia dell’Ospedale di Lugo, diretto dal dottor Maurizio Piancastelli è stato dotato di un impedenziometro portatile che consente di  misurare  lo stato di idratazione dei pazienti che soffrono di scompenso cardiaco. Lo scompenso cardiaco è considerato attualmente una delle emergenze epidemiologiche emergenti per l’aumento della popolazione anziana ed è caratterizzato dalla ritenzione di liquidi corporei che portano all’anasarca e/o all’edema polmonare che se non adeguatamente trattati comportano una prognosi infausta. La donazione, per la quale la Direzione Aziendale rivolge un non formale e sentito ringraziamento al signor Galanti, permetterà di migliorare la gestione, sia  dei  pazienti ricoverati, sia ambulatoriali monitorando lo stato di idratazione di coloro che devono essere sottoposti a terapia diuretica o ultrafiltrazione riducendo il tasso di ospedalizzazione annuale e le complicanze intraospedaliere dello scompenso cardiaco.

Pubblicato in Notizie dal sito

Un monitor multiparametrico e un videolaringoscopio. Sono stati donati al Pronto soccorso – Medicina d’Urgenza dell’Ospedale “Ceccarini” di Riccione da importanti esponenti della società civile locale.

La cerimonia di consegna si è svolta ieri sera presso il Comune di Riccione alla presenza del sindaco Renata Tosi, di consiglieri comunali e assessori, dei rappresentanti dei donatori, e precisamente Associazione Riccione Chapter Italy #9969 e Harley Davidson Official Club di Riccione, in collaborazione con il Comune di Riccione - Assessorato al Turismo - Sport - Cultura, la Cooperativa Bagnini di Riccione e l’Associazione Bar Spiaggia Riccione, del direttore facente funzioni del Pronto soccorso dottor Mauro Fallani e della dottoressa Monica Mambelli della Direzione Medica.

Le apparecchiature, il cui funzionamento è stato illustrato dopo gli interventi di ringraziamento degli esponenti comunali e della dottoressa Mambelli.

Il monitor multiparametrico consente di rilevare i parametri vitali del paziente direttamente al proprio letto, con maggior velocità ed accuratezza. Un’apparecchiatura dunque molto importante per un pronto soccorso.

Il videolaringoscopio in urgenza è a sua volta importante per intervenire, in particolare, su pazienti in arresto cardiaco o con insufficienza respiratoria grave, consentendo la visualizzazione della laringe e il posizionamento del tubo per isolare le vie aeree. Facilita dunque l’intubazione dei pazienti con collare cervicale, specie in ambiente extraospedaliero anche ostile.

Ai donatori gli autentici ringraziamenti dell’Azienda USL della Romagna.

Pubblicato in Notizie dal sito

Ancora una generosa donazione a favore dell’Unità Operativa Pediatria e Terapia Intensiva Neonatale Pediatrica dell’Ospedale Bufalini di Cesena. L’Associazione "Insieme per il Cesena", nata nel 2017 dall'unione dei tre club Forza Cesena – Club Kick-Off, Club S.Egidio e Club Torcida Bianconera – ha donato al reparto una pompa a siringa per l’infusione, del valore di 1500 euro (iva esclusa).La donazione è frutto dell’incasso delle iniziative solidali organizzate dall’Associazione cesenate, la cui particolarità è quella di essere “guidata” da 3 presidenti: Johnny Pastorelli, Diego Ridolfi e Giuliano Gardelli.

Alla consegna ufficiale, avvenuta in reparto, erano presenti i consiglieri dell’Associazione “Insieme per il Cesena”, il direttore della Pediatria e Terapia Intensiva Neonatale Pediatrica di Cesena Marcello Stella, la coordinatrice infermieristica Francesca Fiuzzi ed Elisabetta Montesi responsabile fundraising per l’Azienda della Romagna (insieme nella foto). Si tratta – ha sottolineato il dottor Marcello Stella – di uno strumento prezioso in quanto ci consente di somministrare dosi di farmaco o nutrizione, con elevata precisione, seguendo le specifiche necessità di ogni singolo neonato, nel modo più sicuro e meglio tollerabile. E’ inoltre dotato di una protezione dalle defibrillazioni e può essere utilizzato in modalità portatile”.

L’Azienda USL ringrazia sentitamente “Insieme per il Cesena” e tutti i tifosi che partecipando alle iniziative organizzative dall’Associazione hanno contribuito a questa nuova generosa donazione.

Pubblicato in Notizie dal sito

Quando un bimbo nasce gravemente prematuro, ogni misura che possa migliorare il suo benessere è importante. Presso la Terapia Intensiva Neonatale dell’Ospedale “Infermi” di Rimini sono in uso, al momento in via sperimentale, tre piccole amache da inserire nelle termoculle che ospitano i piccini, in modo che si sentano più “ninnati”. Due di questi presidi sono stati donati proprio questa mattina, col ricavato della manifestazione “Molo Motors Truks Rimini”, svoltasi nei giorni scorsi in piazzale Boscovich a Rimini.

“Siamo un gruppo di amici e abbiamo deciso di realizzare questa iniziativa benefica – racconta Fabio Labranca, il promotore – il 19 e 20 agosto piazzale Boscovich è stato ‘invaso’ da camion, auto, mezzi di vario tipo, provenienti da tutt’Italia ed elaborati in maniera artistica. Un bellissimo raduno in cui spiccavano, tra l’altro alcuni Ape Piaggio realizzati da ragazzi riminesi, che si sono divertiti insieme ai loro genitori”. Grazie al ricavato e agli sponsor (doverosi i ringraziamenti a Daniele Grossi della Compagnia Pescatori che ha donato il catering, a Mirco Grossi per la parte logistica, all’agenzia di eventi Gina Dee Agency) gli organizzatori hanno consegnato ieri mattina in reparto due amache e altri piccoli doni per i pazienti, nonché un omaggio al vicesindaco Gloria Lisi, come simbolico ringraziamento per il sostegno dato dal Comune di Rimini alla manifestazione.

Presenti alla consegna, oltre al vicesindaco e a Labranca, il direttore dell’Unità Operativa dottoressa Gina Ancora con il personale, Vincenzo Tarquini, un altro degli organizzatori, con il figlio Kevin e Samuele (due dei ragazzi che hanno mostrato i loro Ape al raduno) e Daniele Grossi. “Quando il bimbo è nel ventre materno il liquido amniotico gli consente di mantenersi in movimento e lo ‘culla’. I bimbi fortemente pretermine, quando nascono, devono invece stare per lunghe settimane nelle termoculle, su appositi materasssini, su cui si possono sentire ‘schiacciati’ e meno mobili – spiega la dottoressa Ancora - : l’utilizzo di queste piccole amache dà loro un senso di movimento simile a quello del liquido amniotico aumentandone il benessere. Disponevamo già di uno di questi presidi, ora grazie a questa donazione ne abbiamo altri due che consentiranno di migliorare ulteriormente il servizio”.

“Siamo felici di contribuire a questo progetto – aggiunge Labranca – con un investimento significativo. E il prossimo anno contiamo di fare ancora
di più”. “Essere qui oggi mi rende particolarmente emozionata – ha detto il vicesindaco Gloria Lisi -: mi fa piacere partecipare a questo evento, ma è anche la prima volta che torno in ospedale dopo la dimissione della giovane polacca che ha subito violenza in spiaggia. E’ lo stesso ospedale ma sono due stati d’animo e due contesti diversi e direi quasi opposti. Qui ci troviamo di fronte ad un importante gesto di solidarietà, alla Rimini più bella che aiuta gli altri, e lo fa con un presidio medico innovativo, mettendo a buon frutto la tecnologia. Mi fa anche particolarmente piacere che ci siano Kevin e Samuele, due ragazzi delle nostre scuole superiori che non si limitano ad usare le tecnologie, lo smartphone o il tablet, ma che amano anche ‘spataccare’ coi motori, che sanno ‘usare le mani’ per costruire, creare, anche in maniera artistica e con passione ed estro. Caratteristiche che, nel mondo dei motori e non solo, hanno reso grande Rimini e la Romagna, e che non devono finire in cantina. Per di più loro due, e gli altri ragazzi che hanno partecipato al raduno, mettono a frutto queste loro doti per gli altri, per i bimbi più piccini, ed è veramente bello che abbiano voluto partecipare pure alla cerimonia di donazione, rappresentando i tanti ragazzi bravi e generosi come loro. Anche in questo caso il mio pensiero va però ad altri giovani, loro coetanei o poco più, che purtroppo, invece, si sono resi autori di atti di grande ferocia. Eventi come quello di oggi – ha concluso il vicesindaco - rinforzano la speranza e la fiducia nei giovani”

Pubblicato in Notizie dal sito

Cerca notizia

Archivio

Mi piace