Skip to main content

Chirurgia laparoscopica del fegato: uno studio della Chirurgia e Terapie Oncologiche avanzate di Forlì sulla prestigiosa rivista della Società Giapponese di Chirurgia Epato-bilio-pancreatica

Vota questo articolo
(1 Vota)
Chirurgia laparoscopica del fegato: uno studio della Chirurgia e Terapie Oncologiche avanzate di Forlì sulla prestigiosa rivista della Società Giapponese di Chirurgia Epato-bilio-pancreatica Chirurgia laparoscopica del fegato: uno studio della Chirurgia e Terapie Oncologiche avanzate di Forlì sulla prestigiosa rivista della Società Giapponese di Chirurgia Epato-bilio-pancreatica

 

Uno studio della Chirurgia e Terapie Oncologiche Avanzate di Forlì, diretta dal prof. Giorgio Ercolani, pubblicato sulla prestigiosa rivista della Società Giapponese di Chirurgia Epato-bilio-pancreatica (Impact factor:7.0), il Journal of Hepato-Biliary-Pancreatic Sciences

(il Giappone è una delle patrie della chirurgia laparoscopica mondiale) . Primo autore il prof. Alessandro Cucchetti.

Lo studio è stato condotto sul database italiano delle resezioni epatiche laparoscopiche (IGoMils) che ad oggi conta oltre quattromila casi,  raccolti in vari centri italiani. Scritto a “quattro mani” dal  Prof. Alessandro Cucchetti e dal Prof. Luca Aldrighetti dell'Ospedale San Raffaele di Milano, il "padre"  del  registro, ha avuto come obiettivo misurare i risultati della chirurgia laparoscopica del fegato, “aggiustandoli” per la differenza dei casi operati. Tra i 41 centri individuati ed oggetto dello studio, Forlì si posiziona, ormai stabilmente, tra  i primi dieci per numero di casi forniti all'anno.

"La valutazione delle prestazioni viene utilizzata dal Sistema Sanitario Nazionale per definire i livelli di assistenza adeguati – spiega il prof.  Prof. Ercolani - nonché per lo sviluppo ed il monitoraggio di strategie di miglioramento. Fornire ai potenziali consumatori la consapevolezza delle prestazioni ospedaliere serve ad acquisire fiducia nel sistema sanitario e ad informare correttamente i pazienti sui risultati attesi dopo l'intervento chirurgico." 

La resezione epatica laparoscopica si è infatti notevolmente evoluta nell'ultimo decennio, espandendosi sul territorio ed affrontando casi clinici sempre più complessi. Con i riconosciuti benefici dell'approccio mininvasivo e la diffusa conoscenza nella popolazione, sempre più centri hanno modificato la propria pratica clinica per offrire tale approccio ai pazienti. Di conseguenza, diversi ospedali ora offrono ed eseguono resezioni epatiche laparoscopiche, ma con diversa selezione dei pazienti ed approcci tecnici diversi.

"L'aggiustamento del rischio -  aggiunge il Prof. Cucchetti:  è un processo analitico che permette di isolare l'effetto ‘ospedale’, analizzando il ‘case-mix’ dei pazienti trattati in ciascun ospedale. I risultati di questo studio suggeriscono che, a fronte di una resezione epatica laparoscopica, aggiustando per fattori confondenti, il tasso di conversione (passaggio da chirurgia laparoscopica a chirurgia open) è dell'8,9%, le complicanze complessive sono del 22,1%, le complicanze maggiori sono del 5,1% e il prolungamento della normale degenza ospedaliera è del 26,0%."

Nessuno dei centri coinvolti ha dei risultati osservati diversi dagli attesi e, considerando la complessità dei casi operati, presso la Chirurgia Generale di Forlì i risultati sono in linea, o addirittura superiori, agli standard qualitativi nazionali per questo tipo di intervento chirurgico.  

 

Clicca qui per leggere la pubblicazione in oggetto: https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/35305075/

 

(Nella foto allegata, da sx :  Alessandro Cucchetti, Giorgio  Ercolani e Giuliano La Barba)

 

 

Variations in risk-adjusted outcomes following 4318 laparoscopic liver resections - PubMed

Background/purpose: Quality measures in surgery are important to establish appropriate levels of care and to develop improvement strategies. Purpose of this study was to provide risk-adjusted outcome measures after laparoscopic liver resection (LLR). Methods: data from a prospective, multicenter database involving 4318 patients submitted to LLRs in 41 hospitals from an intention-to-treat ...

pubmed.ncbi.nlm.nih.gov

Ultima modifica il Mercoledì, 23 Marzo 2022 13:23 Modificato da:
a cura della

Cerca notizia

Archivio