Ospedali accoglienti: a Rimini presepe vivente e concerto gospel

Scritto da
Vota questo articolo
(1 Vota)

Due belle iniziative, nell’ottica di dare concreta attuazione ai concetti di umanizzazione delle cure e attenzione all’accoglienza di pazienti e famigliari. Sono aperte al pubblico e vengono organizzate dal personale del reparto di “Terapia Antalgica e Cure Palliative – Hospice” dell’Ospedale “Infermi” di Rimini, diretto dal dottor Davide Tassinari, e avranno luogo rispettivamente venerdì 6 gennaio (Epifania) e domenica 8 gennaio.

La prima è un presepe vivente che sarà allestito negli spazi comuni del Padiglione Ovidio dell’Ospedale “Infermi” di Rimini (con accesso dalla via omonima) a cura dei bimbi e dei genitori della parrocchia Santa Maria Maddalena di Rimini, che rievocheranno la Natività in un’atmosfera magica insieme alle melodie e alle voci del coro. Appuntamento dunque nel giorno di Epifania, con inizio della rappresentazione prevista alle ore 16.

Il secondo evento è in Aula G (sempre nel padiglione Ovidio): domenica 8 gennaio si parte alle ore 15 con il “Concerto di Natale” del Coro Gospel “La Terra Promessa”, diretto dal Maestro, dottor Marco Balestri.

A seguire, attorno alle ore 16, avrà luogo una breve e sobria cerimonia di premiazione del concorso fotografico “La vita in una foto III”. Si tratta della terza edizione del concorso fotografico, anch’esso ideato dal personale dell’Hospice e da quest’anno rivolto non solo al personale di tutta l’Ausl Romagna, ma anche a pazienti, famigliari, e a tutti gli appassionati di fotografia: nei mesi scorsi diverse persone, professionisti aziendali e non, hanno inviato un proprio “scatto”, corredato da una foto, ed una giuria ha decretato alcune foto meritevoli di una menzione. Una piccola mostra che allieterà il reparto, sarà allestita con tutte le foto pervenute, che sono state utilizzate anche per realizzare un calendario del 2017 che sarà distribuito in occasione della cerimonia.

Una doppia iniziativa mirata insomma a rendere l’ambiente ospedaliero meno freddo di come può presentarsi ad un primo approccio ma anche ad aumentare lo spirito di corpo tra il personale e a migliorare il clima di lavoro.

Ultima modifica il Mercoledì, 04 Gennaio 2017 09:46
a cura della

Cerca notizia

Archivio